- Rivelazione –

(Dettato ad Anita Wolf nel 1949/1950)

 

La Creazione spirituale primordiale, struttura e piano, rappresentata nella simbologia dei sette giorni mosaici della Creazione. – La caduta di Sadhana, la formazione della materia, la salvezza, vale a dire l’opera d’Amore di Gesù Cristo, il rimpatrio degli spiriti caduti nella patria spirituale, oltre alla chiamata del primo figlio generato della Creazione. In quest’opera viene usata per indicare Dio, l’eterno Padre, una parola finora sconosciuta, ovvero, la Parola primordiale dimenticata, il primordiale e fondamentale originario Nome di tutta l’Esistenza: ‘UR’

---------

«A noi, Dio le ha rivelate

per mezzo dello Spirito;

perché lo Spirito investiga ogni cosa,

anche le cose profonde di Dio».

[I° Cor. 2,10]

ETERNITÁ-UR

in

SPAZIO e TEMPO

 

“Eternità-ur, in Spazio e Tempo”,

così mi risuona incontro.

Eternità-ur, tu, parola così ampia,

tu, parola piena di forza e benedizione!

Creatore-UR dell’Universo, …i Tuoi figli son pronti!

Falli stare coraggiosi nel Tuo Santuario

come Tuoi combattenti,

ed anche quest’opera, per la Tua Gloria,

lasciala giungere profondamente nei cuori di tutti.

O sublime Creatore, Sacerdote, Dio e Padre,

TU che sei il Sole della Vita e della Sapienza

Ordine, Volontà, Serietà, Pazienza, e Amore

avendoci donato GESU’ CRISTO!

Allora incoronaci con la Misericordia,

finché Ti vedremo nella Tua Magnificenza!

(Adolfina Koudelka)

 

 

Testo revisionato fino al cap. 5 / al 13.01.2021

 

 

 

Titolo originale: “UR-Ewigkeit in Raum und Zeit”

Traduzione: Ingrid Wunderlich

 

Edito dal circolo degli amici di Anita Wolf

C/o Heidrun Langenbruch

 Wilhelm-Leuschner-Str.41 - 64354 Reinheim, (D)

Email:    bestellung@anita-wolf.de  /  awf@anita-wolf.de

Sito:           http://www.anita-wolf.de 

 

Portavoce: Jurgen Herrmann

Hohenfriedberger  - Str. 52 - 70499 Stuttgart (Welimdorf)

 

Questa edizione in lingua italiana è stata curata dal gruppo:

‘Amici della nuova Luce” – www.legamedelcielo.it

Contatti:    info@anitawolf.it

 

INDICE

Cap. ante 1        La quadruplice Creazione

Cap. ante 2        Al principio, il Pensiero

Cap. ante 3        La prima Parola

Cap. ante 4        L’Atto: la fonte-ur, il Mattino, il Mezzogiorno, la Sera, la Notte, Anni, mesi, settimane, Giorni - UR diventa Padre: Imanuel!

Cap. 1               Il 1° Giorno della Creazione

 1/1                La prima figlia: Sadhana

 1/2                I primi sette arcangeli-principi

 1/3                “La luce sia!”

 1/4                Sadhana eletta a essere il negativo di Dio, collaboratrice e adempitrice dell’Anno-Atto-ur

 1/5                I dodici rintocchi

 1/6                La conferma dell’adempimento per il raggiungimento della meta

 1/7                Il primo arcangelo: Uraniel-Urea, portatore dell’Ordine con la bilancia

 1/8                Un grande insegnamento di UR

 1/9                Di luce in luce, un muro di luce

 1/10              La casa-santuario di Uraniel-Urea sulla prima collina

 1/11              La prima domanda di Sadhana

Cap. 2               Il 2° Giorno della Creazione

 2/1                Il secondo arcangelo: Michael-Elya, portatore della volontà con la spada

 2/2                Una prova di sottomissione al compito

 2/3                La casa di Michael – l’interiore e l’esteriore

 2/4                Le acque dei quattro fiumi nel pozzo per i sette corsi

 2/5                Un atto di volontà: le coppe di Elya

 2/6                Il diritto dell’ospite e del proprietario

 2/7                Il firmamento donato ai figli tramite i primi

 2/8                La seconda domanda di Sadhana

 2/9                Un’importante domanda – La prima risposta di Michael

Cap. 3            Il 3° Giorno della Creazione

3/1                 Sadhana consacrata a sacerdote

3/2                 La testimonianza di Uraniel all’essenzialità del Creatore

3/3                 Zuriel ed Helia eletti a principi della Sapienza

3/4                 Sulla Sapienza nella casa dell’Ordine

3/5                 Nella casa della Volontà il cerchio del Creatore con gli infiniti cicli

3/6                 Verso la collina sull’acqua e sull’asciutto

3/7                 Nella casa del principe della Sapienza con la falce per il Giudizio

3/8                 Una piccola prova fa guadagnare le ali

3/9                 Ad un’importante domanda decisiva risponde la Sapienza

Cap. 4               Il 4° Giorno della Creazione

4/1                 Le sei Ore della Notte: UR si prepara

4/2                 Muriel e Pargoa eletti a principi della Serietà

4/3                 Il ringraziamento di Uraniel e la domanda di Sadhana

4/4                 La risposta di Muriel confermata poi dall’insegnamento di UR

4/5                 Presso la prima casa di Uraniel, l’essenza originaria del Creatore

4/6                 Nella casa della Volontà vengono spiegate le quattro essenzialità originarie

4/7                 Nella casa della Sapienza, sul portatore del sacrificio e sulla resurrezione

4/8                 Davanti alla casa della Serieta’, Ur-Sacerdote pone un’importante domanda

4/9                 La preghiera di Muriel ottiene luce su luce

4/10               Le risposte dei figli alle quattro domande di UR

4/11               Le considerazioni della Sera del 4° Giorno

Cap. 5               Il 5° Giorno della Creazione

5/1                 Nella Notte del 4° Giorno, UR lavora all’opera

5/2                 Alaniel e Madenia eletti a principi della Pazienza

5/3                 Davanti al muro-recinto del Santuario

5/4                 Davanti alla casa di Uraniel, l’indicazione alla pazienza

5/5                 Davanti alla casa di Michael viene offerto a UR un calice di acqua

5/6                 Nel giardino di Zuriel i quattro alberi della vita e i loro frutti

5/7                 Durante la via verso la casa della Serietà, la richiesta interiore di Sadhana

5/8                 Davanti alla casa di Muriel il dono a Sadhana: un sole della Creazione

5/9                 Nella casa di Alaniel, insegnamenti su insegnamenti ai figli

5/10               Tramite Alaniel, animali di ogni specie procedono in tutta la Creazione

5/11               Alla ricerca del sole di Sadhana

5/12               Mahapatra, il monte della rivelazione di Dio

5/13               “Come il lavoro, così la ricompensa”

5/14               Di ritorno dal lavoro, il primo convito con pane e vino

Cap. 6               Il 6° Giorno della Creazione

Cap. 7               Il 7° Giorno della Creazione

 

Personaggi citati

 

Uraniel         cherubino portatore dell’Ordine (sarà Mosé)

1° Urea              serafino portatrice della nobiltà (compagna di Uraniel)

Michael         cherubino portatore della Volontà (sarà Elia)

2° Elya               serafino portatrice della Volontà (compagna di Michael)

Zuriel            cherubino della Sapienza (sarà Isaia)

3° Helia              serafino della Sapienza (compagna di Zuriel)

Muriel           cherubino della Serietà (sarà Abramo)

4° Pargoa           serafino della Serietà (compagna di Muriel)

Alaniel          cherubino della Pazienza  (sarà Giobbe)

5° Madenia        serafino della Pazienza

 

 

----------

 

“Il nome ‘UR’ e il dittongo ‘ur’

 La fusione del Creatore e della Creazione: la vocale e la consonante. In questo Nome fondamentale della Divinità si fondono tutte le cose, le svelano e le cristallizzano. Il meraviglioso duale, esternato da SÈ, da UR, adattatosi a LUI, anche uguagliato. EGLI, l’Eterno PRIMO (la vocale ‘U’), e tutte le cose la seconda, la divenuta (la consonante ‘R’), oppure: il Primario e il secondario”.

 

-         Nella traduzione del testo si trovano tuttavia molte espressioni legate al dittongo ‘ur’, come: profondità-ur; spirito-ur; eternità-ur; dimora-ur; ecc., dittongo che nella lingua tedesca corrisponde letteralmente a: ‘originario’, ‘primordiale’, e sottintende perciò di qualcosa che in sé è divina, proceduta da una Divinità che in Sé è origine di tutte le cose e perciò primordiale. Solo in questa lingua tale dittongo si identifica con la sua essenzialità legata sia al Nome della Divinità, in maiuscolo ‘UR’, sia al senso da dare a un elemento esistente da sempre, primordiale-originario, ‘ur’. Quindi viene tradotto per le altre lingue: profondità primordiale; spirito originario; eternità primordiale; dimora originaria; ecc.

 

 

 

Indicazione al nome ‘IMANUEL’:

La radice ‘ur’ (in tedesco = primordiale, originario) conosce per Lui solo sette lettere secondo le sette Caratteristiche della Divinità; inoltre si compone di quattro sillabe: I-ma-nu-el, in cui la vocale e la consonante corrispondono a due fondamenti della Creazione: ‘condizione’ e ‘libera volontà’; ‘stabilità’ e ‘attività’ delle Polarità di potenza; consapevolezza ‘interiore’ ed ‘esteriore’ di forza; il ‘positivo’ e il ‘negativo’. Nel Nome si manifestano ‘quattro vocali’ secondo le quattro Caratteristiche determinanti (Volontà-Sapienza-Pazienza-Amore), e ‘tre consonanti’ secondo le tre Caratteristiche portanti (Ordine-Serietà-Misericordia) in esso contenute. Questa scomposizione si trova ancora magnificamente nella frase:

«Io sono l’Inizio e la Fine!»  Ich bin der Anfang und das Ende!»)

Anche questa frase ha sette parole, di cui quattro iniziano con la vocale e tre con la consonante (in tedesco). La sequenza delle consonanti sono nella stessa come in quelle nel nome Imanuel.

«Io, Inizio e Fine!»  (Ich, Anfang und Ende!)

Il successivo modo di scrivere il Nome con due ‘m’ (Immanuel) non è corretta, soprattutto perché la prima sillaba sta per ‘I’ (Io), che rappresenta il Sé personale. Dato che i principi[1] hanno colto lo stesso Nome dalla profondità-ur, la ‘I’ sta all’inizio come sillaba, con tutto il diritto di una sola lettera, corrispondente all’Essenza del Padre, ma rappresentando in sé una sola Caratteristica: la Misericordia. Ciò affinché i figli possano afferrare veramente solo con l’intera conoscenza del Padre anche l’intero nome ‘UR’ con le sue quattro ‘essenzialità’ (Creatore-Sacerdote-Dio-Padre). Allo stesso tempo, questo corrisponde alla seconda sequenza dell’Arco-teso (il ponte spirituale tra il Creatore e la creatura): dal figlio che ritorna al Creatore-UR! Inoltre, le tre restanti sillabe mostrano ognuna due lettere, come anche l’essenzialità di Dio,  ‘Creatore’ e ‘Sacerdote’, le quali portano ognuna due Caratteristiche (vedi cap.1,41).

 

 

Introduzione all’Opera

 

La Parola! Dio è ‘la Parola’! «In principio era la Parola (verbo), essa era presso Dio, ed essa era Dio!». Come potrebbe allora esistere un tale Dio, se non avesse mai nulla da dire? Gli uomini religiosi usano adoperare molte parole per spiegare le parole contenute nella Bibbia, eppure ritengono che il Cristo, il Figlio di Dio, da 2000 anni non abbia avuto più nulla da dire, né ritengono che la Divinità, il Padre di quel Figlio inviato sulla Terra per insegnare, possa avere qualcosa da dire, ritenendo che ciò che aveva da dire sia relegato nel Vecchio Testamento e nulla più. Una tale immagine del rapporto Dio-uomo viene presentata dai più che preferiscono lasciare nel mutismo il Creatore, quasi come una Entità vecchia ed incapace di esprimersi. Idea, questa, di chi ancora è nell’opposizione alla Divinità.

Dalle innumerevoli rivelazioni che nei secoli si sono succedute, con alcune andate perdute o tenute ancora nascoste, questa molto articolata ed ampia nelle numerose Opere comunicate ad Anita Wolf, presenta il rapporto del Padre con i figli, in particolare con i figli non caduti, attraverso cui, tramite la loro incarnazione sulla Terra, hanno espletato la loro opera di co-aiuto.Certamente da tenere in considerazione quella dei ‘primi’, o ‘principi’, o ‘fiaccole’, cioè di quei cherubini-arcangeli rappresentanti le sette caratteristiche della Divinità. A tutte queste opere, la più importante non poteva che essere anche la più corposa, nella quale, non si tratta più di insegnamenti parziali che il Padre dà al proprio figlio, anche quando in particolari occasioni era in compagnia di amici elevati, ma qui viene presentato, seppur nell’essenziale espressività, gli insegnamenti ai figli all’origine della Creazione, a quelle entità-figli primi creati che avrebbero dovuto esprimere in una realtà spirituale sviluppantesi, l’essenza della Divinità che voleva manifestarSi a tutti i figli, ma solo in rapporto alla loro crescita subordinata alla sottomissione alla Legge racchiusa nella esternazione delle Caratteristiche insite nell’essenzialità della Divinità da scoprire man mano.

Che l’origine della vita, fuoriuscita dalla Divinità, non sia solo questa Creazione conosciuta, si percepisce a tratti, poiché essendo l’infinito – per un essere finito come lo siamo noi nella carne – impalpabile, anche l’idea che questa Creazione sia l’unica esistente, ovvero che non sia stata preceduta da altre, non regge. Dio è esistente da sempre! Cosa ne sappiamo noi se ‘prima’, sono esistite Creazioni iniziate e poi finite, o se queste si sono succedute nel tempo eterno che non ha un inizio, e poi (cap.1,125) tolte dal ricordo dei figli? Essendo nella capacità di creare della Divinità, senza limiti nel dare vita a esseri e a ‘cose’ per l’uso di questi esseri, ed avendo Dio la possibilità di cancellare la memoria del singolo (un po’ come avviene con noi nella carne con la reminescenza), anche delle Creazioni che hanno preceduto l’attuale potrebbero essere esistite, e potrebbero anche ancora esistere negli spazi infiniti dell’infinito. Basta considerare che nell’infinità, anche l’attuale Creazione, immensa quella materiale, ma tanto più incommensurabile quella spirituale racchiudente i miriadi di esseri spirituali che la animano, è agli occhi di Dio un ‘punto’ (cap. 3,83). In questa, la creatura, per quanto elevata, è pur sempre ‘creatura’, la cui vita insieme a quella delle miriadi viene tenuta esistente dalla Divinità che vede il ‘tutto’, comunque, come un puntino. Ma allora, quanti puntini, ovvero, quante Creazioni esistono al di fuori di ciascuna, nelle quali, la vita esistente a livello spirituale, spirituale-materiale e forse anche materiale con infiniti piani di essenzialità animica, persistono da sempre nella espressività della Divinità? Ciò può essere paragonato a un bimbo che esce, avendo a disposizione un campo infinito, prosegue nella sua capacità di creare giochi sempre più articolati e difficili per esprimere la sua capacità di interloquire con questi e di godere di ciò che costruisce.

L’infinito è infinito! E noi adesso facciamo parte di un progetto all’interno di un Piano che è stato pensato e realizzato in un definito arco di Tempo e in uno Spazio dell’infinità, pur nella sua espressività legata alla legge del libero arbitrio o libera volontà, in cui qui sulla Terra usiamo sì gli elementi messi a disposizione sul piano terreno, ma sul piano animico le Leggi nel cuore danno le direttive, e sul piano spirituale lo scopriremo quando saremo tornati di là.

Creare figli-dipendenti, più volte ci è stato indicato che ciò era molto facile per la Divinità, e probabilmente ciò lo è anche stato nel tempo senza tempo e in altre Creazioni precedenti, in cui già molto era stato provato, ma di cui non deve interessare neanche agli angeli più supremi (cap.ante1,18) di che si tratta, ma che può essere esistita certamente, e sicuramente sussiste, benché in piani e in spazi dell’infinità differenti da quella dei sette Giorni, che è la nostra attuale, poiché nulla di ciò che fuoriesce dalla Divinità può o deve essere distrutto, ma solo migliorato nel tempo, essendo tutto, sempre subordinato alla Sua Volontà. Ciò si evince dal fatto che, nonostante Sadhana fosse la ‘prima’, comunque, erano esistenti esseri che restano nascosti, ma dai quali si sentono ‘canti’, ‘cori’, ‘suoni di campane’, ‘melodie’ (cap.1,36). E anche dopo la creazione dei sette principi, si percepiscono dei suoni d’arpa (cap.2,48).

Viene accennato (cap.1,104-105) che ad una Creazione (passata) ad un certo punto non era più possibile alcuno sviluppo (come alla costruzione di un edificio che per quanto grande, gradevole, funzionale, sempre edificio rimane). Gli angeli creati restavano angeli; subordinati, ma stabili nella esternazione della loro individualità, come automi servizievoli della Volontà del Creatore.  Diverso sarebbe stato creare degli esseri autonomi, in grado di generare essi stessi con la forza del Creatore – che perciò sarebbe stato ‘Padre’ – seppur con in sé delle linee guida per scoprire, sempre in sé, la potenzialità della Divinità (come un seme che diventa pianta che poi genera semi che a loro volta diventeranno piante all’infinito). Questo fu il grande progetto: creare dei figli-liberi, autonomamente formanti, i quali, nella vita infinita donata, alla quale la stessa Legge-ur non poteva togliergliela per l’eternità, avrebbero dovuto scoprirle in sé proprio quelle loro caratteristiche interiori derivate dalla vita divina in sé che ogni creatura-figlio ha, affinché questa possa crescere man mano in rapporto al subordine e alla consapevolezza di restare nelle Leggi note e sotto la completa spontanea Volontà del Creatore-Padre.

A ciò, dare a ogni figlio l’autonomia creativa, e perciò qualunque possibile scelta, sia che questi volesse seguire l’insita Legge, oppure che volesse andare-contro (cap.1,148), seppur con dei limiti attraverso cui tutelare comunque l’essenzialità della vita dei fedeli; eventuali oppositori che comunque non potrebbero mai uscire dall’interiorità della Divinità-UR, avendo in sé la vita da Lui. Ecco il perché dei primi sette aiutanti-principi-arcangeli. Ecco il perché di una guida iniziale della Divinità che spiegasse loro – in tale libertà – la necessità del co-aiuto verso tutte le Opere e verso i figli che avrebbero potuto deviare dal loro percorso di vita. Perciò, sette giorni della Creazione come lo sono le sette Caratteristiche della Divinità: Ordine, Volontà, Sapienza, Serietà, Pazienza, Amore, Misericordia, con a capo Sadhana che avrebbe dovuto guidare i figli, essendo Lei, Sadhana, il pensiero più grande e più bello, il primo, affinché diventasse, quale creatura derivata dalla Divinità, il Suo negativo, attraverso cui la Divinità potesse esprimere la Sua Forza, Potenza, Potere e Vigore rappresentando l’Ordine, la Volontà, la Sapienza, la Serietà, la Pazienza, l’Amore e diventare figlia della Misericordia (cap.1,24).

Il linguaggio di UR non è un linguaggio umano, proviene da sfere di tempi lontanissimi, pur all’interno di un solo Anno-ur, che non fa parte della materia. Noi lo possiamo leggere affinché possa essere indicata una particella di quel mondo infinito dello spirito essenziale, e qui in questa rivelazione, donato per spiegare a grandissime linee l’origine della vita spirituale-animica del Regno, in un intercalarsi di parole e concetti che nulla anno a che vedere con la nostra essenzialità materiale. Perfino tutti i legami che legano gli uomini terreni allo spirito, qui passano in secondo piano, essendo presentato il rapporto inverso: dall’inesistente allo spirituale, quando ancora non esisteva nulla di niente. Tuttavia, il Creatore vuole essere rappresentato, non soltanto nella Sua visibilità ai primi come il sempre esistente, ma si sforza di farsi comprendere anche come Una essenzialità simile e vicina alla creatura che vuole che Lo riconosca come Padre. Legato a questo, va di pari passo la caratteristica di Sacerdote e Dio, al fine di non farci dimenticare che in tali figure sono rappresentate tutte le sette Caratteristiche della Divinità. Pertanto, essendo anche i ‘figli’ derivati dal Padre, anche essi, quindi noi-terreni viventi nel piano più basso, vi dobbiamo tendere, affinché quelle stesse caratteristiche trasfuse in ciascuno diventino proprietà acquisita. Se ciò non avviene, è solo il tempo l’elemento atto a trasformare ogni cosa, affinché ciascuno autonomamente, se già non qui, sicuramente in un piano animico sempre più elevato, potrà affinarle in un tempo lunghissimo, fino al limite concesso, in cui tutti gli sforzi per rendere completato il ciclo di questa Creazione, saranno valsi a recuperare tutti i ‘caduti’ recuperati.

Che il ‘piano’ già ai primordi dovesse contenere ogni probabilità, al fine del rischio insito nello sviluppo di miriadi di esseri lasciati liberi di decidere per sé quale strada intraprendere, qui ci viene svelato nella più profonda consapevolezza di dare a quelle poche righe scritte da Mosè nella Genesi, una realtà infinita inimmaginabile. Cosicché, anche i sei giorni qui presentati che scorrono comunque velocemente, sono tratti di tempi infiniti, dopo dei quali, nel settimo Giorno, è quello attuale in cui deve avvenire il ritorno di tutti i caduti. Questo ci fa capire come il piano spirituale, nel rapporto con il materiale, è infinito, e la cui essenzialità non può essere espressa a parole, ma queste possono solo lontanamente esprimere un senso tramite rappresentazioni di immagini nelle quali ciascuno, a seconda della sua crescita spirituale, interpreta nella sua coscienza cosmica, come gli è propria o come gli si vuol far comprendere dall’Alto.

Un altro punto di riflessione da tener presente nell’espressività comunicata, è il fatto che il tempo dei verbi è quasi sempre al presente, e ciò non tanto come errore o abitudine nella lingua in cui ci sono pervenute queste rivelazioni, ma è un modus vivendi dell’espressività nello spirito, essendo il ‘tempo’ nel Regno una realtà senza fine. Infatti, ciò che era può essere dimenticato, e ciò che diventa, che sarà, può essere ripetuto, come un eterno presente in cui la ‘vita’, essendo essenza della Divinità che tutto mantiene, può utilizzare tutto come un eterno rimescolare ciò che fuoriesce da Lui. Ciò è simile a un vasaio che dalla stessa materia può dare infinite forme, re-impastando e riformando ciò di cui ha bisogno per il fine che si propone. Cosicché il Creatore, poiché è perfetto, anche le Sue Opere sono perfette, quindi una volta create-fuoriuscite, restano eterne. L’unica differenza è che nel creare cose finite non ci sarebbe nessun compiacimento, come avviene con i bambini davanti ad un giocattolo con il quale poi si stancano, mentre le Opere di Dio nel piano di questa Creazione hanno una loro vitalità, una vita auto evolvente, e quindi continuamente trasformantesi all’infinito, così come infinita è la Sapienza di Dio.

Una particolare rivelazione questa, che non trova riscontro in altre opere, ci presenta il Creatore con la Sua quadruplice essenzialità, così rappresentate, come avente un cuore dal quale la Vita in Sé scorre come da quattro differenti personalità (cap.3,87). Nella prima c’è il Creatore eternamente inafferrabile dal Quale tutto è creato nell’Ordine e giunge all’esistenza e al mantenimento della vita nella Volontà. Nella seconda Egli è l’eterno Sacerdote benedicente dall’alto della Sua Sapienza e con una Serietà indissolubile. Poi è anche Dio, facendoSi riconoscere dalle creature affinché, benché fuoriuscite libere, siano nel contempo attratte dall’Origine della loro vita, riconoscendo in Lui la grandissima Pazienza e l’infinito Amore. In ultimo, Egli è il Padre, Non ancora riconosciuto da tutti i figli, ma che lo sarà nell’ultimo giorno della Creazione in cui, con il ritorno del figlio perduto e di tutti i caduti, diventerà chiaro il Suo progetto iniziale da cui tutto si formò grazie alla Misericordia donata a ciascuno dei Suoi divenuti figli.

Le immagini presentate della Creazione non sono immediatamente percepibili come siamo abituati a vedere nella nostra realtà materiale. Il Padre ha una casa-santuario, come un tempio nel quale ci sono colonne, il tetto, delle porte e delle finestre, un focolare, una coppa per il sacrificio, dei tappeti, un tavolo, dei candelabri, un trono e dei seggi, sette più ventiquattro, e una fonte e, su tutto, un Sole che splende da un altissimo duomo, dal quale la vita viene continuamente mantenuta. (cap.1) Ma anche per i figli, la prima Sadhana e i sette co-aiutanti rappresentanti delle sette Caratteristiche della Divinità, di cui ciascuno ha un’essenzialità duale, cioè coppia, maschile e femminile, cherubino e serafino, ai quali viene data una casa-santuario ad immagine di quella ‘Santuario’ del Padre.

Dio è ‘la Parola’! Se nel corso di questi due millenni, l’umanità ha sempre creduto che Dio, oltre ai proclami riferiti dai profeti e alle poche parole di Gesù riportate nel Nuovo Testamento, non avesse nulla da dire, con questa ulteriore Rivelazione deve necessariamente ricredersi. Dio, la Divinità, il Padre, parla! E la Sua parola, in qualunque tempo venga proferita, resta eterna! Non solo per ciò che riguarda la ‘vita’, ma anche l’insegnamento è una caratteristica fondamentale. I primi figli, tutti, compresa Sadhana, furono iniziati a tutti i misteri della Divinità. Perciò, anche il ‘primo’, l’essenza femminile di Sadhana che doveva rappresentare ‘l’amore di Dio e la Sua luce, fu iniziata a tutti i misteri originari dell’essenzialità del piano della Creazione, e con quest’Opera viene dimostrato..

L’espressività del linguaggio dei Cieli è un ulteriore limite posto tra la materia e lo spirito. Se già in un analisi umana nel confronto di una lingua, essa si modifica e trasmuta nei suoi dittonghi e sostantivi già nel corso di un secolo, è chiaro che anche nel corso di eoni di tempo essa avrà subito perfezionamenti nell’evoluzione insita in ogni cosa esistente; per cui, per essere trasfusa fino al nostro tempo, e dovendo comunque, necessariamente, riportare il significato originario, non sempre quel linguaggio è immediatamente comprensibile. Nulla toglie al lettore ricercatore della verità, di chiedere con la preghiera la Luce necessaria per la comprensione, considerando comunque che la traduzione dalla lingua tedesca originale del dettato, ne rappresenta comunque un ulteriore limite.

 

Amici della ‘Nuova Luce’

 

 

 

 

Cap. ante 1

La quadruplice Creazione

«E un fiume usciva d’Eden

per irrigare il giardino,

e di là si spartiva in quattro bracci».

[Genesi, 2,10]

1. L’eternità-ur, le profondità della Divinità! L’infinito nel senza-inizio, nel senza-fine, maestoso, sublime, santo e, …nel complesso: incomprensibile! Nondimeno, è dato allo spirito di investigare le profondità. Lo spirito-ur è il principio; da questo, il divenire di quella parte di spiriti a cui fu permesso e che sono in grado di realizzare il diretto collegamento tra l’Eterno-Santo-UR, l’eterno-unico e veritiero, e i figli sorti da Lui.

2. UR, il Creatore, è contemporaneamente il Visibile e l’Invisibile, l’Impersonale e la Persona. Egli genera e crea instancabilmente la vita sempre pulsante. Questo è il Principio! – Nella Persona giace il Conservatore, il Collegamento, il Polo attraente. Entrambi, il Principio-creativo e la Persona-conservatrice, portano in Sé un Potere trascendente, da cui avvenne una separazione per l’Opera. Questa separazione non fu una frammentazione; al contrario, procurò un continuo fluire della perfezione esistente. La prima divisione fu il duale: Principio e Persona, il potere stabile e quello regnante, in cui, nell’andamento delle Opere, poter stare di fronte in una indistruttibile connessione, lo Spirito-ur e lo spirito-parziale esibendosi per eoni.

3. Nel duale si mostra il quattro, che lo Spirito-ur si è riservato. Questo fu il Suo segreto e si rese palese allo spirito-parziale solo dopo aver stabilito un equilibrio, sebbene il quattro sta davanti ai seguenti e ai risultanti sette. In ciò è ancorata la crescita dello Spirito-ur attaccato dal principio, per cui l’immutabile perfezione non viene sfiorata. UR in Sé è invariabile, tuttavia è il Potere del Suo creare che porta con Sé un ininterrotta successione di Opere infinitamente meravigliose.

4. Lo spirito – rispettivamente gli spiriti – mediante la realizzazione della Creazione, acquisirono la capacità di stabilire anche da sé il contatto con lo Spirito-ur creativo e vincolante. Nel momento in cui ciò accadde, fu possibile un’esplorazione di quella profondità di Dio, su ciascuno dei quali ogni volta era stata eretta un’opera congiunta. Una tale opera-parziale racchiude anche tutti gli spiriti-parziali e le correnti di forza che affluiscono verso di essi, in modo che a questo riguardo possa essere vista ‘una pienezza della Divinità’.

5. Nessuno spirito-parziale può compenetrare l’intero UR, perché esso rimarrà sempre come portatore di una (specifica) singolarità. D’altra parte, il contatto che si basa sulle vie dell’Ordine all’interno delle Opere acquisite, è senz’altro da stabilire, per cui lo spirito-parziale non viene afferrato dalla perfezione di UR, bensì è compenetrato da LUI solo in rapporto alla sua propria misura. In questo modo lo spirito-parziale può avere una dimora nello Spirito-ur senza perdere la sua propria personalità.

6. Alla conclusione di un’opera-parziale segue la ‘ripresa di possesso’ della dimora-ur[2], un collegamento altamente possibile tra Creatore e creatura. Se lo spirito prziale insegue ciò – comunque stimolato dallo Spirito-ur e provvisto con la sostanza vitale – allora non solo simbolicamente segue l’onnipotente spinta creativa di UR che assembla incalcolabili Opere, ma nella maggiore conoscenza ottiene la rivelazione sulle creazioni, le quali formano una sequenza continuativa (come i Giorni di un Anno).

7. Quando ogni spirito-parziale, anche come essere umano, ha ricevuto la sua origine dallo Spirito-ur perché non può provenire da nessun’altra parte, allora l’idoneità dell’unione, che non s’interromperà giammai, è pronta a stabilire il contatto legato alla creatura. Questo genera una ‘sensazione dell’unità’, che generalmente tende verso quello Spirito-ur che viene portato vicino all’uomo con la parola “Divinità”, la quale revoca il ‘non-poter-vedere-Dio’ e trasmette allo spirito-parziale la ricerca di una concentrazione compatta: ‘il contemplare da volto a Volto’! Qui è radicata una santa profondità, alla quale ora è accordata l’opera dominante.

8. Di fronte ad UR vi stanno due forme-essenze che nell’immediato hanno assunto una posizione particolare: entrambi hanno uno spirito-parziale, nato personalmente = create dall’Eterno-Santo-UR. Queste due forme-essenze sono ‘angelo e uomo’. Fino a che punto sono differenti o equivalenti, ve lo mostra la Rivelazione. Se tuttavia entrambi possiedono una propria vita personale che risulta sia nel principio che nella persona anche secondo la rispettiva legalità dominante delle loro basi impiantate, allora UR non può essere senza rappresentazione, perché LUI è sempre l’immagine-ur, il Riflesso (lo specchio) di tutto il Creato! Guarda il contatto fra macrocosmo e microcosmo, nonché il congiungimento immutabile dello Spirito-ur verso lo spirito-parziale generato da Lui; come al contrario, quest’ultimo, da sé, vuole avere ed aspira ad un ri-collegamento inseparabile. In ciò si consolidarono i sette (arcangeli/spiriti-ur) che più tardi si aprirono nella consequenzialità assegnata – i quali ricevettero uno dopo l’altro la sovranità – comunque senza differenza di rango. Proprio in questo si renderà palese la loro piena unione. – Su questi, ovviamente, aleggia uno speciale collegamento, che tuttavia, pur avendo una superiorità, non dà supremazia. Infatti, UR, in Sé, è Uno!

9. Di conseguenza, gli spiriti-parziali sono da considerare una parte di UR, i quali, nel loro divenire, rimasero dapprima preservati nella Divinità come pensieri, senza una coscienza personale. In seguito, al fine di generare da questi pensieri delle forme mantenute con la sostanza di vita insufflata, in UR si allinearono insieme immense Opere. Lo Spazio e il Tempo nell’eternità-ur erano sconfinati; nondimeno, l’Essere-ur era il loro limite. Tutte le formazioni erano una faccenda personale di UR, sebbene in queste creazioni di Spazi senza Spazio, e Tempi senza tempo, Egli era, poteva essere e voleva essere, solo il Principio.

*

10. Diversamente andarono le cose dal momento in cui il concentrato dei Pensieri si sviluppò ulteriormente in forme figurative, anche se ancora certamente senza un genere personale proprio. Tuttavia, come un uomo cerca di modellare la sua opera pensata, per poi rappresentare in modo plastico tale forma immaginata, similmente avvenne con l’iniziale forma delle Opere. Anche se il raffronto tra un operare umano e l’operare di UR è molto scarso, dovrebbe comunque servire da esempio per la migliore comprensione. In questo modo, ciò che sarà rivelato è più facile da comprendere.

11. Così UR ha modellato la Sua opera immaginata in una ‘Creazione divisa in quattro parti’. Non sarà facile riconoscerla. Chi all’inizio segue semplicemente, avrà l’alto vantaggio, vale a dire quel rapporto che rimane riservato ad ogni spirito-parziale. La riserva, è ovviamente legata al tempo, perché lui[3] – finora abbastanza sconosciuto – deve camminare contestualmente al tempo di tutti i santi. Tutte le cose spirituali si lasciano spiegare ampiamente e collocare giustamente nell’insegnamento-ur, anche ciò che l’intelletto umano ritiene impossibile.

12. Nella misura in cui l’eternità-ur si rivela in Spazio e Tempo, per le creature l’ultradimensionale decade lontano, perché UR lo copre mediante le Opere, che sono contemporaneamente il ponte di ritorno della relazione prima menzionata. Qui ha la sua validità questa Parola: «E vi sarà un solo gregge e un solo Pastore!». La radice è sempre ‘l’Uno’, UR, l’Unico. Si è già parlato del ‘Due’ come contrapposizione: UR e la Sua opera; oppure, il Potere permanente e regnante!

13. Nondimeno: da dove proviene il ‘Quattro’? Esso è nominato arbitrariamente, oppure in esso c’è un’impostazione di base confermata dall’opera? Sì, anche questo libro vi irradierà Luce un po’ alla volta. Inizialmente necessita di un segno più vicino all’unità e alla dualità che illumini da ogni Rivelazione, che manifesti le cifre fondamentali ‘quattro’ e ‘sette’ annunciate a sufficienza agli uomini. L’opera principale per la conoscenza di Dio, la Bibbia, ne porta così tanto dei quattro fiumi nel Giardino dell’Eden, fino alla settupla elevazione nella Rivelazione di Giovanni, cosicché nessun cuore volonteroso può passarvi oltre senza percepire anche qui la profondità della Divinità.

14. UR non sospende la Sua Unità nonostante la molteplicità di forme personali con cui Si rivela. Le più notevoli diverse personificazioni esteriori sono UR e GESU’ CRISTO! Nell’Uno viene annunciato il rapporto permanente, nell’Altro l’ampia redenzione. Pertanto, Entrambi operano incondizionatamente sempre differentemente per via dell’opera, giammai nel principio-ur! Se UR è divenuto Cristo, allora è soltanto per il raggiungimento di una Meta. E questa fu grandiosa, questa fu: l’unità senza dissoluzione di tutti i Pensieri, in forme coscienti della vita!

15. Per raggiungere l’unità basata non soltanto sul Potere, bensì anche sulla libertà della volontà (libero arbitrio), ad UR stavano incommensurabili mezzi a disposizione. L’impiego di tali mezzi porta sempre alla realizzazione, indifferentemente se nell’infinito oppure nel finito. La limitatezza, valutata (anche) dagli alti spiriti, limitati, può essere sperimentata solo gradualmente, perché l’inizio e la fine della stessa appartengono all’infinità.

16. Dopo che UR ebbe elevato la Sua opera interiore all’altezza voluta, Egli creò per la prima volta una limitatezza. Questa fu ‘la Creazione divisa in quattro’. In essa Egli aprì per la prima volta – in nessun modo per uno scopo fine a se stesso – le quattro Camere del Suo Cuore. Per facilitare lo sviluppo del terreno prefigurato (della materia), sia significativo (questo): che UR modellò il Suo Cuore in un Lavoro così inconcepibilmente sublime, da adattare le Opere sul loro modo di essere. Se un uomo osserva l’ambiente e la propria vita da questo punto di vista, allora constaterà stupefatto quante variazioni importanti questa immagine-ur si riflette nell’immagine dell’opera.

17. Il principio della vita che pulsa attraverso ogni opera in Spazio e Tempo, trova il suo simbolo nel flusso del sangue: due Camere del Cuore danno, due accolgono! I quattro elementi: venti, stagioni, dimensioni, fasi d’età, settimane di una Luna e molto altro ancora, si basano su questa prima Creazione-ur, in cui si rivela un ciclo quasi inafferrabile, che nel principio-ur non è mai lo stesso, ma ovviamente, nell’impulso e nella direzione comporta costantemente la conseguenza dell’Ordine.

18. La Creazione in quattro parti fu un’opera altamente elevata di UR: la durevole Dualità! Prima di questa era sorto molto di santo, ciò che gli angeli più supremi presagiscono vagamente, che nessuno spirito umano può comprendere. Tutto questo trovò nella fine dell’opera considerata, una dissoluzione in UR, il Quale non aveva ancora creato ‘nulla al di fuori di Sé’. Tuttavia, ora dei Pensieri divennero il simbolo nel proprio Amore-ur, poggianti sui raggi di Vita fondamentale predominanti, che una Dualità sarebbe stata in grado di mantenere l’unità-ur senza spezzarLa minimante. Lo Spirito-ur aveva fatto come pieno Atto quanto segue: Egli diede al ‘creato’ una forma-pensiero, una forma-parola e poi una forma-azione e, in più – per far comparire il Cuore-ur in portentosa previsione, diede la forma conseguente. Quanto sublime fu tale forma conseguente, è da cogliere dal libro. UR pose ogni divenire sulla Sua via dell’Ordine, creando il ciclo degli Anni, …gli anelli della Vita che ha colmato con i singoli Giorni. Così la Dualità diventò la base, prevista nella quadruplice Creazione come meta elevata. A questo, UR diede un inizio-limite e una fine-limite, nel cui Spazio e Tempo ogni opera doveva trovare il suo perfezionamento nella struttura, direzione, andamento e meta. Egli chiamò questo: il ‘primo-ciclo-ur’, provvisto dualisticamente di due volte quattro Anni-ur, nei quali Egli – rispetto al Suo Essere – avrebbe espirato ed inspirato una volta, Potere, Forza, autorità e Potenza. Egli divise ogni metà di un ciclo in pensiero, parola, azione e conseguenza. Nell’espirazione Egli donò all’opera il Suo Io; con l’inspirazione l’opera doveva donarsi a Lui. Questo fu un ATMA! (il respiro di Dio)

19. Il primo ciclo dell’Anno-Pensiero-ur e Parola-ur portò un costante fluire all’esterno, poiché lo Spazio limitato e il suo Tempo erano vuoti. UR voleva benedirli con il Suo Spirito, ma con l’Anno-Atto-ur doveva essere dimostrato se l’alta Meta era in grado di includere ogni opera. Con un’unica dedizione all’Opera, poteva e doveva essere dato tutto, per contemplare da ciò il compiuto:

la restituzione dell’opera, all’Opera!

20. Anche qui vi viene anticipato che già nella prima Settimana-Anno-Atto nella quale una volta ciascuna delle sette Caratteristiche aveva operato e ciascuna aveva da condurre un Giorno della Creazione, l’alta Meta era stata ben raggiungibile, indipendentemente dal fatto se aveva già trovato un’ampia organizzazione secondo la visione-ur. Sì, la volontarietà finale doveva rimanere riservata all’Anno-conseguenza-ur, ma ogni beatitudine che si riversava in una singola opera in anticipo dal principio-ur, doveva essere ‘meta nell’alta Meta’.

21. UR ha immaginato ancora qualcos’altro per essere attivo in modo creativo benedicente. Se i Pensieri di vita da spostare al punto più elevato dell’Opera dovevano mantenere il dualismo dall’unione tesa liberamente verso lo Spirito-ur, allora EGLI poteva rivelarsi solo un po’ alla volta, nel Principio, non contemplabile come in una Forma contemplabile. Per nascondere la Sua Pienezza, Egli suddivise il Suo Cuore-ur in quattro camere, e da ogni singola camera ne costituì un principio di vita, una parte essenziale di Sé.

22. Dato che UR è essenzialmente creativo, altrimenti Egli non potrebbe condurre né ottenere né completare niente, Egli chiamò la prima Camera “CREATORE”. Qui operò certamente il Suo primissimo Ordine, ma coperto con il santo principio-ur nel predominio della Volontà. Nessun’altra Caratteristica avrebbe potuto essere giammai efficace se non fosse esistita nessuna Creazione. Avrebbe dovuto Egli, indicare a Se stesso la Pazienza, l’Amore e la Misericordia? Al contrario, Egli riservò proprio questi raggi della Vita fondamentale per gli annunci a posteriore. Dapprima dovette esistere la Volontà, con la quale UR avrebbe elevato il glorioso Duale contemplato alla Figura della vita in Sé.

23. La seconda Camera del Cuore che doveva dare la Sostanza vitale, UR la chiamò “SACERDOTE”, il Principio conducente. Egli diede questo alla Sua Sapienza, affinché fosse in grado di guidare l’Opera divenuta. E non appena accoppiò creativamente l’Ordine con la Volontà, così la Sapienza con la Serietà in modo sacerdotale, la Meta fu santa! Pertanto, alla Via di Luce, cosa poteva essere dato d’altro, se non la Serietà, che Egli lasciò fluire nel divenire e li nutrì con questa? Così la Sua sostanza-ur vitale, fluì dalla seconda Camera del Cuore, nell’Opera, nel Corpo, che Egli aveva fatto divenire, e gli donò la Sua piena ricchezza. Ora si doveva dimostrare che cosa avrebbe fatto l’Opera con questo Sangue vitale.

24. Sia notato, che nell’Anno-pensiero-ur e nell’Anno-parola-ur, nonostante entrambi siano stati sotto un certo punto di vista un pre-ombreggiamento per l’Atto, non sorse nessuna errata via di percorso, cosa che – se fosse stato così – avrebbe avuto per conseguenza che nel frattempo, nell’andamento dell’Anno-Atto-ur, il caso subentrato sarebbe stato veramente ‘previsto’. Non lo fu! – Non lo è mai stato pre-ombreggiato, perché altrimenti la santa Opera di redenzione sarebbe stata derubata della sua più alta Vittoria! Come Sacerdote, anzi come alto-Sacerdote, UR voleva condurre le Sue Opere, benedicendole. E questo avvenne!

25. Nel portentoso divenire, giunse con il flusso vitale ciò che doveva assolutamente essere conservato. Per ottenere questo, UR diede alla Sua terza Camera del Cuore il Suo essere “DIO”. Nell’Anno-pensiero-ur e nell’Anno-Parola-ur la pre-Pienezza del divenire; e nell’Anno-atto-ur – già irradiato liberamente – l’esistere! E quanto fu travolgente ciò! Durante questo andamento-parziale nel ciclo, UR entrò nel Piano come DIO[4]! Egli non mise in risalto il Potere, no, – la Pazienza diventò rappresentante in quella Creazione nella quale c’era stata una deviazione. Inoltre, la Pazienza avrebbe potuto estendere infinitamente lo Spazio e il Tempo, senza porre nel contempo la giusta Meta alla deviazione nel senso di tutti i raggi di Vita fondamentale. E questo lo fece l’Amore!

26. L’Amore adempie il mantenimento proveniente dalla Pazienza. Così entrambi diventano la mediazione, i mediatori tra l’Opera vitale consapevole e UR. Essi in questo posto sono già nella quadruplice-Creazione, come gli altri raggi della Vita fondamentale sono al loro posto. Nell’Anno-Atto-ur, che nel ciclo si trova al terzo posto, ‘Dio’ è perciò attivo in modo predominante come terza Essenza nella Pazienza e nell’Amore’, il che però non significa che nei confronti delle altre Entità Egli possieda una posizione più importante. Ogni parte è legata alla propria interezza, anche se, con essa, UR rappresenta la perfezione della Sua alta Meta.

27. Nell’andamento del primo ciclo, UR ha suddiviso il Suo IO unitario in quattro grandi posizioni chiave, e le sette Caratteristiche nei relativi tempi e spazi di Giudizio, che più tardi si riveleranno come i Giorni della Creazione. Nel Principio conservante giace il redentivo, da cui risulta che il Redentore proviene dalla Pazienza e dall’Amore. In questo terzo Essere si rispecchia quell’Atto: il Sacrificio-ur e il Golgota!

28. Se su questa portentosa Base, l’Opera dalle (quattro) parti del Cuore-ur fu progettata nell’immaginazione come ‘Creatore’, benedetta nella Parola come ‘Sacerdote’, e ora fu conservata nell’Atto, come ‘Dio’, allora necessitava ancora di un Raggio che avrebbe dovuto dare al Tutto il completamento dell’alta Meta. Questo avvenne pre-formando nella quadruplice Creazione attraverso tale sequenza: la Perfezione, l’Audizione senza abrogazione della Vita personale, il flusso vitale che rifluendo indietro, scorse ora dalla terza alla quarta Camera del Cuore per raccogliere tutto; da lì su quella Via segreta che in seguito si sarebbe rivelata come ‘le sante Notti della Creazione’, nell’area del centro-ur vitale, dove sarà provvista con nuova Forza e lo sarà sempre, per intraprendere e compiere un successivo ciclo.

29. UR chiamò la quarta Camera, ‘PADRE’, e – quando poté mettere il Suo magnifico splendente ‘Fine’ al termine della quadruplice Creazione – si diede a questa parte essenziale di Padre. Si dimostra ancora in quale delicatezza l’Onnisanto fece arrivare uno all’altro, per adagiare proprio il Duale, sia nella quarta Essenza, sia anche per rendere accessibile del tutto, attraverso la stessa, ‘la Sua inaccessibile Luce’: il contemplare da Volto a volto! Per questo Egli prese la Misericordia come settima delle Sue fiaccole.

30. Con questo bellissimo esempio, UR terminò la quadruplice Creazione e, come tutte le precedenti Opere interiori, la riprese in Sé in una Notte-ur. In questa Notte il nuovo ‘divenuto’ ricevette quella Sostanza di forza-vitale che Egli ha ottenuto in particolari Creazioni. Egli divise anche queste Notti-ur dalle singole Notti della Creazione. – Il mistero sarà rivelato.

 

 

[indice]

Cap. ante 2

Al principio, il Pensiero

 

[Gen. 1,1-2]: «Nel Principio Dio creò il Cielo e la Terra. E la Terra era informe e vuota, e le tenebre coprivano la faccia dell’abisso, e lo spirito aleggiava sulla superficie delle acque».

«A voi è dato di comprendere

 il mistero del Regno dei Cieli».

[Matteo 13, 11]

1. Inizia il primo Anno-ur, un’Opera da pre-opere senza numero, perché UR non conosce in Sé nessun inizio! Le Sue forze formanti sono il Suo Io. Le Formazioni pre-costituite nella quadruplice Creazione ricevono i loro limiti dall’eternità-ur. Ora per la prima volta inizia un ovvio complessivo ciclo-ur. Il suo inizio non è da rivelare; anche lui rimane per eoni di volte un eone! Perciò:

“ETERNITA’-UR IN SPAZIO E TEMPO!”

2. L’incommensurabile reso misurabile. – Chi lo può afferrare? E’ la formulazione ‘In Lui abita corporalmente tutta la Pienezza della Divinità!’ (Col. 2,9). Anche qui, ‘l’Incommensurabile’ in una piccola Forma (Gesù). Per un’Opera oltremodo magnifica, UR ha fatto diventare ‘Forma’ la Sua incommensurabilità, altrimenti non esisterebbero nemmeno dei figli. Così iniziò l’Anno-ur, colmato con percorsi e opere dei Suoi pensieri, i quali sono calcolabili con i numeri delle stelle. Previsto nella grande cornice della quadruplice Creazione, ma ora pensato in modo plastico, anche inventato.

3. Con Lui si forma mentalmente, ma in perfetta forma sensoriale, il duale dalla Sua unità: il Cielo e la Terra!”. Non il Cielo dei figli beati, né la Terra degli uomini sprofondati, – questa è un’Opera che sorgerà più tardi. ‘Questo’ fu il primo Cielo = la formazione propria di UR da contemplare, per i figli in divenire. ‘Questa’ fu la prima Terra = Spazio e Tempo, preparata per i figli. Per questo “la Terra era informe e vuota” – essendo senza l’Opera-Figlio[5], non ancora strutturata; quindi era ancora “buio sull’abisso”. – Spazio e Tempo, presi dalla profondità dal santo Potere-ur creativo, non portavano ancora alcun essere vivente eccetto UR.

4. Ora “lo Spirito di Dio aleggia sulle Acque”; i Pensieri vengono aspirati dalla Vita = Acqua, ed ombreggiati dallo Spirito di Dio. In tal modo prende il suo inizio l’Anno-ur della Creazione. UR forma quattro estremità. Egli unisce ulteriori Pensieri personali esteriori con uno interiore in una unità; senza tuttavia realizzare una fusione perché nessuno dovrebbe e può perdere la sua Unità. Sulla prima estremità Egli mette la Parte del Cuore ‘Creatore’ e con Lui irradia l’intero Anno del Pensiero. In questo modo il Principio creatore rimane in ogni sequenza, l’Autore dell’essere e della vita personale, indipendentemente dal fatto che le altre tre Parti del Cuore irradiano in modo dominante i tre ulteriori Anni-ur.

5. Dal Principio creatore si cristallizza il Potere. Deve rimanere il Fondamento, la santa ‘Profondità’, perché senza la fondamentale Posizione di Forza, l’alta Meta pre-pensata non sarebbe raggiungibile. Se UR non avesse lasciato la moderazione del Potere creativo in modo continuativo al primo posto, in verità, la Legge della libera volontà sollevata per diritto più tardi, avrebbe reso impossibile il compimento di un Sacrificio per jl riscatto (il Golgota).

6. La creatività, il principio del Potere, UR la rafforza tramite le due caratteristiche: l’Ordine e la Volontà posti in alto, poiché la formazione del Pensiero (il Suo) è senz’altro ancora il puro Essere-ur collegato con esso in modo strettissimo, benché prodotto già in modo duale. E’ il concime-ur! Questa dualità del Pensiero, costruita in modo formativo nell’esteriore separato da Lui, richiedeva l’impiego della Sua Volontà. Dal momento in cui, dato che Egli vide crescere magnificamente la dualità equipaggiata con le forze del Potere che si sviluppava magnificamente nell’andamento dell’Anno-Pensiero-ur, Egli volle mantenere e, oltre a questo, adeguare al Suo proprio Essere, crearlo a Sua immagine.

7. In tal modo la Volontà del Creatore dopo la segreta pre-amministrazione si pose ora come un secondo, al fianco dell’Ordine del Creatore, e colmò gradualmente la Terra informe, vuota = lo Spazio delimitato insieme al suo Tempo. Gli spiriti parziali iniziarono la loro vita personale. Certo, anche qui ancora nell’esistenza-mentale, vivendo la loro propria esistenza personale solo in modo mentale, ma sufficiente per mirare ad una perfezione adeguata all’Opera.

8. Non c’era bisogno di un ulteriore aumento all’interno dell’Anno-Pensiero-ur, poiché gli spiriti parziali erano giunti al confine del perfezionamento legati al principio del Potere creativo, e come personalità auto-consapevoli avevano ottenuto mentalmente la ri-unificazione con lo Spirito-ur. Anche se in parte erano derivati secondo il Potere dalla prima Creazione, agivano degli spiriti parziali secondo il duale divenuto comunque con le proprie forze. Persino dei minimi pensieri esternati – indotti alla vita auto consapevole – portavano così tanto in sé, da usare la loro ‘sostanza-ur’ per il massimo impiego di forza possibile.

9. Raggiunto questo punto, UR concluse l’Opera dei Pensieri, perché un ulteriore aumento del germe-ur, sabbene possibile, avrebbe potuto riformare indietro nel nucleo-ur, per cui gli spiriti parziali avrebbero dovuto perdere la loro prima ricevuta personalità. UR invece aveva considerato in antivcipo il contrario. Egli possiede tanto Spazio e Tempo per dei Cicli più ricchi. – Una singola stella, un piccolo mondo dell’attuale Cosmo, corrisponde nel rapporto, ad un tale Ciclo rispetto alle miriadi di stelle, soli e mondi. Sì, come nuota un sistema di via lattea come ‘piccola solitaria isola’ nell’Oceano della Creazione, così un ciclo-ur nell’eternità-ur!

10. Non per nulla agli uomini era stato annunciato prima, di un Cielo e di una Terra, dall’interno all’esterno, in cui lo Spazio era delimitato e il Tempo suddiviso in singoli tratti. Già questo primo Anno-ur mostrò, rispetto ai giorni di un anno fisico delle singole Creazioni, un muoversi graduale verso l’alto e in avanti. La grande suddivisione del Tempo provenne dalla quarta Camera del Cuore; e così questo Anno-ur fu suddiviso in quattro sequenze principali di tempo (quattro stagioni).

 

.

[indice]

Cap. ante 3

La prima Parola

 

[Gen. 1,3]: «E DIO disse: “Sia Luce!”, e la Luce fu».

 

«In verità, in verità, Io vi dico:

chi ascolta la mia parola e crede

 a Colui che mi ha mandato,

ha vita eterna; e non viene in giudizio,

 bensì è passato dalla morte alla vita».

[Giov. 5, 24.]

1. “Come e dove è stata adagiata l’Opera-Pensiero? Da quale Culla, Ur prende il nuovo Anno?”. –Innanzitutto è sufficiente l’indicazione che l’Eterno-Santo-UR nella Sua Potenza scioglie un Pensiero-parziale dopo l’altro per fraternizzare con loro grazie a questo distacco, e concludere un santo Patto (alleanza). Questo accadde! Egli vide: “Era buono!”

2. Dal perfezionamento dell’Anno-Pensiero-ur, Egli estrasse il divenuto: l’Anno-Parola-ur. In questo avvenne ciò che è rimasto ancora preservato alla prima Opera. È ovvio che fu fondato dalla Potenza creativa di Spazio e Tempo attraverso l’Ordine e la Volontà, ma dato che era avvenuto in modo complessivo, questo fondamento aveva bisogno – come in tutte le conseguenze – di essere riposto proprio sul Piano, certamente secondo la seconda elevata santa camera del Cuore del ‘Sacerdote’ con le sue Caratteristiche della Sapienza e della Serietà nella crescita legata all’Opera.

3. UR pronuncia le prime Parole alla Sua opera: “Ho contemplato in Me i Miei Pensieri e li ho inseriti secondo grandezza e numero dalla forza del Mio creare nella Mia Entità interiore, e li ho fatti divenire ‘forma’ come anche in vista dell’Io della Mia Persona. Voi vivete! Ma dal primo Anno sono ancora legati a Me come un embrione, benché possiedano già figura e personalità crescenti. Questo ‘nuovo Anno’ deve farli maturare per la nascita, sì, la Mia successiva opera li partorirà! Quale pienezza in questa futura nascita!

4. Ora la Mia forza pulsa come un secondo flusso attraverso Spazio e Tempo, e il ‘divenuto’, soffiato e fortificato, viene guidato da Me. Già ora l’Opera-Figlio deve udire la Mia lingua, e i Miei impulsi di vita devono essere nutrimento per il Mio embrione. Voglio nutrirlo con la Mia Sapienza e farlo crescere con la Mia Serietà, affinché presto giunga alla nascita! Voglio condurre un dialogo con ogni singolo spirito, con ogni embrione che onora la Mia Maestà, poiché essi sono spirito dal Mio Spirito, forza dalla Mia Forza, finché vedano da se stessi ciò che diventeranno autonomamente da ciò che Io ho fatto di loro dalla Mia vita-ur, e loro si ritrovino da sé a Me, lo Spirito-ur, per la Mia gioia e per la loro sublime santificata beatitudine.

Tu santo Anno della Parola,

prendi possesso della Mia Forza conducente!

‘Sia Luce!’

5. La Mia Sapienza sia il tuo Raggio, la Mia Serietà sia il Dono che ti do dal Mio santo Essere, il passato, il presente e il futuro! Io ero e rimango creativo, sono e rimango conducente, sarò e rimarrò in eterno il Conservatore e il Perfezionatore! Quindi: ‘Ciò avvenga!’.”

6. UR pone il Suo Cuore in modo sacerdotale su una santa Pietra bianca. Questa è la prima immagine. Su di essa fa affluire la Sua Luce, e la Sua Sapienza diventa una cima (una cupola). Su questo soffia il Suo respiro, e la Sua Serietà la rende visibile. Sulla pietra attizza un fuoco; da questo sorge il santo focolare, edificato sull’adorazione, sul servizio, sul sacrificio e come alto Altare. Egli mette il Suo Cuore nel Fuoco, finché le parti diventano singole, come Egli era passato in principio del ciclo-ur nella santa quadruplice Essenza attraverso le quattro Porte della forza dei Pensieri. Egli pone tutte le parti sui quattro angoli del santo focolare, vi soffia sopra tre volte in segno che in ogni Parte vivono anche le altre Parti e che la divisione non sia una scissione, bensì una Benedizione.

7. Dai quattro angoli, rispettivamente dal centro delle Camere del Cuore, Egli prende delle Fiaccole, le Caratteristiche nel Suo Principio creativo. Egli unisce la Sua Unità, il duale e le quattro Camere in sette raggi della Vita fondamentale. Li accende nel fuoco, li ricopre di nuovo fino alla nascita del figlio. Dopodiché ripone le Sue quattro Parti essenziali nuovamente nel fuoco, dove le stesse vengono fuse come un magnifico Cuore-ur. Allora UR vede: “Anche questo Anno maturerà nella perfezione!”

8. Egli benedice l’Opera e rimette il Suo Cuore nel Suo petto per tutti i tempi. UR e la Sua Opera, secondo la forza sacerdotale, hanno compiuto ‘l’Anno del dare’. E ciò non solamente secondo la Potenzialità, ma dalla ‘forza motrice del Suo Cuore’, dato che era stato posto al di fuori di Lui in quattro parti. Quindi tutti i Pensieri parziali, persino quando dovessero allontanarsi da Lui, avranno la loro unità fermamente consolidata, come lo ha dimostrato il Suo Cuore diviso in quattro nel fuoco della prova della Sua Unità.

9. Ora non c’è più nulla che ostacola ciò con cui affidare il Suo ATMA allo spazio e al tempo di questo suddiviso rispettivamente ad ogni Essenza in un’ulteriore suddivisione anche in ogni raggio della Vita fondamentale[6]. Egli sa: ogni essenza, ogni Caratteristica non sarà efficace senza l’altra. Con ciò Egli conferma Sé stesso nella Sua divina unicità!

10. Nella pienezza della Sua consapevolezza di Forza positiva, Egli pronuncia ancora una volta il Suo santo: “Sia la Luce!”. Non è una ripetizione. La prima Parola era dedicata al Cielo = a Se stesso, la seconda alla Terra = all’Opera-Figlio (Gesù). In questa si riversano nella Forza, insieme alla Parola, innumerevoli fiumi di luce. Questi precipitano come cascate dall’alto del Suo Sacerdozio – nati nel fuoco del Sacrificio del Suo Cuore – nella profondità della Sua potenza creativa. Essi penetrano come potenza incommensurabile nella vastità dello spazio e del tempo, colmandoli entrambi, strapieni della Divinità sovra pervenuta in loro. Circoscrivendo i limiti, così i fiumi di luce s’appressano per ritornare alla vicinanza del Suo Cuore nella forza della loro ricchezza conquistata. Allora UR chiama la Vicinanza, come la quarta Camera del Cuore = ‘PADRE’, con essa si unisce il bene dei Pensieri parziali e prevede questo: “Ognuno deve avere un fiume di Luce dalla Sua Fonte di Luce, che lo porti da sé di ritorno, alla Parte del Cuore paterno, con cui potrà sorgere l’ultima volontaria unificazione con Lui, l’UR.

11. Egli fa scorrere i fiumi di luce senza legarli subito agli spiriti parziali, benché questi come embrioni siano quasi maturati nel grande Tempo dell’Anno-Parola-ur. La Parola dà ai fiumi di luce la costruzione, la direzione, il corso e la meta, diventando dei ‘riflessi di Luce’.

12. I milioni di anni-luce riempiono nella forza concentrata lo Spazio e il Tempo dell’Anno-Parola-UR nelle quattro dimensioni. La Sapienza del Sacerdote, dalle relative due Luci un Raggio unitario, ordina grandi forze motrici di luce in armoniosa unitarietà e forma, senza derubare le due della loro propria essenzialità. In queste Egli simbolizza l’ultramagnifico duale della Creazione e dà in una luce, (qualcosa) della Sua consapevolezza positiva di Forza, e nell’altra (qualcosa) della Sua Consapevolezza negativa di Forza, qui già riconoscibile come due Poli.

13. Sebbene adesso la Creazione sia stata strutturata secondo la Parola in vista delle divenute Forze motrici di luce, nulla è comunque separato dalla Sua Entità-UR. Il tempo imposto è divenuto il Suo Tempo-ur, lo spazio limitato il Suo Spazio-UR, le Forze motrici di luce sono create dalla Sua forza di Sacerdote-UR! Tutto è sottoposto alla Sua dualità, quella divina, ma rimane Unità senza scissione. Dalle forme di forza consapevoli, positiva e negativa, Egli prende di nuovo un terzo di questa irradiazione di luce e lo forma insieme nella più meravigliosa Unità per un particolare complesso di luce.

14. Questo complesso di luce, dal Suo impulso primordiale di Potenza, diventa il Suo negativo Personale, formalmente anche un ‘Primo’. Questo Egli lo ha creato puro dalla Sua Serietà e poté crearlo da questo, poiché la sostanza-ur per questo divenire era già proceduta dall’Ordine e dalla Volontà, era già, guidata dalla Sapienza, benedetta. Alla fine, UR raccoglie di nuovo tutte le luci nella Sua propria grande Luce.

 

 

[indice]

Cap. ante 4

L’Atto: la fonte-ur, il Mattino, il Mezzogiorno la Sera, la Notte Anni, Mesi, Settimane, Giorni

UR diventa Padre: Imanuel!

 

[Gen. 1,4-5]: «E Dio vide che la Luce era buona; e Dio separò la luce dalle tenebre e chiamò la luce ‘giorno’ e le tenebre ‘notte’».

 

«Ecco, Io ti ho posta dinanzi una porta aperta,

che nessuno può chiudere».

[Ap. 3,8]

 

1. Santa Notte-ur! Chi sa del suo tessere, delle Forze motrici che condussero dal misterioso buio, all’aurora magnificamente splendente? Chi percepisce il Soffio del Creatore che dai Pensieri risveglia nuova vita, l’esistenza consapevole di forza? Chi conosce la Mano onnipotente che nel nascondimento edifica cellula su cellula, ordina, forma, prevede la fine, finché il completato viene affidato al Giorno, per l’amministrazione? Chi ode il maestoso Respiro dell’ultraricca vita, che anima l’Opera fin dall’alta Mezzanotte, finché si muovono gli impulsi di Vita delle Forze motrici? Finché – spinti al dischiudersi della Forza – assumono figure auto consapevoli, presagendo la loro destinazione in anticipo, finché a loro può essere assegnata una ‘consacrazione’?

2. Chi era seduto di notte alla Fonte della Foresta, finché l’aurora ha preso le ombre dagli alberi? E chi ha sentito il rumoreggiare delle acque dalla profondità, ha compreso il loro mormorio. Ma, chi ha seguito il loro linguaggio fin nel fondo da cui provenivano le acque? Quale Fonte? Nessuno conosce la sua origine, nessuno sa da dove attinge. E ciononostante, è nota, vive, genera la Vita e ricolma tutto il Cosmo.

Questa Fonte è UR!

3. Santa Mezzanotte! UR riposa come Creatore alla Sua Fonte. Guardando indietro, Egli contempla il Suo operare. In avanti il Mattino e la Sera dell’Anno-Atto-ur. Vede sorgere degli eoni dalla Sua Fonte, nel cui fondo giace l’operare di eoni. La Fonte riflette tutti i miracoli delle Sue Opere. “Tutto era buono”, è buono, e sarà buono e lo rimarrà.

4. Egli attinge le Sue mani nella Fonte della Mezzanotte, la divide e ne fa scorrere quattro Correnti (fiumi), eternamente nutrite dalle quattro Camere del Suo Cuore. Egli conduce queste Correnti verso il Mattino, il Mezzogiorno, alla Sera e verso la Notte e il loro sfociare ancora nella fonte-ur della Sua creatività. Egli mette a ogni Corrente un grande spirito[7], i tre primi con ognuno due caratteristiche, come Creatore, come Sacerdote e come Dio, il quarto con la caratteristica di Padre. E questa suddivisione è molto buona!

5. L’Anno-Pensiero era suddiviso in quattro quarti di Anni (spirituali), poi l’Anno-Parola in dodici Mesi, e nell’Anno dell’Atto-ur divise ogni Mese in quattro Settimane (spirituali), ed ogni Settimana – prevedendo per la conseguenza – in sette Giorni (spirituali). UR sottomise questi ai portatori dei raggi di Vita fondamentale. Egli chiamò i sette davanti ai quattro, perché questo è il Suo Mistero, che deve rivelarsi all’Opera tramite i sette, come Egli mise anche l’Ordine davanti alla Volontà.

6. Ancora in sé, perché è l’alta Mezzanotte, i miracoli operano nel Gioco complessivo di Potenza, Forza, Potere e Vigore. In ciò si rivelano in inaudita quadruplicità tutti i Pensieri parziali, gli spiriti parziali, quasi fino alla nascita. Ci vorrà soltanto la prima aurora, e nasceranno. Sarebbe certamente sufficiente un alito da UR – e tutto sarebbe subito compiuto, ma questa non era la Sua Volontà, poiché creare in questo modo, da Lui era già stato compiuto dell’infinito, divenuto un giusto scopo a se stesso.

7. Nella prima ora dopo Mezzanotte, l’Ordine fornisce il suo fondamento, la Volontà il suo impulso, affinché gli spiriti parziali eletti a vita propria ricevano la facoltà di formare anche dopo la loro nascita. Già si rivelano le Caratteristiche come simbolo del santo Potere interiore, che in seguito al Principio formato esteriormente dovrà essere appoggiato allo stesso, un ‘rendere pari’, la grande Immagine. Con ciò è stata scossa nel santo operare la misura della prima Ora del dopo Mezzanotte. La Fonte però spumeggia e rumoreggia, spinge verso il nuovo Giorno. E ora le sue acque scorrono attraverso la Mano sacerdotale.

8. Oh, non divenuto soltanto dal Potere, così il Santo contempla il Suo fare. Allora dal Suo volto cade un Soffio sull’immagine dell’Acqua e, guarda: l’Opera assume Forma ed Essere simile a Lui: il Macro formato come Infinito, l’Essere-ur; il Micro secondo la Sua Persona, con la nobile Immagine del Suo volto come sede della Luce! Allora Egli dà alla seconda parte del suo Essere, il Sacerdote, un Nome aggiuntivo, e lo scrive sul fondo della Fonte: il sommo Sacerdote Melchisedec! – Questo rimane riservato eternamente a Lui, al Cielo in cui entrano certamente tutti i Pensieri, lo possono possedere, bensì non essere loro stessi ‘Cielo’. Quanto magnificamente si rivelerà una volta l’alto Dono della Sua Sapienza! E la Sua Serietà è la ‘Porta’ nel Regno dei Cieli! Chi vorrà mai comprendere anche questa misura della seconda Ora dopo Mezzanotte?

9. Quando UR sente, attingendo per la terza volta le Sue mani nella Fonte, che il divenuto si appoggia sulle Sue dita, viene sopraffatto dalla Sua Onnipotenza. Egli vede lo splendore della Magnificenza, e nel Suo petto divampa il giubilo della Sua Creazione! Ecco: – splendore e giubilo messi insieme, …e tutto sarebbe perfezionato! Ma Egli impone una quadruplice briglia, presa dalla parte del Cuore di Dio nella Pazienza e nell’Amore.

10. Nessuno scopo fine a se stesso, no, Egli vuole avere un’Opera-Figlio, al Quale donare il Suo Amore. La briglia si chiama: ‘bontà, grazia, longanimità, mansuetudine’. Non è ancora riconoscibile che cosa farà UR con questa briglia, per Sé oppure in Sé, per l’Opera o sull’Opera. Ma con ‘questa’ (Lui-Gesù) Egli guiderà l’unificazione alla Sua santa quadruplice Essenza, alla quale Egli vuole legare l’Opera nella ‘Libertà’. – Lo farà nella quarta ora dopo Mezzanotte.

11. Questa inizia con le doglie di una santa Nascita: UR diventa Padre!! – Anche a questa Parte essenziale darà un Nome particolare e così scrive sulla superficie dello Specchio della Sua Fonte: “IMANUEL”. Ed Egli lo dona alla Sua Opera. O UR, quanto prodigiosamente prevedi in anticipo, senza imprimere a questa visione un alito di Volontà! In verità, non per nulla Tu hai creato prima la quadruplice briglia e poi il Nome IMANUEL!!

12. Una goccia si stacca adagio dalla mano sinistra di UR; cade, vuole andare accanto alla Fonte. Non lo riconduce attraverso il Suo Potere, anche se la goccia, quando sperimenta una resistenza, si deve frantumare e non potrà mai più essere goccia. Deve succedere questo? Allora UR mette la Sua mano destra sulla resistenza e raccoglie la goccia. Con indicibile delicatezza Egli la lascia scivolare nell’acqua, e guarda, la goccia percepisce la sua caduta e spinge se stessa fino al fondo della Fonte.

13. O qual meraviglioso splendore irradia sull’eterno Volto! Profondamente, UR immerge le due Mani e solleva la goccia, al centro della Sua Fonte, ed Egli fa cadere la Sua Luce come un Sole sulla goccia. Allora anch’essa risplende nella luce del Sole-ur, allora il Sole-ur si riflette nella goccia ed attraverso questa in tutte le gocce che hanno Vita, e scorrono come piccoli rii dalla fonte-ur nel nuovo divenire, nel maestoso Anno-Atto-ur.

*

14. UR apre la quarta camera del Suo Cuore, vi raccoglie dentro tutte le gocce, quell’una e le incalcolabili, e le porta nel Suo Santuario. Allora risuona meravigliosamente, profonda e solenne la campana-ur per la prima volta. Essa conclude la Notte, e il suo ultimo eco saluta l’Aurora:

i sette Giorni della Creazione dell’Anno-Atto-ur .

15. “Santa-Luce! Santa-Luce! Santa-Luce!”

16. Fasci di raggi di luce in innumerevoli miriadi s’incrociano fra loro; su, accanto ed attraverso. Essi formano un punto centrale. Nessuno misura il primo Secondo dell’eternità in cui avviene questo. Un tono risuona; nessuno misura la potenza del suono. Il grande Richiamo di risveglio nel primo Giorno della Creazione è come la Parola: “Sia la luce!”

17. Perché deve divenire Luce? L’Onnisanto-UR, il Quale ha già creato del miracoloso, che ha rivelato magnificenze da ogni Creazione, non è già Luce illimitata? Può divenire Luce, se dapprima non c’è stata nessuna sostanza-ur, quella sostanza da cui tutto divenne? Perché si parla di oscurità, che venne separata dalla Luce? Dimora, questa, accanto ad una qualche luce in UR? Esistono quindi, comunque, tali due cose fin dall’eternità? Sono opposti? Se la Luce è stata la prima, la più elevata Sostanza, che cosa è allora l’oscurità?

18. L’Opera porterà l’informazione! Sia detto questo in anticipo: “Nella pienezza dell’Opera degli spazi passati di spazi senza Spazio o di tempi senza Tempo non esistevano due cose adagiate nell’Eterno-UR”. La Luce e l’oscurità erano delle sostanze-ur sublimemente omogenee, ed è ovvio che, nel Principio, la Luce era il creante, l’oscurità il riposante, provenienti dalla Mano destra e dalla Mano sinistra del Santo! Chi vuole stimare più alto il giorno che la notte? La notte può essere più alta del giorno? La Notte precede il Giorno, perché raccoglie e porta nuove forze, ed è lei che conclude il giorno. Non è la notte posta tra il giorno, bensì il giorno fra due notti. Vi verrà mostrato ancora il perché.

19. UR si trova in mezzo al Suo Santuario di luce per accogliere la santa nascita, per formarla, per educarla e portala alla più sublime perfezione. Ciò che hanno dato degli eoni, deve diventare visibile all’Opera-Figlio. Se ci sono voluti degli eoni fino a questa nascita del Figlio, allora UR ha a disposizione degli eoni per trasmettergli l’intera parte dell’Opera del Suo Essere. Se la nascita del Figlio troverà incommensurabile Spazio e Tempo, allora è giusto il perché è posta nell’incommensurabile. – In UR ogni Creazione trova Spazio e Tempo per la Sua più sublime benedizione.

 

[indice]

 

IL PRIMO GIORNO DELLA CREAZIONE

 

Cap. 1

 

[Gen. 1,5]: «Dio disse: “Sia la luce!”. E la luce fu. Dio vide che la luce era cosa buona e separò la luce dalle tenebre e chiamò la luce ‘giorno’ e le tenebre ‘notte’. E fu sera e fu mattina: primo giorno».

 

«Io sono l’Alfa e l’Omega

il Primo, e l’Ultimo,

il Principio e la Fine»

[Ap. 22,13]

1. Luce! - UR guarda in Alto. Il Sole che nella Notte di Grazia ha irradiato quell’una goccia, si è rispecchiato in essa e in tutte le gocce, fluttua nel Santuario, pura nello Splendore del suo Oro.

2. Il primo Secondo più altamente importante del Tempo del (primo) Giorno è passato. Da UR si sprigiona inarrestabilmente Luce su Luce, Raggio su Raggio, una imponente Maestosità senza pari. Ma per quanto risuoni anche la Sinfonia, solo una Camera del Cuore l’ha creata; e persino questa è solo partecipe nell’Opera, altrimenti il Suo Santuario non potrebbe essere visibile come Tesoro = Tabernacolo, Custodia.

3. In alto s’inarcano dei muri di cristallo color rossastro, vi si allineano intorno dodici doppie colonne; esse portano l’ampio, imponente tetto. Tra le colonne si trovano quattro porte e sette finestre, due doppie colonne in mezzo a quattro porte. La sala interiore, la cui profondità sconvolge, si divide senza limitazione in due parti, nel padiglione antistante e il centro. Quando però si sta davanti, entrambe le parti formano un insieme unitario. Sette colonne doppie che tendono fino alla meravigliosa cupola del duomo sono affiancate da muri interni che scintillano di vetro. Il centro ha al suo punto centrale quattro doppie colonne, le cui basi sono delle zampe di leone. Sostengono nel quadrato la solenne cupola, sotto il cui preciso centro fluttua liberamente il Sole-ur.

4. Sotto il Sole-ur, al centro della Sua irradiazione si trova il santo focolare. La Sua magnificenza supera ogni creazione precedente. E’ rettangolare e riposa su quattro teste dorate di leone. La sua piastra è di alabastro. Procedendo da questa vi pendono alla base quattro tappeti nei colori blu, giallo, rosso e bianco, che si estendono attraverso le quattro porte fino alla lontananza dello spazio-ur. In mezzo sulla piastra di alabastro si trova un piatto d’argento, su di esso arde un eterno fuoco. Al di sopra di questo, tra lui e il Sole-ur, pende da quattro catene d’oro una scura coppa del sacrificio. Intorno al fuoco del focolare sono posti sette candelabri con ognuno due candele, ma non ancora accese[8]. Davanti ad ogni candelabro, avvolto da sette campane argentee, riposa un segno, altrettanto rispettivamente a uno grande e ad altri tre sulle quattro basi del focolare. Al di sopra di ogni campana fluttua una coppia di stelle.

5. Dietro al focolare, quattro gradini più in alto, si trova il trono alto, maestoso, della Divinità. Il suo schienale si erige in alto, e larghi sono i braccioli. I piedi sono come due leoni incrociati. Rosso è il colore del trono, bianco quello del baldacchino, i lati blu e giallo, una volta a righe: i quattro colori dell’eternità-ur.

6. Sul santo focolare davanti al trono giace il libro della Creazione sigillato con sette sigilli. I suoi quattro angoli hanno la forma di un cuore doppiamente incrociato. Davanti al focolare all’interno della sala a quattro colonne si trova un seggio-trono nei colori del trono, a metà cerchio dietro a questo, sette seggi di trono, il centrale in bianco, a destra e a sinistra a due a due sono in rosso, giallo e blu. Un secondo semicerchio con ventiquattro seggi è formato dietro ai sette. A destra e a sinistra, ai lati vicino al santo focolare, si trovano ancora quattro grandi sedie, ognuno di un colore. Evidentemente attraverso queste file di seggi a trono, l’Onnisantissimo viene isolato dal resto della Sala, senza però voler essere una separazione. Molte magnificenze adornano il Santuario, ancora riposando come sotto una delicata nebbia. Soltanto lo splendore irrompe già.

7. Il successivo Secondo è passato, colmo fino all’orlo con un dono della Divinità. I figli che devono risvegliarsi alla loro nascita auto consapevole, ne saranno degni? L’eternità porta quattro suoni di campana: Secondi, Minuti, Ore, Giorni. Essi sono graduati nelle quattro ottave del suono di base. Nell’andamento vengono menzionati di tanto in tanto, ma ogni campana tintinna a suo tempo tutti i Giorni della Creazione.

8. UR è passato nel primo Secondo una volta attraverso lo spazio del Giorno del Suo atto con la goccia vitale sollevata dalla Sua fonte, durante il successivo Secondo attraverso il suo Tempo. Quando ora una chiara campana annuncia il terzo Secondo, si aprono le quattro porte del Santuario ed entra UR: Perché è arrivata l’Ora della nascita del figlio (del primo)!

9. Chi lo può descrivere nel Suo solenne maestoso splendore? – O cuore, fa sentire il più sublime, e si potrà percepire solo l’orlo più basso della Sua magnificenza. Anche se un angelo potesse annunciare: “Bianco, in una purezza immacolata, splende la Sua veste ricca di pieghe, i cui tre orli hanno i tre colori della Creazione. I Suoi occhi somigliano ad incendi di fuoco, il Suo capello alla luce-centrale del Suo sole; la corona a sette punte all’inaudita maestosa potenza che è stata rilasciata oltre ogni confine del Giorno creato da sandali dorati. Sostanza solare è il Suo mantello regale, che davanti Gli ricade fino alle ginocchia, dietro fino sul fondo. E il suo volto? No, nessun angelo potrebbe dirlo nel linguaggio umano, se già lo volesse trasmettere.

10. UR si siede sul Suo trono. Nel momento in cui Egli si siede, la luce del Sole-ur diventa vita fiammante. Anche il fuoco del piatto d’argento divampa in alto, finché la coppa del sacrificio comincia ad oscillare. Delle nebbie mattutine si dividono, e l’aurora splende attraverso le sette finestre fuori e dentro. L’Essenza santa di UR colma lo Spazio e il Tempo del Giorno, i Suoi occhi riposano sul libro della Creazione, contemplando una volta attraverso ciò che sta divenendo e restando un’altra volta fermi sul libro dell’Opera. Nel Suo sguardo scintilla già il ‘è’ e ‘sarà’! Ora Egli parla all’Opera:

11. “Sia fatto! Tu, primo Giorno dell’Anno-Atto-ur abbi il tuo inizio nella visibilità! Ciò che Io ho formato in Me, deve essere destinato al di fuori di Me. Io, UR, Creatore, Sacerdote, Dio e Padre, adesso voglio avere che voi, i Pensieri pre-pensati a figli auto consapevoli, dovete risvegliarvi al vostro tempo di vita. Vi stanno a disposizione tutti i mezzi e le vie, affinché alla fine del Giorno vi sia la più sublime perfezione! Allora tu, Opera Mia, Mi dovrai lodare e ringraziarMi eternamente!

12. Lentamente Io dono la Mia Opera a voi figli, affinché – santamente maturando – abbiate la vostra gioia eternamente. A Me rimangono le Condizioni poste giustamente; ma tu, Opera, partoriscine una seconda: la libera volontà per i figli! Nei primi sette Giorni si deve mettere alla prova il Potere delle Condizioni e della libera volontà, ma la sesta Sera deve svelare se l’Anno può portare la Corona, cioè questa:

13. I  Miei figli devono amarMi da loro stessi nella libertà della loro volontà e nel riconoscere il Mio Potere. Dalla profondità della loro vita devono salire alla Mia Altura, ma dalla loro altura andare nel fondo. Dalla lontananza li spinga a Casa la nostalgia, affinché alla fine di questa prima Settimana-Atto-Anno raggiungano in Me l’eterna unificazione. Ed Io li voglio custodire nella Camera del Mio Cuore di Padre, affinché abbiano nuova fortificazione. Poi escano per la seconda volta per l’Atto molto più magnifico, più santo, più libero!

14. Voglio porre alle Forze motrici la conservazione. La Legge della libera volontà (libero arbitrio) sia le fondamenta della loro stessa creazione, ma dal suo utilizzo devono elevare le condizioni poste giustamente e riservate a Me, al di sopra alla loro volontà come simbolo e tributo. Se il sesto Giorno della Creazione non raggiunge il previsto ‘dare’, allora l’Anno-Atto-ur rifluirà nell’illimitato della Mia Essenza.

15. Io stesso porterei un più sublime Sacrificio, purché attraverso questo possa essere possibile il Compimento. La corona della conservazione è il Potere, come fondamento della Mia Magnificenza, l’autorità è come l’elevatezza della Mia Casa, la potenza è come l’ampiezza della Mia Entità e la forza è come il miracolo della Mia Santità!!

E così comincio la Mia Opera del Giorno!”

16. UR si alza. Nella santa mano Egli tiene il libro. Soffia nel fuoco sul piatto d’argento, finché divampa sulla coppa del sacrificio e colpisce il cerchio di raggi del Sole-ur. Una Volta! Poi ricade e continua a bruciare come pura fiamma, il cui calore sfiora la coppa del sacrificio e la mantiene in costante oscillazione, nell’eterno ritmo di cerchio dei Giorni della Creazione. Da essa sale un incenso balsamico, che riempie il luogo della Divinità, la sede della Sua Maestà.

17. Quando la coppa del sacrificio ha terminato il primo cerchio, UR apre il libro, ma non già un sigillo. Egli vi posa la Sua destra e soffia quattro volte: sul libro, sul fuoco, sul focolare e sulla coppa del sacrificio. Questo simbolismo porta il senso dell’Opera: della vita la più sublime! Presto al di fuori del Santuario si creano molte forme, ancora nel germoglio nell’ultima nebbia di una maestosa Notte. La rivelazione deve manifestarsi solamente quando l’Opera-Figlio possiederà il Giorno.

18. Dal fuoco divampa un fumo bianco; si raddensa davanti al focolare attraverso la mano del Creatore. UR dice: “Io voglio! Sia la Vita!!”. – Non riposa già sul seggio-trono, di fronte ad UR, una figura fine come un soffio? Come un elfo? – Il linguaggio umano non avrebbe parole per indicare un confronto. È sufficiente rivelare ciò che sta accadendo. Le labbra di UR sfiorano la fronte della forma. Un bacio dal Creatore! Il primo che viene dato ad un essere vivente. Per frenare l’immenso giubilo titanico, la potenza della Sua Entità, dal Suo petto si sprigiona un eonico grido di Gioia. UR ripete il quadruplice alito di Vita ed esclama: “Risvegliati! Risvegliati! Tua è la Vita. Pensiero da Me!”

[indice]

1/1 - La prima figlia: Sadhana

19. UR! UR! Chi Ti può comprendere? – Tu chiami Te stesso fuori da Te! Quello che da incalcolabili Tempi, di Spazio, era in Te, continuamente nato e donato in ogni singola Opera in un costante perfezionamento, riposa dinanzi a Te: il Pensiero diventato figlio! Sì, ecco che i Tuoi santi occhi splendono chiaramente, soavemente scuri; e tutte le future legioni di soli ne prendono il loro raggio, che, adorandoTi, portano al Tuo primo Figlio. Se Tu, tuttavia il Creatore, nel primo Giorno dell’Anno-Atto-ur, stai già come ‘PADRE’ per il ‘figlio’ nel punto focale della Tua propria essenzialità-ur, – Tu hai fatto scaturire il giubilo titanico.

20. Nella figura delicata sta raccolto molto della Bellezza della Creazione. I suoi occhi, somigliando agli Occhi del Creatore, si aprono come nel risveglio di un figlio terreno dopo il suo primo sonno di vita. UR segue ogni minimo moto interiore ed esteriore del Suo primo figlio, al quale Egli ha dato spirito e anima. Lui chiama la Sua creatura “il figlio della Creazione”, e soffia sul focolare fino al primo miracolo della Vita. Ecco che gli viene conferito lingua e intelletto. Si solleva con la Forza insufflatagli, ed ecco, …vede UR. – La magnificenza appena percepita è sprofondata, lo Spazio e quello che vi è dentro. Non sente ciò che fruscia attraverso lo spazio e nello Spazio-ur, non il maestoso suono di campana che annuncia un nuovo Secondo (un attimo) dell’eternità. Vede soltanto UR.

21. Il figlio appena svegliatosi percepisce la santa unione? Su sandali argentati cammina sul prezioso bianco tappeto dello Spazio che si trova tra le quattro colonne sui quattro tappeti. Ora si trova – separato dal focolare – di fronte ad UR. Come meravigliosamente si svegliano nella creatura-figlio dei pensieri e sentimenti. Percepisce la sua appartenenza a Colui che è, ma anche la consapevolezza dell’’essere divenuto che si sta cristallizzando. Allora piega entrambe le ginocchia, appoggia il suo capo nelle due mani, che premono sul tappeto bianco.

22. UR! ‘In nessuna delle creazioni, per quanto meravigliose, ho mai avuto un tale santo sentimento di indicibile gioia!’. Così è il Suo pensiero. Vorrebbe accorrere al figlio, premerlo al Suo petto. Ma la Sua mano destra si trattiene sul libro. Un primo figlio dal pensiero deve essere educato, affinché raggiunga la sua destinazione di assomigliare a LUI come un giusto secondo Polo della Creazione. Così vuole il Suo Ordine! E adesso per la prima volta Egli parla, così che la Sua santa lingua trovi una risonanza in un essere personificato.

23. “Sadhana! Creatura Mia! Spirito dal Mio Spirito, essere dal Mio Essere. Figlia Mia!”.

- Sadhana alza la testa, ascolta le parole che si fermano nel Santuario. Un sentimento beatificante trema attraverso il suo petto. Vorrebbe chiudere i suoi occhi e contemplare ininterrottamente quello stesso maestoso Volto. Questa contemplazione riempie il quarto Secondo. In questo, Sadhana impara la sua propria lingua. Lei chiede: “Chi sei Tu, potente e maestoso, che siedi su un grande trono e mi hai chiamato?”

- Oh, quanto soave è la voce, quanto umile ogni parola. Queste colpiscono il Cuore dell’Altissimo.

24. Lui dice: “Io sono UR, Colui che è senza Spazio e senza Tempo. Io sono il Creatore e creo le Mie Opere; Io sono il Sacerdote e consacro i Miei spiriti; Io sono Dio e guido i Miei esseri; Io sono Padre ed educo i Miei figli”.

- “Chi e che cosa sono io?”

- “Tu sei Sadhana, il Mio pensiero più grande, più bello. Ti ho portato in Me quando nel Mio Essere interiore ho creato le Opere senza Spazio e senza Tempo e senza nessun numero, ed ognuna era perfetta! In tutte le Creazioni tu eri il Mio primo Pensiero. Così sei diventata il Mio negativo, in cui Io magnifico il Mio Potere, Forza, Potenza e Vigore positivi. Ora sei creatura dall’Ordine e dalla Volontà, spirito dalla Sapienza e dalla Serietà, anima dalla Pazienza e dall’Amore, ed eri, sei e devi diventare ‘figlia’ della Mia Misericordia”.

25. Sadhana tace. Santo Silenzio è tra lei ed UR. Ecco, …pregando, tende le sue mani: “Come posso sapere che cosa devo diventare per Te, per essere la prima, la Tua creatura? Sento la Tua Onnipotenza e giaccio sotto questa ai Tuoi piedi. Come Ti devo riconoscere? Alla parte del Tuo Spirito in me, diventa consapevole la Tua maestosa elevatezza, ma io non la posso afferrare. Come anima rabbrividisco davanti all’incommensurabilità della Tua ampiezza. Se posso sapere di essere Tua figlia, allora sento bensì la Tua più beata vicinanza, …ma ah, quanto è infinitamente maestosa! Hai fatto di me una personalità, pensiero dai Tuoi pensieri e posso avere anche dei pensieri in moltitudine. Vivo da Te, non più nel Tuo Essere. Mi hai dato forma ed hai creato a Te stesso una contemplazione, per preservare la Tua creatura da una paura della Tua onnipotenza. Ma io la percepisco!

26. Fra Te e me si trovano delle eternità. Come devo arrivare fino a Te? Ti chiami UR e sei santo, ultrasanto. Vedi, dalla fonte della Tua parola provengono le mie parole, e solo mentre parlo ne sento il senso. Tu sei UR, tutto, …il Tutto! Io non sono niente davanti alla Tua onnipotenza. O UR, aiutami!”, supplica Sadhana. Solleva più in alto le sue mani, perché sta sperimentando il divenire.

27. Anche il cuore del Padre, di UR, trema, ma in Lui predomina il Creatore; e questo è bene. La figlia non può ancora comprendere la completa lingua. Uno sguardo dalla profondità della Sua Entità – abbracciando Sadhana – le dona dai sette raggi di Vita fondamentale e dalla quadruplice Essenza tutto ciò che è necessario per la sua edificazione.

- Un pensiero fluisce attraverso il suo cuore; ma indugia, per cui lo spinge nell’interiore.

28. Ecco che UR esclama: “Sadhana!”. Oltre al fuoco sul piatto d’argento saetta una scintilla di vita incontro a lei, costringendola a ogni umile inibizione. Lei si alza come un fiore, cammina a destra intorno al focolare e si trova sulla sinistra di UR. Qui si accascia, sopraffatta dall’inafferrabile vicinanza. Lentamente china il capo, finché il suo volto riposa sulle ginocchia di UR; stringe le braccia intorno ai Suoi piedi ed all’improvviso si china, finché le sue labbra li toccano. Soltanto, già si sente sollevata da buone Mani, e prima che si renda conto di cosa le succede, giace al Cuore di UR. – Questa è realtà?

29. Ed Egli dice: “Sadhana, Mia graziosa! Il meraviglioso gioiello di tutte le Mie Opere è la tua umiltà. Mai è sorto qualcosa di più delizioso! Come potevi quindi esserMi lontana? Conserva di certo la giusta riverenza e l’umiltà, perché ambedue, unite, ti insegnano il vero amore per Me!

30. Ma né tu né un altro figlio devono baciare i Miei piedi! Il tuo primo bacio sia fatto per ogni tempo. Solo come creatura non Mi puoi vedere; anche come spirito sarebbe eternamente giusto stare in ginocchio dinanzi a Me. Se inoltre, puoi lasciare agire consapevolmente l’anima vitale, allora puoi stare dinanzi a Me in ginocchio oppure con il capo sollevato. Ora sei tutto questo, e inoltre, sei figlia Mia! Sei nata magnificamente libera, e magnificamente libera devi essere educata tu e tutti i figli che seguono, per frequentare Me, UR come Padre, nella fiducia!

31. Il posto più bello per un figlio è il Cuore del Padre, e riposare al Mio petto di Padre è la ricompensa più sublime per ogni servizio. La riverenza produce obbedienza, l’umiltà la conoscenza. Se un figlio abbina questi, allora percorre liberamente consapevole le Mie vie. Esamina seriamente se vuoi percorrere una tale via, poiché, se una volta dovesse essere strappato un Giorno alla Mia santità-ur, in cui dei figli infrangono la Mia Santità, …allora guai a questo Giorno e al suo Tempo, ma quattro volte guai ad un tale figlio!

32. Vedi, prima hai avuto dei pensieri secondo i quali si formavano le parole. Anch’Io formo le Mie Opere dal pensiero fino alla parola. Ora da ciò è maturato l’Atto che avrà la sua conseguenza. Tuttavia, come un pensiero esamina la parola che deve esprimere, così gli atti hanno le loro conseguenze, che danno loro l’impronta. Un figlio godrà della più sublime beatitudine, solamente quando Mi può vedere nella Mia pienezza, adeguata alla facoltà del figlio. In te, Sadhana – la Mia risonanza, tu, giusto ‘negativo’ – la Creazione deve avere la sua alta conseguenza!”

33. Il fertile suolo del cuore, del figlio della Creazione che l’Agricoltore del Cielo ha preparato bene attraverso degli Eoni, accoglie il meraviglioso seme. Una santa-seria Parola! Il “guai” è il chicco più grande della semenza, che cade in mezzo al campo.

- Sadhana domanda: “O Santo-UR, può mai succedere che un Tuo pensiero – divenuto figlio in inimmaginabile Grazia – non Ti lasci agire eternamente? Non dimenticherò mai il momento-ur più beatificante, in cui ho ricevuto l’esistenza consapevole e Tu mi hai elevato al Tuo Cuore! Ora mi sono infiammata per Te; Tu lo vedi appunto nel Tuo fuoco. Non lasciare mai, Ti prego, adempiersi questo guai”.

- UR getta le Sue braccia saldamente intorno alla figlia amata, preme la bella testa alla Sua spalla; ma con profonda Serietà, ombreggiata, risponde:

34. “Sadhana Mia, tu sei unita a Me indissolubilmente! Nessun pensiero si separa eternamente da Me. Temporaneamente può certamente avvenire una dissoluzione; ma mai una scissione! Però, che sia comunque possibile, è nella Legge del libero arbitrio, che Io ho dato all’Anno-Atto-ur come misura fra Me e le Mie Opere. Di ciò sentirai più avanti. – Ora Mi puoi aiutare; perché devono sorgere dei FIGLI”.

35. Sadhana pensa: ‘Che cosa passa in UR? Come posso aiutare, io stessa nata da un Potere insondabile? Non è da LUI tutto santo, ultrasanto?’. Un brivido corre sul delicato corpo. Oh, pura delizia, che procura a Sadhana una dolce beatitudine.

36. “Siediti sul Mio trono”, dice UR, “e lascia a Me il tuo cuore; allora vedrai come ti posso usare per la Mia Opera di bene”.

- Una mano guida Sadhana, benché UR rimanga seduto sul Suo trono. Egli ha di nuovo ripreso il Suo libro dell’Opera, soffia sette volte nel Fuoco del Suo focolare, affinché la fiamma divampi più chiara e l’incenso dalla coppa del sacrificio avvolga magnificamente il Sole-ur. Tutto è avvolto come da un delicato velo. Dei suoni d’arpa penetrano dolcemente dalla lontananza di Ur. Chi è il suonatore d’arpa? Maestose campane suonano, ricadono sette colori. Sadhana sente un coro. Chi sono i cantanti? Che cosa significa il canto a molte voci? Un coro e delle campane, arpe e colori si fondono in un’inafferrabile armonia.

[indice]

1/2 – I primi sette arcangeli-principi

37. La figlia guarda nella lontananza-ur, i muri del Santuario sono gli ultimi confini, sconosciuti. Allora sa che il Santuario è un’ultra magnificentissimo scopo del figlio. Sadhana vede, più inconsapevolmente, come UR soffia per la seconda volta sette volte nel Fuoco e scioglie il primo sigillo del Suo libro. Simili a delle lingue di fuoco, dai Suoi occhi si sprigionano interi fasci di raggi, come se l’immagine luminosa del Sole-ur irrompesse in settupla divisione dal Suo interiore. Le Sue parole sono delle vampate di fuoco:

38. “Così sia! Ordine Mio e Volontà Mia, uscite dalla Corrente del Creatore; Sapienza e Serietà uscite dalla Corrente del Sacerdote; Pazienza e Amore uscite dalla Corrente di Dio; Misericordia, esci dalla Corrente del Padre. Siate personificati, ogni Caratteristica in due figure, ma legate armoniosamente in una attraverso il giusto e creativo pareggio della forma di apparizione positiva e negativa.

39. In sette Giorni dovete mettere alla prova per voi il Potere, Forza, Potenza e Vigore attraverso quella Legge che si trova nel primo sigillo dell’Anno-Atto-ur. Ascolta, Opera Mia! Io sono l’Eterno-Santo-UR, l’eterno-unico e veritiero. Questo è il Mio nome per l’eternità: ‘UR’! Ogni creare era conservato nella Mia fonte; ora per questo ne conduco quattro correnti, affinché le sante acque ne fluiscano intorno completamente. Quello che hanno bevuto delle Eternità, – ora è diventato ‘Opera’! Perciò accogli la rottura del Mio primo sigillo come l’inizio benedetto della tua vita. Ascolta, Opera Mia:

40. La Legge del libero arbitrio deve servire l’Anno-Atto-ur a favore dei Miei figli, che Io voglio nutrire dalle quattro Correnti dell’Essere, istruire attraverso i sette raggi della Vita fondamentale, guidare e perfezionare. Nella Guida relativa di una Entità ed una Caratteristica si deve mettere alla prova ogni Giorno dalle Leggi della condizione e della libertà, finché il settimo Giorno raggiunga la sua perfezione più alta possibile. Nondimeno, Io dichiaro la Legge come nulla, se un sacrificio portato da Me o per qualcosa di necessario per il compimento della Creazione, provocato dai figli a causa di un’infrazione in base alla libera volontà data loro, non è in grado di eliminarla nel giro di un Giorno della Creazione.

41. Io voglio consacrare all’Opera-Figlio e al Sacrificio, come Creatore, l’Ordine e la Volontà; come Sacerdote la Serietà e la Sapienza; come Dio la Pazienza e l’Amore; come Padre la Misericordia. Il Sacrificio deve sospendere o rinsaldare i confini, a seconda se i figli Mi amano magnificamente liberi oppure se si distolgono da Me nell’ingiusta libertà. Veritiera è la Mia Volontà, sigillata è la Mia parola e la lingua nella Mia Opera. – Voi sette portatori delle Mie Caratteristiche, svegliatevi alla Vita e alla pronuncia del primo sigillo della Creazione! Alzatevi, voi luci; voi fiaccole, prendete possesso del trono della sovranità! Con la Mia Sadhana dovete creare e operare. Ora inizi la nostra prima Opera del Giorno!”

*

42. Sadhana è unita strettissimamente a UR; il suo cuore registra la vita che si muove. Attraverso il fuoco scivola verso di lei un raggio di Forza. Dalla luce e dalla fiamma passano sette forme sull’imponente ponte ad arco che collega l’Opera-Figlio a UR. Come si slegano sette anelli, santamente irradiati dallo Splendore del Sole, fluttuano attraverso il fuoco del focolare e poi stanno in semicerchio davanti al focolare della Creazione.

43. UR accende le candele dei sette candelabri alla fiamma del focolare, e i sette strumenti diventano adessu visibili, ma poi di nuovo velati; ognuno ha bensì un Giorno. Oh, quale magnificenza! Nuovamente divampa in UR un’incommensurabile giubilo, che Egli deve contenere nella Sua quadruplice briglia. E quale delizia per Sadhana! Sette figure diventano visibili (cherubini), poi accanto a loro, rispettivamente, altrettanti, simili a loro nella forma e nell’essenza (femminile, i serafini). Ogni unione è però così stretta, che si possono separare soltanto come corpi. I ‘sette spiriti dell’Eterno-Santo-UR’ hanno ricevuto la loro forma d’espressione.

44. L’incenso soffia sulle coppe del sacrificio; il fuoco arde costantemente, nel Santuario riposa una calma che si respira. Sadhana mette davanti ad UR come silenzioso sacrificio, gioia, gratitudine, giubilo e onore. I ‘sette’ ricevono il loro primo insegnamento. Quando diventano capaci di parlare per conoscenza, cadono giù nella più alta umiltà. Chinano quattro volte il capo, incrociano le mani sul petto, piegano il volto fino all’orlo del tappeto bianco. Il loro primo ‘Santo, santo, santo, santo’ viene sussurrato attraverso il Duomo, che può chiamare alla vita in una volta una Creazione, o in una volta trasformarla in niente.

45. Il volto di UR risplende a questa invocazione. Serio e comunque con un magnifico sorriso Egli guarda giù ai sette. La Sua Entità è quasi troppo colma. Le correnti fluiscono schiumanti nel Suo Cuore. In maestosa armonia risuonano tutte le voci creative, ed Egli vede l’Anno-Atto-ur nello splendore del Suo Sole. Egli posa aperto il libro dell’Opera sul focolare e conduce ognuno dei Suoi sette spiriti ai loro seggi-trono. Il Tocco fornisce ai risvegliati nuova luce. E’ ancora velato, ma ciononostante percepiscono il loro essere negli eoni trascorsi. UR si reca di nuovo al trono del governo, al Suo passaggio sfiora i candelabri insieme alle campane presso il santo focolare che coprono gli strumenti della prima Settimana della Creazione. Ed Egli dice:

46. “Figli Miei! Io sono l’Eterno-Santo-UR, l’eterno-unico e veritiero. Tutto ciò che è, ciò che ottiene forma ed essenza, proviene dalla pienezza della Mia ricchezza. Là riposava, e in essa riposano ancora delle infinità. Io sono l’eterno-Potere e l’eterna-Forza che formano il visibile e l’invisibile. La Mia eterna-Potenza e l’eterno-Vigore guidano ogni Opera all’altissima perfezione. Questo è il Mio nome!

47. Qualcuno viene ancora rivelato, ma ad ogni Opera si rivela diversamente la Mia molteplicità. Tuttavia il Nome ‘UR’ rimane il più sublime, perché in esso è inclusa la Mia ricchezza. Se Mi volete riconoscere, ci vuole il riconoscere delle cose segrete come di quelle rivelate. Anche se siete figli Miei, Io rimango comunque il vostro UR! Infatti vi ha generato l’essenzialità-ur. I Miei pensieri sono divenuti il maestoso percorso dell’Ordine, originariamente al servizio della Volontà. Ambedue sono l’edificio di ogni Opera. Nell’Ordine e nella Volontà Io sono il Creatore, perché dalla Mia ricchezza-ur Io creo prima il divenire. Nella raccolta di questa Fonte della vita l’Entità-Creatore è la prima Corrente che fluisce attraverso il divenire. Proviene dalla prima camera del Mio Cuore, che lo nutre come parte della Fonte di base per tutte le Opere. Non era facile suddividere così la Mia onnipotenza per via di un’Opera filiale, perché eternamente Io ero, sono e rimango l’Unico, l’eterno-indivisible UR! E nonostante ciò, la Mia Opera più bella deve ricevere il frutto maturo.

48. Ho irradiato questo esempio con la Luce della Mia Sapienza e volevo, dalla condizione-ur, la personalità plastica ed autonoma dei pensieri-figli. Così ho agito nella Mia Serietà, e presto è stata lì, in e al di fuori della Mia Entità di Creatore, la forma più meravigliosa. La Mia Santità la sentiva come una consacrazione. Allora chiamai la parte dell’essere che aveva elevato a Me ‘il divenuto’ dalla Sapienza e dalla Serietà, il Sacerdote, ed ho lasciato pulsare i suoi flussi benedicenti – deviati come Mia seconda Corrente di vita – attraverso la seconda camera del Mio Cuore. Con ciò l’Opera edificata ha ottenuto la direzione. Quando con questa ha ricevuto la sua Forza, ha portato già in se stessa la spinta di ritorno al Mio Io. Un giubilo da eoni è stata la Mia ricompensa, ed Io Mi sono trattenuto, affinché non tutto stesse semplicemente compiuto davanti a Me. La Mia Volontà non lo avrebbe mai previsto e non era nel progetto del Mio Ordine; nemmeno nella Mia Sapienza né nella Mia Serietà.

49. Se Io avessi posto l’Opera da un pensiero-ur così pronta, avrei potuto anche avere il giubilo, ma mai l’Opera filiale come era prevista nel ciclo-ur, prevalentemente nel terzo Anno dell’Atto. Qui è valsa unicamente la Pazienza come Piano benefico per l’Opera! Ogni pensiero del figlio doveva perfezionarsi lentamente dal dono del perfezionamento che sarebbe pervenuto su di lui attraverso il genere del Mio palesamento. Io l’ho amata oltre ogni misura; dischiusi la maggior parte del Mio Cuore con la terza Corrente, dando perfino a tutti i pensieri del figlio, della Pazienza e dell’Amore. Ciò lo ha rivelato la terza camera del Mio cuore, come Dio, perché ho visto il bene di questo ‘divenire’. Con Pazienza ho guidato il tutto come anche ogni singolo, per Mano, e così regalai già prima l’Amore.

50. La Pazienza e l’Amore diedero ora l’andamento, da ciò la possibilità di amarMi autonomamente, attraverso la cui reciprocità era da raggiungere la perfezione. Il bene di ciò che in apparenza era diretto da Me e dal Mio Amore, sorretto tanto più meravigliosamente dai raggi di Vita fondamentale precedentemente prevalenti, s’infiammò sempre di più. Io vidi tutto! Nessun figlio potrà mai penetrare in tali profondità, e questo è bene. – Se la parte del Creatore e Sacerdote-UR della Pazienza e dell’Amore avevano creato una base così solida, allora adesso la Mia parte, del Dio-UR, avrebbe riscattato il più sublime: il percorso dell’Opera-Figlio, indietro nell’intero Essere-UR, nella libertà della Sua permanente personalità!

51. Allora ho indagato ancora una volta quegli alti e bassi. Ed Io vidi che su una tale via il Mio Io-ur non sarebbe mai stato sfiorato seriamente, sebbene un quarto della ricchezza dei pensieri sarebbe andato alla parte del figlio. Tuttavia vidi anche che a lui doveva ancora essere dato un quarto del Mio Essere, per cui i pensieri non sarebbero diventati ricchi, né Io stesso ancora più povero. Per questo, i confini formati dall’Ordine e dalla Volontà non sarebbero cambiati! Quel quarto, dopo la fine di ogni opera-parziale, era una possibilità al ritorno, che era da tenere pronto sulla base di una Legge della sovranità, quindi della libera volontà. In questo modo il ritorno a Me sarebbe rimasto sempre aperto per i figli inviati (come co-aiuto), come anche necessariamente per i figli separatisi una volta da sé (eventuali caduti).

52. Questo (pensiero) scosse la Mia quarta Camera del Cuore come una forte Corrente, ed Io l’ho investita (eletta) con la settima caratteristica, la Misericordia, che in essa possedeva l’autocrazia (l’assoluto potere). Questo ora l’ho chiamato Padre. Certamente ho previsto che la Legge della libera volontà avrebbe potuto richiamare una seconda via, sebbene per questa non esiste la minima sostanza dal Mio Essere-ur. La possibilità del mutamento può avvenire dallo Spazio intermedio e dal suo Tempo, che Io presto ad ogni singola Opera come ‘limite d’isolamento’, affinché l’Opera-Figlio giunga allo sviluppo il più alto possibile. Infatti, tutto è dipendente da Me, UR. Io stesso sono sublimemente libero! Dalla Mia Libertà i figli devono avere adesso la loro giusta parte dell’Opera. Se Io ho portato il Mio santo Bene pensato sulla via della libera volontà, allora sulla stessa via dovevo tenere pronto, se fosse necessario, la giustificazione e la soddisfazione.

53. Questo – sorto dalla parte del Mio Cuore paterno – ha dato alla Misericordia l’ultima decisione volonterosa a tutte le cose. Dev’essere il Polo ancorato in cui l’Opera-Figlio trovi il compimento, necessariamente la sua salvezza. Questo, come quarto punto, era la Mia Meta! In tal modo la Mia portentosa previsione che aveva edificato la quadruplice Creazione, era conclusa, e l’avevo creata Io. Tre volte due Giorni dovevano essere consegnati alla Mia parte del Cuore del Creatore, del Sacerdote e di Dio, per la guida, un settimo Giorno alla Mia Paternità. E vedete, ora inizia il primo Giorno della Crezione dell’Anno-Atto-ur, e i Miei Pensieri diventano Opera!

54. L’interiore non va perduto attraverso la formazione esteriore. Ho anche generato i Pensieri creativi rapportati a un figlio corporeo positivo e negativo, equipaggiato con una coscienza di Forza interiore ed esteriore, e devono chiamarsi entrambi, maschile e femminile. Io sono il Positivo unitario, l’Opera nella Sua complessità è la personificazione come il Mio negativo. Come però Io Mi rivelo nella Figura esteriore nonostante l’interiore positivo-ur eterno, così l’Opera riceveva anche questa rappresentazione. Questa è la Mia Sadhana, la figlia della Creazione”. UR indica lei, la quale s’inchina umilmente a queste parole.

55. “Questa non rimane però l’unica formazione della polarizzazione. In ciò ogni singolarità vi si è rivelata. Io vi ho affidato le sette stazioni di Vita fondamentale nella Mia quadruplice Essenza; sono le Mie personali forze dei sensi-ur. Anch’esse hanno ricevuto la loro rappresentazione, perché proprio su queste si è edificato ogni progresso. Voi sette unità filiali, che ascoltate con riverenza le Mie parole, siete i portatori di queste forze dei sensi nel rapporto di un positivo e di un negativo. Voi siete i principi-angeli del Mio Regno.

56. Come ora Io, ho creato il Mio frontale (confronto) in Sadhana, la positiva interiorità in una figura, che con Me per via dell’Opera deve formare la più sublime Unità, non diversamente le Mie Caratteristiche in voi principi-angeli. Anche voi siete due esseri come simbolo del Mio positivo Potere di creare, e dell’Opera come il suo frontale negativo. Voi valete sempre come unità. Solo sette siete stati chiamati davanti al Mio volto come portatori e adempitori delle Mie Caratteristiche. Ma come figli, ognuno è registrato nella parte del Mio Cuore di Padre, e non ho fatto la minima differenza tra i figli positivi e negativi, perché ambedue i generi sono la Mia Opera unitaria di Creatore!

57. Voi sette coppie di figli dovete esser attivi, insieme a Sadhana, con Me in strettissima Unione, ed avere la consacrazione come Miei principi-angeli”. – Gli angeli si alzano, procedono fino al centro tra il santo focolare e la sede di Sadhana, e rimangono fermi con le braccia incrociate sul petto. Sui loro volti c’è un bagliore santo-chiaro.

58. E’ questo un raggio di UR che li colpisce, oppure già un risplendere della loro Caratteristica? Sadhana lo vede con ammirazione, perché si è recata dalla parte destra del focolare. Lei ha agito dal primo stesso impulso di volontà scegliendo il posto migliore. Lo sguardo di UR riposa benevolo su di lei, un dolce sorriso è sull’eterno Volto. Egli stende benedicendo le Sue mani. I figli sentono la Sua benedizione, si vorrebbero volentieri gettare giù. Ma UR li trattiene.

59. Egli dice: “Miei principi di luce! L’origine della Mia Onnipotenza è il Mio Cuore in una Santità indivisa. Se qualcosa si deve rivelare, questa sale al Mio capo. Sadhana è il Raggio riflesso del Mio Cuore; voi siete quello del Mio capo, sede delle forze dei sette sensi. Quello che deve divenire, sorgerà dal Mio Cuore; il Mio capo ne darà la figura. Così vi si rivela l’interiore e l’esteriore (il Mio) nella desiderata Unità-ur!

60. In tutto ciò che la Mia Volontà pensa, l’Ordine si predispone per il suo percorso. La Volontà lo fa divenire, la Sapienza lo irradia, la Serietà lo benedice, la Pazienza ode il battito del suo cuore, l’Amore gli apre la Porta, la Misericordia la chiude di nuovo, affinché Creatore e creatura, Sacerdote e spirito, Dio e anima, Padre e figlio rimangano uniti in ogni tempo. Questo lo deve già portare il Mio Anno-Atto-ur. Così notate bene: Cuore e Capo da mettere in sintonia reciproca; uno deve essere il Portatore e l’Adempitore dell’altro!

61. Ora avete ricevuto la vostra funzione. Io come sommo Sacerdote Melchisedec vi consacro alla Mia Opera della Creazione. Davanti a voi stanno sei Anni-ur, nei quali dovete rimanere ciò che siete diventati. Anche il seguente punto-di-svolta-ur può mantenervi la vostra esistenza e la vostra destinazione nell’ulteriore pienezza raggiunta delle Mie azioni. Con voi apro i singoli Giorni; tramite voi li lascio anche concludere.

62. Secondo: vi consacro come Miei santificati. Terzo: come cherubini e serafini. In tal modo siete i portatori della Mia intoccabile Santità. Se questa venisse mai ferita, avete il diritto – come il dovere – di procurarle al più presto l’espiazione. E in verità, quello che voi dal sacrificio d’espiazione pretendereste al Mio santo focolare, per questo vi sia dato Potere, Forza, Potenza e Vigore. Io, UR, rispetterò il vostro consiglio.

63. Quarto: vi consacro come primi figli. Su di voi erigo la Mia Casa paterna, da voi deve sorgere il Regno. Quattro coppie di Figli rimangono donati alla Mia Sadhana, di cui i primi tre vengono inseriti nel vostro primo gruppo strutturato. Ma dalla quarta coppia devono sorgerne tre, che poi insieme devono incorporare quello che sta davanti ai Miei sette raggi della Vita fondamentale, ma questo lo rivelerò dopo, per via dell’Opera. La vostra quadruplice consacrazione deve giungere su tutta l’Opera dei figli fino al settimo Giorno della Creazione.

64. Come i sette Giorni, così vi appartenete anche voi insieme, Miei principi di Luce. Uno dipende dall’altro, ma nessuno può sostituire l’altro, poiché ciascuno ha la sua propria gestione. Sette Giorni sono una Settimana, e quattro Settimane un Mese, una grande Opera. Dodici di loro formano poi l’Anno, chiamato ‘la Creazione-ur’. Otto Anni-ur sono un ciclo-ur. Verrete ancora a sapere i miracoli di questa suddivisione.

65. Ogni Giorno avrà una Caratteristica come dominante sotto la guida di una Essenza, ed ognuno sarà avvolto da una Notte, come Io custodisco i Miei figli nel Mio Cuore. Al Mattino devono svegliarsi e alla Sera avere il loro ricco ritorno. Il Giorno sarà pesante di lavoro, la Notte piena di buon riposo. Non subito ogni Mattino farà riconoscere il passato. Ma il proprio aumento nella Conoscenza getterà una Luce sia indietro come anche in avanti. L’indietro sarà certamente più forte a favore dei figli, che quello dell’avanti, perché Io solo, UR, l’Onnisanto, ho l’intera previsione!

66. Questo è il vostro primo insegnamento. Voglio vedere come questo conquisterà in voi la forma. Tramite la consacrazione e la benedizione potrete agire”.

- I principi-angeli si recano al focolare, mentre UR mette un segno velato nella coppa del sacrificio, appoggiando la destra sul Libro della Creazione. L’incenso sale fino al tetto del Duomo, e i primi figli esclamano forte:

67. “Santo, santo, santo, santo è UR, l’eterno-santo, l’eterno-unico e veritiero! Lodato sia il Tuo Nome! La Tua Parola ci ha insegnato che siamo uniti con Te indissolubilmente. La benedizione e la consacrazione ci mostrano la via, e non vogliamo mai separarci dal Tuo Cuore. Tu sommo Sacerdote Melchisedec, annunciaci che cosa ci porta vicino a Te. Svela le condizioni da Te poste giustamente, a Te riservate, affinché diventiamo i suoi portatori. Rivela anche la Legge della libera volontà. Vedi, noi la vogliamo sacrificare, …onorando Te. Ci hai eletti principi-angeli, e presagiamo che puoi richiedere da noi tutta la dedizione della nostra esistenza ed essere. Vogliamo conservare l’Ordine e la Volontà.

68. La conoscenza è risvegliata! Tu solo sei Santo! Ma noi siamo il Tuo buono dei Pensieri, così portiamo certamente il riflesso della Tua Santità in noi e possiamo essere santificati e benedetti. Tu stesso rimani eternamente Santo! Come santificati noi portiamo la Sapienza e la Serietà in Spazio e Tempo. Presagiamo che come cherubini e serafini siamo i guardiani della Tua verità. E vogliamo custodire e sorvegliare le quattro Porte del Tuo Santuario. Solamente dei puri e purificati devono trovarvi l’accesso. Vogliamo spargere la Pazienza e l’Amore su tutti i sentieri dei figli, che sfociano a queste Porte sulla Tua Corsia.

69. Noi possiamo essere figli Tuoi e vedere: Nei primi tre Doni noi siamo stati posti accanto a Te nella funzione e nella dignità come rappresentanti, ma anche come garanti per la Santità che Tu ci affidi. Il quarto Dono ci fa dimorare nel Tuo Cuore, come Tu stesso ci hai eretto il Trono della Tua Sovranità. La Tua Bontà ci rende ricchi e beati; da questa vogliamo portare ai figli la Misericordia come il Tuo Essere, come la Parte più bella.

70. Ad ognuno di noi hai dato un Giorno; e come i Giorni uniti in uno, così siamo anche noi un unico Capo nell’Unione del Tuo Essere, come hai detto. E noi tendiamo ad un’unica Meta: essere sempre servili a Te in umiltà ed in riverenza! Lo dobbiamo imparare dalla Tua infinità; ma guarda, o UR, stiamo soltanto nel crepuscolo del Mattino di un primo Giorno, come anche della nostra vita. Per questo conduci Tu noi nella Tua Opera del Giorno, nei miracoli delle Tue vie, affinché ci orientiamo secondo il Tuo eterno migliore consiglio! Santo, santo, santo, …santo è il nostro UR!”

71. Simili a fiamme divampanti, riecheggia il grido portentoso attraverso il Cosmo; con Potenza creativa ritorna indietro e fluttua per un Secondo d’eternità nel Santuario come maestoso silenzio. Un risuonare di campana si propaga nell’incommensurabile elevatezza in questo tempo in cui UR comunica ai Suoi primi figli senza parlare. Loro comprendono il Suo santo-silenzioso discorso; si inchinano in inaudita solennità, e Spazio e Tempo assorbono l’Attimo benedetto. – Allora UR solleva la Sua Destra, e la Fiamma della vita sale più in alto, la coppa del sacrificio oscilla in grandi cerchi, l’incenso si raddensa e il Sole-ur splende molto chiaramente. Tutto ottiene maggior vitalità. Lo sentono i figli e si domandano nel cuore come avviene ciò. Non giace tutta la Vita solo in UR?

72. “Primi Miei, dalla consacrazione e dalla benedizione avete riconosciuto la Mia silenziosa Parola ed avete stabilito con Me il collegamento alla vostra stessa via. Con ciò siete come ritornati davvero, anche se appena in dono al primo Giorno. Se una volta avete riconosciuto la Legge della libera volontà, allora sentirete la forza del legame che vi ha unito a Me attraverso la vostra conoscenza nel primo Mattino del Mio Anno-Atto-ur. E comunque, il vostro lavoro comincia per voi stessi, innanzitutto per l’Opera. Tuttavia non preoccupatevi, quando raggiungerete in ogni tempo il ‘Dare’, poiché vedete, Io sono l’eterno esauditore!

73. Nonostante ciò, vi posso assegnare una grande parte, anche preannunciarvelo senza che inizialmente notiate il suo scopo e la sua meta, fino a quando in voi stessi diventa realizzazione. Riconoscere questo, passo per passo, porta maggiore beatitudine che un’anticipazione di ciò che deve essere compiuto per il bene dell’Opera. Soprattutto, voi dovete divenire dei figli e, come tali, veri rappresentanti e garanti del Mio Regno. Adoperatevi di comprenderMi, di renderMi felice, di agire per l’Onore e, da tutto questo, essere strettamente uniti a Me, così i Segreti della Creazione vi riveleranno tutta la Mia Magnificenza e vi diventi propria.

74. Ciò che voi Mi avete portato ora, lo depongo come Dono sul focolare della Creazione, e tutti i figli ne devono avere la loro parte. Quale figlio come voi tende alla Mia settuplicità posta in Alto, riconoscerà rispetto alla sua purezza, grandi miracoli della Mia Paternità, Divinità, Sacerdozio e Creatività. Sì, in verità: chi è penetrato attraverso le Porte della Mia Corrente di Creatore, troverà da lì la sua via di ritorno nella più interiore Vicinanza del Padre, e crederà di sognare per via dell’insospettata realtà.

75. Dapprima sono certamente da guidare i Miei figli come creature, finché si riconoscono come spirito e da ciò diventano anima di vita, dal cui progresso si diventa poi un vero figlio. Ciò lo avrete raggiunto in un attimo di Eternità! Ma se dei figli, anche più avanti, necessiteranno di un tempo più lungo, allora avverrà appena più che in un Ora del Giorno.

76. Poi procederanno viventi, liberamente consapevoli, per la loro propria via, che è stata prevista nel principio delle Mie condizioni e della libera volontà. Questa conduce il figlio alla creatura, cioè alla voluta umiltà, e da lì all’elevatezza del figlio e al magnifico perfezionamento. Solo nella profondità di una tale umiltà un figlio come creatura trova la chiave che è adatta a tutte le Porte delle Mie Essenze! – La chiave dell’umiltà apre quelle magnificenze della libertà, attraverso le quali un figlio raggiunge la ‘sua elevatezza’. Di questa elevatezza, tuttavia, un altro Giorno ve ne darà la rivelazione.

77. Chi vuole conquistare l’una o l’altra cosa, la raggiungerà pure, ma il tutto è pre-pensato nella pienezza della Mia ricchezza, non viene raggiunto così. Non a caso i sette primi Giorni- Anno-Atto sono una unità, come voi sette non siete entrati senza intenzione, insieme, nella vita, ed Io vi ho benedetti insieme.

78. Certe cose rimangono riservate a Me in eterno; non tutto può galleggiare lassù sulla Coscienza del Giorno. E questo è bene! – Io sono UR, siedo sempre alla Guida. Io solo ho formato l’Universo e lo mantengo, anche la sua singolarità. Io sono il sommo Sacerdote della Mia Opera, che Mi serve da Sacrificio, al quale rivelo Me stesso, sacrificando Me stesso come Re del Mio Regno! Chi osasse toccare la Mia riserva-ur, si è giocato la sua ricompensa. I segreti della Mia creatività sono intuibili, ma in realtà non distinguibili, perché la creatività è la Mia prima riserva. Se Io do ai figli la facoltà creativa, questa rimane sempre la Mia proprietà di base, tutto il resto può essere conquistato da loro personalmente e coscientemente da sé. Quel figlio che lo riconosce, è più vicino al fondo della Mia creatività.

79. La tua domanda dal cuore, Mia Sadhana, perché la Misericordia deve portare ai figli la soddisfazione, mentre oggettivamente Io fondo le Opere sull’Ordine, con buona attenzione rivelerà subito una profondità. Vedete, l’Edificio di base rimane sussistente alla sua natura primitiva, poiché dove non compare l’Ordine prima dalla Mia Volontà-ur, nessuna Opera ha sussistenza, nessuna via conduce alla Meta prefissata. Ciononostante, l’Ordine non sta al di sopra di nessun Raggio, come anche la Mia Essenza di Creatore non è più forte di altre Entità. Ci sono molte cose dove Io come Sacerdote, Dio o Padre, domino unicamente nel Raggio della luce di una Caratteristica. Soltanto, tutte le Opere prendono il loro inizio di realizzazione, non visibile a nessun figlio, unicamente nel Mio più interiore Centro del Mio Essere, e là, Io sono UR, il Creativo, che fa sorgere tramite il Proprio Ordine e la Sua forza di Volontà ciò che si sta formando.

80. La Mia Essenza di Creatore può essere poco comprensibile a chi è solo-creatura (non ancora figlio), a meno che Io non impianti in essa questa conoscenza specifica, ma in questo caso sarebbe inutile il ‘lavoro personale’ dei figli e l’istituzione di una Legge della libertà. Allora basterebbe che Io operassi come Creatore. Invece la Mia unica Gioia faticata, che voglio conquistarMi da questa Creazione dei figli, l’alta Beatitudine che deve divenire per i figli, …ambedue rimarrebbero chiuse, riposando nel Mio Essere-ur. Ma se deve sorgere la Mia Gioia e la Beatitudine dei figli, allora deve rimanere la via predetta, cosicché da creature diventino figli. Un’unica buona conoscenza con la buona Azione collegata ad essa, farà raggiungere questo facilmente.

81. Il nucleo per ‘l’Opera-Figlio’ è preso dal Mio intero Io-ur. Di conseguenza ogni creatura è anche contemporaneamente uno spirito, un’anima e un figlio, come Io sono in UNO, Creatore, Sacerdote, Dio e Padre! Questo lo siete voi da Me. Se anche voi sarete tutto questo da voi, vedete, ciò dipenderà ora da voi. Dalla conoscenza personale dovete percorrere la via della Creazione. Questo riesce meglio dall’essere-figlio alla creatura, e di ritorno al divenire-figlio fino alla relativa perfezione. Il Mio ‘dare’, posto a Me stesso, è il vostro ‘avere’; e questo è il vostro essere-figlio senza un vostro proprio potere e la capacità di compiere. Ma se l’Opera si basa sulla reciprocità, allora voi dovete, partendo da questo inizio imposto, adempiere il vostro dare, e questo è poi il Mio avere! Voi raggiungete perciò la vera finalità anche di ritorno dall’Ordine alla Misericordia, poiché: dalla base voi imparare la vostra essenza!

82. La prima vostra stessa via da creatura a figlio viene irradiata da Me. Chi poi dall’umiltà della sua piccolezza, dalla grande nostalgia per l’eterna unificazione tende coscientemente in Alto, diventa figlio da sé! E questo, Miei primi, è il puro Scopo finale di questa infinita santa Creazione. Tendere unicamente ad esplorare la Mia profondità, porta poca benedizione e poco successo. Invece sulle vie da creatura a figlio ognuno impara quasi da se stesso i miracoli delle Mie vie, con ciò anche i miracoli del Mio Essere, e erofondità, elevatezze, ampiezze, vicinanze si aprono in modo onnimagnifico. Quindi diventato figlio, è la pienissima propria Unificazione con Me, l’UR, sotto la conservazione totale dell’essere personale. Su questo non regna ora nessuna non-chiarezza in voi.

83. Non è diverso in vista dei sette raggi della Vita fondamentale e della Mia quadruplice Entità. L’Opera ha sette perfezioni e quattro gradi di perfezionamento per i figli, ma sempre un collegamento di base con Me, perché Io, UR, sono l’Unico. Questo viene raggiunto tramite l’aspirazione al perfezionamento e ai gradi di perfezione. I gradi intermedi portano sempre un su e un giù. Perciò – come ho fatto ben notare – ho unito sette Giorni in una Settimana della Creazione e ‘quattro Tempi di Settimane’ per una Grande Opera, il Mese della Creazione. Che poi un Mese si ripeta dodici volte, è uno dei Miei misteri-ur.

84. Con l’aumento dell’Opera crescerà anche la vostra conoscenza, perciò ho reso l’unificazione di base indipendente dalla sequenza dell’Opera per via dei figli. Ogni singolo Giorno può raggiungere la sua meta, ma non potrà mai essere del tutto perfetto senza la Mia totalità, nonostante sia dominante nell’essenza e nella qualità. All’opposto, ogni Giorno può portare ai figli un’unica unificazione di base persino permanente, se sotto i suoi piedi, inarrestabilmente, prende la via del Giorno pre-segnata da Me.

85. La sequenza di base rimane eternamente di diritto, indipendentemente dal fatto che per via dei figli le singole Opere abbiano la loro speciale Guida. In Me tutto rimane esistente in modo irremovibile! Quale Entità e, con ciò, quale Caratteristica regnerà sul primo Giorno-Atto-Anno, lo verrete a sapere presto. Ma ricordate bene: anche se una Caratteristica domina un Giorno con una Entità, la parità e l’unità di tutte le altre non viene annullata! Per imparare più facilmente il Mio Essere-ur durante questo Giorno dovrete occuparvi prevalentemente della (Caratteristica) sua dominante. Sotto ogni punto di vista dovete essere ‘figli Miei’, elevati a Mia immagine!

86. Io vi chiamerò tutti per l’Opera del Giorno, anche i figli che subentreranno, (dei quali) uno sarà scelto come dominante. Questo è il simbolo di ciò che Io, l’Uno, tengo tutto nelle Mie mani! Voi domandate: “Che cos’è la vocazione? Che cosa la scelta?”. Nel riconoscere questa differenza, ve lo porterà la prima Ora del Mattino, anche se non ancora del tutto. Ma vi sia data un’indicazione di base:

87. Tutte le creature vengono chiamate all’esistenza cosciente, affinché giungano alla conoscenza come spiriti e si sottomettano alle Opere come anime, subordinandosi al lavoro, per raggiungere su tali vie la ‘propria figliolanza’. Questo è uno Scopo di base del Mio Lavoro, e viene reso accessibile a ciascuno. Un’eccezione a questo riguardo è determinato dalla Mia Sadhana, da voi principi della luce, come pure da due successivi gruppi di figli, mentre poi il quarto avrà da occupare una posizione intermedia, in parte come voi, in parte come tutti i figli, ma vi sarà unita come gruppo di seggio. Ogni Opera ha bisogno di un fondamento. Un fondamento non pone se stesso, viene posto! Quindi ho posto fondamentalmente anche voi, detto in modo più giusto: inseriti.

88. Se le fondamenta ne sopporteranno il peso, dipenderà dunque dall’Opera-Figlio (Gesù), e in questa, voi siete uguali a tutti. Voi nella vostra posizione particolare ne siete le fondamenta, ma il peso lo dovete portare voi come figli (con il co-aiuto). Ma che ora, già con la vostra vocazione, ne abbiate un elezione, è una grande prova di forza che vi è posta, ma (solo) quando la supererete da voi stessi dopo il Mezzogiorno del Giorno, avverrà ancora per Grazia. Nondimeno, se dovete e volete essere i Miei co-portatori, allora dovete dapprima essere plasmati come le fondamenta, e ancora molto altro. Infatti, non subito tutti i Pensieri-figli possono giungere, come voi, alla forma e alla vita. Se siete chiamati ed eletti come portatori della Creazione, allora anche la Mia Opera si poggia su di voi fin dal Principio, e resta da vedere se potrete resistere alla prova-di-forza.

89. Tu, Mia Sadhana, hai ricevuto la Mia chiamata e la Tua scelta nella quadruplice Creazione; ma a te, consapevole, Ti chiamo per il Giorno come il Mio giusto negativo, come consapevolezza di Forza esteriore davanti al Mio focolare. Quindi vieni davanti al Mio santo focolare, di fronte al Mio volto”.

[indice]

1/3 – “La luce sia!”

90. Sadana segue l’Invito. UR si alza, tiene le candele nel fuoco, che ai primi diventano visibili solo ora nel magnifico splendore, i quali diffondono soavemente e in modo potente. Ogni luminare porta due candele come simbolo del santo duale. Da un tirante del focolare Egli prende nuovo incenso, lo mette nella coppa del sacrificio, e presto il fumo mentre sale riempie la cupola del Santuario. Il Sole-ur manda un anello di luce su Sadhana, sette Raggi sugli angeli, e UR prende il santo Libro nelle due mani.

91. Egli dice: “Luce sia al Mio primo Giorno della Creazione! Ciò che Io ho preparato dal Mio centro-ur, dalla totalità del Mio Cuore, si forma nell’esteriore attraverso i Miei portatori di luce e delle Mie sette fiaccole! Sia luce! Il Giorno, che è ed eternamente dev’essere: l’attività il creante; la luce il vivificante della visibilità. Io sono la Luce-ur, visibile ed invisibile! Ma ciò che ora deve irradiare da Me, da questa Luce, deve chiamarsi ‘Giorno’, deve conquistare forma e figura. E la Mia Opera è buona!

92. Precedentemente, la Luce era soltanto in Me. Questo Tempo è stata una santa Notte! Poi ho messo in Me la Luce come ‘Notte’, e fuori da Me come ‘Giorno’. Da ora in poi la Notte sia il tempo del riposo, senza una formazione esteriore, ma il Giorno sia il tempo dell’attiva vitalità. Così la Notte deve servire per raccogliere le forze, e il Giorno per l’impiego delle forze. Ogni Giorno della Creazione venga avvolto da una Notte, perché la Notte porta l’elemento fortificante! Ma Io solo, che sono uscito dalla santa Notte della Mia Entità interiore, rimango Guardiano della Mia eternità-ur, e con ciò per tutti i tempi! Le Notti porteranno il mistero del completamento.

93. Il Giorno e la Notte sono il positivo e il negativo assegnato ad una Creazione, la consapevolezza di forza interiore ed esteriore. Per l’Opera del Giorno immetto i Miei collaboratori come costruttori; nella Notte, Io come Costruttore trovo i preparativi per la successiva rivelazione della luce, Infatti, la Notte, chiamata dai figli come ‘oscurità’, (la luce) splende in Me più chiara che in un Giorno!” (Salmo 139).

94. UR ripone il libro sul focolare e si reca subito davanti a Sadhana. Mentre solleva le Sue mani, lei cade sulle ginocchia, inondata da un brivido in un santo sprofondamento. Un flusso di vita creativa le dà sensibilmente il collegamento tra UR e il suo cuore. Ecco che un nastro visibile tesse incenso e luce intorno alla figlia. Sul Volto divino splende un sorriso meraviglioso, colpisce i primi figli come un raggio dell’aurora.

95. “Mia amabile Sadhana, Mio più squisito Pensiero! Ciò che ti porterà l’Ora della consacrazione, ciò che il Mio Spirito mette in te, Mia Opera, nelle tue mani, è grande e pesante. Un Anno-ur dipende dalla tua conoscenza, dalla Guida personale, dalla (tua) predisposizione d’animo verso di Me e verso l’Opera, in rapporto a quanto, dopo l’appello, riuscirai a dare una risposta a quattro domande, che poi avrà per conseguenza la tua consacrazione.

96. Con questa consacrazione sono sigillate la costruzione, la direzione, l’andamento e la meta dell’Anno-Atto-ur. Una lotta tra le Mie sette forze dei sensi – eseguita dai Miei principi-angeli – potrà dare direzione e orientamento, se non ti sottometti in ogni tempo, grazie alla libera volontà, alle condizioni a Me riservate, poste giustamente. Poiché sappi: solo questo piegarsi permette di ottenere il dominio sulla Legge e adempie la Meta già pre-pensata della quadruplice Creazione.

97. Come tu agisci, figlia Mia, così la Creazione ha la sua risonanza. Tu devi compiere l’Opera visibile, …consigliata e guidata amorevolmente da Me. Come stai di fronte a Me, così sta di fronte a te la Mia Opera. Il Mio lavoro deve stabilire le condizioni e, se necessario, raggiungere la meta unicamente tramite queste. Tali condizioni non sospendono il libero arbitrio personale, ma, al contrario, lo garantiscono.

98. Voi non potrete mai misurare gli Spazi e i Tempi che finora sono stati portatori di molte Opere. Il lavoro delle Mie mani non deve mai annullarsi attraverso un minuscolo Giorno della Creazione oppure attraverso un figlio, magari per il fatto che Io, per la vostra beatitudine e gioia, ho dato la libera volontà all’Anno-Atto-ur. Dalle creazioni, in eoni, Mi spetta la ricompensa-ur, la quale Mi consente di incassare il Mio proprio Diritto più sublime, il diritto dalla Mia fatica, che alla fine di ogni Anno procura la perfezione. Tuttavia, se ho legato Me stesso alla Legge, per dare anche ai Miei figli una ricompensa, allora come Padrone della ricompensa devo dapprima pensare al Mio ben meritato guadagno. Come altrimenti dovrei ricompensare? Le Mie condizioni assicurano la ricchezza della Mia Casa e, con ciò, la giusta ricompensa per gli operai assoldati.

99. La Legge della libera volontà vi permette, grazie al talento ricevuto, la facoltà di realizzare la conoscenza conquistata dai pensieri e compiere delle azioni creative. Di fronte a questo sta la Mia condizione: ogni Opera, sia grande che piccola, deve essere formata per l’utilità, per l’insieme, almeno per ogni Giorno della Creazione. Se non lo si fa, la Mia onnipotenza cade in braccio ad un’azione affrettata o falsa! Lo Spazio e il Tempo non ne hanno alcun ruolo.

100.! La separazione di un lavoro magari contrario all’Ordine può durare non solo un lungo tempo, bensì costare persino altissimi sacrifici, perché un’Opera una volta messa in scena non è da trasformare improvvisamente. Una tale sospensione ferirebbe la Legge del libero arbitrio e scuoterebbe la Mia costruzione di base. Voi dovete essere educati alla collaborazione. Questo richiede anche un procedere autonomo. Se un pensiero immaturo conquistasse la vita, come giungerebbe il medesimo alla sua maturità creativa? Non lo potreste dissolvere nemmeno dopo aver raggiunto la conoscenza, poiché, …nessuno deve disporre della vita di un pensiero che è diventato ‘figlio’ se non Io solo, il Signore della Vita! Ed Io non distruggo nessuna vita, nemmeno la più immatura, bensì guido tutto in quelle vie, per condurlo alla pre-pensata maturità di Opera! Questa è la Mia condizione fondamentale!

101. Risarcire un atto inopportuno richiederebbe inoltre la rinuncia alla riparazione. Tale è una irrevocabilità alla quale ho vincolato la Legge della libera volontà, ma non ho collegato la condizione e la Legge allo spazio e al tempo. Tuttavia, c’è anche questa condizione; che ogni azione fuori tempo deve essere riparata di nuovo entro un Giorno. Nondimeno, se Io vedo che un figlio secondo la riparazione vuole portare a Me la stessa, allora non metto un limite né allo spazio né al tempo; al contrario, Io stesso intervengo aiutando, in segreto oppure apertamente, per spingere tutto su quella libera scia che lega l’Opera alla riparazione.

102. Una falsa azione potrebbe anche essere riparata da altri figli che non l’hanno commessa, almeno contribuirne in gran parte. Questo richiederebbe poi un sacrificio consapevole, cosa che però porterebbe nuovamente in sé una condizione, cioè quella che colui che commette la falsa azione espii il sacrificio (che gli è stato) portato. Di questo, ora basta come primo Insegnamento.

103. La Legge della libera volontà ha ricevuto due Vie. Una delle condizioni da adempiere sta nella indissolubilità di un Mio pensiero. Però, se ho assegnato ai pensieri dei Miei figli una propria entità, allora sarebbe assurdo legarli ad una pre-pensata meta per mezzo del Mio Potere-ur. Questo è successo eoni di volte prima della quadruplice Creazione, dove una irradiava sopra l’altra in perfezione. Tuttavia, …spettava a Me, completamente al Mio Potere, Forza, Potenza e Vigore.

104. L’ultima eternità prima di quell’imponente punto di svolta creato, aveva raggiunto un tale culmine, che secondo il metodo di lavoro non ci sarebbe stato più nessun aumento, eccetto se l’avesse pensato UR! In tal modo avrei ottenuto che lo stesso Panorama (staticità) sarebbe passato davanti ai Miei occhi-ur con quella differenza inebriante, di rallegrarMi nella dimostrazione del potere prescritto da Me stesso.

105. Certamente le Mie Opere Mi soddisfacevano, essendo prima di tutto uno scopo a se stesse. Tuttavia, nella Mia più svariata ricchezza si agitava sempre più uno scopo di lavoro, perché il Mio Creare non conosceva nessun limite. Ogni ‘fine’ era un nuovo ‘inizio’. Alle Mie Opere non c’è da mettere nessuna misura, ma se imposto una misura allo Spazio e al Tempo, se ad un Giorno oppure ad un imponente ciclo-ur, in ciò vi giace il germoglio per un nuovo operare. La Mia Fonte si apre, le sue correnti rumoreggiano potentemente; scorrono attraverso il Mio Essere-ur e in ogni impulso della Mia Volontà.

106. Le quattro Correnti sono gli impulsi che danno costantemente la vita; e tuttavia… sono anche raccoglitori nelle quali fluisce ogni sviluppo dell’Opera. La forza positiva dell’acqua, purifica e rinnova. Se in una Sera di lavoro tutte le sostanze d’esistenza ritornano nella regione della Corrente, allora vengono purificate dal ‘peso del lavoro’, ricevono nuova capacità di vita ed escono come ‘ri-nati’ dalla Mia fonte-ur, su al santo gioiello di un nuovo Mattino della Creazione. Questa è un’inarrestabile circolazione, e pur tuttavia nessuno vede come una via si allinea all’altra, come non ritornano mai le stesse vie. Se sono passati quattro Anni-ur, allora un ciclo-ur giunge al suo confine più lontano, nel senso della destinazione alla possibilità del più alto sviluppo. Gli ulteriori quattro Anni-ur che sono la Mia inspirazione, riconducono l’andamento nel Mio proprio Io. La conclusione è un punto-ur di svolta. Nessun figlio lo può percepire.

107. Per i figli di buona volontà un Anno va inteso nel senso che tutto è diventato nuovo, anche ciò che Io ho lasciato dal Mio Essere alle Opere a causa loro. Pertanto, se l’Anno-Atto-ur raggiunge la pre-pensata perfezione attraverso i Miei figli, allora all’ultima Sera Io parlerò così: «Vedete, quello che era per la Mia Opera le è affluito, e con ciò ed attraverso lo stesso è diventata nuova. Tramite la vostra obbedienza avete la giusta parte nella magnifica perfezione; voi dovete partecipare anche nel nuovo Anno, in, accanto, e al di fuori di Me. Di conseguenza, voi potete formare una parte dell’Opera affidatavi, secondo il vostro modo».

108. Solamente, questo vi deve essere affidato solo se nei primi sette Giorni-Atto-Anno – per mettere alla prova la Legge della libera volontà subordinata ad esso – i Miei figli superano la grande prova della Libertà della Creazione, soprattutto tu, amabile Sadhana, e voi principi di Luce e i primi del Trono, perché in tal modo le condizioni poste giustamente, riservate a Me, dimostreranno nell’affermazione, che la libera volontà (il libero arbitrio) può portare il massimo sviluppo ad uno spirito-parziale nato da Me. Se lui l’ottiene, cioè lo raggiunge, allora anche l’Opera troverà la sua piena maturità.

109. Non potrebbe mai essere degno di Me se dovessi dire ad un figlio: «Guarda la tua via!». E poi lo condurrei così legato, che non potrebbe guardare né a destra né a sinistra; per non parlare di camminare mai autonomamente. Con ciò avrei creato sì un figliastro, e la Mia Gioia culminerebbe nel Potere illimitato esercitato. D’altra parte, metterei la Mia maestosa Perfezione del Potere in un giubilo-ur senza pari, se gli stessi figli nati da Me, giungessero alla perfezione in base alla libera volontà.

110. Non sarebbe grave se in seguito alla forza di volontà messa alla prova in modo insufficiente, si smarrissero qui e là. La Mia presenza li istruirebbe nel modo più amorevole ed indicherebbe loro il giusto sentiero. Se un figlio arrivasse poi alla conoscenza, allora la legge della libera volontà, come anche la Mia Gioia, sarebbero ben confermati. Per voi primi dovrebbe essere facile rimanere sempre sulla miglior via con la vostra volontà. Io vi aiuterò e vi consiglierò in tutte le cose nei primi quattro Giorni della Creazione, dato che siete l’Opera delle solide fondamenta. Di questo, ricordatevelo sempre”.

[indice]

1/4 – Sadhana eletta a essere il negativo di Dio, collaboratrice e adempitrice dell’Anno-Atto-ur

111. Durante questo discorso gli occhi degli angeli in piedi e di Sadhana inginocchiata, sono rimasti attaccati al santo volto. La Parola è stata per loro come una fonte, anche se il nesso causale non può ancora essere afferrato. Una deviazione dalla via indicata è del tutto estranea a loro. Le mani di UR scorrono accarezzando sul capo di Sadhana; dal Suo sguardo irrompe un dolce sorriso. Ma le Sue parole sono serie:

112. “Mia Sadhana! Ti chiamo innanzitutto come Mia prima figlia alla Mia Opera della Creazione, in secondo luogo come il Mio sacro negativo; come terzo, alla fedele collaborazione nei sette Giorni; e quarto, all’adempimento dell’Anno-Atto-ur. Nella tua mano, nella tua conoscenza, giace il perfezionamento delle future creature. Ti è affidato. – Il ‘perfetto’ sta a Me! Ora, figlia del Mio Cuore, riflesso del Raggio mattutino dell’eternità, vuoi riconoscere l’appello?

113. Ti faccio notare l’immenso sforzo che è necessario per questo. Non è ancora passata per nulla la prima Ora di questo Giorno, ed Io l’ho data liberamente per l’ammaestramento tuo e dei principi. Se ad uno di voi la via sembra troppo difficile, è ancora in tempo di chiederMi di lasciare la via della libera volontà. Allora annovererò quest’Ora alla Notte trascorsa e vi assegnerò un altro lavoro.

114. Poiché sappi, Sadhana: essere in grado di agire a propria discrezione e subordinarsi comunque alla Mia Volontà per l’Opera, è un darsi alla Creazione, il che richiede il pienissimo dominio del proprio sé! Vale a dire che Io misuro ogni ricompensa unicamente in base al lavoro e adeguo le Mie richieste alla meta pre-pensata. Un lavoro scarso non è adeguato ad un’alta ricompensa. Vi lascio il tempo per una matura riflessione ed esame di voi stessi, poiché vedete, la Creazione può dipendere dalla decisione della vostra libera volontà”.

[indice]

1/5 – I dodici rintocchi

115. La prima Domanda ad una figlia nata libera! Non pesa troppo sulle spalle delicate, cosicché il capo se ne deve piegare? Sadhana ne sente il fardello e, …una Mano che scivola fra peso e spalla. Ah, che le succede? Non fluisce dal fardello percepito, la maestosa armonia nel suo cuore? Lei guarda in su e, …è sola, avvolta nell’incenso. Scorge soltanto un largo raggio di luce. Le parole di UR riecheggiano in lei, in più la domanda, angosciosa e opprimente, e ciononostante la rende infinitamente piacevole.

116. Lei sente sei colpi bassi, soavi, di una solenne campana. Ogni colpo lacera il silenzio dello Spazio invisibile, spinge da parte l’invisibile e le dà una visione più ampia. Ardente di timore, le sue labbra formano nel respiro il Nome ‘UR’, sopraffa sul suo amabile corpo, pensa al suo essere-figlia e al fatto che UR è suo PADRE. E questo Onnisanto, vuol mettere la Sua Opera nelle sue mani? Non è già questa, una prova? Può approfittare in questo senso della Legge della libera volontà? Non è arroganza? O UR: non hai assegnato alla Tua prima figlia, …qualcosa di irrisolvibile?

117. Il suo capo si china più profondamente, quasi fino al suolo. Se UR stesso chiama amara la decisione, non sarebbe meglio chiedere un’altra Opera? A cosa serve la libera volontà, se in tal modo il figlio perde la via? ‘O UR, noi, …voglio rimanere con Te, Padre del mio Amore!’. – Come le viene all’improvviso questa parola? Ha a che fare con il suo sentimento momentaneo, con un ‘No’? Che cosa farebbero i principi-angeli? Inarrestabilmente segue la domanda e la risposta interiore.

*

118. Il settimo suono di campana si posa tranquillizzando sul suo cuore agitato. Quante volte può risuonare questa campana, finché si formi quella risposta che – mettendo al sicuro l’Opera – accontenti UR? Ecco che saetta la conoscenza: ‘Il Giubilo titanico di UR!’. Dove rimarrebbe questo, se pretendesse un ‘No’? Non potrebbe lei, servirLo nell’amore sacrificante, riconoscendo entrambi, la Condizione e la libera volontà?

*

19. Risuona l’ottavo rintocco. Un avvertimento, oppure… una Fonte di forza e un incoraggiamento? Sempre di più si consolida in Sadhana che l’Opera della libera volontà è la Gioia più sublime di UR, anche il suo ringraziamento che lei può vivere coscientemente. Non è mai esistito il santo Duale: Creatore e creatura, Sacerdote e spirito, Dio e anima, Padre e figlio! Se rimane sospesa l’Opera del libero arbitrio, allora, in particolare, deve essere sospeso ‘Padre e figlio’. Allora attraverso Sadhana trema uno strano dolore.

*

120. Il nono ritocco sta lì come rovesciato. – Non risuonava in modo più gentile? – E’ sulla giusta via? – Oh, tu, amara decisione! – Come creatura, può esistere senza una Legge pesante. Se però unita intimamente a UR, …come lo ha già portato la prima Ora del Mattino? E… come spirito? Per questo esiste l’unione, con cui ne è riccamente dotata, essendo irradiata dall’Essere sacerdotale. Anche qui non ci sarebbe nessuna separazione. – Ma come stanno le cose con la relazione tra Dio e l’anima? Come tale può di certo essere e vivere tranquillamente in UR. Anche in questo caso non esisterebbe nessuna separazione. Ma come stanno le cose con l’unificazione fra Dio e l’anima? Perché ‘vita’ significa ‘accrescimento’! Senza la Legge della libera Volontà nessuna creatura, né spirito né anima, potrebbe vivere consapevolmente, anche senza diventare figlio da se stesso.

*

121. Il decimo rintocco fluisce formalmente attraverso il silenzio. Allora Sadhana si rende conto di essere ora sulla giusta via, e rapidamente comprende: tutti i pensieri diventati forma, necessitano di uno sviluppo esteriore, se UR vuole condurre in alto la Sua Opera che crei il concetto di Padre-figlio. Oh, non sarà facile possedere una propria volontà e, ciononostante, sottomettersi in ogni tempo alla regnante Volontà del Creatore, e riconoscere le condizioni legate allo scopo e…

*

122. L’undicesimo rintocco di campana colpisce particolarmente solenne la figlia che lotta solitaria. Non pone anche UR la Sua imponente Volontà di Creatore dietro a questa Legge della libera volontà? Sì, non dà Egli il suo santo, inafferrabile Lavoro da eoni di Spazio e Tempo ai figli, che Egli ha formato per Sé da creatura, spirito e anima? Anche Lui sacrifica la Sua paternità, …la quarta Parte del Suo Essere! La figlia viene inondata in modo elementare: “O UR, eterno-santo, il mio cuore è colmo dell’immensa grandezza dei pensieri! Li sento, ma non li posso afferrare. Gravano su di me troppo potentemente. Prendili da me! Voglio soltanto essere Tua figlia, Ti voglio rendere felice, non farTi perdere la Tua ricompensa, il Tuo Giubilo.

123. Difficile sarà la via della libertà sotto le Condizioni. Vedi, allora avrò bisogno continuamente di aiuto, assistenza, forza e guida, altrimenti non posso adempiere le Tue legittime aspettative. O Creatore, aiuta la Tua creatura fuori dall’Ordine e dalla Volontà; Tu Sacerdote, provvedi a me, piccolo spirito, secondo la Sapienza e Serietà. O Dio, dà a me, essere, la pazienza e l’amore, affinché io diventi un’anima della Vita. Padre, assisti Tua figlia nella Misericordia e nella Bontà”. – La parte più intima del cuore si è aperta. Delizia, brivido, gioia, titubanza scuotono la figlia. Delle lacrime ardenti, che lei non conosce ancora, bagnano il Tappeto bianco. Così non sente il dodicesimo suono della campana-ur, non vede nemmeno come si divide il fumo d’incenso.

124. UR sta nella magnifica maestosità del Santuario. Ma chi Lo vorrebbe descrivere? Il Suo volto splendente, l’irradiazione dei Suoi occhi nei quali si riflettono delle lontanissime Creazioni nella più sublime armonia, il buon sorriso colmo dei più misteriosi miracoli, ogni fasto è scintillante di maestosità, la veste, il gesto della Sua mano benedicente! – Chi lo potrebbe, …anche se Lo avesse visto migliaia di volte?

125. Un tocco risveglia Sadhana dalla sua interiorizzazione. Si spaventa di tutto questo splendore solenne che le si rivela. Il suo spavento è un giubilo ardente del cuore, in un grande, unico raccoglimento, in un giusto silenzio dinanzi al Signore. Questo silenzio le indica – rabbrividendo di delizia – che è stata già sovente inginocchiata, ebbra di beatitudine dinanzi a UR. Non sa il come e il quando; soltanto, che era! Ma tale sfrenata Gioia, un sentimento santo-timoroso che inonda il suo essere, di cui non si è mai resa conto in nessuna passata gioia della Creazione. Ora sente prossima la perfezione. E questa deliziosa Ora del Mattino le ha donato per questo il primo passo. Lei è beata! Beata!!

126. Quando però la sfiorano le mani di UR, lei Lo vede del tutto maestoso, come la divina Maestà davanti a sé. Si inchina con impareggiabile riverenza, finché la sua fronte poggia sui Suoi piedi.

- UR lascia fare Sua figlia; è bene gustare l’umiltà fino in fondo, ma nel raggio dei Suoi occhi, nel ‘sentirsi sollevata’, si rivela la Bellezza del Santuario, anche dei principi-angeli i cui volti splendenti le appaiono enigmatici. Lei non sa che anche questi la guardano come meravigliati. Può essere diversamente? Stanno sperimentando perfino un mistero dell’Opera, il cui senso impareranno certamente a conoscere solo un po’ alla volta. UR lo rivela in parte, le Sue parole rimangono ferme nel Santuario come una personificazione.

127. Egli dice: “Sadhana Mia, e voi, principi-angeli, figli del Mio Cuore! Il Tempo che ho dato per la riflessione della Domanda posta, rimane non misurato, affinché possiate dare una buona risposta. Vedo bene la decisione; ma come ho dato all’Opera la Mia espressione, così dovete fare lo stesso anche voi. Non svolgete la prova solo davanti a Me, bensì per voi stessi, prevalentemente per tutti i figli. E l’esame è ben conservato nelle Mie mani. Aprite i vostri cuori e date al primo Giorno dell’Anno-Atto-ur ciò che lo fa perfezionare anche da voi stessi”.

128. Sadhana sente ancora una volta la responsabilità come peso. Ma poi dice nella sicura conoscenza: “Eterno-Santo-UR, eterno-unico e veritiero, Tu, bontà nella Tua Potenza, Forza, Autorità e Vigore, Tu, veritiero Donatore di pace! Io rimango in eterno legata a ciò che la prima Ora del Mattino di questo delizioso Giorno del Creare ha tenuto pronto per noi, degli Anni-ur ne sono colmati con delle beatitudini, quando i Tuoi figli percorrono l’alta Via da Te indicata.

129. Io riconosco la Legge della libera volontà, edificata per la prima volta con la nascita consapevole della vita dei Pensieri filiali, regnando nel Creativo. Riconosco le Tue condizioni poste giustamente, riservate alla Tua onnipotenza e al giusto pareggio deli due fondamenti. Dammi la Tua assistenza, onnibuono UR, affinché io viva ed agisca come Te lo puoi aspettare giustamente dalla Tua prima figlia. Hai detto che la formazione esteriore visibile giacerebbe nella mia mano. O UR, che cosa fai alla Tua figlia che parli così? Unicamente nelle Tue mani riposano del tutto l’Opera presso Opera, e fuori di Te non c’è nessuno che sa perfezionarli più magnificamente. Io non ne sono capace”. Sadhana china per un momento il suo capo, si alza di nuovo e continua a parlare:

130. “Onnisanto, Tu sei l’eterno Regnante! Se però la Tua Parola deve adempiersi in Me, allora conservami in Te; allora l’Opera viene incoronata soltanto in questo modo, e la Tua alta questione, santa, del Fondamento-ur, sarà consigliata e guidata al meglio! Non voglio mai essere trovata dinanzi a Te che nella pura umiltà; perché io non voglio, non posso formare la Tua Opera, ma certamente Tu la Tua Opera in me!

131. Se non puoi aiutare diversamente la Tua alta Meta a causa mia, allora imploro la Tua Misericordia, di cui Tu dici che essa ha anche come ultimo raggio della Vita fondamentale in tutte le cose, anche la decisione finale della volontà. Accoglimi nella Tua paterna Custodia ed aiutami come a Te compiace. Amen!”.

- Da dove prende Sadhana queste parole? Da dove ‘l’Amen’? Lei stessa ne è sopraffatta. Lei non riesce ad afferrare lo splendere e il buon sorriso dell’alto Onni-Padre nella sua profondità fondamentale. E così il Padre parla da UR:

132. “Amen! Amen! Così deve anche essere! Mantieni la tua promessa. Guarda: Io mantengo certamente il Mio ‘amen’!”.

- Gli angeli s’inchinano profondamente. Interiormente portano la risposta del figlio della Creazione; nondimeno è diversa, non di più, non di meno. Sadhana come giusto ‘negativo’ è ora del tutto figlia, ‘ricevente’; gli angeli, come Portatori delle sette Forze dei sensi, sono già divenuti ‘donanti’. Ambedue le cose sono giuste nell’Opera.

- UR conduce Sua figlia alla poltrona-Trono, seguono i principi. Poi Egli si reca al Suo Trono, e posa la Mano destra sul Libro aperto.

133. “Sadhana Mia! Mentre tu lottavi per la decisione, anche i Miei principi lo hanno fatto, perché anche a loro è stato assegnato l’adempimento dell’Opera. Dunque, principi Miei, venite qui, ognuno per se stesso. Ogni figlio e ogni figlia deponga la sua risposta sul santo focolare, affinché dopo possano seguire le altre domande. Ora è la parola che Mi portate; l’azione da ciò deve dimostrarsi durante i primi quattro Giorni del Lavoro. Ma quello che è dato al Giorno dell’Ordine, rimane il fondamento del Divenire”.

- Si fa avanti il primo grande spirito, cherubino e serafino s’inchinano nella massima riverenza. Entrambi parlano insieme; ma lo Spazio beve una sola voce, il Tempo sente una sola risposta.

134. “Onnipotente, Eterno-Santo-UR, Luce e Vita! Dal Tuo centro-ur è salito gloriosamente il nostro divenire. Percepiamo l’alto Potere, la maestosa grandezza della tua Maestà. Ma se Tu ci rivelassi così tanto dell’incommensurabile fino all’alta Sera di questo Giorno, di come noi potremmo sopportare nella Tua Guida di Grazia, non sonderemmo mai l’Onnipotenza della Tua Maestosità! – Non in questa Sera, non alla fine di un Anno.

135. Tuttavia, proprio il riflusso della luce-ur è il fondamento stabile su cui Tu edifichi tutte le beatitudini dei Tuoi figli. Però, noi pure vogliamo diventare per Te il buon fondamento, affinché in ogni tempo sia giusto il Tuo conto del Giorno. Per questo abbiamo bisogno del Tuo continuo aiuto. Fallo sempre giungere a noi, divina Maestà! Voglia ora la prima risposta di noi sette, avere un senso con il Tuo santo consiglio.

136. Eterna Onnipotenza, Tu hai rivelato la Legge della condizione e della libera volontà e l’hai posta come imponente Polo della Tua autorità di tutte le creazioni. Dà le Tue condizioni nelle nostre mani. Guarda: noi mettiamo per queste, la libertà della volontà nelle Tue. Tu stesso come nostro UR sii il Mediatore tra i due. Sarà sempre preservato il Tuo Ordine a rivelare l’equilibrio dei due fondamenti, affinché ogni figlio rimanga memore della Tua alta maestosa Grazia. Da delle Profondità di Onnipotenza a me ignote, Tu mi hai fatto nascere forma ed essenza, un principe-angelo, un portatore di una delle Tue forze dei sensi.

137. Quando ero ancora in Te, ero una parte di Te stesso! Mi colpisce un Raggio: Quelle Opere erano un immenso Edificio preparatorio per il ciclo-ur, in cui ci hai formato nel proprio Io, in creatura, spirito, anima e figlio. Hai rinunciato a una gran parte della Tua essenzialità; per questo vuoi incoronare la meravigliosa Opera-Figlio, come non è mai avvenuto con nessuna delle Tue Opere! Qual meravigliosa magnificenza! Nonostante ciò, presagisco che verranno dei Giorni in cui la maestosa Opera-Figlio dovrà sostenere delle inafferrabili prove di forza. Non so ancora nessun come, né quando, né perché; soltanto per la previsione mi hai aperto gli occhi.

138. Maestosa Santità! Lo sviluppo dell’Opera dipende dal Tuo Spirito, dalla Tua Parola, dal Lavoro delle Tue mani. Se mi hai previsto come portatore di una delle Tue caratteristiche, fammi dapprima pregare: Dammi dalla Camera del Tuo Cuore creativo, il Potere affinché possa rendere servibile l’Ordine. Se ci hai messo a disposizione qualcosa di così meraviglioso, chi di noi, o UR, di Grazia, può mai ingannarTi della Tua ricompensa? Perciò riconosco la Legge della libera volontà accanto alle Tue sante condizioni nell’alto giusto equilibrio come unico vero fondamento dell’Ordine! Solo così le Tue condizioni diventeranno l’onnipotente meta, e la Legge della libera volontà porterà anche all’incoronamento dell’Opera-Figlio. Allora alla fine di quest’Anno il Tuo Giubilo sarà anche il nostro giubilo, quando Tu – onnipotente ed onnimaestoso – vedrai dinanzi a Te nella Tua magnificenza il perfezionamento del Tuo Atto-Creazione-ur!

139. Se devo servire l’Opera, allora Ti prego ancora: opera Tu, o UR, in me, come vorrei rimanere in ogni tempo nel Tuo Cuore. Io resto sempre un aiutante dell’Opera come Te lo puoi aspettare da me. Formazione e perfezionamento sono in Te! Come benedici i Tuoi Giorni, benedici me, affinché possa sussistere nell’eternità. Portami! Allora sarò un portatore delle Tue forze. Guidami, affinché io possa guidare! Illuminami, affinché da principe della luce diventi veramente anche la chiara Fiaccola. Assistimi Tu, affinché dalla vocazione ed elezione, anch’io sia un sostegno, se questo dovesse diventare necessario.

140. Lodato sia il Tuo Nome ‘UR’ da eternità in eternità! Tutto l’onore a Te, eterno-santo, eterno-unico e veritiero. Voglio sempre rimanere al Tuo fianco il primo angelo. Dì anche a me il santo ‘Amen’ che la Tua amabile Sadhana ha attinto dal suo cuore e al quale Tu come Padre della Misericordia hai dato il profondo senso. – Mio amato UR, fa che riconosciamo apertamente la Tua Magnificenza”.

*

141. Gli angeli s’inginocchiano sul tappeto blu adorando, inondati di luce. Hanno parlato bene?

- Ecco che risuonano delle sante Parole attraverso lo spazio; i figli sono toccati da un misterioso alito, in modo che tutti si accasciano rabbrividendo. Ed è questo che porta a loro la più sublime delizia e, contemporaneamente, la comprensione sconvolgente:

142. “Amen! E ancora tre volte, amen, amen, amen! Questo deve avvenire veramente così! In verità, se il Mio lavoro è posto su tali primi principi, le fondamenta sono indistruttibili! Mio principe di luce, portatore della Mia prima Caratteristica (Amore), tu devi fare la guardia a quella Porta attraverso la quale dovrebbero passare gli accusatori, se un giorno venissero abusati le Mie condizioni e la libera volontà[9]. Contemporaneamente essa è la Porta dei portatori della Legge con quelle Leggi immutabili, senza le quali nessuna Opera creata può sussistere. Il secondo principe-angelo veglierà con te; perché ordino due guardiani per custodire le Mie Leggi e la loro osservanza. Ora non potete misurare la grandezza del compito che vi ho creato, lo presagite solamente. Ma il futuro ve l’insegnerà. E ora i Miei altri principi devono testimoniare, affinché il Giorno abbia la sua continuazione”.

143. UR stesso solleva i Suoi figli e si siede di nuovo sul Suo trono.

- Dopo che tutti hanno parlato, eccetto il settimo, ne segue che il terzo e il quarto angelo possiedono la seconda Porta, attraverso la quale sono da portare le condizioni-ur dei Giorni; alla terza porta stanno il quinto e il sesto angelo. Sulla sua soglia vi è la Giustizia – su tavole di ferro come incisione – per arrivare alla rivelazione dell’Opera.

*

144. Ora il settimo angelo è inginocchiato sul tappeto bianco del vano. Ci sono state delle imponenti risposte ascoltate dal Santuario. UR solleva benedicendo le Sue mani, uno splendore solenne illumina il Suo volto. La Sua grandezza, la santa maestosità riposa quasi percettibilmente sul capo di ogni figlio. Si sentono crescere in una ignota elevatezza, una sulla quale troneggia UR, quando immerge la Sua Opera alla Mezzanotte nella Sua fonte. La Sua figura, che impone riverenza, irradia nel fuoco del Suo sole: “O voi, primi figli dalla prima Opera dell’Atto, siete da lodare beati che sperimentate questo! Ancora lo splendore dell’Aurora cade nel vano, avvolgendo i figli nel mantello di Dio; e voi esseri, riposate, nonostante la vostra stessa vita in UR, l’eterno-unico.

145. Voi siete da chiamare beati, amabile figlia, forti angeli, che già in questo principio potete sostare davanti al volto del Signore. E per la terza volta siete beati di poter sentire l’espressione della Sua bocca e poter dare a Lui la risposta. Quindi, siete quattro volte ultrabeati, dato che siete stati convocati davanti al Suo trono e al santo focolare e sedete sulle vostre poltrone nella magnificenza del Governo. I vostri volti portano il riflesso del Suo splendore di fuoco”. Ur tace.

- Il silenzio è passato. UR pone le Sue mani sul Libro aperto. Ancora un nuovo splendore di Luce, il Sole-ur si è mosso!

[indice]

1/6 – La conferma dell’adempimento per il raggiungimento della meta

146. E ora parla l’Onnisanto: “Mia Sadhana, voi principi! Somigliate a delle coppe aperte in cui ora posso mettere la semenza. Non soltanto avete preso quella decisione che da Creatore Mi ha dato molta Gioia, bensì avete anche parlato bene di lasciare a Me la vostra propria Vita. Non potete ancora misurare la conseguenza di ciò, ma il Giorno ha già afferrato benedicente il vostro fare. Noi – Io con voi e voi con Me – gli doneremo la meta, preparata nella quadruplice Creazione. Ma non soltanto il livellato, bensì anche un possibile dislivello è da ricordare attraverso la libertà dei figli. Il Mio Sole-ur ve lo ha annunciato:

‘L’alta Meta sarà raggiunta!’

147. Il pensiero vi ha guidato a Me. Questo è stato la ‘garanzia’ dell’adempimento. Se oltre a questo, un giorno dovesse anche smarrirsi un figlio con false parole o con un’azione maliziosa, ignorando le conseguenze che sorgono dai falsi pensieri, allora degli altri figli che Mi avranno portato il loro sacrificio di volontà in quest’Ora del Mattino della Creazione, si cingeranno con un’armatura per difendere l’Opera. Allora Io sarò il loro ferreo scudo! Né scudo né armatura si spezzeranno mai!

148. Se al di fuori di un muro di difesa che sarebbe da erigere per i Miei fedeli, sorgesse una contesa, anzi, se s’infiammasse una lotta contro di Me, alcune parti della Creazione esterna verrebbero consumate nell’incendio. – Così vi sia detto: Tutto questo sarebbe vano, se avvenisse!

Nessun Pensiero-figlio, se si staccasse arbitrariamente da Me,

 potrebbe mai uscire dall’interiorità del Mio Essere-ur!

149. Ora che avete portato la vostra decisione, anche la Mia decisione è presa. Ascoltatela: – L’Opera-Figlio, misurato, esaminato, edificato e preparato per la perfezione attraverso eoni, guidata alla perfezione interiore nella Mia parte di Creatore, di Sacerdote, Dio e Padre, si formerà ora interiormente ed esteriormente nell’Anno-Atto-ur, e nulla potrà interferire nella ruota della Mia onnipotenza! Lo dico Io, l’Eterno-Santo-UR, l’eterno-unico e veritiero!!

150. In segno di ciò, vi sia rivelato che durante la prima Settimana-Anno-Atto potrebbe davvero essere eretta una spina per via della libera volontà. Tuttavia, chiunque lasciasse crescere incessantemente una tale spina, …a tutti sarebbe concessa un’Ora di conoscenza per via della vostra eccellente decisione; e nella stessa ognuno potrebbe ben riconoscere che non può colpire Me, bensì ferire se stesso fino alla morte!

151. La Mia meta rimane irremovibile! – Come vi ho però lasciato un tempo adeguato per la vostra libera decisione, così a quel Giorno in cui succedesse una tal cosa, deve essere anche lasciato un tempo adeguato all’interno del suo limite di tempo, nella Grazia, in cui in ogni caso dopo ogni caduta si giunga ad un’Ora di conoscenza. Per il Mio tempo, questo sarebbe un Attimo; per il Mio Spazio, una minuscola cellula, ma per lo smarrito sarebbe l’eternità più atroce!”

152. UR si reca davanti al santo focolare. La Sua veste splende di bianco, decorata con un largo orlo d’oro e stelle argentee. Dalle spalle pendono giù delle corde d’oro fino alle anche. Una cintura intrecciata, guizzando come un arcobaleno, tempestata di zaffiri, topazi, rubini e diamanti, tiene la veste. La corona scintilla, e sul petto brilla il segno del Sole-ur. Così, con l’ultramagnifica veste, indescrivibile nella Sua più sublime Maestà, Egli sta davanti al settimo principe e dice:

153. “Mio angelo di luce, portatore della settima Caratteristica, tu devi stare alla quarta Porta, custode e guardiano della Mia eterna mitezza, che fluisce dalla coppa del sacrificio come acqua tutto vivificante. Attraverso le tue forti mani deve essere guidata la Corrente (il flusso). A chi la dai, sussisterà dinanzi al Mio volto; a chi la precludi, non Mi vedrà! Agisci secondo il comando del tuo cuore e lascia svolgere la sua Opera secondo il senso del Padre”. Poi si rivolge a tutti:

154. “Figli Miei, ancora non potete afferrare ciò che è stato detto nell’Anno-ur solo iniziato, perché tutto sperimenterà il suo accrescimento dapprima un poco alla volta. Nonostante ciò, vi rendete conto del presagio del destino della Creazione. Ma Io vi dico: ‘Ogni destino è nella Mia destra, quello esistente come anche il futuro!’. Se un figlio si forgia da sé una sorte stolta, allora devo mandargli anche il suo destino, così preservo comunque, a Me, il Mio Governo di Grazia. Ora però dovete ricevere la vostra vocazione”.

155. Egli conduce Sadhana a destra del santo focolare, le dà sette erbe d’incenso e le dice di gettarle uno dopo l’altro nel piatto d’argento non appena chiamerà i principi-angeli. Quale beatitudine per lei, di compiere per la prima volta un santo servizio. UR si reca al lato principale del focolare, sposta il primo candelabro nel cerchio dei piatti e fa spingere da Sadhana una campana d’argento davanti al candelabro. Lui apre la prima pagina del libro dei sigilli e con un cenno chiama la prima coppia di angeli.

[indice]

1/7 – Il primo arcangelo: Uraniel-Urea, portatore dell’Ordine con la bilancia

156. “Così sia! Tu, primo spirito di vita, dal primo elemento fondamentale domina i Giorni del principio dell’Anno-Atto-ur attraverso il Mio santo Ordine! Sii il dominante del Giorno, affinché tutto l’Anno-ur possa poggiarsi nel giusto Ordine sulla Mia Potenza, Forza, Potere e Vigore. Nel segno del fuoco, la struttura, la direzione, l’andamento e la meta devono portare ai figli l’impulso della parola e dell’azione, affinché un giorno, su questi sia da inserire il magnifico seguito.

157. Stendete le vostre mani sul santo focolare! Tu, cherubino, sei Uraniel, l’alto portatore dell’Ordine dal Mio interiore dalla parte del Cuore del Creatore; tu, serafino, sei Urea, l’alata portatrice della Nobilità secondo il principio esteriore. Voi siete una fiaccola presso il Mio trono. Vi invio come principi-angelo, a rappresentare l’Ordine. Accettate il segno della vostra dignità”. UR trae da sotto la campana d’argento una bilancia; vi soffia su una volta e due paia di mani l’accolgono.

158. “Su questa bilancia”, Egli dice, “deve essere pesato ogni figlio ed ogni azione. Ciò che pesate, rimane pesato; ciò che stimate, rimane indietro, finché da Spazio e Tempo giunga una nuova risalita! Sia pesato ciò che si adegua al Mio Ordine; soppesato ciò che vi si oppone. Siate custodi delle Mie immutabili Leggi che vengono portate attraverso la vostra Porta. Esaminate sulla Bilancia anche i querelanti, se tali dovessero comunque sorgere, per provocare il Mio Giudizio. Mettetela dove deve rimanere per sempre”.

- Chinandosi profondamente, Uraniel e Urea ripongono la bilancia allo stesso posto dove stava prima, e rispondono:

159. “O Eterno-Santo-UR, Tu sei il Santo, …il più sublime! Dalla Tua mano riceviamo la bilancia, la restituiamo volentieri al suo posto. Tu ci hai chiamati; guarda: il nostro lavoro nella Tua Opera sia la nostra gratitudine! Come alti portatori del Tuo Ordine vogliamo essere i custodi del Tuo fuoco, delle Tue immutabili Leggi. Tuttavia, prima che possano mai venire dei querelanti, noi staremo tramite di Te come eterni adempitori del Tuo Ordine. E noi esamineremo! Ciò che cadrà alla stima (della bilancia), non deve entrare nei Tuoi luoghi finché suonerà l’ora della conoscenza. Tuttavia, se ci è permesso essere davanti al Tuo Volto i primi dei Tuoi principi-angeli, allora chiediamo: resta sempre il nostro UR, il nostro Tutto!”.

- Di nuovo, i due puri spiriti s’inchinano e sacrificano in ginocchio la lode e il ringraziamento.

[indice]

1/8 – Un grande insegnamento di UR

160. Quando si alzano, UR sta dinanzi a loro, fissa alla spalla destra delle loro vesti un nastro blu, il quale si avvolge all’anca sinistra in un leggero nodo e ricade fino all’orlo del vestito. Dopo la benedizione ricevuta ritornano alla loro sedia del trono, e così vengono chiamati tutte le coppie di angeli rispetto alla caratteristica affidata loro. In questa vocazione è la loro grande equiparazione, la loro comune collaborazione. La Scelta del Giorno del primo principe non sfiora minimamente questa uguaglianza. Questo è condizionato dall’Opera. – Ora segue un grande insegnamento, che è per tutti, e la conclusione è questa:

161. “Mia amabile Sadhana, e voi principi: a voi ho affidato la Mia Opera e l’Opera a voi. La Pietra fondamentale forma la buona conoscenza e risponde in modo giusto nel Mio senso a domande e supposizioni della Legge della libera volontà. Con ciò sono associate una serie di condizioni che si lasciano osservare solo su questa via.

162. Ho parlato di ‘Leggi immutabili’. Se lo spazio e il tempo ricevessero unicamente un tale genere, allora fin dal principio la Legge della libera volontà sarebbe superflua. Tuttavia, Io non creo nessuna Legge che annulli le Leggi ugualmente poste. Entrambi i concetti, l’immutabile e il libero, sono due contrari, il cui incastrarsi e il giusto equilibrio richiede il massimo impegno, e certamente non solo dall’Ordine come dominante del primo Giorno, bensì tutti i raggi della Vita fondamentale e la personale consapevolezza di Sadhana devono entrare in gioco, altrimenti non diventerà possibile nessun appianamento per i figli.

163. In verità, vi sarà mostrato quanto facilmente l’immutabile e il libero sono da portare entrambi in una magnifica unità di lavoro. Osservate quanto facili sono da inserire la Mia mano destra nella sinistra, benché le braccia siano attaccate a destra e a sinistra del corpo. Tramite le due mani si ottiene un’azione pienamente valida! Lo stesso vale per la profondità e l’elevatezza, per l’ampiezza e la vicinanza della Mia Entità-ur. Chi la vuole assemblare come Spazio? Tuttavia, chi vi tende con il Mio Spirito e soltanto per via del lavoro dalla profondità all’elevatezza, dalla più lontana lontananza alla Mia più interiore vicinanza del Cuore, ha davvero unito in sé pienamente queste dimensioni-ur, e poi per lui non ci sarà più nessuna separazione o contrarietà.

164. I Giorni porteranno delle cose che risveglieranno l’apparenza di una forte contrarietà. Nonostante ciò le immutabili Leggi come nucleo delle condizioni poste giustamente, a Me riservate con la Legge della libera volontà, che possiede per nucleo la mutabilità, giungeranno alla più sublime armonia. Anzi, seriamente, i pilastri di base fondamentali della perfezione dell’Anno-Atto-ur sono

il principio sia immutabile che mutabile,

(che è) condizione e libertà!

165. Questo opposto che (in tal modo) si pareggia, riguarda ogni Opera principale, procedendo eternamente da ME per la costruzione e per la meta; tutte le Opere secondarie che ottengono la mobilità della direzione e dell’andamento sono da esercitare liberamente dai figli. Ogni Opera principale ha la Legge immutabile nella sua costruzione, le condizioni nella meta; mentre le Opere secondarie portano nella direzione una mutabilità secondo la Legge, e invece l’andamento è sottomesso alla libera volontà.

166. Un’Opera-parziale magnificamente libera formata dai figli, porta però in sé anche la costruzione e la meta, in quanto nel figlio si assemblano molto prima il pensiero e la conseguenza, mentre la parola e l’azione sorgono lentamente secondo l’Opera. Questo avviene grazie al Mio aiuto, anche se questo sorge in segreto dal Mio Essere-ur; ciò è radicato per la maggior parte nelle Leggi mutabili, perché tramite queste, un figlio lo si può educare più facilmente alla perfezione, senza derubarlo della suo libero arbitrio.

167. Voi domandate che cosa siano delle Leggi mutabili e come sarebbero da inserire nella Mia via-ur dell’Ordine. Ora vedete: – Da un puro nulla non viene certamente niente, e senza (un Mio) Pensiero, Parola e Azione non esiste nessuna rivelazione. Tuttavia, quando qualcuno ha preso un Pensiero, allora continua a formarlo necessariamente e dice: ‘Voglio fare così!’. Può creare ciò anche insieme ad un altro figlio, oppure può – che è meglio – chiedere l’aiuto a Me, se il suo pensiero è ben giusto. La decisione giace già su una mutabilità quando il figlio giunge alla buona attività con un altro oppure coscientemente con Me. Determinante è sempre il pensiero, meno le circostanze che l’accompagnano. Un pensiero esaminato nel cuore può portare i migliori frutti.

168. Alla base di questo c’è la Legge della perfezione. Ma ora dipende se il piccolo maestro di quell’Opera esamini anche al meglio la direzione e il corso. Se Io avessi dato al Pensiero-Opera unicamente un buon ‘dare’ come Legge immutabile, allora vi sarebbe legato il lavoro di ‘figlio libero’, e il legame andrebbe a conflitto con la libera volontà. Ma se il figlio commette già degli errori nei suoi piani, allora la Legge mutabile mette in dipendenza l’esecuzione, cioè, il piccolo maestro d’Opera deve ora vedere da sé come possa dare alla sua Opera-lavoro la bellezza non raramente contemplata interiormente.

169. Qui delle Leggi mutevoli indicano una Bontà illimitata. Spazio e Tempo sono Miei! Se li lascio a lunga scadenza entrambi per i figli, qualche deviazione porterà comunque un vantaggio, mentre il divenendo potrà essere cambiato così sovente, fino a raggiungere la meta prefissata. Che una deviazione avvenga per via dello scopo, è lasciato alla Mia Provvidenza. Soltanto, delle Opere del tutto sbagliate provocheranno condizioni (diverse) e mutabilità. Ma se questo (comunque) non dovesse avvenire? Sarebbe da mettere in accordo con la Legislazione-ur? Oppure: ‘Che cosa potrebbe rendere il corso di un Giorno della Creazione, senza rischi e sfrenato?’. Mediante il vostro riconoscimento, la Legge della libera volontà ha (comunque) piena validità, e (per’altro) una guida obbligante o una retrocessione delle Opere ingiuste, inevitabili, in sé è escluso.

170. Con ciò le ulteriori tre domande si avvicinano. Ho parlato di una possibilità che attraverso l’utilizzo arbitrario della libera volontà possa risultare un’azione contraria all’Ordine, ma in un tal caso né l’azione né il figlio devono necessariamente essere cambiati o dissolti, bensì il figlio, insieme all’azione della Creazione, dischiuderebbero nuove vie, quindi, possono essere conservati da Me nella piena Serietà.

171. (se ciò accadesse) Dall’Opera dello ‘Spazio’ nulla è da togliere né da aggiungere esteriormente; e nonostante ciò, un’azione sbagliata staccherebbe il figlio dal Mio Essere interiore, perché avrebbe sospeso (da sé) il collegamento. Così capiterebbe in una strana costellazione, vale a dire: – Nell’istante, in cui si sciogliesse dal Mio Essere, diventerebbe non-libero, come prigioniero e incatenato da se stesso. Questa sarebbe un’amara prigionia, perché in tal modo mancherebbe la comprensione che deve essere apportata tramite l’assoluta Guida.

172. Quanto detto, però, dipenderà dalla propria conoscenza. Tuttavia, se invece si svolgesse una deviazione fino all’ultimo limite dell’esistenza, allora Io come Creatore non potrei tollerare assolutamente la sola Legge della libera volontà e la sua mutabilità, perché così all’Opera verrebbe fatta violenza. Questo non dev’essere! Io rispetterò al massimo la Legge della volontà data per il libero sviluppo, ma su questo fonderò delle condizioni per una definitiva riparazione (relegazione / reincarnazione).

173. Una riparazione può avere per conseguenza un grande, persino un più sublime sacrificio, e sarebbe da valutare se una piena redenzione fosse possibile. Ora su questo le tre domande annunciate, e cioè: “Una riparazione deve avvenire tramite la Legge della libera volontà, oppure solo dalle condizioni riservate a Me?”. – Seconda: “Dei singoli sacrifici che sovraccaricassero ingiustamente il Tempo di un Giorno dell’Opera, possono esercitare una riparazione, oppure sarebbe da portare un più sublime unico Sacrificio-ur che giustificasse sia le condizioni che anche la Legge della libera volontà?”. – E terza: “Può seguire ad un più alto Sacrificio una piena salvezza nel giro di sette Giorni, oppure un figlio, bensì graziato dopo la conoscenza, dovrebbe vivere lontano dal Mio Cuore per quattro Settimane della Creazione, affinché senta a lungo che cosa ha fatto a Me e ad ogni Mia Opera?”. – Queste domande sono precisamente da esaminare, perché da ciò dipende il vostro divenire. Voglio indicarvi alcune cose:

174. La riparazione avrebbe due vie: una che riguarderebbe il figlio, e l’altra che porterebbe un pareggio attraverso altri figli. Quale via dovrebbe ben essere la prima? Sarebbe da far dipendere una dall’altra? E ancora: – Se già riguardasse il nominato Sacrificio-ur (il Golgota), questo getterebbe un senso del Sacrificio, anche se come santa Ombra, su tutti i figli. Sarebbe giusto se Mi rimanessero fedeli? Per quale motivo dovrebbero prendere su di sé i sacrifici di un figlio che magari seguirebbe (dopo)? Perché portare un peso, immeritato?

175. Ma se si agisse in modo astratto non solo per ignoranza, bensì per cattiva volontà? Non dovrebbe essere sopportato, per giustizia, almeno per il numero di tutte le vittime e per la perdita di tempo di questi, per ottenere così una piena salvezza? Infatti, la Mia Giustizia è la più alta immutabile Legge! – Ma così, non sarebbe posticipato l’ultimo Atto di salvezza fino alla fine dell’Anno? Voi figli non potreste misurare il tempo e le vie, né pesare il carico del Sacrificio che sarebbe da compiere, se una trasgressione avvenisse per cattiva volontà. Ma se per la libera volontà di riparazione un Pareggio della Creazione, avvenisse già mediante un Piano di salvezza e redenzione, chi – allora chiedo – vorrebbe prendere su di sé quel grande, santo, unico libero Sacrificio? Chi lo compirebbe?

176. O figli Miei, con tutto ciò non viene presa in considerazione nessuna Guida arbitraria, perché non voglio ingannarMi della Mia ricompensa! – Ma intanto, basta su questo; l’andamento dei primi Giorni della Creazione vi illuminerà ancora sulle vostre domande. – Perciò seguiteMi, poiché finora avete visto solamente il Mio Santuario, e vi attendono delle magnificenze; e c’è molto di bello da creare, standoMi al fianco come Miei aiutanti”.

[indice]

1/9 – Di luce in luce, un muro di luce

177. UR cammina sul tappeto blu attraverso la prima porta, seguito da Sadhana e dai Suoi sette principi. Fuori i figli restano meravigliati. A loro si apre la profondità di uno Spazio, di cui una parte è circondata come da un muro. Dietro a questo, essi vedono incommensurabili campi di luce. Davanti alle porte del Santuario si trova una fonte, da cui scorrono quattro acque, le quali circondano il Santuario una volta e ciascuna prende una direzione sconosciuta ai figli.

178. Intorno alla fonte stanno quattro alberi della vita. UR spiega loro le strutture. I campi di Luce si dimostrano come sette sfere allineate una all’altra. Vi vedono dentro delle cose nebulose che necessitano ancora di un tocco, per diventare evidenti. Si risveglia un alto flusso di armonia creativa, inafferrabile nella sua magnificenza. In questa visione i figli ne sono del tutto assorbiti. UR lascia loro del tempo, dato che la loro gioia è la Sua più ricca ricompensa. Nel Suo cuore-ur i loro cuori riecheggiano timorosamente.

179. Finalmente Egli indica in avanti e dice: “Venite, camminiamo attraverso la luce! Accoglietela in voi. Ciò di cui godete è vita-ur eterna. Sì, la Mia vita vi dà la forza per compiere delle azioni creative. Ascoltate: la Mia campana annuncia un’Ora del Giorno. UR va verso il muro di luce.

- Allora segue un nuovo stupore, poiché tutta la luce sperimentata finora era morbida, fluente, penetrava attraverso il loro corpo, la sentivano all’interno come all’esterno. Ma ora? – Con riverenza e timidi toccano il muro; questo è costante. Loro provano se possono passare attraverso come attraverso la luce nel Santuario, ma il muro rimane sostanza.

180. UR va alla parte del muro che è di fronte alla fonte; vi batte contro con la mano destra ed esclama: “Ephata!”.

- Presto diventa visibile una porta imponente che si apre, e una via di luce conduce all’esterno. Lentamente UR li precede, i Suoi figli devono gustare tutte le magnificenze.

- ‘Dove li condurrà UR?’

- Uraniel pensa: “Qual strana domanda. Non proviene Egli dalla luce, e li conduce unicamente nella luce?”

- Allora UR si volta, convoca Uraniel ed Urea alla Sua sinistra, Sadhana alla Sua parte destra; subito seguono gli altri principi.

181. Egli dice: “Il tuo pensiero era buono, Mio primo. Sì, Io vengo dalla luce, là Io stesso sono luce, e là conduco nella luce! – Chi rimane al Mio fianco, seguendoMi direttamente, costui va e viene di luce in luce! – Ma ora andate avanti!”

- I figli lo fanno. Un poco lontano si eleva una collina.

- “Vuoi tu, carissimo UR, guidarci lì?”. Sadhana Lo guarda, animata da un amore infantile.

182. “Sì, Sadhana Mia, perché dovete imparare molto affinché la Mia Opera su di voi diventi perfetta”. Sull’altura, UR raccoglie tutti intorno a Sé ed indica verso il Santuario.

- Là i figli vedono sull’alto monte la ‘Casa del Signore’ in una inaudita bellezza. Vi scorrono fuori onde di luce su onde di luce, una spingendo l’altra fino alla riva del Giorno, di Spazio e Tempo. Si ricordano che anche i muri della casa sono compatti come quelle del muro di luce nel quale UR ha fatto la porta con l’Ephata. Ora questo scintilla a loro come cristallo. Riconoscono dal più interiore persino ogni particolare. Quasi estraniati guardano ad UR, ma nessuno osa domandare.

183. Egli dice a loro amorevolmente: “Figli Miei, questa deve essere per voi una straordinaria lezione. Mi dovete portare in voi mentalmente, come vi ho portato in Me da sempre. Vi meraviglia di vedere da qui l’interno del Santuario; ma non è un miracolo. Ma com’è possibile che potete vedere l’interiore, anche se ha delle mura solide?

- I figli riflettono. Sadhana dice che ciò potrebbe essere il fatto che tutto è luce-ur, e perché a loro è permesso penetrarla con i loro occhi.

184. “Hai ragione, Sadhana. Ma ancora qualcosa: – Perché l’interno del Santuario è riconoscibile da qui? UR si rivolge ad Uraniel e ad Urea. “Mio principe-angelo, ci troviamo sulla collina dell’Ordine che viene consegnato a te. Così penso che puoi conoscere il secondo”.

185. - Uraniel (anche Urea) s’inchina, guarda all’immagine meravigliosa, poi a UR, e …i suoi occhi splendono, ed esclama: “O UR, quanto è meraviglioso e… quanto è semplice! Tu stesso sei l’interiore del Tuo Santuario! Se sei con noi, così anche il Tuo onnisantissimo! Anche se la formazione visibile per via dei Tuoi figli ha ottenuto quel magnifico alto posto, il più interiore sarà da trovare là dove Tu, Onnisanto, dimori. Noi lo vediamo in lontananza perché Ti abbiamo del tutto vicino a noi”.

- Tutti si rallegrano di questa risposta, e UR impone benedicendo le Sue mani sul capo del primo.

186. “Pensato ed eseguito bene, Mio primo! Ma ora fa attenzione: Adesso Me ne vado da voi per un breve tempo e voi fate in modo che non vi sprofondi il più interiore del Santuario”.

- Con queste parole, UR scompare, i figli non hanno visto per dove. Si rivolgono all’alto monte, ma l’immagine rimane evidente. Come mai?

- Per la prima volta si consigliano a se stessi. C’è molto da pensare e da dire.

[indice]

1/10 – La casa-santuario di Uraniel-Urea sulla prima collina

187. Quando il settimo principe dice che l’Onnisantissimo resterebbe invisibile solo quando non portano UR come memoria nel cuore, come Egli vuole, ma tutto rimarrebbe presente nell’Onnipresenza di UR consapevolmente riconosciuta, Egli si trova di nuovo in mezzo a loro, accarezzandoli, e dice:  “Cari figli, Mi avete rallegrato! Sì, chi porta nel cuore la Mia onnipresenza, a costui Io sono anche davvero vicino e lo inondo con i Miei doni. Con tali figli Io sono in ogni tempo, sia che Mi vedano oppure no. Ma entrambe le risposte vi siano anche un segno: l’Ordine e la Misericordia pareggiano secondo il Diritto-ur, una contrarietà delle due fondamenta della Creazione precedentemente menzionate.

188. Ma ora c’è da operare in modo differente. Vedete, la collina appartiene ad Uraniel e ad Urea, e l’Ordine domina in questo Giorno. Ma a che serve il luogo nel quale non c’è da vedere pressoché nulla? Certamente l’ho fatto sorgere Io, ma a voi rimane da svelare il simbolo. Ora, Uraniel ed Urea: che cosa dev’essere con la collina?

189. Dice Urea: “O UR, questa collina somiglia molto al nostro interiore. Ma ora che abbiamo la Vita cosciente, dipende da noi come la valutiamo. Grazie alla Tua grande bontà abbiamo già potuto riconoscere molto, abbiamo potuto anche contemplare il Tuo Santuario esteriormente ed interiormente. Per noi riguarda però più l’esteriore, mentre l’interiore è ancora un povero campo, altrimenti questa collina dell’Ordine dovrebbe risultare meglio nel piccolo. Aiutaci, affinché il nostro interiore Ti serva presto alla giusta Gioia e la nostra collina diventi veramente quella dell’immutabile Ordine”.

190. Dice UR: “Ti devo lodare, Mia Urea, hai afferrato bene il simbolo. Sì, quello che vi viene dato è un confronto con l’Opera, in più una dimostrazione di formare la Mia Entità vivamente e perfetta in voi. Il Mio aiuto vi è sempre assicurato! - Ma ora ancora lo scopo e la meta. – Perché è sorta questa collina e viene assegnata all’Ordine? Esaminate precisamente; l’abbondante tempo del Giorno vi ha anche dato abbastanza forza spirituale per giungere alla conoscenza”.

- Ecco che i figli vedono fluttuare di qua e di là una magnifica irradiazione tra UR e il Santuario.

191. Allora ad Uraniel viene un’idea e dice: “O santissimo UR, fa che io Ti possa chiamare ‘Padre’ in quest’Ora di Grazia. Dalla Legge della libera volontà Tu ci vuoi essere un Padre. Ora guarda: lo scopo della collina consisterà nel fatto che un posto dinanzi al Tuo Santuario deve servire ai Tuoi figli che devono ancora sorgere. Qui sono da svolgere le prove della Vita fondamentale, qui c’è la grande Meta, dove tutti, nonostante l’inafferrabile maestosità del Tuo santo Essere, è da imparare a cercare nella camera del Cuore del Padre. E qui la troveranno! Padre, parla! L’ho riconosciuto in modo giusto?”. Uraniel tende titubante le sue mani e non può comunque fare diversamente che afferrare da sé le sante Mani, e vi si aggrappa.

192. Allora UR dice: “Ben per te; Mio principe dell’Ordine! Hai riconosciuto ciò che Io sono per il Giorno della Creazione, anzi, per tutto l’Anno-Atto-ur! Io rimango eternamente il Creatore, il Sacerdote, l’Iddio, bensì su tutto questo tempo dell’Anno voglio essere per tutti gli esseri, prevalentemente, il PADRE! Conseguentemente, ogni figlio deve conoscerMi, riconoscerMi. Chi ha la fiducia come te, chi tende da sé alle Mie mani, ha compiuto un’Opera non soltanto per sé, bensì per il Giorno intero e per i suoi figli!

193. Ora che hai iniziato bene l’Opera, continua anche a lavorare. Lo spazio non deve rimanere un involucro vuoto. Osserva il Mio Santuario sull’alto monte, forse il Sole-ur ti invia un ulteriore raggio di conoscenza”.

- Tutti guardano con attenzione e al Centro del Sole-ur e presto notano lo scintillio di un raggio. Ma come la Creazione ha bisogno di Spazio e Tempo per accogliere la luce fluttuante, proprio così anche i figli, finché questa conquista in loro la personificazione. Perciò UR menziona ancora qualcosa che serve allo scopo delle Opere passate e future per maturarle alla prima azione della Creazione.

194. Dopo l’insegnamento, il primo angelo (Uraniel) dice: “Onnisanto UR, dal Tuo magnifico palesamento Ti riconosciamo come una grande immagine, e noi possiamo essere coloro che nella libera forza creativa copiano le immagini. La mia prima conoscenza era dunque giusta. Tuttavia non sarebbe d’aiuto a nessun figlio, se qui dovesse sostenere una prova della Vita fondamentale e trovasse una collina di luce spoglia. Hai parlato della formazione interiore ed esteriore dei tuoi Pensieri per l’Opera. Quindi, Ti prego, santo Padre, fa sorgere su questa un buon riflesso esteriore del Tuo Santuario, nel quale io, come Tuo Portatore dell’Ordine, possa svolgere la funzione di santificarla da Te, anche nel Segno della Nobilità, con la Tua bilancia”.

- UR risponde: “Questo può avvenire, ma se credi che sia giusto creare su questa collina un fedele riflesso del Mio Santuario, allora Io penso che lo possa fare tu stesso e non c’è bisogno che Io ne muova un dito”.

- Allora Uraniel si spaventa. Ha detto qualcosa di sbagliato? No, il suo cuore è calmo e …vede la gentilezza degli occhi soavi scuri di UR. Allora afferra per la seconda volta quelle Mani di grazia, e dice: “O Tu, mio UR, anche se fossi capace mille volte di compiere una tal cosa, …senza di Te non la voglio mai erigere e non fare mai qualcosa dove Tu non partecipi all’Opera! Ti prego: lascia a me le tue mani di Creatore e guarda, tenuto saldamente da queste, voglio formare l’azione con la Tua santa Parola, come si trova pronta mentalmente in me”.

196. Non appena Uraniel lo ha pronunciato, in cima alla collina si eleva il Santuario, anche se in una copia più piccola. I figli si rendono conto come sorge un’Opera, anche se non riescono ancora a misurare il tempo del divenire. La Loro gioia è molto grande; ma nessuno ha il desiderio di accorrervi. Rimangono schierati intorno ad UR.

197. Lui dice lodando: “Sei un grande maestro costruttore; ora andiamo nella tua casa”, ed indica le due porte del tempio.

- Risponde umile l’angelo, “O UR, Tu mi chiami maestro costruttore, dove Tu solo sei l’unico, il più sublime Signore Costruttore! Guarda: sono stato soltanto il Tuo aiutante”. Il principe s’inginocchia davanti al suo Re; è sopraffatto.

- Anche gli altri. UR li benedice per via della loro umiltà. Poi ordina ad Uraniel-Urea di precedere. Lo fanno, ma aspettano davanti alle porte.

- Dice Uraniel: “Santo UR, entra Tu per primo nella mia casa, affinché entrino prima la Tua benedizione, la pace, la vita e la Tua luce. Ci sono anche due ingressi e non so quale Ti posso aprire”.

198. “E’ così difficile indovinare?”, chiede UR.

- Allora Sadhana dice: “O Padre, le quattro Porte della Tua Casa rappresentano la Tua alta santa quadruplice Entità. Invece queste due porte devono essere il simbolo delle nostre buone parole e possibilmente di azioni migliori. Attraverso quale delle due Tu vuoi entrare, non lo so comunque”.

- “Ben riconosciuto, Mia Sahdana! Abbiate sempre due porte che conducono nella parte più interiore, e lasciatele entrambe aperte, particolarmente quella delle buone azioni. Fate attenzione:

199. Io entro sempre da voi con la Mia pace attraverso la porta della pura Parola; attraverso la porta delle buone azioni porto la vostra proprietà auto conquistata come benedizione in tutto il Giorno! In tal modo vi porto come giusto sacrificio del Mio Regno”.

- Di questa indicazione, i figli ne gioiscono molto. Nuovamente si schierano fittamente intorno ad UR, e guidati da Lui entrano nella Casa dell’Ordine.

200. Qual Giubilo, quando anche l’interno si mostra adeguato al Santuario. Un trono per UR, un altare focolare, le sedie, strumenti e, soprattutto, …la luce! Non possono supporre che si sono avvicinati alla meta durante il tempo trascorso del Giorno? – Quando hanno contemplato tutto, sull’altare trovano la bilancia. ‘Come ci è arrivata, il santo segno del Giorno?’. Uraniel lo chiede interiormente al Padre. Per lui è chiaro: la Bilancia deve stare sul santo focolare!

201. UR dice sorridendo: “Non preoccupatevi! Ciò che è eretto nel Mio Santuario, rimane là! Il figlio che mantiene il contatto con Me, viva ovunque voglia, ma così la sua proprietà è conservata da Me. Questo unisce il figlio con Me nel matrimonio santo-indissolubile! Da Spazio e Tempo non risultano degli ostacoli se un cuore batte nel Mio e la Mia immagine dimora nel cuore del figlio. Lascia perciò qui questa bilancia, Uraniel, qui è al suo giusto posto”.

202. UR si reca al trono, ordina ai figli di sedersi nelle loro sedie che sono più vicine all’altare che al focolare nel Santuario. E ora nella Casa dell’Ordine ricevono un ampissimo insegnamento sul sorgere di un’Opera, sull’afflusso di luce, sull’influsso di vita, su governi invisibili e visibili. Camminano, senza abbandonare la Casa, attraverso lo Spazio, sperimentando dei tempi quasi non immaginabili ed imparando a vedere che questa immensa formazione del Giorno è una minuscola cellula nell’eternità-ur.

203. Presagendo, contemplano l’allineamento di incalcolabili cellule della Creazione. Con ciò il giorno si riempie sempre di più con una vitalità, che il loro divenire fa rabbrividire i figli. In un intervallo che dev’essere lasciato loro per l’elaborazione di ciò che hanno ricevuto, si schierano unanimi intorno al trono. Qui il Cuore del Padre, di UR, festeggia per la prima volta la sua più bella vittoria di questo atto. I figli ritornano come da una lontananza forestiera. Quando UR li sfiora benedicendoli, hanno quasi sperimentato il primo Giorno della Creazione secondo la Parola nota ma appena riconosciuta: “Sia la Luce!”. – Ora tutte le formazioni sorte nel modo più magnifico vanno verso la Sera della Creazione che si sta avvicinando.

204. UR dice: “Figli Miei, che siete nati dal Mio santo Essere che Io ho portato eternamente in Me, UR, e porterò senza limiti, senza tempo. Voi avete quasi terminato con Me un Giorno della Creazione, e ora inizia la Sera. Nell’ultima Ora della Sera dovete ricevere quella facoltà che nel secondo Giorno vi risveglierà a una nuova, magnifica Opera. Ho eletto e scelto te, amabile Sadhana, Mia propria, ad essere il duale per le Opere; e te, Mio primo principe-angelo, di portare al Giorno dell’Ordine le Mie basi fondamentali nella figura esterna. Per il ‘Sia fatto’ ho aperto la prima camera del Cuore della Mia essenzialità-ur ed ho fatto uscire la corrente del Creatore.

205. La successiva Opera pretende già una Dualità, perciò il secondo principe del Mio Regno deve chiudere le porte con il portatore dell’Ordine, dietro le quali l’Opera del Giorno e i suoi figli possano raccogliere nuove forze. Fatevi avanti entrambi!”

- I principi di luce obbediscono alla richiesta.

- “Unite le vostre mani e ricevete la vostra consacrazione per il lavoro della Sera”.

- Ecco che i due si inginocchiano, e anche gli altri s’inchinano nell’umiltà e nell’adorazione. Dall’ATMA di UR soffia attraverso lo spazio della Casa, ed attraverso le finestre fluisce la luce del Sole di UR con una magnificenza rosso-oro.

206. UR continua: “Nonostante il termine del Giorno, voi d’ora in poi rimanete i Miei primi, come anche tutte le creature che ancora voi dovete risvegliare che devono diventare figli Miei. Questo l’ho preso dalla Mia fonte-ur, ma l’ho presentato attraverso il vostro Essere. Ricordatelo sempre: attraverso la buona azione del creare. Abbiate sempre in una mano le condizioni giustamente poste, riservate a Me, nell’altra la Legge della libera volontà datavi, e pareggiate delle Leggi immutabili e mutabili. In questo modo il Mio Anno-Atto-ur sarà incoronato!”

[indice]

1/11 – La prima domanda di Sadhana

207. Gli angeli – benedetti da UR – sfiorano la loro bilancia.

- Sadhana sta inginocchiata fino alla fine. Pregando stende le sue mani e dice: “O Padre, hai parlato dei Tuoi sette primi, dei futuri esseri viventi e ciò che devono diventare. Ma che cosa, o UR, sono io?”. La domanda è giusta ed ha l’impronta di un umile amore.

208. Così UR risponde: “Mia Sadhana, i Giorni te lo insegneranno. Ti ho eletta a Mio negativo, come portatrice del santo Duale, simbolo e riflesso dell’attività che Mi sta di fronte. Da ciò impara e riconosci ciò che devi essere tu; il divenire ti insegnerà ciò che tu sei! I principi-angeli sono i portatori della maestà della Mia Entità; soltanto, che costoro sono anche, proprio tali figli Miei! Invece tu, favorita del Mio Cuore, sei la figlia della Creazione-ur!

209. Allorquando un giorno il tuo esame principale sarà finito, saprai che cosa significa tutto questo. Dato che tra tutti i figli tu porti il supremo inesauribile e, conseguentemente, il più pesante. Con ciò ti do la percezione, secondo la quale puoi sempre presagire ciò che significa: essere figlia della Creazione-ur. – Conserva questa parola nel cuore, essa deve sempre risvegliarsi del continuo in te. Questa rivolta a te, è anche la Mia benedizione della Sera del primo Giorno-Azione-Anno!

210. Ora venite! L’ultima ora sta terminando, e allora dovete essere a casa nel Santuario. Perciò, là dovete riposare, finché una nuova aurora promette un nuovo Giorno. – UR si alza, cammina avanti attraverso la seconda porta della Casa dell’Ordine, su al Santuario. I figli Lo seguono, stanchi del creare. Dietro a loro, lavoro e costruzioni di luce sprofondano nella notte. UR guida i Suoi figli provvidenzialmente sul tappeto blu.

- Strada facendo, Uraniel ed Urea si voltano a guardare la loro casa.

- Un bagliore serio-gentile brilla sul viso dell’Eterno. UR raccoglie ancora una volta i Suoi intorno al santo focolare e dice:

211. “Figli Miei, voi avete sperimentato tutto, Via e Opera, dall’azione del primo Giorno, quello dell’Ordine. Se vi guardate indietro per contarli, non vi riuscirebbe mai. Dopo una rivelazione potete rivolgervi alla Sera e questa sono Io solo! Io sono la vostra Via dal Mattino alla Sera, il vostro percorso che vi dà la giusta retrospezione, l’Opera che vi rimane manifesta fino all’ultima Ora della vostra vita del Giorno.

212. Voi, Uraniel e Urea, non vi siete voltati verso il lavoro compiuto, bensì volevate gettare un ultimo sguardo a un dono che vi è sorto dal Mio Potere. E’ stata una lodevole retrospezione! A ciò è legato il Mio ultimo insegnamento per questo Giorno: – lasciate creare sempre le Mie mani con voi, poiché unicamente Io, il Tutto, sono il più sublime Creatore! Fatto questo, il vostro interiore ed esteriore possiederà in Me il solido fondamento ancorato. Allora la Mia gioia di Creatore si unisce con la vostra benedetta eterna beatitudine, da cui ogni Giorno della Creazione avrà il suo magnifico ‘Compiuto’. Ma ascoltate: suona la campana-ur”.

213. Otto meravigliosi rintocchi; il suo suono si perde prima del confine del giorno di Spazio e Tempo, mentre UR dà ai due primi principi una chiave d’oro e ordina di chiudere le porte. Tuttavia possono chiudere solo tre porte, la prima presso il tappeto blu ha un’altra serratura; correndo, tornano indietro e l’annunciano.

214. UR domanda: “Non dev’essere così? Oppure volete un’altra chiave?”

- Dopo la riflessione, Uraniel si inchina profondamente e dice: “Eterno-Santo-UR, eterno-unico e veritiero! Hai fatto cose magnifiche su di noi! Ora riconosco: – la prima porta è per il Tuo Essere di Creatore, da cui divengono le Tue Opere. Nessun figlio, per quanto sia sublimemente perfetto secondo il consiglio dell’Onnipotenza, vorrà chiudere queste porte.

215. Certamente Tu puoi ben chiudere le camere del Cuore della Tua essenziale parte di Padre, di Dio e del Sacerdote, ma per via delle Tue Opere la camera del Cuore del Creatore ci deve essere aperta anche nelle Notti-ur a noi del tutto sconosciute. Infatti, Tu sei UR! Le Tue Notti sono in Te la luce del riposo, in cui i figli e le Opere vengono benedette e dischiuse per il Giorno successivo. Ma Tu, Onnisanto, non riposi mai! Nella Notte Tu sviluppi la più grande attività creativa. Al buio della Tua grazia prepari la magnificenza del nuovo Giorno della Creazione, di una rivelazione eterna!

216. Per questo motivo la porta del Creatore non ha nessuna chiave, rimane eternamente aperta come eternamente sei TU stesso, UR! Hai conservato la cosa più meravigliosa di tutta la magnificenza per noi come ultimo dono del Tuo ultraricco Giorno. Perciò sii Tu altamente lodato e glorificato. Onore a Te e nostra gratitudine, fama, preghiera e adorazione. Tu hai tutto il Potere, la Forza, l’Autorità e Vigore. Santo, santo, santo sei Tu, eterno-santo, eterno-unico e veritiero! Tu sei santo, o UR!”

- Quattro volte tuona il ‘santo’ attraverso lo spazio: “Santo! Santo! Santo! Santo!”, il suo suono si mescola con l’ultimo rintocco di campana. Sui figli si stende un meraviglioso crepuscolo. Portano beatitudini senza fine nel loro sonno della Creazione. – Misteriosi veli avvolgono il Santuario; persino il Sole-ur ha velato il suo splendore. E’ sorta la Notte.

*

217. UR è seduto da solo sul Suo alto trono, maestoso; intorno a Lui le magnificenze di tutti i beni riportati dal primo Giorno dell’Ordine. Allora Egli stende le sue mani su tutti i figli, benedicendo nel giubilo, su tutta la ricchezza, su ogni Sua Opera. – Ed Egli adagia tutto, proteggendolo, nella fonte della Sua Mezzanotte, e dice a Se stesso:

«Tutto è diventato buono!

La Mia Opera del Giorno è compiuta!»

 

[indice]

 

IL SECONDO GIORNO DELLA CREAZIONE

 

Cap. 2

 

[Gen. 1,6-8]:  «Dio disse: “Sia il firmamento in mezzo alle acque per separare le acque dalle acque”. Dio fece il firmamento e separò le acque che sono sotto il firmamento, dalle acque che son sopra il firmamento. E così avvenne. Dio chiamò il firmamento ‘cielo’. E fu sera e fu mattina: secondo giorno».

 

«Amen! Signore, Tu sei degno

di ricevere il premio e l’onore e la forza;

perché Tu hai creato tutte le cose

e per la Tua Volontà hanno l’essere e sono create».

[Ap. 4, 11]

1. Santa Mezzanotte! – UR è seduto alla Sua fonte; le Mani attingono dalla profondità della propria Vita, ne traggono le acque e le guidano attraverso lo Spazio e il Tempo dell’eternità-ur alla nuova Opera. Dal buio lampeggia una Luce che cade sui flussi. Luce e acqua: due santissimi concetti per la vita! Anche se guidati e condotti, le due Forze scorrono incontro al divenire del centro-ur dell’Universo, in segreto e liberamente.

2. Le quattro Ore dopo la prima Mezzanotte della Creazione dell’Anno-Atto-ur sono trascorse. Sono riempite in modo duplice con luce e acqua, sgorgando altamente dalla santissima profondità-ur, colma fino all’orlo, salendo all’altura-ur. Poi si precipita nella vastità-ur e ritorna indietro, piena, verso l’alto. Si tuffa nella fonte e riprende nuovamente la sua corsa, per prestare al Giorno, potenza, forza, autorità e vigore; e nuovamente potenza, poiché ora si apre un’intera camera del Cuore dell’Onnisanto.

3. Il Capitano è sulla Sua nave. All’Orizzonte della divina perfezione-ur risplende una magnifica aurora. Ecco che l’Onnipotente conduce la nave nelle acque, Egli la conduce nella luce del Suo sole sul mare libero. Questo è il nuovo Giorno.

4. Come al Mattino dell’Ordine sorse il Santuario; il Sole-ur riceve il Suo pieno splendore. E Sadhana si risveglia, della quale UR disse: ‘Tu sei la figlia della Creazione-ur!’. Si risvegliano anche i sette principi-angeli. Tutti hanno bisogno della prima Ora del Mattino per riconoscere la nuova vita quotidiana, per dare uno sguardo al passato.

5. Quando si sono preparati abbastanza, risuona un ‘Alleluia’ proprio attraverso lo Spazio della Divinità. Si schierano intorno al santo focolare, levano in alto le loro mani e adorano: “Santo, Santo, Santo, Santo!”. Così termina la prima Ora del secondo Giorno della Creazione che è rimasto riservato ai figli per condurli alla vita progredita.

6. La seconda Ora rimane unicamente ad UR; ma poi Egli si mostra nella ricchezza della Sua maestà. Sulla veste bianca Egli porta una tunica blu come Creatore. Lo splendore del Suo volto è oltremodo maestoso; la Sua corona brilla e il Santuario è adornato nel modo più magnifico di splendore. Quando Egli prende nelle mani il Libro dell’opera, i figli si piegano sotto il ‘peso della magnificenza’, che è riversato su di loro.

7. UR dice: “Ci sia un firmamento! – Con la Mia luce ho attinto le correnti dalla Mia fonte, affinché portino benedizione al secondo Giorno dell’Anno-Atto-ur. Tuttavia, ora lascio che le mie acque – che fluivano dal Mio interiore all’esteriore del Giorno – siano differenti, affinché tutti i figli riconoscano una volta, qual è la Mia santa fonte ovvero l’acqua santificata che porta vita ai figli e alle Opere, mentre la Mia fonte rimane sostanza-ur e base-ur ad ogni essere e a ogni vita.

8. Questo vale fino alla fine dell’Anno-Atto-ur come differenza riconoscibile tra Me e l’Opera, alla consapevolezza della Forza interiore ed esteriore, contemporaneamente tra Creatore e creatura, tra Sacerdote e Spirito, tra Dio e anima, tra Padre e figlio. In ciò, tutti i Doni di Luce e di vita devono giungere come dall’Alto e scendere sui figli come luce dal Mio Sole, che vi dà beatitudine e benedizione.

9. La Mia fonte-ur sia l’acqua al di sopra del firmamento come benedizione permanente per l’Anno-Atto-ur, mentre ora le correnti di acqua che vengono guidate alle Opere devono raccogliersi sotto il firmamento. Questo avvenga!”. UR ha ancora in Mano il Libro della Creazione; il fuoco sul piatto d’argento – divampando chiaramente – spinge la coppa del sacrificio ad una maggiore vibrazione, e molto incenso sale alla cupola sotto il tetto del Duomo. Da un’infinita lontananza giungono ai figli dei santi cori, la campana-ur fa risuonare un eco di eoni di volte, dei colori irradiano il Santuario e sinfonie senza pari risuonano attraverso Spazio e Tempo.

10. I figli guardano adesso in su con accresciuta adorazione. Percepiscono in sé così pienamente coscienti il flusso di luce e di vita, che riconoscono l’onnipotenza di questo Atto della Creazione nella Sua immensa, unica grandiosità. Allora i loro cuori traboccano, proprio come acque vive, nello Spazio del Giorno e nel suo Tempo. Così sono strettamente uniti con il Creatore. E UR continua a parlare:

11. “Siate benedetti, tu Sadhana e i Miei primi per il perfezionamento di questo Giorno, e un’altra volta benedetti perché vi affidate a Me e non vi è nulla in voi che Mi fosse lontano. Siate benedetti per la terza volta perché avete lasciato fluire da voi stessi l’acqua della vita. Perciò assegno il secondo Giorno alla santa Volontà, che in accoppiamento con l’Ordine corrisponde alla Mia parte creativa. Regni la Mia Volontà! Per la quarta volta ricevete la benedizione, e chi rimane in questa la rappresenta anche lui stesso. Nondimeno, la benedizione è questa:

12. Ci sia un firmamento!’. Questa è la benedizione da Spazio e Tempo che deve compiersi su di voi e su ciò che diviene. Voglio chiamare il firmamento ‘Cielo’, perché ora siete divenuti saldi nella volontà di partecipare a portare le Mie Opere e di riportarMela alla fine di ogni Giorno. Dove perciò ci siete voi, figli Miei, deve esserci anche il Cielo, l’immutabile firmamento, un sostegno per tutti coloro che nascono dopo. Quando il Cielo in voi è saldo, allora voi stessi siete un pezzo del firmamento. E questa è la quarta benedizione che vi eleva a Me, perché in verità non dovete stare al di sotto di Me, bensì accanto a Me, se un giorno dovete essere ‘uno’ con il Mio Essere. Tuttavia, dalla fonte-ur sotto questo firmamento dovete condurre l’acqua alla benedizione dell’intera Opera del giorno e di ciò che verrà ancora dopo”.

13. Mentre UR dispone Sadhana e i primi principi-angeli nel loro servizio, rispettivamente al Giorno dell’Ordine come già menzionato, anche i restanti come collaboratori, Egli accende le candele del primo candelabro e rivela la prima insegna della maestà: la bilancia.

[indice]

2/1 – Il secondo arcangelo: Michael-Elya, portatore della Volontà con la spada

14. Dopo convoca il secondo spirito davanti al focolare e dice: “Vi sia un guardiano al firmamento, cosicché nessuna azione ingiusta, che mai il secondo Fondamento riuscisse a sviluppare, ne trovi l’accesso. Per questo chiamo ed eleggo te, Mio secondo principe, come portatore della Mia Volontà! Stendi le tue mani sul santo focolare. Il tuo nome, potente cherubino, sia Michael, e il tuo nome, soave serafino, sia Elya. Entrambi siete portatori della Mia Volontà dalla creatività interiore ed esteriore. Nei confronti dell’Opera siete uno, il secondo principe-angelo presso il focolare, la seconda fiaccola del Mio seggio. Come principe della Volontà vi mando nel Giorno. Prendete l’insegna della vostra dignità”. UR solleva la campana d’argento che si trova davanti al secondo candelabro che ora è pure acceso. Ecco che sul focolare giace aperta una spada che nella luce del Sole, nel solenne splendore del Santuario, scintilla magnificamente. UR consegna la spada al principe-angelo e rivela:

15. “La spada deve proteggere ogni figlio, ogni lavoro della Creazione che serve al perfezionamento di tutti i Giorni. Ciò che potete proteggere con questa, rimane all’interno del firmamento, ma ciò che dovete abbattere, rimane abbattuto finché un nuovo Giorno porti il nuovo inizio. Viene protetto tutto ciò che è sottoposto alla Mia Volontà, ma sarà abbattuto quello che si oppone a questa! Insieme al primo principe di luce dovete essere i guardiani della Mia prima porta attraverso la quale vengono portati fuori, in Spazio e Tempo, le immutabili Leggi. Queste le dovete proteggere!

16. Tuttavia, anche ai giusti accusatori che dovessero mai fare di Me un Giudice, vale la protezione. Custodite anche il Mio fuoco; esso è l’elemento di base del Mio santissimo Essere, del Creatore. Però battete gli ingiusti accusatori e coloro che infrangono la Volontà ovunque li incontrate, fino a quando al posto delle loro accuse, accusino se stessi nell’umiltà. – Ora riponete la spada in quel posto dove può rimanere eternamente”.

17. I benedetti, si inchinano profondamente, piegano le loro ginocchia e depongono la spada al suo primo posto. Là rimane scoperta. A Colui che nel Potere rimane seduto sul Suo seggio, esclamano: “Santo sei Tu, Onnipotente, Santo, Onnimaestoso! Tu metti la Tua spada nelle nostre mani, la Tua Volontà nel nostro cuore; guarda: così, cuore e mani Ti devono essere obbedienti nel servizio. Perché solo Tu hai il Potere di proteggere oppure anche di battere! Ma se lo possiamo fare noi, allora la Tua mano voglia prestarci il suo potere e dal Tuo Cuore ci sia annunciata la Tua Volontà. Perché sei TU che hai fatto sorgere tutto. In ciò sei santo, eterno, unico e veritiero!

18. Ci hai eletti come il Tuo Cielo, come il Tuo firmamento! Chi lo vuol comprendere? Ma se siamo parte della tua parte-ur santa-maestosa, allora anche Tu solo sei il Cielo e il firmamento, il simbolo della Tua immutabile Volontà. Perciò noi, ‘il cielo’, siamo solamente nel Tuo Cielo, siamo ‘il firmamento’, solo nel Tuo firmamento, e in verità”, Michael afferra la spada, “la mano che riceveva dalla Tua Volontà questa spada, la saprà usare se necessario!”. – Egli ripone l’insegna.

19. “Noi rimaniamo ciò che siamo diventati da TE, ma Ti preghiamo: ‘Rimani per noi ciò che Ti sei rivelato nelle Grazie: Creatore, Sacerdote, Dio e Padre, l’Onnisanto-UR!’ Signore, Tu sei degno di accogliere il premio, l’onore, la forza ed il potere! Infatti Tu hai creato tutte le cose ed attraverso la Tua Volontà hanno l’esistenza già nel Principio a noi sconosciuto delle Tue Opere! Santo sei Tu, o UR!”. Piegano nuovamente le ginocchia. UR si reca davanti al santo focolare e consegna ai principi il nastro blu come lo hanno ricevuto Uraniel ed Urea nel primo Giorno. E’ il colore del Creatore, simbolo dell’alto firmamento del Cielo.

20. Dopo che tutti i figli si sono seduti sulle loro sedie, UR dice: “Per la gioia e l’onore che Mi preparate, siate ricompensati. Come gioiello dovete portare l’insegna sul vostro petto, affinché le future generazioni vedano chi siete. – Tuttavia in voi si è aperta una domanda, di come è possibile che ora giace l’immutabile Volontà sul Giorno, anche se ai figli è preparata la Legge della libera volontà come Dono più sublime. Voi avete assistito alla magnifica edificazione dell’Anno-Atto-ur fin dal momento della vostra vita cosciente, avete contemplato il Mio Potere ed avete percepito le forze dei sensi del Mio Essere. Con ciò la Legge della libera volontà già non è più per voi la cosa principale, bensì solo la Mia Volontà è in voi in primo piano. A questa vi chinate, a questa vi subordinate. Questo è giusto e bene.

21. Ma come ha potuto la Mia Volontà raggiungere un tale saldo fondamento in voi? Lì è entrata in vigore una condizione ben posta, per cui, di conseguenza non potete agire diversamente? Sono intervenuto in modo determinante? Quale Potere predomina in voi: ‘Le Mie immutabili Leggi, oppure la vostra libera volontà che vi ho preparato per Me stesso?’

22. Miei primi, questo è certamente da esaminare, altrimenti il Giorno della Volontà non potrà essere eseguito. Altrimenti le correnti non si lascerebbero guidare in Spazio e Tempo come comunque deve avvenire. Perciò ricercate nel vostro interiore la giusta risposta secondo l’Opera. Io potrei ben accendere in voi una chiara luce, ma ciò servirebbe molto poco a voi, ancor meno all’Opera, molto meno anche a ME. Perciò camminiamo! Sulla via verso la collina dell’Ordine che è sorta il primo Giorno, avrete abbastanza occasione per riflettere diligentemente su questo”.

23. Sadhana precede d’un passo e dice: “Padre Santo-buono, il più amorevole, vogliamo con grande diligenza risolvere il compito dato a noi. Soltanto, a che servirebbe tutto il ricercare, se non venisse accesa in noi attraverso di Te la fiaccola dell’intelletto? Infatti, senza di Te non possiamo proprio nulla, invece con Te tutto!”

24. “Hai di certo parlato bene, amabile Sadhana. Sì, con Me potete portare tutto sul giusto sentiero, ma se volessi condurvi già in segreto, e per questo ancor più dipendenti attraverso le immutabili Leggi affinché riconosceste il giusto, allora sarebbe appunto il Mio lavoro, il Mio merito. In tal caso non sareste degli esseri viventi capaci di uno sviluppo autonomo, bensì dei pensieri attratti che avrebbero bisogno di una continua guida nella non-libertà. Un tale sviluppo contraddice comunque, sia l’Anno-Atto-ur che la sua alta meta pensata in anticipo.

25. Dovete portare questo come pareggio: – Preporre sempre Me ed essere liberi dai poteri legati arbitrariamente! – Badate di riconoscere il giusto!”.

- UR lascia il Santuario, seguito da Sadhana e dagli angeli. Arrivati all’esterno, Egli indica nello spazio e loro vedono la nota collina dell’Ordine che si eleva magnificamente davanti al muro di luce. UR dice che ora devono peregrinare da soli per la via, e che Egli andrà da loro a tempo debito.

*

26. Lo devono fare? E’ una prova? Loro osservano il santo volto del Signore a loro fidato e diventato caro, e allora li inonda una grande gioia. Sì, si sono già affermati, ma attendono per vedere dove UR dirige i Suoi passi; ma… all’improvviso è scomparso. Non si sono accorti dove sia andato. Sadhana, Uraniel ed Urea ora precedono, gli altri seguono, Michael ed Elya formano la fine. Arrivati al muro di luce trovano l’Ephata chiusa. Chi potrà, la aprirà? I principi lo chiedono a Sadhana, ma lei decide che la deve aprire Uraniel, poiché attraverso questa porta si procede proprio verso la via alla sua collina.

27. Invece Uraniel si rivolge a Michael, e dice: “E’ il tuo giorno, fratello di luce! Ti prego, esercita la tua funzione”.

- Michael si guarda intorno cercando. Stanno ancora all’interno del centro-ur e… ciononostante, …quanto avrebbero urgentemente bisogno dell’insegnamento del Padre. La sua umiltà è così grande, che su di lui cade un pieno raggio del Sole-ur! Allora questo risplende nei suoi occhi ed esclama: “Oh, quanto è facile la decisione! Solo UR è in grado di aprire la Porta! Anche se non è visibile, tuttavia questo è nella Sua essenza, e noi possiamo portare Lui, il Santo, nella nostra memoria. Quindi mettiamo insieme le mani alla serratura della porta; ma tu, Sadhana, come prima figlia, pronuncia l’Ephata”.

- Gioiscono di questa buona frase. Quando lo effettuano, ecco che si apre la pesante porta a due ante, e la via che conduce fuori nello Spazio e Tempo, verso la collina di luce dell’Ordine, essa è libera davanti ai figli.

[indice]

2/2 - Una prova di sottomissione al compito

28. Sul sentiero ripensano e discutono il compito. Anche se dapprima lentamente, ma procedendo nel tempo del Giorno, aumenta anche il loro intelletto. Si stupiscono molto di trovare sulla collina la casa di Uraniel come mostra loro la reminiscenza (il ricordo). UR porta le vecchie Opere talvolta in un nuovo creare? Ma perché le innumerevoli formazioni di luce nella grande lontananza sono ancora così nebulose, come senza forma? – Su ciò, dapprima non riescono ad arrivare a una vera chiarezza.

29. Allora Uraniel dice: “Entrate! Davanti all’altare ci verrà una prima rivelazione, poiché non all’esterno, davanti alla porta, bensì nella stanza dell’altare della casa, Ur vuole incontrarci”.

- Su questo, tutti e tre sono d’accordo. – Entrano come una volta con UR attraverso la porta a destra.

- Uraniel la lascia spalancata, affinché quando viene UR, Egli possa entrare subito da loro. Poi tiene il servizio all’altare; attizza la piccola fiamma e mette dell’incenso nella coppa del sacrificio, che corrisponde alla loro buona conoscenza. Sulla libera decisione, dice quanto segue:

30. “Dobbiamo essere presso UR con tutti i pensieri, poiché da loro procede la costruzione di tutto ciò che sta per divenire. Nel cerchio dell’anello, al pensiero, segue sempre la conseguenza, nella quale vediamo l’immutabile Legge, la santa Condizione, senza la quale nulla persiste. Parola ed azione, fra pensiero e conseguenza, sono la direzione e l’andamento. Essi si basano su Leggi mutevoli, sulla libera volontà lasciataci per il massimo utilizzo. Quindi in UR troviamo il principio e la fine, nel cui mezzo sono da mettere pietosamente tutti i figli. Questo fa riconoscere che il libero arbitrio porta la benedizione solo quando il figlio – decidendo liberamente – mette questo tra Principio e Fine, e sotto le dominanti condizioni, la Legge immutabile di UR. Se ci alziamo accanto ad UR, allora perdiamo la benedizione; se ci eleviamo al di sopra di Lui, allora perdiamo la libera vita; ma se ci pieghiamo del tutto liberamente sotto la Sua buona Guida, allora le Sue mani ci eleveranno a tempo debito. In questo riposa la sacra libertà della nostra esistenza e della vita eterna”.

*

31. Dopo un silenzio di riflessione, Sadhana dice: “Fratello Uraniel, quanto hai già riconosciuto…; è quasi come se parlasse UR stesso”. I principi lo confermano.

- Il primo china umilmente il suo capo: “Se era buona, allora è appunto la santa Parola, ma la forza per parlare l’ho attinta contemporaneamente dai vostri cuori. Con ciò è la conoscenza della comunità”.

- Allora tutti si inchinano, sentono con sé UR, benché ancora invisibile.

- Michael pone la domanda se anche lui riceverà una collina di luce su cui potesse erigere una casa. Discutono su tutte le indicazioni ricevute dell’Opera, finché alla fine Uraniel, che sta ancora alla destra dell’altare, dice di nuovo:

32. “Ovviamente, avrai casa e collina aspirandovi tu stesso, e lo si vede già dal fatto che il secondo giorno ci ridona le Opere del primo. Tuttavia dovrai certamente compiere un’altra opera. E dato che UR ha detto che dobbiamo condurre i sacri flussi della Sua fonte sotto il firmamento divenuto saldo, con questa indicazione il tuo lavoro possiederà il suo Fondamento.

- “Elya risponde: “Questo rimane riservato a UR; EGLI indica che cosa deve avvenire”.

- Tutti sono d’accordo e si immergono, aspettando il momento in cui UR apparirà.

*

33. Un meraviglioso alito li tocca nella loro meditazione. Quando guardano in alto, ecco che UR si trova con il volto buono dietro l’Altare della Casa.

- Egli benedice i Suoi figli e dice: “Con compiacimento vi contemplo, e la Mia nostalgia per voi non era meno che la vostra per Me. Ma guardate la differenza! Ognuno porta per sé il desiderio per Me; Io porto il desiderio per ogni figlio che esso si voglia unire con Me nella completa verità. Da ciò, notate bene quanto infinito deve essere il Mio Cuore, per avere tutti i figli in Me. Ogni figlio deve percepire i dolori della fiamma della sua nostalgia, ma Io percepisco le fiamme di tutti i figli che sono in e al di fuori di Me, che faccio sorgere, ognuno secondo il suo genere.

34. Ho anche il Fuoco della nostalgia per il compimento delle Mie Opere. Oh, quante fiamme ardono attraverso il Mio Cuore! Però, prima ancora che ne giungiate alla conoscenza, passerà ancora qualche Giorno. Solo alla fine del settimo Giorno della Creazione riconoscerete la Parola: ‘Come la Mia nostalgia per voi è l’olio che nutre la vostra fiamma, allora voglio considerare nella Mia Bontà la vostra nostalgia come un olio nutrivo per Me’.

35. Voi avete riconosciuto molto bene l’importante questione di pareggiare e adeguare la Legge della libertà con le Mie condizioni-ur. L’ulteriore profondità che ancora manca, ve la deve aprire ora il co-creare posto nelle vostre mani. Tu, Mio Michael, hai già avuto ragione che questo Giorno ha pure bisogno di una collina insieme alla casa; ora devi guidare tu tutti quanti”.

- Michael ed Elya guardano UR. E’ questa una Legge immutabile che sarebbe da adempiere subito? Oppure hanno la libera volontà di pregare UR, di precedere sempre come la loro superiore e migliore guida? Michael si fa avanti, posa la mano destra sulla coperta dell’altare, sul tappeto blu che – come presso il santo focolare – arriva, partendo da qui, fino a quel punto dove si unisce la via dell’Ordine con la grande via della Creazione.

36. Lui (Michael) dice: “Eterno-Santo-UR, eterno-unico e veritiero! Guarda: ho messo le Tue parole nel mio cuore. La nostalgia insegna che in questa ricchissima Ora di grazia, sei unicamente il ‘PADRE’! Infatti, solo un Padre può dare un tale onore al figlio. Tu sai che il mio desiderio Ti vorrebbe pregare di condurci Tu stesso, perché noi figli non siamo mai delle guide da noi stessi, anche se dovessimo prenderlo in prestito dalla Tua creatività. Ma dato che ora hai posto saggiamente la Tua Opera sulla consapevolezza di forza interiore ed esteriore, io voglio, grazie alla Tua bontà e su Tuo invito, essere il preparatore della via. In ciò riconosco l’efficacia di una Legge immutabile per l’alto utilizzo di questo Giorno. Riconosco la condizione e l’adempio. Qual ricchissima conoscenza ci dai con questo! Ora posso unire le due mani sensatamente come condizione e libera volontà. E’ molto facile compiere questo, quando la verità delle Tue parole colma il nostro cuore.

37. Ma che significa di precedere esteriormente al Tuo portatore della Volontà? Precedi TU eternamente; noi Ti vogliamo seguire volontariamente! Il Tuo interiore era la Tua prima Opera più sublime e sarà la Tua ultima con cui chiuderai il santo cerchio-ur dell’Opera. Quindi, in ogni tempo l’elevare l’interiore sull’esteriore, mettere Te al di sopra di noi, esegue la Tua giusta e amorevolissima Volontà sui Tuoi figli. Amen! Siano portate a Te tutta la nostra gratitudine, gloria, lode e fama. Amen!”

38. La conoscenza di Michael va oltre il tempo stabilito. Sadhana si è fatta avanti con i principi. Loro posano le mani sull’altare come in un giuramento; tutti sono animati da un solo animo. UR sta in mezzo ai Suoi figli, e ognuno può riposare al Suo Cuore. Allora risuonano molti ‘Alleluia’ attraverso lo Spazio, per la benedizione del nuovo Giorno.

[indice]

2/3 - La casa di Michael – L’interiore e l’esteriore

39. Il principe della Volontà precede UR. Sovente guarda al Santuario e nota come i raggi del Sole-ur camminano con loro, poiché lui ha elevato UR come unica Guida nel suo cuore. Nel futuro vedrà sette colline come scala centrale dei raggi della Vita fondamentale preposti al Santuario. Questi sono anche i simboli dei principi-angeli, i portatori delle Caratteristiche. Quando il pensiero assume in lui delle forme sempre più solide, in lontananza, dall’indescrivibile mare di luce si forma una collina che somiglia a quella dell’Ordine. La collina della Volontà! Nonostante ciò, domanda sorpreso voltandosi verso UR:

40. “O onnisanto, UR, Tu, Padre della grazia: da dove sorge all’improvviso questa collina? Avrei dovuto vederla da tempo. Come me l’hai ordinato, ho pensato solamente alla Tua Opera, ma questa non voleva mostrarsi. Ti prego, spiegaci questa faccenda”.

- UR si ferma, subito accerchiato accanto ai Suoi figli. Lui dice con gentilezza:

41. “Sì, Michael, qui devo proprio aggiungere la Mia Parola affinché riconosciate questo: – La diligente riflessione serve davvero a poco se non la si unisce con una salda volontà. Ti sei esercitato nella prima, ma hai dimenticato di più la seconda. Qui di certo è stata l’umiltà il motivo per il quale hai pensato in te stesso: ‘Lo deve fare UR. È Lui il Creatore di tutte le cose!’. In tal modo hai addossato il lavoro solo su di Me. Però chiediti: ‘Perché ho fatto di te il portatore della Mia Volontà?’. Tuttavia, non proprio perché hai da portare unicamente la Mia Volontà. Questa sarebbe una povera faccenda! Ciò non corrisponde al Potere creativo insito in Me per il fatto che ho lasciato divenire i Miei figli. Essi hanno ottenuto la loro parte dal Mio Essere, portano la Mia Scintilla di luce e di vita, essendo fatti ‘del tutto simili a Me’.

42. Se l’ho fatto così, allora dimMi, Mio principe-angelo: ‘Come dev’essere fatto il tuo interiore, per incorporare in modo plastico la Mia grandiosa idea della Creazione?’. Se l’Anno-Atto-ur deve sorgere solo da Me, per quale scopo vi avrei generato? Per quale scopo verranno risvegliati ancora innumerevoli figli? Voi non siete delle bambole senza essenza pur essendo formati esteriormente molto bene ma interiormente privi del Mio eco. Questo sarebbe davvero un debole potere creativo, con cui andrei a commerciare come un Ambulante, ed Io sarei simile ad una Cavità, uno Spazio vuoto in cui non dimorerebbe altro che un qualsiasi potere e una qualunque forza!

43. Voi siete nati da Me, e questo per uno scopo sublime della Creazione. Perciò a ogni figlio dev’essere dato un giusto ‘quantum’ di Me stesso. Diversamente sarebbe il triste risultato di un capriccio. Vi ho generati principalmente, tutto il resto l’ho creato nello Spazio e Tempo come Opera secondaria, …certamente importante; e tutto per esservi utile. Persino il Mio Anno-Atto-ur che v’incute rispetto, è e rimane un’Opera secondaria, predisposta per voi. Consegno a voi l’Opera, voi la dovete edificare e un giorno aiutare a riaccoglierla perfetta. Da ciò vedete quale importanza avete per Me.

44. Potete persino assolvere la condizione-ur legislativa, non appena riconoscerete la sua immutabilità. Certo, la causa fondamentale di ogni Legge rimane riservata eternamente a Me, ma vivere fino in fondo la personale conseguenza della Legge è trasferibile ai Miei figli come dimostrazione che li ho creati per ME come Mia immagine. Perciò la seconda collina è potuta diventare visibile solamente quando Michael ha orientato i suoi pensieri non alla Volontà, bensì alla disponibilità della volontarietà. – Ora vogliamo proseguire, perché il tempo non si ferma e il Giorno prende il suo corso. Per questo è necessario eseguire un lavoro utile sulla Collina della Volontà”.

45. I figli sono oltremodo felici perché hanno imparato ad eliminare con maggior efficacia il grande conflitto tra la Legge mutabile e quella immutabile. Nondimeno, nell’ulteriore giubilo per avere una così imponente parte nel co-creare, hanno steso il mantello dell’umiltà: ‘Egli è la Conoscenza; noi, nonostante le facoltà, siamo figli e creature di UR, e senza di Lui nessuna Opera riesce e l’attività co-craetiva (può avvenire) solamente con la Sua santa Mano del Creatore’. Con questa conoscenza arrivano anche già al piede della collina.

46. Cammin facendo, Michael ed Elya sono pieni di piani su come vogliono costruire la loro casa. Ma qual sorpresa! Raggiunti in alto, trovano la casa già pronta. Loro sanno che non è diventata attraverso la loro espressione di volontà. Chi l’ha formata? UR? No, questo sarebbe contrario al Suo insegnamento. Magari Uraniel? – Nemmeno! Poiché tutti i figli non ne sono sorpresi da meno. Se in questa sfera esistesse una delusione anche se umile, allora potrebbe essere descritta così come ciò che assale il secondo principe-angelo. Loro guardano UR in modo interrogativo: ‘Non dobbiamo, non possiamo essere attivi sulla nostra collina?’

47. UR sorride dolcemente. La terza Ora del Giorno non è ancora trascorsa, e Lui non può pretendere dai Suoi primi-nati, di più di ciò che il tempo ha da dare, e questa è già una piccola parte in più. Quale alta Gioia incommensurabile: ‘Sì, loro diventeranno! Loro sono i figli Miei! Li tengo alla Mia mano di Padre! Loro sanno che in Me trovano solamente il meglio!’. Questo è un giubilo eterno per UR; Lui ha messo i Suoi figli liberamente sulla traiettoria più alta, ma… riprenderanno la loro corsa di ritorno a Lui?

48. – Allora Lui va alla porta destra della casa, e chiede: “Vuoi aprire, cherubino Michael? Guarda: Io sto davanti alla porta!”

- Michael si precipita. Tutti i pensieri incompresi sono dimenticati. UR vuole entrare in casa! Null’altro domina Michael ed Elya; ultrabeati, aprono la porta e ora, come portatori, in Onore del Signore, stanno a destra e a sinistra. Si inchinano profondamente quando UR passa la soglia. Loro entrano per ultimi sul tappeto blu. Presso l’altare, Michael pensa come la Creazione non lo ha sentito finora. Il fuoco divampa da sé, gli strumenti diventano visibili; e come nel Santuario, si sentono dei lontani cori, suoni d’arpa e di campane. Sì! – Anche se esteriormente non è il Santuario, UR è comunque con loro, quindi anche qui si deve manifestare la Sua santa Opera. I loro cuori riposano perfetti nel santo Cuore del Padre. Sono da glorificare beati e ancora tre volte beati!

49. E UR? Santo, maestoso e… in alto, troneggia al di sopra di loro, e comunque è del tutto come PADRE. Ha creato Lui il ponte del collegamento, oppure i Suoi figli, dall’intimo collegamento con Lui? Ambedue le cose sono vere! UR erige i pilastri, i figli il loro ponticello, ma il Creatore è ancora in primo piano; quindi i primi Lo devono onorare riconoscendoLo, perché su questa via il perfezionamento viene conquistato dalla perfezione di UR. Già risplende la parte del Sacerdote e di Dio nella parte del Creatore-UR, poiché i figli hanno imparato ad amare UR in questo modo. Quanto grande sarà una volta l’amore quando dominerà? Ognuno deve percorrere il sentiero attraverso la quadruplice Entità della Divinità, perché per i figli il santo collegamento è da stabilire un po’ alla volta. Invece UR ha riservato questo ad un altro Giorno, e questo è bene! Perciò Lui stesso non previene, bensì adegua il primo Insegnamento nella Casa della Volontà, al Giorno e alla sua Ora.

50. Lui dice: “Mia Sadhana, Miei principi di luce, quando iniziò il primo Giorno della Creazione, ho pronunciato qualcosa che vi era incomprensibile. Non era un errore, poiché ora si compiono quelle parole, e voi dovete cooperare. Io ho detto che la Mia fonte-ur, il simbolo dell’eterna Fonte della vita, è da porre in modo irremovibile al di sopra del firmamento (cap.6,9) come benedizione rimanente per l’Anno-Atto-ur, mentre invece sono da raccogliere le correnti d’acqua condotti da questa fonte della vita al di sotto del firmamento. Ho chiamato il firmamento ‘Cielo’; e voi, portatori delle Mie caratteristiche, voi dovete essere questo Cielo. In ciò si trovano dei misteri che saranno poi riconosciuti da un figlio quando si aprirà al Mio Spirito. Così ascoltate:

51. Voi sapete che Io sono la fonte-ur. Sia che pensiate alle quattro camere del Cuore come alla quadruplice Entità come Creatore, Sacerdote, Dio e Padre, oppure alle Mie sette forze dei sensi – i raggi della Vita fondamentale – sia che volete fare la differenza tra il Mio Essere interiore ed esteriore e l’Opera, …la Mia fonte-ur rimane sempre indivisa! Chi si sente qui a Casa e vorrebbe restituire a Me la sua propria vita, deve conoscere, riconoscere ed ammettere irrevocabilmente ME nella Mia interezza! Nella riconoscenza, nella forma più sublime è radicato l’unico, reale collegamento con Me, perché è il più intimo!

52. Chi ne contempla una parte, imparerà a riconoscerMi proprio unicamente in questa, e quindi avrà il diritto in quella parte di benedizione che fluisce da questa parte dell’Essere. Invece voi, come i portatori di una eternità, dovete riconoscere interamente il Mio Essere-ur per quanto Io stesso ve lo rivelo in ogni Giorno. Da questo, voi siete poi il ‘Cielo’, il che non esclude che dei figli successivi diventino partecipi pure di questo Cielo. Il Cielo come firmamento ha due significati fondamentali: – Una volta vale come muro di divisione tra la Mia fonte-ur e le acque che confluiscono alle Opere, ma anche la divisione o ‘linea di riconoscimento’ tra la consapevolezza della forza interiore e quella esteriore. Per quanto suoni anche improbabile, d’altra parte il firmamento è il collegamento, una porta che conduce dall’esteriore all’interiore; anzi, un giorno raccoglierà di nuovo tutte le acque raccolte sotto il firmamento e le ricondurrà verso Casa, al loro stato originario.

53. Il Mio umore di Creatore non ha fatto sorgere per caso voi sette in due forme, meno ancora la Mia Sadhana come un riflesso di luce. Al percorso fondamentale dell’Ordine dell’Anno-Atto-ur sono poste delle condizioni riservate, per le quali, di conseguenza, una creatura diventa solo ‘figlio’ e cioè, ‘figlio libero da sé stesso’. Tuttavia nessuno può nemmeno presagire il più misterioso collegamento che sussiste tra Me, come Persona, e fra Me come fonte di vita-ur. Invece, grazie alla volontà auto consapevole, potete imparare a riconoscere la costruzione, la direzione, l’andamento e la meta delle Opere a voi consegnate.

54. C’è da raggiungere l’attività autonoma, affinché il firmamento non rimanga una separazione, poiché non l’ho posta così per via di Me, bensì per la benedizione più sublime nel finale. Ogni spirito-parziale mantiene in sé la cellula-ur della sua nascita, della sua appartenenza al Nucleo-ur! Uno spirito-parziale può coprire questo sentimento di appartenenza come si copre un rivolo con un po’ di sabbia. Ma vedete, l’acqua stessa, lo spirito-parziale, non sarà diversamente di com’era, anche se su questo venisse gettata una palla di Sole piena di sabbia. Rimarrebbe bensì nascosto per lungo tempo e un giorno potrebbe lavorare faticosamente per raggiungere di nuovo la luce del Giorno, soltanto, …l’acqua scorre, spinge in avanti!

55. Un tempo verrà l’ora per un tale piccolo corso d’acqua in cui essa si raccoglierà per un’eruzione. Forse irromperà dalla dura crosta in un altro luogo, ma allora si rifletterà di nuovo pura e limpida nella Luce del firmamento, del Cielo, che presto le diventerà ‘porta’, una via del ritorno alla fonte-ur, a Me, a UR. Questa è la benedizione irremovibile che è stata promessa dalla fonte-ur all’opera del figlio sul firmamento in quel momento, quando ne ho dato la benedizione!

56. Tuttavia, riconoscete anche questa altra cosa: ‘Io sono il Supremo, UR dall’eternità in eternità. Non esiste altro Spirito! In tal modo ogni spirito-parziale ha il collegamento con Me, oppure ritrova la via del ritorno a Me, anche se dovesse essere pieno di abusi per la Legge della libera volontà da ingiustizie provocate da se stesso’. Perciò vi è chiaro che è impossibile l’aver edificato questo firmamento come muro di separazione insuperabile, perché allora dovrei separare eternamente da Me delle parti del Mio Spirito, non appena ci si perdesse nella sabbia. Dovrei scindere le cellule-ur dal Nucleo-ur, e in tal modo tutta l’opera del figlio sarebbe in pratica un semplice gioco di Pensieri.

57. Voi comprendete che questo è contrario al Mio santo Essere-ur. Tuttavia ci sarebbe da dire di più sul tempo che ha bisogno di un collegamento oppure di un distacco. Non lo potete afferrare perché non conoscete ancora la percezione del tempo. Voi sentite i rintocchi dei Secondi, dei Minuti, delle Ore e del Giorno. Dato che siete abbondantemente benedetti, ogni vicissitudine dura poco per voi. Invece nell’alto Mezzogiorno del Giorno il concetto di ‘tempo’ vi si avvicinerà un po’ alla volta allorquando potrete tenere una retrospezione. Allora vi meraviglierete quante Opere maestose si allineano. Gioia, lavoro, buona co-attività fanno scorrere velocemente il tempo.

58. Lo stesso tempo diverrebbe un peso immane non appena un figlio fosse contrario all’Opera e dalla benedizione risultasse una maledizione. Ogni procedere contrario deve essere pareggiato dallo spirito-parziale stesso, eccetto che da un possibile Sacrificio della Creazione! Ma se nel figlio, a seconda della cellula-ur, il sorgere originale e il sentimento di appartenenza diventassero di nuovo pieni di vita, allora non sarebbe più difficile mettere un’Opera deviata sul percorso dell’Ordine. Allora un figlio rivoltato vorrebbe desiderare come del tutto annullata l’ingiustizia commessa, ma che giustamente non è possibile. Voglio mostrarvi la condizione.

59. Sarebbe ingiusto se un caduto che Mi ruba i tempi a lui lasciati, dopo aver riconosciuto la sua ingiustizia, si ri-trasportasse semplicemente nel luogo e nel tempo dov’era unito, puro, con Me, con il Nucleo-ur. – La cellula-ur dello spirito-parziale, la sostanza di forza del Mio Spirito universale avvolta nella creatura, non può mai cadere, bensì lo può unicamente la creatura come essere animico, oppure come figlio nella sua facoltà della libera volontà.

60. Ciò che sarebbe da portare come difficili sacrifici in un tale tempo di distacco per via dei figli fedeli, non potrebbe rimanere eternamente senza pareggio. Perciò un tale spirito-parziale dovrebbe estirpare tali sostanze immonde accadute nel corso della sua vita, e questo non può essere fatto tanto presto. Dovrebbe essergli dato un luogo e un tempo dove vi sarebbe accumulata un’immondezza, finché non potesse svolgersi una ri-trasformazione, poiché la Creazione non può accettare la sostanza immonda espulsa. La luce nei figli oppure anche nell’Opera, apporterebbe questa trasformazione. Tuttavia, finché ne esisterebbero ancora delle rimanenze, un tale spirito-parziale non potrebbe oltrepassare il Mio firmamento come porta.

61. Allora sperimenterebbe un’eternità piena di oneri, persino se la Grazia l’abbreviasse. Questa percezione di eternità non sarebbe presa ovviamente da nessun tempo dell’Opera di un Giorno, bensì sarebbe sempre la percezione del tempo che ne darebbe il peso. Questo sarebbe da adeguare al tempo effettivo solamente dopo la metà di una via del ritorno, che sarebbe poi un’Opera di Grazia. Una tale perdita di tempo potrebbe riguardare più ore di un Giorno della Creazione, ma anche soltanto dei frammenti di un’ora. La percezione di una pesante eternità non dipenderebbe da ciò, ma tutto sarebbe dominato dalla Mia immutabile benedizione espressa che ho dato all’Anno-Atto-ur come sommo Sacerdote; e questi tempi ripieni da questa sono delle vere eternità!

62. Prima che comprendiate con un’ulteriore sguardo la formazione dell’andamento del Giorno, deve succedere dell’altro. L’esteriore deve tenere il passo con l’interiore, altrimenti un lato verrebbe appesantito troppo, l’altro si affloscerebbe troppo facilmente. Anche quest’indicazione non è una caratteristica secondaria del collegamento della consapevolezza della forza interiore ed esteriore, perché se la conoscenza interiore è progredita fattivamente, allora deve germogliare visibilmente un’azione fruttifera, altrimenti ogni genere di conoscenza servirebbe a poco, anzi diventerebbe persino una zavorra, perché anche la conoscenza è un peso che ha bisogno del pareggio. In tal modo crescono entrambi alla pari, l’interiore e l’esteriore, come Io l’ho previsto.

63. Viceversa, se un figlio tende più all’esteriore, si origina anche una manchevolezza. Molte azioni possono somigliare a noci vuote! Chi dice pure: ‘Dipende solo dai fatti’, costui è uno stolto, perché cerca d’ingannarMi sul lavoro! Prima che esistesse l’esteriore c’era lo spirito della vita interiore! Prima che la Creazione-Atto-ur entrasse nel campo visivo del divenire, sorse la personificazione interiore. Non gli spiriti-parziali ottennero prima la loro forma di vita, bensì Io ero l’eterna luce-ur nella luce-ur, l’Essere-ur nell’Essere-ur! La formazione esteriore seguì dopo il creare in Me, pensato e pronunciato! A nessuno spirito-parziale riescono delle buone azioni utili per l’Opera complessiva se prima non lascia la sua alta signoria affidata da Me alla sua cellula-ur, cosa che avviene attraverso la relativa successione di scambio tra la conoscenza interiore e l’azione, …così anche con voi. L’insegnamento come seme interiore può essere arrestato un poco, affinché l’azione giunga al frutto attraverso la maturazione, che però richiede il suo tempo.

64. Allora nel nostro Michael è salita la domanda dimenticata: ‘Che cosa devo costruire? La casa è pronta!’. – Sì, sì, un buon consiglio sarà ben caro. E’meglio che ci rechiamo all’aperto, il Sole-ur aiuta di nuovo un poco, cosicché può donare una vera luce di Sole a Michael e ad Elya, e il bel Giorno della Creazione non debba finire a vuoto. Quindi, portaci all’aperto, cherubino Michael, perché qui tu sei il padrone di casa. Io sono il tuo Ospite”.

- I figli hanno ascoltato solennemente l’insegnamento che è fluito come acqua sui prati ricettivi. Sì, l’acqua! Prima non era ancora il tempo di sopportare tali verità dalla luce. –

65. Michael dice: “O Eterno-Santo-UR, Creatore, Sacerdote, Dio e Padre! Noi stiamo nella Tua luce, in mezzo all’irradiazione che tutto beatifica, in cui Tu sei il Punto culminante, come le scintille di luce che prendono la loro strada eternamente ordinata intorno a Te. Tu ci hai aperto la Tua fonte della vita in modo tale, che un po’ alla volta in noi si fa luce Chi e che cosa Tu sia veramente, ma anche, chi e che cosa possiamo essere noi. Tuttavia, accogli prima il ringraziamento di tutti noi come un’adorazione onorifica che Ti compiaccia. Noi Ti glorifichiamo e pieghiamo i nostri ginocchi, perché l’Eterno-Santo sei Tu, l’Eterno-Santo è il Tuo Nome! Il miracolo del nostro divenire non ci sarà mai del tutto chiaro, anche se potessimo vedere fino alla fine del Tuo santo Anno-Atto-ur. Da un tale sguardo non verrebbe nessuna benedizione, poiché la Tua Luce ci coprirebbe come un flusso.

66. Per amor nostro hai trattenuto l’ultimo mistero in cui giace proprio il perfezionamento del nostro essere e della nostra vita e la Tua meta più sublime: il concetto della Divinità-Padre con il figlio! O Signore, questo Ordine è meraviglioso, altamente maestosa la Tua Volontà! Ti glorifichiamo e Ti adoriamo, eterno-unico e veritiero. Tu solo hai tutto il Potere, la forza della formazione. Tu tieni l’Opera con la Tua onniautorità e fai dimorare i Tuoi figli sotto la Tua forza. I miracoli del Tuo Cuore si sono rivelati a noi. Oh, percepisci anche il battito del nostro cuore che Ti adora eternamente! Tu sei santo, o Signore, santo, santo e santo in tutta l’eternità! Amen!”

67. Tutti s’intonano nell’adorazione; questa si perpetra, riecheggia e compare come stella, splendente sul capo degli adoranti. Quando costoro vedono e notano che le stelle rimangono su di loro, irrompono in un gioiosissimo giubilo.

- UR entra in mezzo a loro ed accetta con grande gioia del Cuore le loro timide carezze.

- Ora Michael, serio ed umile, sta dinanzi a Lui, e dice:

68. “Onnisanto Padre, mi hai chiamato ‘padrone di casa’, ed hai chiamato Te l’Ospite. Il rapporto mi sembra impari. Certamente mi sei eternamente l’Ospite più benvenuto non appena oltrepassi questa soglia, però vorrei pregarTi di assumere non soltanto il diritto di Ospite, bensì anche il diritto di Proprietario. Infatti, solo se posso salutarTi qui come Proprietario del bene immobiliare, la casa mi sarà di vera benedizione. Quando sono nell’Onnisantissimo, o mio UR, allora sono tuttavia io il Tuo ospite, e non voglio nemmeno essere altro, perché Tu sei originariamente in eterno il Proprietario di tutte le cose! – Ora però voglio eseguire il Tuo ordine. Voglia Tu istruirci, Ti prego, ancora sul Diritto di proprietà e dell’ospite, perché mi manca la comprensione più profonda”.

69. “Hai ragione, Mio Michael. Ma andiamo fuori, affinché sia fatta completa luce in voi come lo pretende l’Opera”.

- Sullo spiazzo libero davanti alla casa, UR spiega molte cose. Sovente somiglia ad un cammino interiore attraverso lo Spazio e il Tempo. – In un posto a forma di terrazza, UR si siede, circondato dai Suoi.

[indice]

2/4 - Le acque dei quattro fiumi nel pozzo per i sette corsi

70. Lui dice: “Figli Miei, soprattutto tu, secondo principe, osservate nel Santuario il posto davanti alle quattro porte ed esaminate che cosa può essere dato da lì al Giorno come Opera della Volontà. Il firmamento e l’acqua al di sopra e al di sotto devono diventare in tutti i particolari”.

- Quanto si adopera l’angelo, sostenuto da Elya e dagli altri, finché la Parola raggiunge lentamente la forma salda, interiore, sulla fonte-ur, e i fiumi, le acque e i piccoli corsi.

71. Michael guarda gioiosamente a UR: “O UR, ora il Tuo Sole più bello mi ha portato una vera Luce. Sì, Tu lo sapevi in anticipo: il raggio di grazia della luce del Tuo Sole può aiutare sempre. Tu hai pronunciato la Tua santa Parola-ur: «Si raccolgano tutte le acque!» Ma se deve diventare utile, è da condurre nello Spazio e nel Tempo. Adesso riconosco: – Come le due case in collina davanti al Tuo centro-ur erano da erigere come punti di Levante e di incanalamento della luce, così deve anche avvenire con l’acqua. Ogni casa ha perciò bisogno di un pozzo nel quale può essere raccolta l’acqua della Tua fonte di vita, poiché da qui può essere trasmessa per la benedizione a tutti i Giorni come anche a tutte le Opere nei Giorni.

72. Ora comprendo il perché la mia casa era già pronta. Il Santuario sorse dapprima come il più sublime simbolo della Tua luce, un’Opera dell’Ordine, un Fondamento concentrato per tutti i Giorni! I santi fiumi d’acqua fluiscono secondo la Tua Volontà e Tu li hai fatti sorgere dalla stessa. Perciò deve esserci una fonte di vita-parziale davanti alla mia casa, per accogliere l’acqua dalla fonte-ur e la possa condurre oltre per la benedizione della Tua Creazione. L’ho riconosciuto in modo giusto?”

73. Allora UR riconduce i figli dal mezzo dello spiazzo libero e risponde: “Lo hai riconosciuto bene, Mio Michael. Sì! Come dovrebbero giungere le acque al di sopra del firmamento nei luoghi al di sotto dello stesso, se non attraverso il firmamento stesso? E’ meno muro di separazione che piuttosto un collegamento dall’interiore all’esteriore, da Me al figlio e all’opera, e poi di nuovo di ritorno. Così Tu attingi dalla Mia eterna fonte di vita-ur con cui tutti gli assetati sono da ristorare. Forma la fonte-parziale come pozzo della Volontà davanti alla tua casa, e lascia fluire le sue acque attraverso il Giorno della Creazione! La Mia benedizione è con la tua Opera”.

74. Grande è il ringraziamento che UR può accogliere.

- Nella buona conoscenza, Elya dice: “O amorevolissimo Padre, lascia che Michael costruisca il pozzo nel posto proprio dove stanno ora i Tuoi santi piedi, poiché quivi è terra altamente benedetta”.

- UR prende Elya al Suo Cuore: “Mia serafino, questa preghiera è sorta puramente in te, perché in Me vedi il Tuo più sublime. Allora voglio dare a te e a tutti coloro che giungeranno alla stessa conoscenza, una ricca benedizione retroattiva.

75. Badate bene: – Quando dimoro presso i figli che Mi consacrano volontariamente il loro cuore, il luogo dove stanno i Miei piedi deve portare abbondanti frutti al lavoro dei figli; lo stesso anche là dove voi figli vi trovate per un servizio santificato da Me per molti figli e per la loro opera del Giorno! Ora voglio metterMi da parte affinché il nostro costruttore del pozzo della Creazione possa iniziare e perfezionare la sua opera”.

- UR fa sette passi verso la porta di casa e i figli formano con lui un cerchio intorno al posto consacrato.

- Michael ed Elya rimangono nel cerchio davanti al loro ‘Re di Salem’.

76. Michael esclama forte: “UR, l’Eterno-Santo, vuole dare luce e vita. La luce ha già preso in grande pienezza la sua via dall’eternità-ur nello Spazio e nel Tempo, ora deve seguire l’acqua. Dove stavano i piedi di UR, quivi mi diventi un pozzo nel quale si possa raccogliere la santa acqua della fonte-ur. Grazie all’impulso di vita dato dal Signore altissimo, voglio condurla oltre nel secondo Giorno della Creazione e in tutti i Giorni benedetti dalla santa mano di UR dell’Anno-Atto-ur. Nella santa giusta Volontà sia colmo di Benignità e Grazia! Acqua: raccogliti nel luogo che UR ha benedetto; diventa fosso e fluisci sette volte fuori nello Spazio e nel Tempo della santa eternità-ur!

77. Michael ed Elya si recano ai due lati di UR.

- Presto si sente un rumore simile al tuono, il suolo trema, e nel punto benedetto irrompe un getto d’acqua simile ad un’imponente fontana, ma presto ricade come pioggia soave, vivificante. Oh, qual miracolo! Un pozzo saldamente murato diventa visibile e vi si raccoglie l’acqua. Da sette aperture prendono il loro corso sette fiumi. UR vi si reca e si siede sul bordo del pozzo.

78. Egli dice benignamente ai figli che si schierano intorno a Lui: “Michael ha lasciato agire la sua volontà. L’acqua si è spinta fino al settimo limite. Ma perché hai fatto sorgere dalla Mia fonte di quattro fiumi, una fonte di volontà settupla? Guarda: i tuoi fratelli della luce sono nel dubbio se questo corrisponde del tutto alla Mia Volontà. Il pozzo davanti al Santuario lascia fluire solamente quattro fiumi; ma tu ne pretendi sette! Sì, sì, un maestro edificatore deve riflettere in anticipo se il suo lavoro ha una duratura utilità, cosa che avviene sempre sulla via dell’Ordine. Il trasformare ha poco valore, perché lo si deve fare quando la prima opera di costruzione mostra dei difetti oppure quando il costruttore non ha sufficiente capacità interiore ed esteriore. Ora, Michael, che cosa puoi rispondere?”

79. Michael si spaventa perché le parole di UR indicano un procedere sbagliato. Tuttavia, quanto è mite il Suo volto gentile; Egli li vuol guidare del tutto sulla libera via. Allora risponde: “Padre della Misericordia, hai parlato con me come se fossi quasi pari a Te, cosa che è così impossibile, come è impossibile che un Giorno della Creazione possa portare in sé la pienezza di un Anno-ur. Se ho commesso un errore, allora non farne un carico al principe della Tua Volontà, Onnisanto, poiché ero dominato a condurre oltre la Tua acqua della vita, che ci hai donato nella misura più alta in modo così ricco, quanto mi era possibile.

80. Tu sei eternamente indivisibile. Verace è il Tuo nome! Ma per rivelarTi così, affinché i Tuoi figli non debbano vedere in Te unicamente una Luce santa-inavvicinabile bensì sempre il buon Padre che li vuol stringere a Sé nella piena Grazia, hai dato a Te stesso quattro Forme rivelatrici, rappresentate differentemente come forma-ur, come le quattro camere del Cuore in un Cuore unico. In questo modo ci hai dato il Tuo sangue come fonte di vita, poiché la Tua unità-ur non può essere sopportata da nessun figlio. Così tu sei Creatore, Sacerdote, Dio e Padre, ed hai dato a ciascuno un quarto e del Tuo Essere-ur, rispettivamente quando Ti riveli a noi. Perciò hai mostrato nel simbolo i quattro fiumi che vivificano la profondità, l’altura e l’ampiezza, e che ritornano nella Tua onnisanta vicinanza.

81. Hai dato alle quattro Forme rivelatrici le Tue eterne forze-ur dei sensi, i sette raggi della Vita fondamentale o Caratteristiche. Queste le hai formate operativamente in noi principi. Nondimeno, nella Tua luce di grazia, non hai fatto di noi il Tuo firmamento? Così ho voluto simboleggiare la Tua settupla maestosa irradiazione come l’hai rivelata dalle quattro camere del Tuo Cuore. Ora, come Tu sei eternamente UR, così i Tuoi figli possono formare nella comunione anche un tutto, cioè il pozzo davanti alla casa. Perciò: non dovrebbe essere giusto inviare fuori dai quattro fiumi del Tuo cuore-ur, i grandi sette corsi d’acqua?

82. Dato che è il Tuo firmamento e il Tuo Cielo, attraverso il firmamento dalla quadruplice fonte di vita può essere condotto un fiume settuplo che deve suddividersi nei corsi d’acqua solamente al di sotto del Tuo firmamento. Questo, santo-UR, era il mio pensiero, che non doveva essere formato senza o contro il Tuo Ordine. E se ora la mia volontà non avesse avuto nessun Fondamento dall’Ordine, avremmo mai potuto sperimentare noi figli, un tale maestosissimo e stupendo miracolo della Creazione? La mia casa era pronta ed ho riconosciuto che non si deve ripetere nessun lavoro ordinario. E così deve anche rimanere per coloro che arriveranno. L’Ordine ha creato il centro di forza della Tua luce, ed io non ho fatto altro che accettarlo in umiltà. Tuttavia, quanta parte di luce io possa possedere, dev’essere a favore di questa casa come di tutto ciò che ne sorgerà per il Giorno. Se ho pensato bene il lavoro, allora voglio nuovamente – lodando Te – chinarmi nell’umiltà, poiché il Tuo Sole-ur mi ha inviato la comprensione. – Se comunque non dovesse essere secondo la Tua alta santa Volontà, allora Ti prego, istruiscimi TU, per riconoscerla al meglio ed eseguirla”.

83. Tutti sono stupiti del lungo discorso di Michael, ma attendono l’alto Giudizio, perché non pretendono nulla per sé di afferrare in modo giusto i percorsi dei pensieri di UR. Invece il santo Volto appare loro cambiato, irradiato ancora di più dalla gentilissima luce e dalla bontà. Riconoscono grati: ‘Michael ha agito per la particolare Gioia del Creatore, di UR!’. Di ciò ne sono certi quando UR risponde:

84. “Michael, portatore della Mia Volontà, ora ti parlo come alla Mia stessa Volontà, oltre a questo, a te come Mio figlio e quindi anche a tutti. Il Sole-ur e la fonte-ur ti hanno certamente guidato la miglior conoscenza, ma per quanta luce chiarissima il Mio Sole volesse ancora dare, in più la Mia fonte dell’acqua della vita e se ambedue venissero su di voi come il continuo fiume benedetto, questo servirebbe ancora poco se il figlio non si desse volontariamente a questa benedizione. La pienezza rimane riservata eternamente a voi; soltanto, la Legge della libera volontà è data ai figli, non a Me. Perciò dipende quasi sempre dai figli se hanno parte del flusso benedetto oppure no.

85. Tu, Michael, hai percepito questo flusso di luce e di acqua, ma l’hai lasciato entrare in te per le tue pure proprie facoltà, anzi, l’hai attratto con la forza della volontà ed incorporato in te. In verità, dato che con grande propria conoscenza, come Elya dapprima nella scelta del posto per il pozzo, hai formato la Mia Parola da Creatore nell’azione, allora, se un giorno dovesse avvenire che la libera volontà senza osservanza delle condizioni giustamente poste, fosse sollevata contro la fonte della luce e della vita, così dev’essere la volontà dei primi guardiani del Mio Santuario! Questo vale fino alla Meta dell’Anno-Atto-ur!

86. Sì, figli Miei, condurre dai quattro fiumi della fonte, sette principali corsi d’acqua, è avvenuto nel pienissimo Ordine. Siete benedetti quando accettate sette volte e perdonate sette volte, come l’avete ricevuto. – Ora vogliamo fare una passeggiata sulla collina per ammirare il lavoro di Michael. Là ci sarà ancora abbastanza da imparare. In seguito vi parlerò sul diritto di proprietà e di ospite. Michael Mi considera assolutamente come il Proprietario della sua casa. Dunque, …vedremo come ci mettiamo d’accordo, affinché l’Ospite e il proprietario arrivino al giustissimo diritto”.

87. La collina ha un’enorme estensione. La cosa più meravigliosa è che dei sette corsi d’acqua, solo uno scorre attraverso tutta la collina, naturalmente in una quadruplice ramificazione. I restanti sei corsi principali hanno preso la loro via in differenti direzioni intorno all’Onnisantissimo.

- “Perché è così?”, chiede Sadhana.

88. UR risponde: “Mia cara Sadhana, è facilmente riconoscibile. Guarda: intorno al Mio centro-ur giacciono sette colline come pre-guardiani del firmamento. Tra di loro devono essere ben uniti, cosa che avviene attraverso i principali corsi d’acqua. Ogni portatore di Caratteristica deve condurre il suo fiume all’altro, e ciascuno, nel prossimo futuro, si diramerà in tanti piccoli e piccolissimi rivoli quante Opere saranno nella sua area di lavoro, in particolare per dei figli viventi auto consapevoli come lo siete voi.

89. Proprio loro devono avere un tale afflusso, poiché vi ho già parlato della cellula-ur attaccata allo spirito-parziale. Se un giorno uno spirito-parziale si erigerà un muro di separazione oppure no, …il collegamento dal Nucleo-ur alla cellula-ur non dovrà mai essere dissolto! Per tutto questo, Mia Sadhana, servono le molte arterie d’acqua; in esse giacciono le sostanze nutritive da condurre alle cellule-ur, provenienti dal Nucleo-ur, da Me. Ora tutti voi riconoscete lo scopo e l’alto senso di questa formazione, e in voi regna una grande gioia”.

90. Allora il settimo principe della luce dice: “Oh, qual Misericordia che un figlio possa riprendere sempre questo clemente collegamento! Con ciò, Eterno-Santo-UR, Ti sei rivelato come PADRE, perché la Misericordia – poggiata sulle altre Tue caratteristiche – può quindi operare in anticipo! Allora Ti spetta anche in anticipo il nostro ringraziamento il più alto possibile, perché anche questo è a nostro favore. – I Tuoi pensieri, sia grandi che piccoli, sono delle Opere che si manifestano nel Tuo Tempo. Tu non porti in Te perfezionato solamente quest’unico Giorno di Creazione, bensì l’intero Anno-Atto-ur, e certamente tutti gli Spazi e tutti i Tempi della Tua eternità-ur, perché Tu stesso sei il Portatore-ur dell’eternità! Per questo miracolo, accogli il ringraziamento di tutti noi. Guarda: Te lo portano gioiosi i nostri cuori!”.

91. “Bene, molto ben espresso, Mio principe della luce”, risponde UR, “il vostro ringraziamento sarà un raggio di benedizione, anzi, è un nastro ricco di grazia; e dato che sei stato riconoscente, la Misericordia come benedizione deve essere per tutti i figli. Conservala nel tuo interiore per quel Giorno della Creazione che sarà riservato a te, ma tienila pronta per ogni altro Giorno, se dovesse servire prima che la Misericordia assuma la reggenza del Giorno. Allora è da donare su ad un’altra Caratteristica, finché ne deve derivarne una benedizione della Creazione, magari una ‘benedizione della redenzione’. – Ora ritorniamo nella casa di Michael; il padrone di casa arde di ospitare i suoi ospiti”. UR sorride.

- Anche i figli sorridono, perché Michael ha un aspetto come se volesse dire: ‘Voglio essere volentieri l’oste, ma non il proprietario’.

[indice]

2/5 - Un atto di volontà: le coppe di Elya

92. Camminano su ampi campi irradiati dalla luce. Più UR dispensa degli insegnamenti sulla Volontà, su altre irradiazioni e sui loro collegamenti, ancor più si rivela tutta la magnificenza dell’alta casa. I figli vedono – anche se solo figurativamente – una Città magnificamente bella.

- Sadhana esclama: “O tu, città con i vicoli d’oro!”

- Sì, lei ha ragione perché la luce dorata del Sole-ur inonda quel ‘luogo’ e l’avvolge come in un tessuto scintillante. Arrivati di nuovo al pozzo, entrano in casa. UR attizza il fuoco, si reca al Trono e dopo che i figli hanno preso posto sulle loro sedie, che sono più vicine all’altare che nel Santuario al focolare della Creazione, Egli chiede dapprima a Michael:

93. “Mio principe-angelo, non volevi ospitarci? Guarda: sulla lunga via abbiamo accolto molto in noi. Questo vuol essere portato! Perciò abbiamo bisogno di una fortificazione, affinché ciò che è stato gustato spiritualmente possa essere pienamente valutato”.

- Michael risponde: “Nostro santo-amorevolissimo Padre, per la fortificazione richiesta voglio aver la giusta cura con Te. A Te, mio UR, come bevanda sicuramente ben compiacente, vale il mio cuore; e ai miei fratelli di Luce vale ciò di cui sono debitore di dare. Però, come Tu incorpori l’interiore attraverso l’esteriore e benedici l’esteriore attraverso l’interiore, i miei doni devono essere formati esteriormente. Perciò Ti prego di lasciarmi andare un momento con Elya, e con il Tuo aiuto porteremo qui quel che è giusto”.

94. “Michael, Elya: attenetevi alla vostra conoscenza, ma non affidatevi unicamente al Mio aiuto. Come figli nati liberi non dovete attaccarvi continuamente alla Mia veste. Se fosse dato così, l’ho già accennato, allora sarebbero bastate le Condizioni riservate a Me, giustamente poste, e con ciò la Legge della libera volontà sarebbe superflua e del tutto senza valore”.

95. Michael si inchina. “Tu dai delle benedizioni, di cui una supera l’altra. Ti ringrazio mio UR!”. Ora si reca con Elya al pozzo. Come dono di ringraziamento vogliono portare dell’acqua ad UR. Ma come attingerla?

- Dice Elya: “Michael: fammi creare delle coppe”.

- “Coppe? Cosa intendi?”

- “Sul santo focolare si trova un vaso tra il fuoco e il libro della Creazione nel quale si potrebbe versare dell’acqua. Infatti, se l’attingi con le mani, puoi di certo berne un poco, ma non la si può portare oltre”.

- Quanto è vero, Elya! Affido volentieri a te quest’Opera”.

- Elya chiede interiormente se potesse prendere come esempio il santo vaso.

- Riceve una parola confortante:

96. “Chi guarda alle Mie cose ed agisce per la gioia altrui, fa secondo il Mio compiacimento!”

- Allora ELya posa le mani sul bordo del pozzo e crea nove coppe secondo la forma del santo simbolo: uno grande per UR, otto piccoli per i figli. Questi risplendono come cristallo scintillante. Che un giorno il vaso del santo focolare diventerà un calice da sacrificio, non è rivelato all’Opera.

- Michael ed Elya, giubilando, portano nella loro casa le coppe colme. UR loda Elya, e quando tutti degustano l’acqua, per la prima volta notano il significato: loro bevono dalla fonte della Creazione! Il signore spiega il nuovo simbolo, e dopo parla sul diritto di proprietà e di ospite.

97. Lui dice: “Mia Sadhana, e voi, principi-angeli! Il collegamento tra Me e voi è singolo e doppio. Voi siete stati generati da Me, nati dal Mio Spirito di vita. Questo è l’eterno collegamento causale. Il doppio viene derivato dal primo, e certamente per via delle Opere. Nell’edificazione della coscienza della Mia forza interiore rimane stabile il collegamento causale da parte vostra che dovrebbe portare a Me, perché nessuna immagine indipendente vive in Me.

98. Esteriormente e nel senso delle relative opere si svolge il doppio collegamento come reciproco dare e prendere. Anche se, di certo, qui Io sono dapprima anche il Donante, tramite Cui ricade su di voi una benedizione speciale se il ricevente deve diventare subito il restituente, cioè, deve volere il collegamento con Me per propria conoscenza, con serietà e grande diligenza. Infatti, Io ho aspirato a loro con maestosa serietà e zelo di Dio, e grazie alla benedizione speciale menzionata prima l’ho resa duratura, cosa che ho già dimostrato con la spiegazione sul Nucleo-ur e sulla cellula-ur.

99. Il rapporto del duplice collegamento può fare di ogni creatura un ‘figlio’ perfezionato; per questo gli ho dato in anticipo la premessa. Questa non Mi induce solo a tenere aperta la via e il ponticello, al fine di recarMi dai Miei, bensì, che anche i figli devono venire a Me, cosa che ha da avvenire del tutto consapevolmente da se stessi con il proprio sforzo dalla conoscenza accresciuta.

100. Ho rimandato al motivo-base, al Ciclo-Atto, le condizioni riservate a Mio favore alla libera volontà data a vostro favore. In ciò risiede il più benedetto rapporto, sia che ora siete delle creature o spiriti, o esseri animici, oppure tutto in tutto, che è la meta di ogni singolo Giorno. Se voi dipendeste continuamente dal Mio aiuto, in verità sareste solo delle creature e in una condizione talmente magra, da non potervi nemmeno sviluppare a spirito libero, ancor meno in un essere animico o persino a ‘figlio’.

101. Certamente ci vogliono tuttavia le Mie mani che aiutano al gradino del perfezionamento possibilmente più alto, ma questo è sottoposto al primo collegamento, che senza la Mia Opera visibile è quello immutabile fra il Nucleo-ur e la cellula-ur. Dato che qui si tratta esclusivamente del Mio dare, questo non dipende né dalle condizioni, né dalla Legge della libera volontà, bensì è una faccenda puramente interiore di UR. In tal modo questo Aiuto è pure indipendente dalla Mia Volontà di Creatore, come anche dalle altre Caratteristiche, e in nessun modo porta i Miei figli nati liberi in una qualche dipendenza sbagliata.

102. Dunque, non appena qualcuno vi giunge attraverso la conoscenza e la riconoscenza ed all’ammissione di tutto ciò, ci vuole un’accurata Guida misurata, affinché la condizione e la libera volontà abbiano gli stessi diritti, ma anche gli stessi doveri. Allora è d’obbligo avere dapprima una grande pazienza, perché la Mia spinta di creare e di perfezionare è immensa. Ciononostante, nella Mia Potenza, Forza, Autorità e Potere Mi sono riservato di non formare l’Anno-Atto-ur ad uno scopo a se stesso, bensì per i Miei figli. Di loro deve diventare il Mio Regno e le Sue magnificenze!

103. Allora spesso Mi tengo a distanza e lascio operare solamente l’aiuto interiore. Un figlio tenuto sempre per mano, manca lo scopo e il senso della sua esistenza. Dovrei Io, che posso guidare tutto alla prevista perfezione, aver generato dei miseri spiriti-parziali che dovrebbero procedere solo se Io mantenessi il contatto con un aiuto diretto di tali Miei figli in tutte le cose, piuttosto che con il Mio Potere sulla via dell’Ordine-Volontà? Questo sarebbe per Me una testimonianza di vera povertà, perché così il Mio eterno Spirito-ur avrebbe generato degli spiriti-parziali incapaci che non raggiungerebbero da se stessi né la via né la meta pensata.

104. Oh, allora sarebbe veramente lo sghimbescio intorno alla Mia Casa, e sarebbe meglio continuare a creare mentalmente come nel Mio Tempo senza tempo prima della quadruplice Creazione! – Perciò ho lasciato operare Michael ed Elya da loro stessi, mettendo ben da parte l’Aiuto da derivare dal duplice collegamento. E vedete: i Miei figli sono capaci di agire autonomamente grazie allo spirito ricevuto.

105. Quando volete compiere qualcosa, allora badate all’Aiuto dato originariamente. Di certo è utile iniziare da sé il collegamento, che poi si può anche accrescere. Se lo curate, allora vi sorge la conoscenza, che nonostante l’autonomia senza il collegamento causale si raggiunge poco. Il sentimento di appartenenza a Me deve farvi diventare essenziali. Se lo raggiungete, allora basta il sapere che Io sono sempre con voi come voi con Me. Non Mi si addice chiedere una singola forza, un singolo aiuto.

106. Dire: ‘Senza il Tuo aiuto non posso nulla!’, non è umiltà. Chi conosce questo collegamento indissolubile (con Me), lo porta in sé come un tesoro, il quale non deve essere messo in vendita continuamente come al mercato. – Certamente Io non Mi chiudo a nessuna richiesta di un cuore rivolto a Me; soltanto, se non ci fosse nessun collegamento più interiore, qualche volta dovrei aiutare del tutto diversamente, cosa che poi non sarebbe compreso.

107. Chi però, pieno di coraggiosa fede, con il cuore colmo, dice: ‘Guarda, o Padre, voglio unirmi del tutto saldamente a Te perché in questo modo posso compiere la mia opera’, a costui riescirà anche. Allora farà suo ciò che Io gli do da portare. Questo è l’eterno collegamento tra Me e la creatura come spirito e anima, prevalentemente come figlio! Allora Io gli sono Creatore, Sacerdote, Dio e Padre, e ancora, tutto ciò che so dare al Giorno e ai Giorni successivi.

[indice]

2/6 - Il diritto dell’ospite e del proprietario

108. E ora vengo a parlare del diritto come Ospite e Proprietario, e proprietario d’immobile. Michael ha riconosciuto bene che nell’Onnisantissimo, come la Mia proprietà-ur, sono Io l’unico Padrone di casa. Chi viene nella stessa, gode del diritto di ospite, e nessun figlio deve potersi lamentare della Mia gentilezza come Oste. Così ognuno di voi è anche proprietario della sua casa. Solamente, in modo puramente creativo, sono Io il Proprietario dell’immobile, poiché ogni sostanza per la realizzazione proviene dal Mio Spirito. Comunque, predomina pure un particolare rapporto tra Proprietario e proprietario dell’immobile, e cioè secondo il genere del collegamento, semplice e doppio.

109. Preferisco che Michael si consideri come proprietario ed Io come Ipotecario della sua casa, ma se di tutto rimanesse soltanto un’ipoteca, allora sarebbe unicamente il Mio lavoro. Dunque, per cosa i figli? Nelle opere la metà della necessaria sostanza di costruzione può ben essere procurata dal Costruttore stesso; l’altra metà se la può far prestare volentieri da Me. Non sono un Avaro! Se ho aggiunto ipotecariamente quasi la metà, non voglio valere per nessuna ragione come Proprietario delle vostre opere. Qui il costruttore stesso rimane il padrone! Dipende da lui il restituire la somma dell’ipoteca, affinché presto diventi il proprietario libero dal debito. Con ciò non voglio dire altro che questo:

110. ‘Approfittate pienamente della Legge della libera volontà e dei Miei doni! Operate e create anche da voi!’. Allora avrete la più sublime beatitudine e la Mia più sublime gioia di Creatore! E in verità, così, insieme a Me, sarete proprietari d’immobile dell’intero alto-santo Giorno della Creazione!

111. Ora è ancora da chiarire il diritto dell’ospite. Per quanto ne siete capaci vi ho rivelato qualche profondità della Mia esistenza, cosicché, dopo questo, presto sarete a casa con Me. Solo che come creature non potreste mai avere il diritto di Casa nell’onnisantissimo, bensì sareste degli estranei cui sarebbe da concedere l’alloggio all’occorrenza. Anche solo come spirito spetterebbe più un diritto d’alloggio che di ospite. Solo quando dalle creature e dallo spirito, grazie al collegamento con la parte del Cuore del Creatore, Sacerdote e Dio, diventa un essere animico, vi dico: ‘Entrate! Sentitevi a casa nella più grande gentilezza, finché vi piace stare con Me’. – Io non dirò mai: ‘E’ ora di andare, caro amico, vai; altri ospiti desiderano entrare!’. Comunque, il rapporto sarà tale, da sembrare agli ospiti più come Oste che come Padre.

112. Ma è del tutto diverso quando arrivano dei figli che hanno conquistato il loro essere-figlio dal collegamento originario e dal proprio sforzo di volontà. A costoro dico: ‘Entrate! Voi avete il diritto alla Casa del Padre come ne ho Io nella vostra’. In tal modo viene stabilito proprio il collegamento più bello, perché è l’unico vero che rimane in eterno, da cui i figli attingono la loro giusta parte. Così Mi accolgono in sé come Io li ho accolti eternamente dall’origine in Me.

113. Michael è quindi il proprietario della sua casa ed Io della Mia. Tuttavia, tramite questo collegamento abbiamo raggiunto un reciproco diritto di proprietà. E’ ciò che è da raggiungere il più sublimemente, allorquando un figlio Mi concede il diritto di compartecipazione come effetto del diritto sulla sua casa, e con ciò diventa compartecipe della Mia Casa. Ora dite, cari figli: vi compiace questo diritto? E ciò, deve valere per tutto il futuro? Come collaboratori nella Mia Opera voglio avere il vostro assenso per le cose che li riguardano entrambi, Me e voi, l’interiore e l’esteriore”.

114. Allora i primi sono molto sorpresi e sopraffatti dalla bontà dell’Onnipotenza. S’inginocchiano in semicerchio davanti all’altare, i loro cuori divampano incontro ad UR, senza parole, finché le stelle sui loro capi s’ingrandiscono. Ora il volto di UR è più chiaro che la luce del Sole. Lentamente i primi sopportano questa irradiazione, dato che sono diventati uno con il loro UR. La solennità è il dono della libera volontà, poiché si sottomettono alla Guida di UR. I Suoi insegnamenti sono diventati in loro realmente viventi, come i sette corsi d’acqua dal pozzo della Volontà.

115. Dopo la solenne funzione, UR benedice i Suoi e va verso la collina di Uraniel seguito da loro, rivelando ancora altro strada facendo. Con ciò trascorre quasi tutto il Giorno della Volontà. I figli non possono misurare il Tempo, come nemmeno lo Spazio che attraversano, essendo entrambi, Spazio e Tempo, un frammento dell’eternità-ur.

116. Sulla collina, Uraniel chiede se anche lui potesse costruire un pozzo.

- UR lo rimanda a Michael: “Lui è il maestro dell’acqua della Creazione; rivolgiti a lui”.

- Alla relativa domanda di Uraniel, costui (Michael) dice: “O Uraniel, tu sei preposto all’Opera come primo, ma nonostante la regolare successione, nessuno di noi deve essere di più o di meno dell’altro. Adesso tu hai preparato per me la casa, …ed io ti costruisco il pozzo”.

- Presto, quest’ultimo compare; su Ordine di UR compaiono anche le coppe tramite Elya. In casa, UR istruisce ancora i figli sulla ‘Volontà irrevocabile’, e alla fine dice:

117. “Per voi sembra essere una contraddizione dopo che ho parlato del libero procedere. Vi spiego ancora il nesso, in quanto la Volontà irrevocabile è da impiegare soltanto là, dove si tratta della formazione e della conservazione delle Mie Opere, oppure nel caso di abuso della libera volontà. Solamente, che la Volontà irrevocabile è avvolta in un grande telo di Grazia, nella Misericordia del Mio Amore, che prevarrà nel caso di un possibile abuso, come l’ho rimesso al settimo principe della luce di distribuire la benedizione della Grazia anche ad un’altra Caratteristica, se il suo Giorno dovesse disperdersi. Ecco perché dovete preoccuparvi unicamente del ‘grande collegamento’ con Me per ciò che riguarda il punto della Volontà irrevocabile. Il resto lo potete lasciare unicamente a ME; verrà amministrato in modo giusto per Me e per voi.

[indice]

2/7 - Il firmamento donato ai figli tramite i primi

118. C’è ancora qualcosa da chiarire, poi vogliamo rallegrarci giustamente nel cuore di una tale bella Ora della Sera. Ascoltate: – Io ho detto che voi, Miei portatori della luce, siete il firmamento del Mio Cielo. Se avete riflettuto sul relativo insegnamento, allora potete percepire persino nel piccolo, quale ragione abbia il significato del primo rango di questo firmamento in collegamento con voi, dato che del significato di questo firmamento ne testimoniano gli innumerevoli ruscelli che procedono dai vostri principali corsi d’acqua di primo rango. Sì, voi siete stati insediati nel primo rango e ci saranno ancora solo pochi figli da inserire in questo senso nel vostro ordine di rango.

119. Avete visto nel Cosmo il firmamento come qualcosa di esistente, ed avete notato che non era da legare veramente in nessun luogo, poiché, sia nell’alto come nel basso, lontano oppure sulla cima del Mio Monte, …ovunque c’era il Cielo. Voglio svelarvi il mistero. – Vedete, secondo le parole, Io sono passato con voi attraverso il grande Cosmo della Creazione, e in base alla vostra vocazione celeste avete portato il Cielo ovunque.

120. Invece dove stavate voi stessi non vedevate il firmamento, perché in tale posto lo portavate in voi. Questo vi è ora chiaro. Solo dall’ultima Onda del confine dello Spazio il Cielo vi apparve come una cosa minuscola nell’incommensurabile lontananza, e su questo state ancora cercando di risolvere l’enigma.

121. Questo vi dovrebbe insegnare a prendere la via verso di Me da voi stessi, ma come portieri del Cielo dovete anche segnare i sentieri attraverso il firmamento per condurre a Me i futuri figli. Ciò può diventare anche una viuzza difficile, cosicché la Mia magnificenza appaia ben piccola. Tuttavia, con piena nostalgia – come si potrà constatare – sulla via del ritorno questa cellula blu inizialmente così piccola, diventerà gigantesca, crescerà nell’incommensurabile. Questa è una di quelle più meravigliose magnificenze, poiché allora il figlio è racchiuso nel Cielo, è a Casa da Me nel Santuario.

122. Voi pensate: ‘Va bene, siamo proprio soddisfatti che Tu, caro UR, sei Tutto-in-tutto. Ma fino a che punto noi rappresentiamo il firmamento?’. Figli Miei, riflettete su questo, che chi vuol riconoscere del tutto il Mio Essere, ognuno ha da impossessarsi dei sette Raggi della vita, altrimenti non raggiunge il centro del Cielo! Se nei successivi Giorni della Creazione il Mio firmamento raggiungerà un significato crescente, allora intorno al Mio centro-ur si formerà un cerchio, trattenuto dalle vostre colline preposte. Voi siete i guardiani delle Mie Caratteristiche. – Chi non si conquista tutte le sette Caratteristiche, giungrà difficilmente nella parte più interiore della magnificenza. Per questo motivo ho descritto il Cielo che vuol essere preso d’assalto, affinché il figlio, secondo il collegamento causale, diventi lui stessi ‘figlio’, dal doppio collegamento menzionato.

123. Sì, ora comprendete che ovviamente, voi stessi non siete formalmente il firmamento stabilito, ma come ‘Mio Cielo’, lo dovete guidare attraverso le acque della vita affidate a voi in Spazio e Tempo, soprattutto ai figli futuri. Vi è divenuto un bel compito maestoso della Creazione! Ricordatevelo sempre! – Ora ricevete ancora la benedizione dell’Ordine. Si avvicina la Sera e dovete poter ritornare dal campo della vostra attività, riposare presso di Me ed essere custoditi”.

- Dopo la benedizione, UR conduce i Suoi a Casa sul tappeto blu.

[indice]

2/8 – La seconda domanda di Sadhana

124. Sadhana cammina al lato destro di UR, seguono i principi, e la prima figlia si stringe alla spalla di UR, afferra la Sua mano e dice: “O UR, mia luce e vita, quanto oltremodo felici ci hai resi in questo Giorno! Dovrei porTi ancora una domanda. – Guarda: Tu hai affidato molto lavoro ai Tuoi angeli, i quali l’hanno eseguito autonomamente grazie al loro collegamento con Te. Hai fatto di me il Tuo negativo, il Tuo riflesso, unita in modo particolarmente stretto con Te. Ma come può avvenire ciò, se non ho da eseguire nessun incarico che può portare anche ad una giusta benedizione? Come posso affermarmi? Mi rattristerebbe molto se Tu non avessi in me, nella Tua prima figlia, nessuna gioia di Creatore”.

125. Dice UR: “O figlia, il tuo cuore ha un bel riflesso d’un umile amore. Mia Sadhana, non preoccuparti se ti trovi dietro alla conoscenza e alla capacità creativa dei principi. Questo non è il caso. Guarda: alla Sera del Giorno dell’Ordine Mi hai chiesto circa il rapporto che tu avresti con Me, dato che ho chiamato i Miei sette figli. Ricordi ancora la Mia risposta?”

- “Sì, mio UR, mi illumini, mi hai chiamata figlia di tutta la Creazione” 

- “Hai detto bene! Sì, gli spiriti-parziali risvegliati alla vita auto consapevole devono essere figli Miei, ma tu sei quella di una Creazione-ur. Tu hai compreso una cosa, quella che ti ho prestato come la cosa più altamente benedetta, e cioè: – ‘Tu, nella giusta risonanza, sei il Mio negativo; con te ed attraverso di te Io creo, e tu con Me ed attraverso di Me! Tutto ciò che diviene in una Creazione procede da Me, e con ciò, anche da te’. Io riconosco la tua co-attività nelle Opere divenute.

127. Ti ho dato la cosa più magnifica che è da dare a un figlio. Questo Mi autorizza di richiedere da te qualcosa di più sublime; ed è da pretendere semplicemente che tu entri unicamente in Me, quindi, non ad essere auto-attiva tu personalmente, come i Miei principi-angeli oppure come coloro che verranno. Tutti costoro co-creano delle singole opere; tu crei con Me il Tutto di un Giorno, perché Tu eri un Pensiero complessivo dell’Opera che in Me possedeva il suo Spazio. Perciò non tenere la singola cosa davanti agli occhi, bensì sempre il Tutto come lo faccio Io. Se vorrai formare anche una singola opera, allora in quel tempo starai più lontana dal Mio Cuore di come scintillava la cellula del Cielo blu nell’incommensurabile lontananza durante la camminata.

128. Rimani sempre alla Mia mano come ora, per la Mia vera gioia di Padre; ed Io manterrò la Mia Parola data, in seguito alla quale metterò nella tua mano i Giorni del Mio Anno-Atto-ur! Dunque, non ti colma, più di quanto puoi creare con delle singole opere? Guarda: ogni angelo (arcangelo) ne porta una parte in sé, ma tu devi conservarle tutte insieme in te”.

- Sadhana guarda in su, piena di felicità si appoggia nuovamente a UR e dice: “Conducimi alla Tua santa-buona mano; voglio essere Tua, e non più io!”

- I principi gareggiano per dare alla figlia di UR la parte migliore di sé.

129. UR risponde: “Benedetta sia la tua parola, Mia Sadhana! Sei nata in Me, sei Mia, ti ha portato il Mio interiore! – Ma ora, su, andiamo nel Santuario! Guardate: il Sole-ur si è voltato; presto suonerà la campana della Sera.

[indice]

2/9 - Un’importante domanda – La prima risposta di Michael

- I figli ritornano nella Casa del Padre dal campo della Creazione. Il loro procedere è stato molto abbondante e UR gioisce della loro buona volontà. Nell’Onnisantissimo Egli si reca sul Suo trono. Sadhana mette dell’incenso nella coppa del sacrificio e il fuoco dal piatto d’argento divampa chiaramente.

130. UR afferra il Suo ‘Libro del lavoro’ e dice: “Figli Miei, per quanto il Giorno della Volontà ha previsto una unione con Me, voi l’avete raggiunta. Potete riposare benedetti nella seconda Notte, la quale porterà delle forze accresciute per vivere il Mattino insieme al terzo Giorno, ma c’è ancora una cosa: i primi quattro Giorni di lavoro pretendono quattro decisioni. Nel Giorno dell’Ordine avete dapprima procurato il riconoscimento delle condizioni poste giustamente riservate a Me e alla Legge della libera volontà.

131. In particolare vi ho indicato che un figlio, grazie alla libera volontà, possa ben una volta sciogliere da sé il collegamento, e questo collegamento interrotto sarebbe difficile da ristabilire. Perciò non può rimanere solo quest’unica decisione che vale per le Mie condizioni come Legge immutabile così come per il libero arbitrio come Legge mutabile. La prima è a causa Mia; la seconda è a causa della benedizione che è data ai figli per il libero sviluppo. Voi le avete riconosciute entrambe ed Io ho annodato una ‘conseguenza di riparazione’ nel caso di un abuso della libera volontà a danno della Creazione.

132. Una ulteriore domanda è questa: ‘Una riparazione deve avvenire tramite la Legge della libera volontà, oppure attraverso delle condizioni riservate a Me?’. – Questo è ancora da decidere, allora il Giorno può andare a riposo, ed Io voglio portarvi con cura in questa santa Notte della Creazione. – Michael, come dominante del Giorno della Volontà porterà la prima risposta”. UR ripone il suo Libro sul santo focolare.

- Un solenne silenzio fa presagire ai figli un imponente significato di questa domanda. Cercano seriamente consiglio fra tutte le conoscenze raccolte. UR diventa invisibile. I primi misurano la loro propria inquietudine nella fiamma che brucia tranquilla. – Ma la fiamma insegna: ‘Non siete soli!’. Da questo insegnamento colgono anche la decisione.

133. Tuttavia, questo non viene fatto rapidamente; esso dipenderà di più che dall’Opera di un solo Giorno. A loro si pone una grave serietà, disposta su tutto l’Anno, e loro sentono una tensione opprimente tra le condizioni poste giustamente e la Legge della libera volontà. Se UR non ha creato l’Opera del Giorno per uno scopo a Se stesso, bensì per uno scopo filiale, allora dovrebbe essere predominante anche la libera volontà del figlio. Non ci sono state dapprima innumerevoli opere in intima, santa grandezza, fino alla quadruplice Creazione precostruita nel modo più magnifico che ha partorito il Ciclo dell’azione? Come potrebbe essere determinante per la maestosa Opera della Creazione, la Legge della libertà data a favore dei figli? – Ogni conseguenza della Creazione avuta finora è stata originariamente fondata sulle condizioni e completata come opera. Le condizioni, non dovrebbero essere determinanti? –

134. Quale pienezza ha dato UR alla libertà, lo hanno percepito a sufficienza. Che con ciò potessero giungere mai da qualche altra parte, a loro non viene proprio in mente. UR ha parlato del futuribile. La campana intona l’ultima Ora del Giorno; il suo suono fa tremare lo Spazio e il Tempo. Michael ed Elya vanno al santo focolare; ed ecco, UR è di nuovo visibile. Il Suo maestoso volto è irradiato da inimmaginabile Bontà e lo splendore della Sua maestosa figura si riflette sui muri cristallini dell’Onnisantissimo.

135. E ora il principe della Volontà è deciso: “Alto Potere e Forza, Maestoso! Autorità è il Tuo nome, potenza è il Tuo Essere! Chi vede le ali che sono stese sulle Tue Opere che portano tutto, sotto le quali tutto riposa? I Tuoi piedi ne sono il Fondamento; chi lo vuol sondare? I Tuoi occhi riflettono la Tua elevatezza; chi la può raggiungere? Le Tue mani formano ogni ampiezza. O Santo, …Santo, chi la vuole misurare, dato che non Ti si può misurare? Il Tuo Cuore come santa-pienissima vicinanza è l’infinità; nessun figlio sentirà mai il suo primo ed ultimo battito, poiché con l’ultimo tono dell’Opera, l’Ordine e la Volontà nell’onnipotenza del Creatore passeranno come con un dolce alito su tutte le Opere, e ne sorgerà una nuova, di insospettata imponenza.

136. Tu sei il Cosmo, esso è sorto da Te; Tu lo hai fatto divenire per il palesamento delle Tue magnificenze! Tu, l’Eterno-Santo! Nessuno può parlare di questo palesamento come di una metà: ‘Guarda qui, guarda là!’. Io so per certo e lo testimonio, grazie alla conoscenza e alla Volontà: ‘O Santo, …Santo, eternamente veritiero, l’Unico! Fuori di Te non c’è nulla! Nulla avviene senza di Te; tutto è la Tua faccenda di base-ur!’

137. Se Tu ci hai assegnato un rango della Creazione per la nostra impensabile gioia e dolcissima beatitudine, che nel senso di un Giorno Ti è magnificamente adeguato, allora a Te spetta pure la gioia più sublime che Ti deve sorgere come ringraziamento tramite i Tuoi figli. Tuttavia, proprio da ciò può svilupparsi che grazie alla Legge della libertà che abbiamo riconosciuto nel Giorno dell’Ordine, dobbiamo mantenere una via e una dfirezione, adempiere un comando, servire a una Volontà. Questo deve essere ancorato nel Tuo santo Essere-ur!

138. Tu hai dato due tipi di direzione ai due Fondamenti ancora velati: l’una conduce oltre la Tua maestosa profondità, elevatezza ed ampiezza nel Tuo Cuore, come hai previsto con la benedizione, l’altra può procurare una profondità inaudita e un traviamento più lontano. Nelle due possibilità giace l’onnipotenza del Tuo palesamento, dell’intima dedizione mai sondabile al Tuo popolo filiale! Ah, Signore, onnialtissimo ed onnisanto, chi lo vorrà mai capire?

139. Davanti alla forza della Tua dedizione (zelo) causale anche noi dovremmo svanire, se ne volessimo contemplare un piccolo lembo. Unicamente custoditi sotto la Tua ultra benedizione si possono sopportare queste magnificenze!

140. Il Tuo sommo giubilo di Creatore è quello di metterci accanto e nella Tua magnificenza ed alta santità, per diventare partecipi della Tua meravigliosa proprietà fondamentale. O Eterno-Santo-UR, lasciami giubilare e ringraziarTi per tutta l’eternità, perché Tu – appena all’inizio del Tuo Anno-Atto-ur – riveli già incoronata la Tua magnificenza del Potere e ci hai fatto divenire la Tua proprietà fondamentale, affinché possiamo averTi con noi come il nostro Possesso più bello e più santo.

141. In seguito a questi magnifici doni-ur che con la Legge della libertà fai giungere ai Tuoi figli come ponte del beatificante collegamento con Te, la Legge della libera volontà deve portare fondamentalmente una riparazione nel caso di un approfittare illegittimo di questa libertà, e dalla pienezza della libertà che dimora nella Legge deve risultare il ritorno e la trasformazione di un’azione sbagliata. Una conseguenza di riparazione dalle condizioni riservate a Te e date giustamente non può essere per Te, o Santo, nessuna soddisfazione. Tu ne saresti anche l’unico Esecutore! O Signore, Tu hai eternamente ragione che sarebbe indegno per Te, se i Tuoi figli nati liberi non compissero nulla da sé!

142. La riparazione starebbe su una tale via, solo secondo il nome, perché la compiresti Tu grazie alle Leggi immutabili. Pertanto, dovrebbe avvenire da parte di quel figlio al quale sarebbe da mettere a carico, in maniera autonoma e libera. Anche se Tu un giorno dovessi forse congiungere tutta la Tua figliolanza ad una conseguenza di riparazione, ciò deve essere fatto possibilmente in modo libero.

143. Il collegamento causale tra Nucleo-ur e cellula-ur dovrà portare la sua parte, poiché non è sospendibile, perché la benedizione della Creazione inerente ad essa è la Tua santa-buona benedizione dell’Opera. Questa potrebbe anche essere l’unica che fortifica la volontà di riparazione e lo rende possibile. Onnisanto, UR, fondala sulla Legge della libera volontà, e lascia regnare in ciò la Tua benedizione della Creazione come collegamento segreto. – Infatti, Tuo è lo Spazio, Tuo è il Tempo e Tuo è l’Avvenimento! La Tua Opera si chiama ‘compimento’. Lascia che noi Ti lodiamo!”

144. A questo invito, tutti si pongono in semicerchio davanti al santo focolare, “Cantiamo la lode al Tuo nome; a Te sia compiacente la nostra gratitudine e la nostra adorazione. Santo, Santo, Santo, Santo sei Tu, o Signore ed Altissimo, Eterno-Santo-UR, eterno-unico e veritiero! Amen!”

145. Le mura, le colonne e gli strumenti del Santuario restituiscono la Parola pronunciata con grande forza a Colui che siede potente sul Suo trono, il Cui nome è ‘Magnifico’, ‘Consigliere’, ‘Potenza’, ‘Forza’, ‘Eterno-Veritiero’, sommo sacerdote ‘Melchisedec’ e ‘Re di Salem’. L’Onnisantissimo risplende nel maestoso splendore del Creatore, nel perfezionamento di un Giorno.

*

146. I giubilanti trattengono il loro respiro, poiché scende un solenne silenzio. In questo maestoso silenzio vedono la splendente magnificenza di UR. La riposta di Michael è così importante, che avviene come se UR stesso avesse deciso? I figli non lo sanno ancora; persino una Sua risposta sarà trasmessa solamente, tanto quanto lo renderà necessario il procedimento dell’Opera. Nemmeno loro potranno mai afferrare la profondità di quel senso, e riconosceranno la tragicità di un avvenimento solo quando sarà avvenuta una variazione. Ma fino ad allora? – Ah, UR lo ha già previsto; la Misericordia già adesso copre il segreto con le mani, e il Suo Cuore è pronto ad accogliere ciò che un giorno giacerà distrutto al suolo.

147. Ora al Suo fianco ci sono dei figli fedeli, e il principe della Volontà ha compiuto bene il suo lavoro, proprio come il Giorno precedente il portatore del Suo Ordine. – Così i Suoi occhi guardano gentili ai figli. Egli stende su di loro le Sue mani e somministra l’ultima benedizione della Sera, poi apre il Cuore, affinché i primi vi possano riposare. Ora prende ancora una volta in mano il Libro della Creazione che vi giace ancora aperto da quando il santo bagliore dell’Aurora ha colpito la santa fonte, dalla quale Lui, l’Altissimo, ha attinto il Giorno dalle Sue sante acque della vita.

148. Ed Egli dice: “Amen! E un altro santificato ‘amen’ all’Opera! Sulla Legge e sull’Adempimento deve regnare la Volontà, affinché non succeda altro che ciò che ha preteso il portatore della Mia Volontà. Se la decisione fosse stata emessa da una conoscenza guidata da Me, allora la Legge immutabile avrebbe dovuto portare in ogni tempo la conseguenza. Invece, grazie alla vostra conoscenza e alla vostra decisione nella libera volontà,

rimangano ferme le Leggi mutabili per la benedizione più sublime dei Miei figli,

come simbolo del perfezionamento della riparazione !

149. Io riservo un mistero per Me sul quale un altro Giorno dovrà dare Domanda e Risposta. Ora giunge la Notte, il tempo del Mio personalissimo creare, perché (in questo) è il Mio Giorno più interiore e colmo della Mia Luce. Allora voi riceverete – inconsapevoli della vita – della forza fresca, e il Mattino successivo vi donerà la sua magnificenza. La Notte conserva nella sua prima parte, il Giorno trascorso e i suoi beni. Io solo opero, affinché tutti i beni del Giorno siano trasformati nella nuova benedizione creativa per il nuovo Giorno.

150. Nel giro di quattro Ore fino a Mezzanotte, viene ordinato tutto fino all’elevata conclusione, la più altamente benedetta. Quando poi la campana della Mezzanotte manderà il suo ultimo rintocco attraverso l’eternità-ur, allora Io modellerò in quattro Ore, in ognuna delle quali agirò con un Tratto dell’essenza del Mio Io-ur, quattro volte quattro Ore prima del Giorno, nella costruzione e nella meta. La direzione e il corso che portano la costruzione verso la meta, rimangono lasciati al popolo filiale. Loro ricevono da Me in anticipo la benedizione del compimento, affinché tutto il Giorno possa raggiungere l’incoronamento tramite la Meta.

151. Ora accogliete la benedizione della Sera di questo Giorno riccamente colmo. Figli Miei, Io come Creatore vi benedico; perché i due Giorni che erano dedicati alla Mia essenza di Creatore, sono compiuti e… sono diventati buoni! Tutto è bene, …da Me e anche da voi. Perciò fluisce a voi la piena benedizione dalla camera del Mio Cuore come Creatore. Ma se una volta ricevete la Mia benedizione-ur, dopo che avete accolto da tutte le parti del Mio Essere, allora sì, …allora irromperà su di voi una Sera, la cui ultramisura devo aiutarvi a portare!

152. Nondimeno, già fin d’ora i vostri cuori sono colmi fino all’orlo, perché Mi avete dato così tanto dalla vostra vita, quanto vi era possibile nei primi due Giorni dell’Anno-Atto-ur. Perciò la pienezza della vostra offerta ritorna su di voi come benedizione della Sera. Il vostro lavoro è santificato, e così vi è anche certa la ricompensa che aiuta a vivere e a perfezionare il Giorno successivo. – Ora però siete stanchi di creare”. –

153. UR cammina sulla sinistra intorno al focolare e poi si reca in mezzo ai Suoi figli. Nella mano sinistra tiene il Libro, con la destra diffonde la Sua benedizione. Allora Lo vedono. Ah, quanto magnificamente vicino! Nessuna Ora ha mai portato loro una tale misura di un sentimento di beata felicità; essere adagiati al petto del Padre! – L’incenso si stacca dalla coppa del sacrificio ed avvolge la scena. I benedetti chiudono i loro occhi, e UR chiude anche il Libro della Creazione, nel quale è registrato il secondo Giorno come ‘santo guadagno’. UR adagia dolcemente i Suoi figli nel Suo Essere. Poi copre il fuoco nel focolare con la Sua destra, finché una piccola fiamma arde tranquilla in modo costate e stabile. La coppa del sacrificio riposa, gli strumenti vengono avvolti. Ora il Santuario è nella Divinità, e non più UR nella santa Casa come ogni Giorno per via dei figli.

154. Una santa solitudine circonda l’Altissimo. Questa solitudine crea un nuovo Giorno.

 

 

[indice]

 

IL TERZO GIORNO DELLA CREAZIONE

 

Cap. 3

 

[Gen. 1,9-13]:  «Dio disse: “Le acque che sono sotto il cielo, si raccolgano in un solo luogo e appaia l'asciutto”. E così avvenne. [10]Dio chiamò l'asciutto terra e la massa delle acque mare. E Dio vide che era cosa buona. E Dio disse: “La terra produca germogli, erbe che producono seme e alberi da frutto, che facciano sulla terra frutto con il seme, ciascuno secondo la sua specie”. E così avvenne: la terra produsse germogli, erbe che producono seme, ciascuna secondo la propria specie e alberi che fanno ciascuno frutto con il seme, secondo la propria specie. Dio vide che era cosa buona. E fu sera e fu mattina: terzo giorno».

 


 

«Qui sta la mente che ha sapienza».

[Ap. 17, 9]

 

1. La terza santa Mezzanotte tra il Giorno della Volontà e il Giorno della Sapienza. – UR siede alla fonte del Suo Potere e Forza, Autorità e Vigore. Vi pone il Suo cuore affinché sia bagnato dalle acque. Allora si apre la seconda camera, dalla sua profondità fluisce nuova vita, elevata alla santa altura dell’Onniforza. Così le acque della fonte e il fiume del Cuore si sposano e diventano luce risplendente della santa eternità-ur.

2. Nella prima Ora dopo la Mezzanotte, UR pensa un Inizio e una Fine. Ma in Lui non esistono né l’uno né l’altra; ciò che è divenuto, ciò che le Sue mani di Creatore hanno formato in ulteriori opere ed esseri, è perfetto.

3. Nessun essere vivente comprenderà mai il segreto andamento della seconda Ora, anche se potesse contemplare ciò che è celato. La forza sale ad una elevatezza incommensurabile e, nello sviluppo, forma un incantevole infinito baldacchino che ombreggia l’eternità-ur. Questa prende possesso dall’Alto di ciò che le è stato preparato dalla fonte-ur e dal flusso del Cuore. Lo forma in un Inizio e con la sua Fine, che chiudono nuovamente il cerchio per un nuovo Spazio, per un nuovo Tempo.

4. UR guarda all’elevatezza dove si è sviluppata la forza dell’Essere. Questo è un gioco dell’Onnipotenza tra la Divinità e la nuova Opera. – O Santo, santo sei Tu così maestoso! E comunque, soffia solamente un infinitesimo sentimento dal Tuo Essere-ur, giù sul mondo. Lo si può bensì percepire, ma ah, descrivere, …solo con magre parole. Tuttavia, nell’interiore divampa ultrapotente, perché proviene da Te, o Santo, Santo! Questa è la terza Ora triplicemente benedetta dopo l’alta Mezzanotte. L’essenza della forza diffusa fluisce inarrestabilmente giù come una bianca nuvola per una futura preziosità. E’ appunto lo Spirito dell’elevatezza che sa donare al terzo Giorno ciò che è stato preparato in pienezza. La nuvola bianca si divide; ecco che diventa visibile lo Spirito che tende alla seconda parte aperta del Cuore. Egli vi fa unire la fonte e il fiume, finché si compie la terza Ora.

5. Lo dice la campana. UR nella Sua meravigliosa Figura spirituale restituisce l’acqua alla santa fonte; nel Giorno deve rumoreggiare in segreto e creare il collegamento tra il Maestro dell’Opera e l’Opera. Ma il potente fiume sgorga dalla porta del Cuore; le sue onde si trascinano, magnificamente guidate, attraverso il paese. Sulle sue rive si trova la forza; questa, guida le acque che spumeggiano benedicenti le rive. Lo ha ordinato così la Volontà, e ora può iniziare il Giorno della Sapienza. La campana fa quattro rintocchi, e la Notte sprofonda dopo l’Aurora. L’Altissimo ha sorvegliato la Sua Opera, affinché vi possa vivere nuovamente là dove dapprima la Sera le aveva portato il ‘Compiuto’.

6. Il Santuario si rivela da una nebbia bianca. È diventato ancora più magnifico. Tuttavia, ciò che ha formato la perfezione di UR, può diventare più perfetto? Oh, voi, enigmi della Creazione, …e comunque è riconoscibile! Non la perfezione secondo come l’uomo la conosce, bensì la verità come ve la indica DIO! UR è perfetto, in e al di fuori di Sé, ma quando un’Opera si riflette nell’altra, allora la perfezione sale nella perfezione e si supera nella sua magnificenza! Questo è un irradiare in avanti e all’indietro, su e giù verso l’interiore e verso l’esteriore, che il primo angelo (Uraniel-Mosè) esclama: «La perfezione diventa nuovamente perfetta!» (Gen. 1,10 e 1,12)

7. ‘Allorquando, un opera si riflette nell’altra!’. Qui sta la mente che ha sapienza! UR si riflette nei Suoi figli; loro sono la Sua immagine! – E loro si risvegliano, nei quali UR mette alla prova la Sua Opera! C’è Raggio con raggio che si unisce nel perfezionamento, affinché ad ogni Giorno sia portata la perfezione più alta possibile. La prima Opera si riflette nella seconda, poiché il Santuario vede il risveglio dei suoi figli, e questi vedono la magnifica-bella Casa del loro Padre. Entrambi, il Santuario e i figli, si misurano; ‘e anche questo è buono!’

8. La prima Ora del terzo Giorno della Creazione insegna ai primi la retrospezione ai Giorni passati dell’Essenza del Creatore. Solo la seconda Ora dona loro la visibilità dell’Altissimo. UR siede sul Suo maestoso trono. Lo splendore della Sua veste regale si sposa con la luce del Sole-ur. Sulle Sue spalle pende un copri spalle color oro, il mantello della dignità del sommo Sacerdote, perché in questo Giorno regna Melchisedek dalla santa-Luce. La Sua corona, la cui terza punta è rivolta al centro della fronte, splende così maestosamente, che i figli restano senza fiato sotto il potere fluente.

9. Dal piatto d’argento il fuoco divampa verso l’alto, e la coppa del sacrificio che dapprima ondeggiava dolcemente, comincia il suo grande cerchio di vita. UR apre la terza parte del Suo Libro dell’Opera, il Giorno della Sapienza. Ad un richiamo interiore i primi si alzano; stando in piedi sentono ciò che deve valere per la Creazione. E allora il Santo parla:

10. “Si raccolga l’acqua sotto il Cielo in luoghi particolari, affinché si veda l’asciutto! L’acqua del Giorno della Volontà deve fluire attraverso tutto ciò che divenne finora, nella direzione e nell’andamento. Ogni figlio sia come un rivolo, cosicché si faccia strada verso di Me nella libera volontà, e una grande acqua somigli a molti figli, così che dal Mio Spirito siano come un solo spirito, nei quali voglio adagiare la Mia Sapienza come fluisce fuori da Me, per irradiare il Giorno. – Così sia! La Mia forza operi la Meta come Io la porto in Me come Mia Opera; così l’opera dei figli – ripiena del loro spirito – si riveli come frutto del Giorno, che sia da vedere come l’erba e le erbe aromatiche, e gli alberi che in se stessi portano i semi. Ogni buona azione deve essere come la semenza, un ‘portatore di benedizione’ per i figli e per la Mia Opera! Così Sia!

11. Voglio dare al Mio terzo spirito un ‘segno’, (in modo) da poter raccogliere i buoni frutti e poter distruggere gli altri (frutti non buoni). Non sarà mai possibile a nessun figlio nascondere delle azioni senza (preventiva) benedizione, poiché lo annuncerebbero le spine. I mietitori mandati fuori noterebbero nella Forza dov’è che regna il frutto dal Mio Spirito oppure dove i frutti sono inutilizzabili. La Sapienza conoscerà la verità! Essa, il raggio dell’alto santo sacerdozio, cela in sé la Parola verace. La Mia parola diventerà benedizione ed apparirà come luce più limpida a coloro che stanno nel suo raggio. Persino dalla Mia fonte della Mezzanotte qualche maestoso Essere, (con) Parola e Opera si rivelerà ai figli che portano in sé la fertilità dal Mio Spirito. Così Sia!”

12. UR posa il Libro aperto sul santo focolare. Una Sua luce colpisce i primi, affinché guardando riconoscano il Sacerdote, il Quale compie tutto il Suo alto procedere agendo in modo santo. Anche qui una sinfonia di luce e colore, suono di campana e coro segreto. Il Sole-ur raccoglie insieme, raggio e suono, e sull’Opera cominciata si posa la pace della Creazione. Allora i figli s’inchinano davanti all’alta Santità, in silenzio compiono la prima funzione del Mattino. Devono dapprima crescere nel Giorno, ciò che farà pronunciare loro delle parole dallo spirito da sacerdote. Lo Spirito dalla nuvola bianca avvolge il loro delicato essere. Nuovamente devono conquistarsi, nel senso della Caratteristica assegnata a questo Giorno, da creature, il ‘figlio’, lo ‘spirito’ e ‘l’anima’, poiché solo dopo una settupla prova di vita saranno figli perfetti di UR. Ora regnano dei Giorni; più avanti saranno delle azioni che condurranno alla settuplicità.

[indice]

3/1 – Sadhana consacrata a sacerdote

13. Ora parla UR: “Mia amabile Sadhana, e voi principi-angeli portatori delle Mie caratteristiche: vedete, ho fatto del terzo Giorno la rivelazione della Mia alta magnificenza. In ME dovete formare e collaborare attivamente come Miei figli nati liberi nella personificazione della Mia parola creativa. Dalla Mia camera del cuore di Sacerdote fluisce il secondo fiume attraverso lo Spazio e il Tempo. Pertanto, lasciate diventare vivente in voi lo spirito-parziale consacrato dal Mio sacerdozio, e per questo ricevete la vocazione e la consacrazione, poiché se ora la Mia rivelazione aumenta per voi, ci vuole anche per voi una maggiore applicazione, finché non sia perfezionato l’Anno-Atto-ur. A te, Mia Sadhana, do in mano di nuovo dapprima l’elezione, come anche ai primi due principi. La seconda Ora prevede inoltre l’elezione del terzo portatore di luce”.

15. Sadhana s’inginocchia davanti al santo focolare posando le sue mani sulla coperta d’oro del focolare, la quale da lì rotola come un tappeto attraverso la seconda porta del Santuario nell’incommensurabile lontananza. E lei guarda in alto, …al progresso dell’Opera-ur voluto, poiché durante i due primi Giorni della Creazione loro s’inginocchiavano con il volto chino. Ora si possono alzare già dal primo contemplare. Con ciò è aumentata la forza della devozione, dato che era stato lo Spirito sacerdotale ad essere salito all’altura della Sua Onniforza e si era adagiato sull’Opera del nuovo Giorno come un ‘Fiume benedetto’. Quest’adorazione dà il collegamento più interiore, non soltanto tra Creatore e creatura, tra Spirito e spirito-parziale, bensì porta già la Luce all’anima e al figlio.

16. UR si alza. Dal santo vaso, secondo il cui modello la serafina Elya il Giorno prima aveva creato delle coppe, Egli prende dell’acqua e la sparge sul fuoco del focolare da cui si eleva un delizioso fumo bianco. Con ciò Sadhana riceve la consacrazione e la Sapienza del sacerdote, e lei può contemplare interamente l’Opera del Giorno, senza che per lei il particolare diventi forma, poiché anche lei ha bisogno del libero progresso.

17. UR dice: “Ogni opera originaria viene provvista con luce e acqua come simbolo di un continuo rinnovamento della vita. Questi si riversano su innumerevoli regioni. Non esiste opera che non abbia già ricevuto il raggio della forza che riporta indietro la luce e l’acqua, con cui l’Opera rimane sempre unita con il suo Maestro. Questo vale in particolare per voi figli, nati liberi, come anche per coloro che verranno. Ognuno deve diventare da se stesso un raggio tramite la propria accoglienza di luce e acqua. Se da questo sviluppo di forza il figlio rimanda il suo raggio, allora si svolge il riflesso del collegamento originario sorto da Me.

18. Tramite questo raggio è da attingere la Sapienza del Mio Spirito-ur per la conoscenza iniziale. Questa Sapienza dà a te, Mio giusto negativo, la santa consacrazione. Come Sacerdote ti consacro a Me, al tuo proprio perfezionamento e al perfezionamento dell’Anno-Atto-ur, e nulla, nemmeno tu stessa, potrà rendere nulla questa consacrazione! Risolvi il tuo compito e ricorda: ‘Tu sei eternamente coniugata a Me’!”

- UR benedice Sadhana. Non è dato di offrire un ringraziamento a voce; ciononostante, UR ha il Suo ringraziamento. Non è un’alta glorificazione beata, bensì la semplice lode di uno spirito che percepisce su di sé lo Spirito-ur. Perciò questo giustifica la seconda Ora di benedizione. Anche i sette portatori di luce vengono convocati nello stesso modo e ricevono la loro consacrazione. A questo atto, UR aggiunge:

19. “Figli Miei, siete divenuti i portatori del Mio regno anche per il terzo Giorno, e come principi dovete servirMi nel Mio Santuario! Tuttavia, solo il Giorno successivo vi rivelerà il servizio complessivo come guardiani del Mio Santuario, quando entrambe le caratteristiche del Mio Sacerdozio saranno date all’Anno-Atto-ur. Voi potreste – insegnandolo anche adesso – raggiungerlo certamente già ora, poiché i vostri cuori si muovono, ma in ogni caso è meglio che cresciate nel vostro procedere. E’ più delizioso che vi conquistiate da voi la funzione di guardiano.

20. Proprio come la Mia Sadhana, anche voi ricevete la quadruplice consacrazione: a Me, all’Opera, a voi stessi e al perfezionamento del Ciclo-Atto. E vale quella stessa Parola: ‘Nulla sospende questa consacrazione, rimanendo nella somma funzione del Mio santo-vero Sacerdozio!’ – Assumete il lavoro del Giorno per la Mia Gioia, per la benedizione di questo Giorno, allora la vostra meta entrerà nella Mia maestosità! Ricordate che vi ho convocati e scelti per un’Opera regale”.

[indice]

3/2 – La testimonianza di Uraniel all’essenzialità del Creatore

21. I principi ricevono la loro benedizione. Anche loro ringraziano dapprima con una parola silenziosa.

- Poi, Uraniel sta tra la sedia di Sadhana e il santo focolare e dice: “Eterno-Santo-UR, eterno-unico e veritiero! Tu hai dato alla prima Ora del Giorno dalla Tua ultrapienezza del Tuo Potere, ciò che avevi premeditato fra Sera e Mattino come patrimonio del Pensiero. Tu hai suscitato dalla santa Opera della Notte della Tua parola la Visibilità, ora irradiata dalla piena luce del Tuo Sole, e ci hai consacrato. Ma che cosa saremmo, buon UR, se Tu non ci avessi preparato in TE, e grazie all’alta santa consacrazione non ci avessi assicurato il ritorno interiore ed esteriore? Che cosa, Sacerdote regale, Ti chiedo, potremmo cogliere dalla varietà della Tua ricca benedizione, se la consacrazione non ci desse anche la facoltà?

22. Questa conoscenza poggiata sul santo focolare da noi tutti come dono è stata dapprima accesa dal Tuo Spirito sacerdotale, ma è divenuta anche da noi. Noi sentiamo il legame con l’Opera che giace già perfezionata alle nostre spalle, e quella che crescendo si rivela dinanzi a noi nella magnificenza. Noi vogliamo sacrificare a Te il dono anche da noi stessi. Accettalo, sommo Sacerdote-Melchisedec, e sacrificalo alla Tua Opera! Lascia che questo sia il nostro primo ringraziamento nel Giorno della Tua Sapienza. Consideralo valido nella Bontà e nella Grazia; poiché guarda: per noi il Mattino si è appena risvegliato, siamo all’inizio del suo nuovo divenire!”. Uraniel ha pronunciato bene la prima parola (di questo Giorno) dei figli.

23. UR lo loda e dice: “Portatore del Mio Ordine, il ringraziamento è giusto e il dono è buono. Li scrivo entrambi nel Mio Libro da Sacerdote. Sì, a voi è affluita la conoscenza dal fiume di forza della Mia Sapienza; soltanto, avete ricevuto direttamente da Me la sostanza, la segreta spinta dal Cuore del Sacerdote. La conoscenza stessa l’hai attinta da te e l’hai data ai Miei figli. Pertanto, sacrifico il dono di ringraziamento alla nostra Opera del Giorno. Se un sacrificio viene accettato così, allora il suo fumo porterà la benedizione e la pace a coloro che sacrificano. Questo lo guido nella somma funzione del Mio sacerdozio”.

24. Tutti se ne rallegrano grandemente. Contemporaneamente sorge però anche una riflessione. Quante volte hanno già ricevuto la benedizione e la pace dalla mano del Creatore? E non si può dire che hanno ricevuto di meno di come viene loro offerto adesso. Ciononostante, percepiscono che i loro cuori si riempiono di più. In UR, l’essenzialità del Sacerdote predomina più forte che in quella del Creatore? A chi spetta quindi il ringraziamento più grande: alla prima o alla seconda parte dell’Essenzialità? Questa è una grande domanda all’inizio del Giorno, e verrà risolta del tutto, solamente alla Sera.

25. I figli si sforzano di comprendere il perché, considerato che non accolgono solamente tutte le magnificenze, bensì le vogliono restituire pienamente consapevoli. È Sadhana a porre la domanda, il che non avviene solo per il Giorno; eseguendolo in anticipo, nella mano di Dio riposa qualcosa di celato. Con la domanda viene mostrata una buona Luce a coloro che verranno dopo, il cui spirito-parziale non è così grande come quello dei primi, affinché si lascino guidare liberamente dalla maturità della conoscenza dei Giorni precedenti. Perciò UR risponde anche:

26. “Mia Sadhana e voi figli del Mio Cuore! Chi cerca e lotta per la verità, a costui essa gli si aprirà da sé. ‘Prendere’ porta molta gioia, ma ‘dare’ promuove l’eterna-vera beatitudine! Ed è uguale se vorrete diventare dei donatori reciproci, oppure piuttosto nei Miei confronti. Certo, Io rimango il Donatore-UR di tutti i doni, ma sono anche il Ricevente-UR di ciò che Mi offrono i Miei figli. Nei doni offerti a Me non misuro né il numero né il peso, bensì sempre la gioia del cuore!

27. Riconoscetelo, ed ascoltate ancora: – Con ragione Mi chiamate l’Eterno-Santo-UR, l’eterno-unico e veritiero, poiché tutto procede da Me! Io vi ho provveduto con una piccola infinità, affinché possiate guardare complessivamente i Giorni anche oltre le loro Sere. Nonostante ciò, non vedete il vero inizio né la fine di un Giorno della Creazione, perché solo Io li contemplo entrambi nel nascondimento della Mia ignota Mezzanotte. Questo è e rimane unicamente il Mio santissimo diritto-ur!

28. Ciononostante, voglio rivelarMi come compiace al Mio Cuore. Ho dato a Sadhana la terza parte del secondo Polo che ho creato per Me come Opera, e a voi sette insieme ho dato gli altri due terzi. Quanto ne avete ricevuto, tanto potete vedere della parte-ur rivelata che è sorta dal Mio Potere operante. La parte del Potere fermo rimane velato! In ciò i Miei figli devono notare che sono sorti da Me! La parte-ur assegnata all’Opera è del tutto riconoscibile dal figlio secondo la grandezza del suo spirito, e qui vale la stessa misura come nell’accoglimento del vostro dono.

29. Per offrirvi questo come proprietà personale, ho scisso il Mio Essere unito nel Tempo senza tempo nelle parti riservate a Me e rivolte all’Opera. Da quest’ultima ho preso la seconda forma, il Mio CUORE, ed ho formato da questo, quattro camere. Ho suddiviso anche queste in una suddivisione di base nelle sette forze dei sensi, per rivelarMi un po’ alla volta a voi grandi spiriti. La prossima Creazione porterà su questo un’ulteriore contemplazione particolare. Non l’ho (ancora) formata, perché senza la suddivisione non sarebbe diversamente possibile unire di nuovo le Mie creature con l’Io-ur nel loro divenire.

30. Questo vale unicamente per la possibilità di sviluppo dei figli secondo il loro adeguamento al Mio Essere-ur. Io sono eternamente libero nella Mia Volontà! Per eseguire questo adeguamento sulla via della libertà, adesso ci vuole in anticipo una prova di aggravio fin nel minimo dettaglio, che ancora non presagite e sulla quale un altro Giorno calerà il ‘lume’. Unicamente ora si è già mostrato che persino un essere nato per ultimo può incorporare la Mia immagine come voi, Miei primi; perché qui si tratterà unicamente del cuore del figlio.

31. La Mia onnipotenza non lo schiaccerà, ma avrà in Me la protezione della pace e della Patria. Per via di questo, suddivido anche un ciclo-ur in Anni, questi in Mesi, Settimane e Giorni. Perciò ogni figlio è capace di riconoscerMi perfettamente secondo la sua perfetta e libera restituzione a Me!

32. Voi vi chiedete il perché Mi sono dapprima rivelato come Creatore e se questa Essenzialità fosse di rango superiore. Questo dipenderà dal fatto, quale Opera e in quale grado questa stessa starà in primo piano, oppure come si comporteranno i figli in seguito alla loro libertà di fronte a Me. D’altra parte, il Mio sacerdozio vi ha concesso un diritto speciale per via del vostro ringraziamento, per cui ora siete dell’opinione che questo sarebbe da stimare più alto che le restanti tre Essenzialità.

33. Questo non dipende per nulla dal Mio Io-ur! Voi Mi chiamate l’Eterno-Unico e Veritiero. Lo sono! Come sarebbe possibile allora, che una parte avesse un maggior diritto di santità che l’altra? Nulla avviene per via di Me, bensì a causa dei Miei figli, come anche l’Opera è un’opera per il figlio, e non un’Opera per se stessa! Loro devono passare attraverso tutto il Mio Essere come partecipanti di un diritto fondamentale! Io non potevo farMi più piccolo solo perché diventassi comprensibile a voi in una volta; non vi sarebbe servito a nulla! Entrambi, Io e i Miei figli, dovremmo rinunciare diversamente alla Cosa più magnifica!

34. Nello stesso modo il Mio Essere non si può ingrandire. Se fosse così, allora dovrei essere stato un ‘Embrione’, e grazie al Mio Potere di Creatore, crescere in modo sconfinato, così che persino voi primi non sareste mai stati a Casa da Me. – Continuate a chiedere se in Me regni comunque un limite e in quale modo sarebbe riconoscibile il Mio Io-ur come tale. – Sì, cari figli, questa è una sospetta domanda coscienziosa rivolta a Me, e non avete ancora né conoscenza, molto meno ancora confidenza con la Sapienza per comprendere un’indicazione. Sospendiamo la difficile domanda per la Sera, per quando sarete più maturi per una risposta.

35. Ma ora torniamo all’origine dell’insegnamento. – Originariamente, Io sono e rimango Colui che crea, che genera, che fa nascere, che conserva, essendo il Creatore! Io attingo da Me, conservo anche. Proprio così ho attinto da Me il Mio sacerdozio, la Divinità e la Paternità. Dall’Unità del Mio cuore-ur non sarebbero mai sorte quattro camere come Entità del Creatore, Sacerdote, Dio e Padre, se non lo avessi fatto Io come UR con il Mio Potere di creare! Non dimenticate mai: – Solo l‘Opera e la sua maestosità Mi hanno indotto a rivelarMi a voi così come Mi vedete, poiché solo su questa base si può conquistare il diritto fondamentale di proprietario offertovi, e solo questo vi porta l’alta gioia di ogni beatitudine, e a Me porta l’alta felicità del Mio creare!

36. Qualunque cosa voglia farMi apparire come un Essere singolo, Io sono e rimango ‘UR’, l’eterno-santo, l’eterno-unico e veritiero! Perciò i Miei figli vogliono attribuire a Me, al Creatore di tutte le cose, la riverenza che offrono in una timidezza solenne. Ed Io vi dico: una tale verace, giusta timidezza, sarà riconosciuta da Me nel Mio Amore e nella Mia Misericordia come glorificazione più sublime. Da ciò scorre poi la pienezza della benedizione, che ai figli fa sopportare l’essenza del Creatore, finché arrivano pieni di beatitudine al Mio petto di Padre.

37. Tuttavia, proprio questa beatitudine è da raggiungere attraverso una scuola di umiltà. Qui vale l’offrire al Creatore, con timidezza e solennità, i doni della libera volontà. Certamente, questo richiede inoltre anche la santificazione attraverso la parte dell’Essere sacerdotale, perché il Creatore presenta al Sacerdote i doni sacrificati nella volontà, il Quale soltanto possiede il ‘Diritto della santificazione attraverso l’alta funzione’, non soltanto nell’Onnisantissimo, no, ovunque ci si serve in modo giustificato, e questo può essere in ogni cuore di figlio.

38. Lo spirito-parziale deve naturalmente volere la via del ritorno allo Spirito-ur attraverso il doppio collegamento, affinché la sua cellula-ur possa giungere con il Nucleo-ur all’ininterrotta fraternizzazione. Dopo di che si raggiunge la conoscenza che non si trova in assoluto sotto il Mio costante controllo, bensì è elevato a Me come simbolo del Mio Essere secondo la consapevolezza della forza interiore ed esteriore. Qui si apre quella porta attraverso la quale può passare, da creatura, a spirito-parziale e all’essere animico, il figlio al Padre. Allora entra in vigore la beatitudine pre-menzionata.

39. Da questo insegnamento si vedrà se una parte del Mio Essere-ur vale di più che un altra. Sarebbe bene se il terzo spirito di luce avesse una risposta fin dove avete dato uno sguardo nel Mio santo Io-ur. In seguito verrete accolti come Miei costruttori”.

- Per ora regna un silenzio solenne; ciò che è stato ascoltato vuole essere assimilato. UR lascia ai figli il tempo, che di fronte a quello dell’Opera non si può valutare.

- L’angelo non riflette troppo a lungo; si reca al santo focolare e dice:

40. “Santo, santo, santo, santo, onnipotente, veritiero ed eterno-unico, UR! Su di noi viene la ricchezza della Tua luce e della vita, la Tua Magnificenza! Tu siedi su un Trono, Ti riveli come un Essere, con un volto che noi possiamo vedere altamente beatificati, e in noi splende una Grazia dell’eternità-ur. Sì, ora sappiamo, eterno-santo UR, il perché non Ti riveli in tutto il Tuo Essere, il perché nessun figlio potrebbe avvicinarsi a Te per servirTi, per adorarTi, per amarTi, per essere uno con Te. Se questo avvenisse ora nella Tua Forza, allora non starebbe bene intorno alla legge della libera volontà; non esisterebbe mai un figlio vivente auto consapevole, bensì eternamente le sole creature che sarebbero legate alla Tua Onnipotenza.

41. Tuttavia non hai creato per Te dei pensieri adottivi, bensì figli del Tuo cuore. Figurativamente, secondo il palesamento del Tuo Essere, le Opere inconsapevoli sono sorte dalle Tue mani, piedi, petto, corpo e fianchi, e dal Tuo capo; invece i Tuoi figli, o santo Signore e sommo Sacerdote Melchisedec, li hai presi da tutto il Tuo Essere, affinché fossero da adeguare completamente a Te, creandoli unicamente dal Tuo cuore, dalla fonte-ur di ogni Vita.

42. Se dunque non sei altro che puramente il Tuo cuore rivelato, allora eternamente non può spettare a nessuna delle parti del Tuo Essere un più alto ringraziamento oppure stare davanti o dietro. Questa conoscenza ci dà un’ulteriore beatitudine: perché TU Ti doni a noi interamente! Se perciò, una volta venisse un’Ora della Creazione nella quale, magari dei figli, andassero per altra via, allora già ora vedo splendere la santa alta Meta. Guarda: allora Ti metteresti del tutto a disposizione della Tua Opera. Allora Ti riserveresti un Sacrificio, che porterebbe la Pazienza, l’Amore e la Misericordia!

43. Questo non potrebbe succedere se da un inizio previsto, Tu non avessi completamente rinunciato al Tuo Io-ur come Creatore, come Sacerdote, come Dio e Padre. Perciò a TE il ringraziamento, Eterno-Santo-UR, eterno-unico e veritiero. Ma poiché in questo (terzo) Giorno della Creazione è in primo piano il Tuo regale Sacerdozio, così il nostro speciale ringraziamento del Mattino va a Melchisedec!”. Questa ulteriore conoscenza ha fatto sorgere un ramo di palma, che l’angelo depone davanti al Calice. “Tu vedi la nostra gratitudine, Tu conosci la nostra richiesta, che noi vogliamo aiutare per perfezionare l’Opera delle Tue mani secondo la misura dei Tuoi doni. O Santo, Santo, Santo, Santo a Te, Signore, onnimaestoso, onnipotente!”

44. Il ringraziamento intonato da tutti i figli, scroscia attraverso il Tempio, scorre con grande forza fuori, nel Cosmo, nei Giorni della Creazione trascorsi, e fluisce indietro come un mare nel Tempo e nello Spazio, i quali rivelano ulteriormente l’Essere-UR. – Il principe-angelo si è chinato profondamente.

- E UR? Non si è riaperto un maestoso splendore dalla profondità di quegli Occhi pieni di profondo mistero? Gioia e tristezza abissale è ciò che riguarda i figli? Tuttavia la santa afflizione viene velata nel momento in cui UR si alza, altrimenti Sadhana e i principi-angeli la percepirebbero. UR tiene un ramo di palma sul fuoco per quattro respiri, lo immerge nella coppa del sacrificio, finché ne sale una volta un forte incenso, e poi lo rimette in quel posto dove lo aveva posto l’angelo. Questo è un simbolo! Qui sta la mente e la Sapienza.

45. UR dice: “Mio principe-angelo, la testimonianza della Mia Magnificenza rivela in voi la Mia Opera, soprattutto la Mia Parola che ho dato al terzo Giorno dell’Anno-Atto-UR. Sì, a Me unicamente spetta il ringraziamento! E per quanto lo fate sorgere in voi come giusto frutto, allora non domanderò meno, come UR, a quale entità è rivolto. L’importante è che lo diate interamente, così come Io Mi rivelo a voi interamente. Vi voglio far percepire per un attimo la Mia gioia di Creatore, che cosa passa nel Mio Essere-ur in seguito al ringraziamento dato a Me”

[indice]

3/3 – Zuriel ed Helia eletti a principi della Sapienza

46. Oh, che cosa sta succedendo? Chi si eleva onnipotentissimamente al di sopra della cupola del Santuario, in modo che il trono e il focolare, insieme agli strumenti, alla coppa del sacrificio, al Sole-ur, alla campana-ur e, e ancora infinitamente di più, vengono uniti in questa Figura crescente? Qui si mostra quell’elevatezza nella quale nella terza santa Ora della Mezzanotte si elevò lo Spirito, discese onnibenedicendo su tutta l’Opera? Qual suono è questo, eoni di volte nelle voci senza numero, in cui in ogni numero non c’è una (sola) voce, in cui in ogni voce non c’è un altro suono? Qual sinfonia creativa riecheggia dall’inaudita lontananza, e comunque è così vivente vicino all’Onnisantissimo! E quali raggi, quale splendore, avvolti nella più gloriosa tonalità dell’oro, in cui si specchiano i colori dell’eternità-ur!

48. Allora il Sacerdote si china pieno di Grazia regale, li bacia sulla fronte e su di loro ritorna la Vita consapevole. In questo Giorno si risvegliano per la seconda volta. – Ma se ogni Creazione accresce le Magnificenze di Dio, dove mettere la beatitudine, …dove la gioia, il giubilo, il ringraziamento e ciò che rende il cuore come ebbro? E’ bene se i figli crescono con l’Opera, allora possono portare la ricchezza. UR prende il libro della Creazione e convoca Sadhana come anche i principi-angeli al loro servizio del Giorno. Segue la consacrazione di Sadhana, di Uraniel e di Michael. Dopo questo, Egli chiama il terzo angelo al santo focolare e dice:

49. “Ti eleggo come portatore della Mia terza caratteristica, della Sapienza incontestabile. Non esiste nessuna Verità che non venga come raggio splendente della Mia propria consapevolezza-ur interiore dalla Forza della Mia Sapienza! Come ognuna delle Mie maestose caratteristiche possiede una forza particolare, così la ‘Mia Verità nella Sapienza’ diventa l’espressione consolidata di ciò che ha da divenire dalla sua pienezza di luce!

50. Stendi le tue mani sul focolare, Mio imponente cherubino, Mia soave serafina. Il tuo nome, di cherubino, sia Zuriel; e il tuo nome, di serafina, sia Helia. Come portatore della maestà della Mia Sapienza, voi rappresentate il Mio Sacerdozio interiore ed esteriore. Nei confronti dell’Opera siete il terzo principe-angelo, la terza fiaccola presso il Mio trono. Accogliete il segno della vostra dignità”. UR toglie la campana d’argento dal terzo candelabro, le cui candele sono accese fin dal Mattino come le prime due del primo candelabro. La luce del Sole-ur, il solenne splendore del Santuario, cade su una falce, che nel suo scintillio raccoglie tutte le irradiazioni del tempo del suo Giorno.

51. Il Santo dà la falce all’angelo eletto, e dice: “Questa Falce mieta il frutto della Mia semina, il salario del Mio lavoro, l’adempimento della Mia meta, la cui maturità è attesa dalla Mia Opera-ur. Quello che tu mieti, rimarrà come frutto nella Mia aia. Nessuno lo potrà mai rovinare, nessuno Me lo potrà distogliere! Ma se una volta un ladro dovesse assalire il raccolto, allora volteggia la tua falce tagliente sull’erba secca, sulla verdura deteriorata, sugli alberi marciti, affinché il suolo che attraverso la Mia parola di Creatore è salito come ‘Terra’ dalle acque, venga purificato per una terra fertile per il nuovo creare! Sì, allora taglia con la falce, finché un nuovo Giorno e la sua Ora porti nuova risalita ai mietuti e ai tagliati!

52. Viene mietuto il figlio che riconosce la Sapienza come espressione più sublime della santità e della rivelazione del Mio Sacerdozio. Invece viene tagliato colui che vi si oppone. Ogni Creazione deve essere ricca di sante azioni, che non sono per nulla da sconsigliare. Chi crede che il Mio Sacerdozio sia magari una qualunque cosa secondaria, si sbaglia di grosso; a lui nemmeno i frutti lo aiuteranno molto, cosicché anche lui sarà mietuto! Se dovessi designare qualcosa per la semplice Grazia come ‘utile’, allora un tale figlio non giungerà quasi per una via diritta nella Mia Casa paterna. Nessuno diventa comproprietario della proprietà fondamentale prima che non sia stato recuperato qualcosa di mancato.

53. Come guardiani vi insedio alla seconda porta del Mio Santuario. Anche attraverso di essa passeranno un giorno dei portatori della Legge. Come attraverso la prima porta vengono portate le Leggi immutabili, così lo saranno qui quelle mutabili per i figli. Proprio i portatori di questa Legge riporteranno sulla via del ritorno le Mie condizioni giustamente poste non appena che le stesse dovessero di nuovo essere rovesciate dai figli dopo il riconoscimento. Esaminate i portatori, quelli che escono e quelli che entrano, poiché è la Mia Sapienza che può interpretare ed esercitare, e le eserciterà, sia le Condizioni come anche la Legge mutabile grazie alla sua Verità.

54. La Mia Sapienza penetra con i suoi Raggi fin nel più recondito nascondiglio. Da essa nulla rimane non visto! Perciò è la prima caratteristica del Mio Sacerdozio e viene posta da te, Mio principe, come primo guardiano, alla porta della seconda Camera del Cuore. In essa riposa il più giusto pareggio fra Condizioni e Leggi mutabili. Essa incorpora per la prima parte l’Avvocato della Mia Opera, se una volta venisse provocato un Giudizio, affinché sia incorruttibile.

55. Sii tu l’eterno guardiano della Mia Luce sacerdotale e della Forza di irradiazione che ne fluisce. La Mia Parola sia la benedizione dell’azione per l’Anno-ur!”.

- Dopo, UR allaccia il nastro nel colore della toga sacerdotale a Zuriel e ad Helia, e la falce scintilla argentata sul loro petto. Allora risplendono di nuovo sui figli le stelle ricevute il Giorno della Creazione precedente.

56. UR ordina: “Mio principe-angelo, rimetti la falce al posto che a te pare quello giusto, dove deve rimanere fino al compimento dell’Anno-Atto-UR”.

- Helia lascia che Zuriel agisca secondo l’ordine dato, e lui fa come hanno fatto i due primi il Giorno precedente. Ecco che sale dell’incenso, perché un’Opera-parziale viene completata secondo l’Ordine, la Volontà e la Sapienza. Un intimo dialogo fra UR e i nati nella luce domina il santo silenzio. Ma l’Immagine-ur che i figli han potuto vedere, è rimasta reale per loro.

[indice]

3/4 – Sulla Sapienza nella casa dell’Ordine

57. Melchisedec si reca con una magnifica veste fra i Suoi, li invita e dice: “SeguiteMi, cari figli, perché in questo Giorno c’è molto da fare. Ora avete ricevuto abbastanza dell’interiore, quindi è di nuovo il turno dell’esteriore”.

- Sadhana cammina alla Sua destra, a sinistra Zuriel con Helia, gli altri seguono. Passano attraverso la nota porta ‘Ephata’ e camminano sul tappeto giallo del Sacerdote che temporaneamente è stato srotolato fino alla prima collina. Strada facendo, UR spiega qualcosa sulla sequenza della Sapienza e alla fine vi aggiunge qualcosa sul percorso dell’insegnamento:

58. “Figli Miei, quello che vedete, è e rimane più un simbolo del Mio interiore-ur; anzi, certe cose non hanno più molto a che fare con l’esteriore e saranno sempre visibili rispetto allo scopo dell’insegnamento, per farvi prendere confidenza con Me. Voi sapete che Ordine e Volontà rappresentano l’elemento fuoco, Sapienza e Serietà l’elemento acqua. Sovente avete riflettuto sul fuoco, dato che lo vedete ardere sul Mio santo focolare e bruciava anche sugli altari delle case dell’Ordine e della Volontà. Ma come è veramente da considerare il fuoco non lo sapete ancora, non avete ancora nemmeno ottenuto nessuna giusta conoscenza sull’acqua.

59. Nel santo fuoco governa il Mio potere. Chi una volta può essere veramente attivo creativamente nell’Ordine e nella Volontà, risplenderà subito ovunque come un fuoco, e questo, pienamente quando esso potrà essere acceso su un alto monte. Un monte corrisponde alla Sapienza, getta i suoi raggi su Giorno e Notte, anzi, fino alla fine di un Anno-ur. Ma nemmeno allora un tale fuoco si spegne veramente, bensì risorge in altra forma, certamente però come una parte della vita consapevole e formativa. Lascio al governo della Misericordia di rivelarvi questo nella più profonda verità.

60. Lo stesso vale per l’acqua, il contenuto della Mia forza. Noterete il simbolismo quando alla Sera farete un’ultima passeggiata attraverso la nostra Opera del Giorno. Sforzatevi dunque di conquistare il riflesso della Sapienza che domina in questo Giorno con la sua forza splendente”.

- Ora Uraniel domanda che cosa fosse veramente la Sapienza, dato che sulla sua verità non sarebbe venuta ancora nessuna Parola d’insegnamento.

61. UR risponde: “Mio Uraniel, ho già detto che la sapienza è una forza del pensare. Come Creatore lascio giungere le cose alla loro forma dall’Ordine, pre-formate dalla Mia Volontà. Come portatore dell’Ordine riconoscerai che in tal modo nulla è ancora finito e pronto come lo ha portato in sé la Mia forza di pensare. Secondo il ciclo del Pensiero e della Parola la forma secondo l’interiore era diventata grande e ricca, perché allora le Mie caratteristiche creavano ancora in una Unità inseparata, perché allora non esisteva nessun palesamento-parziale del Mio Essere, né era ancora necessario.

62. All’opposto, nell’Anno-Atto-ur separerò il Mio interiore e porrò le Mie caratteristiche in successione nell’Opera. Questo avrà per conseguenza che non lascerò nemmeno afferrare le Opere come nell’interezza del Mio Io-ur, bensì le formerò nella rispettiva sequenza[10] come rivelo a turno il Mio Essere e i raggi della Vita fondamentale.

63. Se quindi ho formato per Me un’Opera in modo creativo, allora devo provvedere per cosa c’è ancora da perfezionare. Inizialmente l’illumino da tutte le parti con il raggio della forza della Mia Sapienza, se nella costruzione creativa interiore ed esteriore sia un portatore di un ‘germe di vita’. Poi la Sapienza affila ogni opera. Più avanti entra in gioco la Mia Serietà; ma su questo vi indicherò di più il quarto Giorno della Creazione.

64. Per quanto sono pure Opere della Mia Onnipotenza, quindi dipendenti dalle Leggi immutabili e non hanno bisogno di condizioni e della libera volontà, allora basta la costruzione elementare dall’Ordine, dalla Volontà, dalla Sapienza e dalla Serietà. In ciò non hanno bisogno di agire né la Pazienza, né l’Amore crescente, nell’espressione più sublime della Misericordia, perché a questo riguardo dominano comunque nei determinati raggi della Vita fondamentale.

65. Invece, per le creature che secondo lo sviluppo dei singoli Giorni devono divenire spiriti-parziali, anime e figli capaci di un alto sviluppo, ho imposto due tratti dell‘Opera, e cioè il primo come nelle cose viventi inconsapevoli, il secondo invece sulla Pazienza, sull’Amore e sulla Misericordia. Il perché questo avvenne così, sarà rivelato quando il Giorno della Pazienza vi avrà portato abbastanza progresso.

66. Ora vediamo se le Opere fondamentali del nostro maestro della casa e dell’acqua sono riuscite bene e perciò si mostreranno anche nel terzo Giorno. UR ordina al primo principe di precedere, affinché – quando sarebbero giunti gli ospiti – la casa sarebbe stata anche in ordine.

- Ringraziando gioiosamente UR, Uraniel e Urea s’affrettano su per la collina. La c’è la casa, il pozzo e nella stessa perfezione come se li ricordano ancora. Ma notano che tutto è diventato più bello. Questo viene dal loro lavoro, oppure dall’Onnisanto? Aprono le due porte, Uraniel attizza il fuoco che arde coperto dall’altare della casa.

- Urea indugia: ‘…non dovrebbe, questo, essere lasciato piuttosto al sommo Sacerdote?’

67. Uraniel dice: “Certamente, finora lo ha fatto UR. Se adesso deve fluire da noi la forza della Sapienza, allora come portatori delle Sue caratteristiche dobbiamo riuscire a compiere pure un’Opera. Egli ci ha insegnato a non aspettare mai, solo finché Egli aiuti. – Questo è certo: se prendessi per me l’Opera sacra del fuoco, dalla Sua mano, non lo potrei mai attizzare, anche se avessimo colmato la coppa del sacrificio con l’incenso fino all’orlo. Oh, guarda il Segno: il fuoco arde! Ora il Sacerdote può venire!”

68. Uraniel ordina la casa e Urea liscia il tappeto dell’altare; hanno steso quello giallo del Sacerdote. Ecco che si sentono già le voci davanti alla casa. Uraniel corre fuori, mentre Urea nella bella conoscenza, vuole ricevere presso l’altare il Simbolo del focolare: UR! Il sommo Sacerdote Melchisedec oltrepassa la soglia della casa dell’Ordine.

69. Egli si ferma davanti all’altare e domanda: “Chi ha attizzato il fuoco, toccando la coppa del sacrificio, dando così la prima consacrazione alla stanza come se Io stesso l’avessi fatto per la casa dell’Ordine?”

- Uraniel dice con voce forte: “L’Ordine!”

- E UR: “Questo, è giustificato nel senso del Mio santo Essere, che un’Opera possa rimanere in tutte le Opere?”

- Urea dice: “E’ avvenuto nel Nome dell’Eterno-Santo-UR, dell’eterno-unico e veritiero; Egli lo giustifica e lo santifica per tutta l’eternità come irremovibile opera dell’Ordine”.

- Allora UR si volta bonariamente verso i figli e, inginocchiati, ricevono la benedizione del sommo Sacerdote. Egli si siede sul trono, indica anche ai primi di sedersi, e comincia a parlare:

70. “Figli Miei, portatori di luce dell’eternità-ur! Il primo principe ha compiuto una buona Opera da tutto l’insegnamento e dalla sua riconoscenza. Le Mie parole del Mattino, al Giorno, sono già diventate una grande parte della benedizione. Dalla consapevolezza della Mia forza interiore ho sparso della semenza, affinché si riveli utilmente nella consapevolezza della forza esteriore. Infatti ho inviato nella terza Ora della prosperità dell’ultima Notte il Mio grado di Sapienza all’alto campo il più alto possibile, e di nuovo l’ho immerso come semenza benedetta. Esso è diventato parte del primo principe! E come fiaccola vivente davanti al Mio santo focolare e al Mio seggio ha lasciato divenire da sé, la parte della benedizione, un bene del Regno.

71. Di conseguenza, l’Ordine Mi ha ben preparato la sua casa, e Mi sento…”, UR sorride, “…del tutto come Comproprietario e compartecipe. La vostra azione, Uraniel e Urea, porterà con se stessa la sua ricca semenza fino alla fine dell’Anno-Atto-UR, perché Mi servite nelle Mie mani”. UR menziona questa semenza benedetta cosicché venga giustificata tramite delle azioni svolte da soli, ma insegna anche di badare con cura che non si può manifestare nessuna anticipazione. Ed aggiunge:

72: “Comprendere l’Io-ur e portarLo realmente in sé fino a quando un azione compiuta nel campo visivo di tutte le Caratteristiche riceva la forma, ce ne vuole moltissimo. Non è ancora difficile fare la cosa giusta, perché vi custodisco Io. La vostra conoscenza e la Mia custodia vanno mano nella Mano. Nei prossimi Giorni, Settimane o Mesi, dove ogni piccola opera sarà guidata responsabilmente alla ‘grandezza dell’Anno’, aumenterà anche la vostra conoscenza rispetto alle pretese della formazione responsabile dell’Opera, ma cresceranno altrettanto quegli atti compiuti unicamente da sé. Allora ci sarà molto da esaminare, e vi ricordo che Io levigo da tutte le parti ogni Opera attinta e posta attraverso la Mia Sapienza, prima che venga consegnata all’ulteriore procedimento.

73. Nondimeno, se un figlio dovesse mai dire a se stesso dopo un’azione sbagliata: ‘Lo volevo a fin di bene’ ma s’ingarbugliasse in scuse di ogni genere, allora fuggirebbe davvero da Me. Solo quando quel figlio in tutta umiltà si sottomettesse di nuovo a Me, non appena ammettesse l’errore, una tale azione ingiusta verrebbe riparata presto da Me. Solo allora il figlio e l’Opera verrebbero elevati a Me, perché altrimenti, la restituzione e l’umiltà porrebbero nel fuoco del Mio focolare qualcosa di ingiustificato o di sbagliato, dove sarebbe da ritrasformare nuovamente in una benedizione dell’Opera.

74. Ora non pensate timorosi: ‘Oh, allora è meglio lasciare tutta l’Opera della Creazione unicamente al Santo, allora riuscirà sicuramente bene in eterno!’. Certo, Miei primi. Che così diventerebbe il meglio, non ho bisogno di confermarlo. Soltanto, i Miei figli devono maturare per Me in buoni frutti, per essere attivi per il meglio, come Me. Finché il cuore rimane pieno di quella umiltà che genera forza, gioia e il compiere, non esiste nessuna Opera-Figlio che non sia o non diventi per il meglio. E’ quando riceve la giustificazione, che lo diventerà, quando la consegnerà a Me per la rettifica! L’azione di Uraniel è un buon segno. Chi agisce come lui, agisce come faccio Io! – Con ciò interrompiamo l’indottrinamento e ci recheremo nella casa di Michael”.

[indice]

3/5 – Nella casa della Volontà il cerchio del Creatore con gli infiniti cicli

75. Strada facendo, i primi si consigliano già bene. UR li lascia fare, e li precede. Quando Michael ed Elya – anche inviati – aprono le porte, brilla loro incontro chiaramente il fuoco dell’altare. Chi l’ha acceso? Michael vi rimane fermo davanti, riflettendo nel cuore. Allora sopraggiunge la conoscenza: ‘Non delle azioni uguali sono sempre le stesse!’. Elya riempie le coppe ed attende al focolare. Michael mette a posto il trono di UR, mette la sua mano su tutto. Poi attende davanti alle porte. Quando sta lì, sembra essere l’incorporazione di una grande Forza.

- Gli altri lo sentono così chiaramente, che domandano meravigliati: “Michael è più di noi?”

76. Lui invece, chinandosi profondamente, saluta il ‘santo Proprietario’ della sua casa. Saluta gli altri e conduce Sadhana per mano, al suo posto.

- O Michael, del tutto senza notare quel tempo della Creazione dal destino grave, commetti un’azione che un giorno deciderà tra te e Sadhana, quando la prima figlia dell’Onnisanto dovrà imparare a piegarsi alla più sublime Volontà. Entambi non presagiscono ancora nulla, né li lega l’amore.

- Uno splendore bonario-serio passa sul volto di UR, che dopo, indica l’altare e dice:

77. “In verità, se i Miei figli Mi preparano in tutto un ricevimento festoso, allora nella Mia Casa devo pur preparare per loro una ricca tavola. Nessun figlio vede la Mia preparazione più interiore, perché da parte Mia è già dato in anticipo, rispetto al tempo che deve ancora venire. Tuttavia il collegamento di cui parlavo aumenterà la visione, la quale di conseguenza farà percepire un’alta beatitudine nel ricevere i doni. In ciò il cuore è talmente pieno, come lo sono qui le coppe sul focolare dell’altare della Volontà preparati per Me e per tutti per la deliziosa bevanda. Perciò fortifichiamoci, affinché il seguito possa essere ben accolto e valutato”.

78. In ginocchio, Michael porge all’Onnisanto il grande calice. Anche questa è un’immagine segreta di cui non presagisce ancora nulla, nemmeno perché quel simbolo un tempo futuro avrà due volti: uno pieno di indicibile superamento, l’altro pieno del più sublime “Gloria-in-giubilate”! E come principe delicato del Cielo, serio e cavalleresco, dà in mano a Sadhana la successiva coppa, quando tutti hanno bevuto, UR comincia con un nuovo insegnamento.

79. “Uraniel e Urea hanno osservato stupiti la loro casa. A loro sembra più bella e più grande, ma non sanno ancora se in effetti è così, se ciò ha a che fare con la stessa costruzione della casa oppure soltanto con ME. Quando Michael stava davanti alla sua porta, voi altri avete creduto che egli vi avesse superato notevolmente. Ora, figli Miei, ascoltateMi bene:

80. Delle Mie Opere ogni singolo porta una parte del Mio potere e della Mia forza; e l’autorità e il vigore costituiscono la sua forma, che perciò vengono prodotte parte per parte dal principio-ur creativo secondo ai loro predeterminati gradi di perfezione. Ma se un tale grado di perfezione fosse delimitato fin dal principio secondo lo spazio e il tempo assegnato, come anche lo sviluppo, la Mia Opera starebbe praticamente ferma e non esisterebbe una reale edificazione, nessun eterno accrescimento, meno ancora una meta di perfezionamento, l’unica a riuscire a condurre alla perfezione. Ve lo voglio spiegare ancora meglio.

81. Osservate: qui dall’incenso ne traggo un cerchio”. UR lo fa e la forma estratta dalla santa Mano rimane immobile nella stanza. Ora UR forma all’interno dello stesso molti piccoli cerchi i quali un po’ alla volta riempiono tutta la linea esteriore del cerchio. UR continua l’insegnamento: “Ogni piccolo cerchio rappresenta un Anno-ur. Per la vostra miglior comprensione ne tolgo uno e all’interno dello stesso disegno ulteriormente i Giorni della Creazione di un Anno come piccoli puntini.

82. “Ecco…”, continua UR dopo che i primi hanno ammirato ad alta voce questo miracolo, “…ora consideriamo il cerchio grande come un raccoglitore di cicli di molti anni, i piccoli come Anni singoli. Tuttavia tutti i Giorni sarebbero come gli Anni, se Io avessi limitato i gradi della perfezione dei singoli cerchi in anticipo secondo lo Spazio, secondo il Tempo e secondo la loro propria possibilità di perfezionamento. Da ciò risulterebbe praticamente una continua ripetizione che rallegrerebbe brevemente, e dopo, come superata, la si getterebbe in un fosso. Che in ME è impossibile che esista una tale fattivo lavoro, lo capite da voi stessi. Nondimeno, in base alla stessa immagine vi mostrerò adesso la verità della Mia Opera, e senza molte parole acquisirete una giusta luce di Sapienza con cui qualche angolo nascosto del Giorno sarà chiaramente illuminato.

83. Devo cancellare quest’immagine e disegnare di nuovo il cerchio grande. Adesso vi vogliamo praticare dentro tanti Anni come ne esistono tanti – diciamo – nel Mio dito mignolo destro. Pensate comunque all’infinità, alle Opere con la Mia potenza”. UR soffia nel cerchio, non si può contare quante volte questo avviene. Nessun occhio di figlio può afferrarne la velocità. Ma i primi vedono chiaramente come ogni soffio genera un puntino che cresce molto rapidamente e si appoggia alla parte interna del grande cerchio fisso. Tuttavia, nonostante tanti punti diventino anche delle formazioni crescenti, lo spazio interiore del cerchio principale rimane comunque come non riempito, e lui stesso non diventa più grande. Questo è inspiegabile per tutti.

84. UR lo indica: “Ora, cari figli, vi piace? Vedete, i Cicli, gli Anni oppure i Giorni, nel ‘sorgere’, tutto è simile ad un puntino – in cui Io concentro il Mio potere, forza, autorità e vigore – anche se adeguato ad ogni singolo. Quale effetto imponente abbia questa concentrazione, che è un agglomerato di infinite energie creative, lo avete visto nella crescita di ogni puntino. Ore comprendete bene che in Me esistono delle possibilità di perfezionamento non misurabili.

85. Però non vi è chiaro come mai il cerchio grande non si allargava né si riempiva, benché abbia incorporato innumerevoli puntini nella sua parte interna. Sì, sì, dovrò prestare di nuovo il Mio Sole-ur affinché lo comprendiate”.

- Dalle quattro larghe finestre che sono presso le porte a destra e a sinistra, entra un pieno raggio.

86. UR spiega: “La Mia vita pulsante è in sé illimitatamente creativa, senza cogliere da nessuna parte la forza o la volontà di formare. Il grande cerchio rappresenta il principio di vita del Creatore. Un cerchio è sempre qualcosa di intero, senza inizio, senza fine. Se Io stesso sono simbolicamente questo Cerchio, allora in ognuno è contenuta la Sostanza-ur che crea delle Opere visibili ed invisibili. Quindi, prendo da ogni cerchio complessivo ogni piccolo punto di Vita e gli dono il suo Polo, ovvero l’inizio dell’Opera che – rispetto ad un Giorno della Creazione – significa quasi un nulla. Logicamente, la Sostanza-ur del cerchio deve attirare a sé la piccola sostanza del punto, perché è il Magnete più potente della vita e non lascia nulla di ciò che le viene tolto. Ogni piccolo punto di vita si estende e si allarga attraverso l’irradiazione della Sostanza del cerchio, venendo attratto nuovamente da essa magneticamente e diventando così sostanza-parziale nello Spazio-ur, nel Tempo-ur, nella Vita-ur! Perciò lo spazio interno del grande cerchio è rimasto, per così dire, vuoto, senza però esserlo.

87. Sì, figli, queste sono le Mie Opere miracolose che si rivelano dal grande Magnete, il principio complessivo dei Miei raggi di Vita fondamentale che servono ad assicurare a Me il giubilo del Creatore, e ai figli la beatitudine della Creazione in grado di aumentare. Proprio questo è il Mio Essere: Io sono UR, il Creatore, l’inafferrabile, il Quale dall’Ordine e dalla Volontà attinge dalla propria fonte un’Opera meravigliosa dopo l’altra! Questo (Essere) sono Io: il Sacerdote, il Quale benedice nella Sapienza e nella Serietà. Questo sono Io: Dio, che le attira (tutte le Sue Opere) magneticamente a Sé attraverso la Pazienza e l’Amore. E questo sono ancora Io: il Padre, il Quale tramite la Misericordia unisce Se stesso! Così si aggiunge cerchio a cerchio – e tutto, tutto riposa in ME, il Cerchio-UR, il Principio della Vita fondamentale!

88. Ora vi stupite, i vostri occhi splendono incontro a Me come puntini benedetti, che presto riempiranno completamente lo Spazio e il Tempo di un Giorno. Ora riconoscete anche, il perché il primo principe della casa dell’Ordine credeva di trovarla più grande. Ogni opera benedetta cresce con la Mia Opera, certamente non secondo la forma, la quale dev’essere adeguata alla sfera della vita esteriore di un Giorno, ovviamente crescendo secondo la struttura interiore, (con) l’impulso al perfezionamento.

89. Tuttavia avete riconosciuto la crescita come esteriormente presso il nostro maestro dell’acqua della Creazione, Michael. Ora vedete: la più giusta umiltà è di constatare negli altri una crescita e di averne la gioia più disinteressata, e questo vale per Me come un preziosissimo gioiello. I Miei figli non devono mai vedere o misurare in sé il proprio divenire grande, bensì sempre nella grandezza del loro prossimo.

90. Di questo ne siete stati capaci e nel frattempo avete constatato che dipende meno dalla grandezza visibile, bensì, che dall’essere irradiante che viene denominata come ‘anima’. Questa stessa cresce dallo spirito, come l’esteriore dall’interiore; ma l’esteriore è l’espressione nell’Anno-Atto-ur, il Mio collegamento con i figli. Così l’anima dev’essere l’espressione del suo spirito. Se lo è diventata, allora entrambi, nell’unione con la creatura, sono ‘il figlio’. L’umiltà è una buona protezione, poiché è meglio se l’anima non continui a crescere, bensì nel tempo la veda così di tanto in tanto. Non può neanche farla crescere da sé, essa cresce da sé perché è meglio se accetta e valuta il Cibo offerto da Me. Questo vi verrà diventerà chiaro nel Giorno del figlio, allora verrà su di voi un’alta benedizione e gioia”.

91. Loro sono già beati, poiché il Sole-UR ha rischiarato magnificamente la casa, più ancora i cuori, Non dovrebbero veramente…? Sì, Michael piega le sue ginocchia con gli occhi fiammeggianti davanti all’Onnisanto, poi prende in mano il segno della spada e lo solleva in alto. Ed è lì come un vero principe, come una vera stanga della Luce, per difendere quel che gli è divenuto santo, e adora:

92.    “Eterno-Santo-UR, eterno-unico e veritiero! Grandi sono tutte le Tue Opere, così come le Tue Magnificenze sono l’espressione creativa più bella. Nel Giorno dell’Ordine e della Volontà ci hai rivelato un’ultrapienezza del Tuo Essere, e nel Giorno della Sapienza ci irradi costantemente con la luce del Tuo Sole-ur. Dì, o Onnisanto: come Ti dobbiamo ringraziare per il Tuo compiacimento? Seguiamo volonterosamente la Parola che ci ha descritto il meraviglioso miracolo del Tuo cerchio-ur. Di ciò non abbiamo posto nessuna domanda, né sapevamo se l’insegnamento ci avrebbe portato una benedizione oppure no. Ma ora, o Padre…”, giubila ad un tratto a voce alta il principe del Cielo, e la sua voce risuona chiara e forte come il suono di una tromba, “…Padre, quello che Tu ci dai, serve sempre per il nostro meglio! Quello che Tu ci insegni, diventa la nostra proprietà, perché è una Parte dalla Tua alta-santa Parte-UR, ed è il più bel Dono che ci regala la Tua Grazia. Ma ora il nostro ringraziamento. Accoglilo, o Padre, UR!

93. Le nostre case hanno avuto quattro finestre, senza che Uraniel che Tu hai chiamato nella Benignità il costruttore di case della Creazione, sapesse come si formerebbero le sue Opere, Infatti nella costruzione lui ha pensato al Tuo Santuario come io alla fonte davanti allo stesso. Ci hai spiegato le due porte, ma non le quattro finestre. Dato che hai previsto questa Ora della grazia e non hai preso in anticipo il nostro ringraziamento, siamo felici perché possiamo accendere noi stessi una luce dopo l’altra grazie al Tuo gentile Sole-ur che dona così tanta luce, come lo vorremmo sempre avere.

94. Le nostre finestre sono un’immagine riflessa delle quattro Camere del Cuore del Tuo alto-santo Essere. Le vogliamo aprire come il Tuo firmamento, affinché attraverso ogni finestra possa cadere un pieno raggio delle Tue (quattro)[11] essenzialità. Attraverso le stesse finestre vogliamo inviare i nostri raggi cercando Te costantemente. E ora giubilo a Te: Padre, Padre! Così l’esclamazione è contemporaneamente adorazione e ringraziamento al Creatore, al Sacerdote, a Dio, a Te l’Onnisanto e Onnigiustissimo! Soltanto Te riconosciamo, Eterno-Santo-UR, Te solo adoriamo, eterno-unico e veritiero! Tu, il grande Cerchio, l’Origine-ur di ogni essere e di ogni divenire, hai attinto la Tua santa Opera-Figlio dalla Tua fonte della Mezzanotte e ne hai fatto la Tua faccenda-ur!

95. O UR, ora guarda la mia spada, la tengo verso la luce affinché possa risplendere bella nella forza. Se la sollevo a protezione della luce, la porto nella protezione delle Tue Opere, ed io, Michael, la porto a protezione della Pazienza, dell’Amore e della Misericordia! Venite fratelli, sorelle, giubilate al Signore, rallegratevi e cantate, poiché il santo sommo Sacerdote Melchisedec è il nostro Re. Uniamoci in un cerchio e adeguiamoci al Suo Cerchio-ur posto in alto. Egli è eternamente la nostra Tutela! Alleluia, Alleluia! Santo, Santo, Santo, Santo sei Tu, o Signore!”

96. Tutti s’intonano nell’esclamazione di ringraziamento e di giubilo del principe della Volontà. Nel semicerchio stanno intorno al focolare dell’altare. La loro chiamata s’infrange verso l’Onnisantissimo e rimanda benedetta ed eoni di volte, la luce e il raggio. Questo rotola come onde attraverso lo Spazio e il Tempo, formandosi e, ad un tratto, appoggiandosi come un segno alla parte sinistra dell’altare. Loro lo percepiscono come uno ‘scudo’, e comprendono che questo è stato aggiunto alla ‘spada’, ma non presagiscono che dal giuramento della protezione di Michael, un giorno diventerà per lui stesso un’imponente protezione (Ap. 12,9). UR copre anche il futuro, non ci deve essere nessuna determinazione.

97. Sotto il giubilo di tutti, Michael ed Uraniel sollevano il pesante scudo e pregano UR di consacrarlo.

- Questo avviene. I primi non sanno quasi trattenersi per non irrompere sul trono.

- Allora UR si reca in mezzo a loro.

- Si percepisce chiaramente: “E’ UR!”.

- Con riverenza guardano su al Creatore, ricevono la benedizione dalla mano del Sacerdote, ed è Dio che li attira a Sé come un Magnete. Lo accerchiano sempre più strettamente. Ma alla fine è ‘il Padre’, perché è Sadhana che interrompe il santo incantesimo e si getta al Suo petto.

*

98. Ah, la figlia più bella! Non ha tremato il tuo cuore quando dal giubilo davanti all’Onnisanto sorse lo scudo come una dura difesa? Non è venuta su di te la paura? Sì, su Sadhana era venuta la paura insospettata di perdere UR. Per questo motivo reclama, cercando l’aiuto per una protezione di qualcosa che lei non conosce ancora. UR dev’esserle Scudo contro tutto, necessariamente contro se stessa. Egli non concede né spazio né tempo alla previsione, perché Sadhana è il Suo giusto Eco. Egli fa di tutto per ricondurre i Suoi figli nel grembo-ur della Misericordia, oltre i probabili scogli della Legge della libera volontà.

[indice]

3/6 – Verso la terza collina, sull’acqua e sull’asciutto

99. Dal Suo cuore di Padre scorre una santa calma sulla figlia e sugli angeli, i quali sentono più inconsciamente l’inquietante preoccupazione di Sadhana. In tutti domina lo stesso grido: ‘Rimanere con UR! Non perdere il Padre!’

- Lui toglie ogni paura con un bacio, e adesso va verso la terza collina. Strada facendo insegna ancora qualcosa sul raccogliere delle acque e quale compito del Giorno sia questo.

100. Lui dice: “Cari figli, pensate alle parole della Creazione all’inizio del Giorno del ‘raccogliere le acque’ e del ‘vedere l’asciutto’ (cap.3,10). Che l’acqua pulsa come il Mio Spirito attraverso l’Opera come un fiume di vita, lo sapete. Esistono due tipi di fiumi. Vedete, le vostre colline hanno anche bisogno della Mia luce e della Mia acqua, ma non di quella sostanza-ur che proviene dal centro del Mio Cuore. Ogni opera dev’essere nutrita continuamente con luce e acqua, se deve raggiungere la sua meta predeterminata. Una tale predestinazione è sempre delimitata da Leggi immutabili. Infatti, può una collina parlare, sentire o fare qualche altra cosa? Può diventare qualcos’altro di ciò che è, secondo le eterne Leggi dell’Ordine? Perciò ha soltanto bisogno dell’irradiazione indiretta.

101. Dei figli viventi auto consapevoli, più avanti anche dei puri spiriti o esseri animici che compariranno per differenti scopi, persino delle creature, avranno bisogno della diretta irradiazione di luce e vita, se devono diventare perfetti pure da se stessi. Questo è certamente anche una predestinazione, ma la più alta non strettamente delimitata, bensì fondata sulle Leggi mutabili. Ciononostante, ho preso dalla Mia fonte-ur un unico raggio di luce e di vita per tutte le cose.

102. Già dal primo riflesso visibile, dal pozzo davanti al Santuario, defluiscono quattro acque della vita: due di queste danno, due guidano oltre, e rispettivamente, uno di due tipi contiene una destinazione indiretta e una diretta. Anche nei vostri pozzi si trovano le due acque della predestinazione e fluiscono fuori in modo settuplice secondo i raggi della Vita fondamentale. Esse tuttavia incorporano un Piano comune; infatti, come deve essere realizzata una parte dell’Opera, così dovrà formarsi obbligatoriamente nell’altra.

103. Ora qualcosa sul raccogliere e sull’asciugare! Se il nostro maestro dell’acqua della Creazione non avesse costruito nessun muro del pozzo, l’acqua si riverserebbe ovunque e noi dovremmo passare sempre attraverso quest’acqua, cosa che sarebbe bensì possibile, ma non corrisponderebbe al Mio piano doperativo. Sarebbe come se il Mio Io-ur traboccasse, con cui non si potrebbe mai in eterno pensare ad un’Opera visibile. Se invece questa viene raccolta, allora essa si muoverà nei limiti stabiliti dalla Legge. Soltanto, proprio per questo diventa un Potere concentrato tale da creare delle opere infinitamente magnifiche e permanenti! Lo stesso vale rispettivamente per la luce, ma anche su questo, il prossimo Giorno porterà una grande rivelazione.

104. Contemporaneamente a questo raccogliere, oltre alla costruzione avviene anche la direzione rivelata. In tal modo il corso dell’acqua è ordinato e giunge certamente alla sua meta prestabilita. Così anche i Miei figli devono raccogliere i raggi della luce e dell’acqua della vita in una unità potente e poi, secondo lo scopo, indirizzarle qui oppure là con più o meno quantità, come ogni Opera ne ha bisogno. Se voleste creare tutto in una volta, qualcosa vi potrebbe riuscire, ma tutto rimarrebbe poi una costruzione molle senza consistenza creativa.

105. Ora comprendete il perché nel primo Giorno ho lasciato eseguire come cosiddetta ‘Opera principale’ solo la costruzione della casa attraverso Uraniel, nel secondo Giorno tramite Michael la costruzione del pozzo, e inoltre, affinché tali opere fondamentali continuino ad esistere da un Giorno all’altro, (sono state eseguite) delle piccole opere secondarie da considerare come abbellimento dei lavori di base, che non ne toglierò nessuna; queste le potete creare come volete. L’importante è che facciate tutto con Me, cioè con la volontà consapevole di aiutare l’Opera complessiva all’ulteriore magnificazione. Solo attraverso la concentrazione tramite il raccogliere si formerà il duraturo!

106. Un’Opera della Creazione che è anche da completare con molti figli, ha bisogno della raccolta di molte acque della vita, come in un mare nel quale, verso questo Giorno, nella stessa forte caduta si riversino la Mia Sapienza e tutte le Caratteristiche, per cui si svolga l’accumulo delle Parti del Potere creativo in tali ‘bacini di forza’, che siano in grado di svolgere la rispettiva parte di lavoro.

107. Anche qui la doppia benedizione, perché un tale mare di acqua della vita è contemporaneamente una centrale di forza per tutte le piccole e piccolissime acque della vita dei figli che hanno da questo mare il loro afflusso oppure nel completo esaurimento sono da nutrire e da ricostituire nuovamente.

108. Nel raccogliersi delle acque si trova pure un simbolo particolare. Significa guardare unicamente a Me, come anche alla Mia meta della Creazione, e che tutto il resto come ‘l’asciutto’ non deve stare in primo piano. Nondimeno, non badare a quest’ultima cosa sarebbe del tutto sbagliato. Un paese attraverso il quale l’acqua scorre in modo sensato nel suo corso regolato, l’asciutto non solo è utile, bensì è molto benedetto e capace di benedire esso stesso. Attraverso di questo i frutti possono maturare attraverso la luce e l’acqua, per la vostra beatitudine e per la Mia gioia.

109. Chi non raccoglie l’acqua può certamente conoscere la Mia verità, ma non possiederà nessuna base dell’ordine ed annegherà nella sua stessa conoscenza. Questo significa che ‘l’impeto della verità’, intanto, lo manderà in rovina. Vi ricordo l’acqua nascosta dal monte di sabbia. E chi la lascia esaurire per tiepidezza, avrà un paese prosciugato che non darà nutrimento a nessun frutto. Perciò è da considerare di raccogliere tutte le conoscenze in azioni, affinché la terra diventi fertile, come anche il Mio Santuario non è costruito sulla fonte, bensì visibilmente accanto ad essa.

110. Sì, Miei primi, non è difficile formare delle opere, ma dare a loro il valore duraturo dopo l’Ordine della Creazione, per questo ci vuole sapienza. Perciò adesso vogliamo prenderne confidenza qui, tanto abbiamo raggiunto la loro collina. Andate avanti, Zuriel ed Helia, affinché troviamo anche la giusta Sapienza”.

- Risponde Zuriel: “O santo ed amorevolissimo UR, per questo non ci vorrebbe nessun passo da parte nostra, perché è presso di Te e Tu sei con noi! Perciò saremmo già nel luogo migliore. Ma ora che hai dato l’Ordine, sarà certamente la perfetta Sapienza che ha ordinato questo”.

- “Ben pensato, Zuriel”, conferma UR. “Da Me nulla avviene senza santo senso né scopo! Preparatevi strada facendo, vi attende un grande lavoro”.

[indice]

3/7 – Nella casa del principe della Sapienza, con la falce per il Giudizio

111. Il principe-angelo corre avanti, e a distanza seguono UR e gli altri. Zuriel ed Helia trovano sulla loro collina tutto ciò che era stato creato finora, perciò la loro gioia è talmente grande, che per il momento non viene posta la domanda di quale sarebbe stato il loro lavoro. Il loro animo è inondato dal fatto di attendere l’Onnisanto come Proprietario fondamentale e come Ospite, affinché Egli benedica la loro casa con il pozzo e dia tutto all’Opera del Giorno. O voi uomini, non potete misurare una tale beatitudine degli angeli, perché sulla Terra non avete ancora il raggio di luce come fu offerto nel Duomo ai primi, dall’onnipotenza del puro creare.

112. Zuriel ed Helia non sono entrati in casa, non hanno fatto nulla al pozzo, perché UR non è stato ancora qui a benedire i figli, tuttavia hanno preso possesso della collina con lode e ringraziamento. Così Zuriel, quando UR domanda il perché non avessero preparato il loro luogo per il ricevimento, dice:

- “O Veritiero, lo abbiamo potuto fare nel cuore. Tu vedi se nel ricevimento festoso manca ancora qualcosa. Siamo senza dono, con il quale potremmo preparare bene la tavola per il Proprietario e per gli ospiti, allora accetta con grazia ciò che Ti offre il nostro cuore.

- Allora il sommo Sacerdote Melchisedec entra nella casa con le mani stese benedicendo la casa della Sapienza, i cui raggi illuminano chiaramente tutte le Opere. Egli benedice la casa e il pozzo, attizza il fuoco, affinché diventi la proprietà del terzo Giorno della Creazione e dice:

113. “Mia Sadhana e voi principi-angeli del Mio Cuore e del Mio Santuario, ora siete usciti dalla prima conoscenza del Mattino. Quello che avete udito finora è stata l’introduzione alla nuova Opera del Giorno. Quello che avete compiuto era l’opera dei figli, le cui mani furono guidate dal PADRE. Dei primi Giorni vi è rimasta la vitalità, a cui sono seguiti la conoscenza e l’azione. Nonostante ciò, avete attinto più o meno dalla fonte altrui, e non dalla vostra. Due volte avete attinto consapevolmente dalla Mia come dalla vostra fonte nel giorno dell’Ordine e della Volontà. Anche qui compaiono due differenze secondo le condizioni giustamente poste e riservate a Me e secondo la Legge della libera volontà. Ora fate attenzione.

114. Vi ho già rivelato ciò e per quale motivo le grandi Opere principali non hanno bisogno di essere create nuovamente: esse sono, e furono anche incorporate dai figli come bene stabile nel Giorno della Sapienza. Diversamente stanno invece le cose con le opere della vita interiore dei Miei figli. Certo, ad una grande Opera rimane conservata la sua sostanza-ur, ma deve essere riconosciuta nuovamente e consapevolmente appropriata di nuovo in ogni Giorno dai figli, perché su questa via prevista benevolmente nella Mia Sapienza è da raggiungere il grado del più alto perfezionamento che sfocia in quel grado di perfezione preservato alla fine di una Creazione-ur. In ciò è incorporata la Mia santissima Immagine vivente!

115. Considerato che adesso in ogni Giorno, sopratutto i primi sette dell’Anno-Atto-ur, le Mie Caratteristiche sottostanno come nuova irradiazione supplementare per giungere alla vera Immagine vivente premenzionata per l’Opera filiale, ogni figlio nato libero deve cogliere per sé la nuova costruzione da ogni Giorno, affinché dall’afflusso di questo colga anche il relativo raggio più alto possibile. Quindi, avete attinto in ogni Mattino dapprima una volta il dovuto dalla menzionata fonte, come appunto in questa bellissima Aurora della Creazione nella quale vi è sorta la Mia Sapienza come un Sole splendente nel puro Cielo della conoscenza.

116. Ora dovete condurre la vostra fonte nell’Opera del Giorno, la cui acqua freatica non può essere naturalmente altra, né deve esserlo, che quella dalla Mia fonte. Lì vale pure il diritto del Proprietario, del Partecipante, dell’Ospite e dell’ospitalità. Dipende sempre dal fatto quali di questi quattro collegamenti vivifica il figlio; di conseguenza, l’afflusso dalla Mia fonte si forma nel possedimento proprio oppure solamente in quello preso in prestito. Perciò è perfettamente nell’ordine se nelle prime Ore dei sette Giorni altamente concentrati dell’Anno-Atto-ur in cui operano fondamentalmente per la prima volta le Caratteristiche, i Miei figli attingano prima unicamente da Me, dopo coscientemente, e conquistano tutto il bene della vita nella libera volontà.

117. In tal modo con ogni Giorno crescono il lavoro e la responsabilità, e ora comprendete il perché nel primo Giorno per un tale lavoro preparatorio serviva un’ora, nel secondo Giorno due e nel terzo Giorno persino tre ore, in cui si è svolta l’imponente costruzione. Ormai davanti a voi sono aperte la direzione e il corso, potete raggiungere senza ostacolo la meta, e alla sera posarla per Me sul santo focolare come un buon frutto maturo della Sapienza, dall’Ordine e dalla Volontà.

118. Tuttavia non dipende soltanto da questo. Vedete: come i muri delle case, come la recinzione delle nostre acque sono assemblate da molte singole parti in una totalità, così ogni singolo lavoro deve avere in sé struttura, direzione, corso e meta, altrimenti i figli non la possono raggiungere liberamente da se stessi. Ogni meta singola è diventata in voi una primizia già così chiara, che Io ne ho la Mia più bella gioia. E’ un santo interesse nell’Opera-ur, da cui attingete entrambi: il ‘lasciarsi-guidare’ e ‘l‘andare da sé’! Con ciò avete raggiunto un continuo doppio collegamento, e questo ve lo voglio spiegare mentre il terzo principe-angelo attende Me davanti alla casa.

119. Se in lui fosse rimasto predominante il ricordo portato con sé dai Giorni precedenti, in più pure dal fatto che i primi due attivi nell’Opera erano stati mandati avanti, allora sarebbe stato vicino il pensiero, persino il diritto, che anche lui poteva entrare nella sua casa e fare come loro. Ma se credete che Zuriel ed Helia non si fossero preparati alla Mia venuta, allora voi e il principe della Sapienza vi sbagliate al massimo. È avvenuto il contrario: la sua conoscenza non è stata guidata dal percorso del lavoro precedente come finora, bensì l’impulso accresciuto del pensiero di far entrare innanzitutto Me nella sua proprietà e farla consacrare. Lui ha impiegato utilmente questo auto impulso. Ve lo rivelerà di più un esempio quando lasceremo agire Zuriel con Helia all’aperto a cuore pieno, in modo che nell’ambito della Sapienza fino alla fine di questo Anno-Atto-UR, ad un figlio non possa mancare nulla come sono da realizzare il più bello e il più sublime.

120. A questo voglio allacciare un altro insegnamento, il quale – come tutto – non vale solamente per voi, bensì per così tante eternità, come l’Anno-Atto ne ha di Giorni. – Ogni Opera primaria deve sempre essere iniziata e completata con Me, e mai completamente libera da un figlio! Certamente, nulla accade senza di Me, ma questo si riferisce al segreto o al primo collegamento tra il Nucleo-ur e cellula-ur menzionati prima. Con l’inizio della coscienza del tutto personale di un figlio, detta Opera primaria deve quindi essere attivata coscientemente con Me, poiché ho costruito il Mio Anno-Atto-ur sulle opere primarie!

121. Se agite in questo senso, allora non dovete preoccuparvi se il nostro Anno si dimostrerà valido. Allora raggiungerà il suo ‘dare’ della Creazione, dai moti coscientemente liberi dei figli e, oltre a questo, raggiungerà la sua più bella magnificenza. Tutto ciò che segue dalle Opere primarie risulta come da se stesso, poiché una volta che le Mie mani sono state afferrate fondamentalmente nell’Ordine, questo porta a un legame creativo stabile!

122. Finora lo avete eseguito così, nella misura in cui i particolari vissuti ve ne hanno dato la possibilità; di questo lo testimonia in particolare l’afflusso del vostro cuore al Mio Cuore. Ecco perché si poteva entrare anche nelle due case, perché queste opere primarie erano stabilmente composte in sé. Uraniel e Michael, dato che siete i pilastri fondamentali delle Mie Opere, avreste potuto creare ben da voi stessi dalla forza prestatavi, ma allora non sarebbero diventate delle opere primarie. Invece per via del vostro lavoro giustificato è venuta su di voi la grande pienezza di benedizione.

123. Con questo insegnamento avete accolto abbastanza in voi, ed è tempo di trasportare la teoria alla pratica. Perciò avanti! Presso il pozzo ci attende già il Sole-ur, affinché per Zuriel ed Helia, la Luce della Sapienza possa sorgere fortemente”.

- Dapprima è silenzioso, come sempre, ma poi irrompe il giubilo, il ringraziamento e la gioia.

- E Zuriel dice semplicemente: “O UR, Donatore di alti doni, quando avrò attinto la pienezza della Tua Sapienza, allora Ti ringrazierò con le parole per adorarTi in modo giusto e santo. Ora accogli il ringraziamento dal mio cuore e da tutti noi. La Tua santa gioia nel nostro ringraziamento sia la nostra benedizione per la nuova opera”.

124. “Bene! L’hai espresso straordinariamente bene, Mio Zuriel! Lascio valere questo: la Mia gioia nel vostro ringraziamento si rivelerà presto come una benedizione nella quale crescerà il vostro lavoro. Questo è il giusto fluire dalla Mia fonte-ur ai vostri pozzi, e poi di ritorno. E questa benedizione ha il valore dell’eternità-ur! Amen!”

- Questo fa scaturire nei primi un sentimento finora non presagito: la Parola-UR, per il cui adempimento non devono mai preoccuparsi! S’inginocchiano in silenzio; l’imponente soffio di benedizione li ha toccati molto profondamente.

125. Presso il pozzo sentono come se il Sole-ur si fosse modificato, certo non nella forza del suo raggio o della forma. Stupiti osservano il nuovo, meraviglioso panorama di luce e di colori. Inspirano profondamente, i loro occhi risplendono. Non è unicamente la contemplazione puramente esteriore di ciò che si svolge qui, no! Succede qualcosa di eoni di volte di più! E’ il linguaggio del dialogo santificato tra Padre e figlio, derivato dal primordiale collegamento tra la fonte della luce e l’opera della luce, tra Creatore e creatura, tra Sacerdote e Spirito, tra Dio e anima.

126. Più i primi, liberi e staccati dall’esteriore, si danno a questo fluido, più intensamente vengono irradiati dalla luce, finché non riescono quasi più a resistere per tanta beatitudine, e infine, Uraniel dice: “O sublime, maestoso buon Padre! Che cosa vuoi fare di noi, quando la Tua santa e più incommensurabile irradiazione beatificante di luce e di vita ci avvolgerà talmente? Guarda: i nostri cuori non possono più accogliere il più piccolo raggio; essi traboccano, fluiscono a Te. Io credo che ora devi deviare un poco da noi il Tuo bel Sole, altrimenti ci sciogliamo nel suo onnipotente bagliore, e allora non saremo più i Tuoi primi, bensì scintille nel mare del Sole. Allora il Giorno della Creazione avrebbe mancato la sua meta. Quindi, per il nostro bene, gira ora un poco il Sole, affinché rimaniamo ciò per cui TU ci hai fatto divenire nella Tua potente perfezione”.

127. “Va bene”, dice UR, “ma da quale parte, affinché non vi sciogliate, bensì rimaniate dei fedeli aiutanti e cari figli? Dev’essere da quella parte dalla quale sta la tua richiesta?”

- “Oh, sì”, esclama Uraniel, “è questa la mia richiesta”.

- “Allora proviamoci!”. UR stende la Mano destra, rivolgendosi da quella parte dove siede Uraniel, e tutti vedono come il globo di luce si gira. Ma non appena è avvenuto, sentono un raggio di luce e di vita molto più forte di prima, e guardano stupiti a UR.

- Uraniel domanda modestamente: “Signore, non hai girato il Sole dalla parte sbagliata?”

- Sul santo Volto passa un sorriso.

128. UR risponde con benignità: “Oh, portatore dell’Ordine: dov’è la parte giusta o sbagliata del Mio Sole? Affinché tu trovi la giusta risposta, voglio mostrare come esempio scolastico il cerchio come nella casa di Michael. Dunque, eccolo lì! Osservalo con attenzione e mostraMi la parte giusta o sbagliata, con cui intendi l’inizio e la fine. Poi impiegheremo lo stesso sul Mio Sole, al quale con ogni probabilità non ho mai dato un lato sbagliato! Ora, figlio Mio, gira tu la ruota della Creazione!”

- Confuso, Uraniel guarda ad UR, poi al Cerchio, e dice timidamente:

129. “O UR, hai potuto fidarTi malamente del tuo principe dell’Ordine! Sì, né questo cerchio, meno ancora il meraviglioso Sole hanno un inizio o una fine e, con ciò, nessun lato giusto né sbagliato. Però ho osservato, e non lo comprendo ancora, che la forza della luce e del raggio è aumentata, dato che hai comunque girato il Sole secondo la mia modestissima richiesta. Tu sai com’era fatto il mio desiderio”.

130. “Già! Allora, naturalmente vi devo aiutare, e cioè attraverso il Mio portatore della Sapienza. Quando ciò accadrà, allora vi spiegherò il ‘miracolo’. In Zuriel sorge ora una ulteriore giustificata domanda: ‘Se e che cosa deve portare al Giorno, poiché abbiamo delle case e dei pozzi, visto che il nostro Maestro di casa e quello delle acque hanno ben provveduto per l’eternità?’. – Perciò guardatevi intorno, Zuriel ed Helia, ed esaminate ciò che sarebbe il lavoro successivo, affinché la nostra gioia di questo Giorno diventi perfetta”.

- Allora entrambi si mettono davanti al Creatore di tutte le cose, e Zuriel dice:

131. “Santo Signore, sommo Sacerdote Melchisedec, la forza del Sole aumenta costantemente in potenza, così che anch’io devo formare il pensiero: ‘Come ci proteggeremo, così da non dissolverci nella Tua luce, da tanta delizia in Te?’. Nonostante ciò, lascio passare su di me la Tua Luce-UR ancora per un po’, finché mi doni il giusto pensiero. So già una cosa: ora deve sorgere un’ulteriore prima Opera. Perciò voglio cercarTi diligentemente con gli occhi e lasciar agire dapprima le Tue sante mani, le quali tengono il timone di ogni nave della vita e della Creazione, e poi, arrivare così profondamente nella Tua santa fonte-ur per quanto profondamente mi è possibile. Allora voglio dire dalla Sapienza affidata a me: ‘Sia fatto!’. E voglio attendere ciò che succede. E’ giusto così? Oh, Onniamato, Tu, Onnisanto, fa che anche quest’Opera raggiunga il valore dell’eternità-ur!”

132. UR risponde: “Hai parlato bene, Zuriel; agisci così insieme ad Helia!”

- Allora il principe guarda verso il Santuario sull’alto pinnacolo. Ora la luce avvolge morbida e meravigliosa il suo essere. All’occhio interiore, che anche qui è da descrivere come spirituale, la Parola del Giorno della Creazione passa in modo plastico (immaginoso). Ne offrono il motivo i quattro Alberi della vita che stanno alla fonte del Santuario. Lui amplia coscientemente lo sguardo. Allora si mostrano delle forme con alti alberi carichi di frutti, delle estese superfici verdi cosparse con fiori di infinite varietà di colori e forme. Magnifici boschetti danno spazio al pensiero, che là l’Altissimo sarebbe da adorare solennemente come davanti all’altare di una casa dell’angelo. L’immagine diventa sempre più formativa nella viva forza trainante. E come Sadhana, anche lui vede, circondata tra tutte le magnificenze, la Città dei vicoli d’oro, e vede – simili a queste – delle moltitudini di ‘figli nel divenire’, di cui parlava UR.

133. Sadhana e i sei principi formano un grande cerchio, mentre Zuriel ed Helia afferrano le mani di UR. In ciò sono spinti a formare l’immagine interiore.

- Esclamano all’unisono: “Così avvenga! Tutto il paese sotto i santi piedi del Creatore diventi fertile con alberi, erba, verdura, frutti, con fiori di ogni genere! Come delle azioni viventi colmano se stesse, così tutto porti il suo ‘seme vivente’ in sé, si fecondi e si moltiplichi fin dove il Braccio onnipotente dell’Onnisanto ha dato lo Spazio e il Tempo all’Anno-UR! Ogni azione produca quest’Opera primaria, l’Opera del nutrimento e della gioia, della benedizione e della grazia!

134. Se venisse mai offesa la Legge della Luce della Sapienza, allora si mostri nei ‘frutti offesi’. Allora la Sapienza prenderebbe in mano la falce per il secondo lavoro, e la Parola-UR sia adempiuta dai legislatori e tramite l’Opera di benedizione, da loro offesa. Così la falce rimanga il segno fino all’Ora in cui la Legge della libera volontà rivelerà la santissima somma meta, di UR. Dunque, avvenga l’Opera primaria della Sapienza! Voglia UR, come l’Eterno-Santo, il Sacerdote Melchisedec, darne il Suo amen”.

135. O maestosa Sapienza, incompresa dagli uomini, qui hai pienamente manifestato la Tua forza del Cielo! Tutti, tanto meno il terzo principe, non riescono quasi ad afferrare ciò che si mostra in loro. Delle palme tendenti il più magnificamente verso l’alto, e alberi simili alle colonne del Santuario li ombreggiano, poiché si trovano in un boschetto del primo Ordine. La luce del Sole, dapprima pur percepita troppo forte, diventa per loro di inesprimibile godimento. E tutto è avvenuto dal pensiero, dalla parola e dall’azione. In verità, la collina della Sapienza è diventata un Paradiso. I primi, giubilando, si spingono beati intorno a UR, e il loro amore, con questo Atto di creazione pieno di grazia, Lo inonda. –

136. Quando il giubilo si calma un poco, UR dice: “Miei cari figli! Voi Mi ringraziate come non può avvenire nel modo più perfetto. Allora come ricompensa devo trasformare l’Opera originaria in una benedizione ancora maggiore. Nondimeno, vogliamo ringraziare il nostro maestro giardiniere paradisiaco, come Zuriel ed Helia sono da impiegare come tali. Loro hanno creato un Eden oltremodo meraviglioso. Il Mio terzo ha accolto potentemente in sé il Sole-ur, e così gli spetta giustamente anche il ringraziamento”.

- Gli angeli, Sadhana davanti a tutti, circondano Zuriel ed Helia con grande amore.

137. Zuriel dice: “Chi porta in sé la Sapienza come il raggio della luce e della vita da cui è stata generata l’Opera? Chi ha lasciato divenire il Sole-ur come punto centrale per ogni Giorno, anzi, per le eternità? Questo è il nostro UR! EGLI soltanto lo ha fatto. Io ho ben potuto creare una bella opera secondo la mia sapienza; sì, mi sono lasciato irradiare costantemente dal Sole-ur, affinché secondo la Sua parola, venisse formata un’opera per l’eternità.

138. Soltanto, anche il nostro miglior Sole ha la sua forza dal Creatore, dall’onnisanto UR che lo ha lasciato sorgere, e ora, nell’ultramisura di una pienezza per noi eternamente incomprensibile, dal Sommo Sacerdote Melchisedec pieno di Grazia. Perciò a Lui unicamente, l’Origine di ogni Creazione, il ringraziamento. Infatti, fin da eoni, che noi non riconosceremo mai coscientemente, riposava già in Lui il seme di questo Giorno, pre-pensato per la nostra eterna benedizione.

139. Venite tutti, chiudete nuovamente il cerchio intorno a UR, affinché Egli, come il santo Punto centrale, non lasci mai i nostri cuori. Da Lui riceviamo il potere, la forza, l’autorità e il vigore, per colmare i Giorni secondo il Suo eterno piano dell’Ordine e della prosperità. Non allontaniamoci mai da questo Punto centrale, allora il nostro perfezionamento si rifletterà nello splendore della perfezione del Creatore, del Sacerdote, di Dio e del Padre. Allora attingeremo dall’Origine la santa faccenda-ur, cioè la nostra perfezione, che fin dalle eternità è stata la faccenda di prosperità del nostro UR! Ringraziamo Lui come è ordinato dalla Sapienza”.

140. Allora il boschetto diventa un Tempio dell’eterna maestosità. Zuriel s’inginocchia solennemente, così fanno anche gli altri. Il maestoso Volto si rivela all’infinito, la magnificenza nello splendore e nel fasto regale. Incapaci di proferire una parola, i primi guardano l’immutabile al Punto centrale della loro vita, del loro amore, con le mani tese in alto nella pesante adorazione della Creazione. – Così stanno a lungo inginocchiati, finché UR finalmente fa loro cenno di alzarsi. Egli li conduce in mezzo al boschetto in un posto libero, tutto coperto da una specie di muschio.

141. “Vogliamo riposare qui dopo il grande lavoro, e ristorarci”, dice UR. “Per questo ci mancano ancora alcune cose, e così il maestro giardiniere deve chiedere aiuto al costruttore di case”.

- Zuriel esegue l’invito, ma Uraniel si rivolge a UR: “O Padre, la mia richiesta per via dell’orbita del Sole era proprio sbagliata, e così non so se posso eseguire il Tuo incarico, che mi onora”.

- La modestia di Uraniel è così grande, che è subito magnificamente da lodare. E’ la prima volta che UR va in questo modo incontro ad un figlio, senza attendere che esso Gli corra incontro. Il venir incontro era umiltà.

142. Lui prende al Suo petto il Suo primo portatore delle Caratteristiche, e dice: “Mio cherubino, non rattristare il tuo cuore! La tua richiesta era giustificata, e verrete pure a sapere il perché il Mio Sole risplendeva più forte, invece che più debole. Prendi il privilegio e trasformalo in forza, allora vedrai quanto facilmente c’è qualcosa da procurare. Inoltre, l’Opera primaria è proceduta da Me nella sequenza dall’Ordine alla Sapienza. Dunque, posso lasciare operare i Miei figli, dato che si sono magnificamente affermati nell’Opera; in ciò delle piccole Opere secondarie non sono mai sbagliate.

143. In modo del tutto superfluo Mi avete posto in un centro da cui difficilmente posso uscire, poiché rispetto ai Miei raggi della Vita fondamentale avete formato un cerchio a cui posso appendere senza preoccupazione il Mio Anno-Atto-ur. L’Opera complessiva non cadrà. Anche se un figlio con la sua libera volontà lasciasse questo cerchio, la Mia doppia benedizione datavi ora colmerebbe la lacuna ed oltretutto conserverebbe il posto al figlio, …se fosse necessario, anche attraverso un Sacrificio! Dunque, andiamo di nuovo all’azione! Ho ancora molto da rivelare”.

144. Allora Uraniel misura il boschetto secondo la costruzione del Tempio, erige il maestoso seggio sotto la palma più alta, davanti a questo, nel semicerchio, i posti per i figli. Come per caso, ogni sedia ha una bella palma. Entrambi i principi operano secondo la gioia del cuore. Helia ed Urea costruiscono un altare e lo adornano con fiori variopinti che crescono nel boschetto. Tutto questo è diventato meraviglioso.

145. UR lodando i primi allorquando Gli mostrano il loro lavoro, Si siede subito sul seggio principale e dice: “Io do ad ogni Mattino della Creazione una santa Parola. Voi non l’avete ancora sentita perché solo tramite la Parola vi risvegliate alla vita cosciente. Essa abbevera le Mie Notti e conduce le Opere al loro Giorno. In una Notte ogni Opera è santamente velata, perché allora sonnecchia nei Miei Pensieri-ur. Così come vi esiste, la dono ad ogni Giorno per la formazione. Tale formazione è poi l’Essere santificato!

146. Voi domandate: ‘Come posso lasciare ad un Giorno l’Opera dal pensiero compiuta in Me, che è comunque esso stesso un’opera-parziale del Mio Essere?’. E’ vero, cari figli, ma ascoltate e presto comprenderete che cosa vi è ancora di poco chiaro. Voi conoscete già la differenza degli Anni-Pensiero-Parola-Azione-ur. Il Mio lavoro più bello, più grande e a Me più caro è la Mia Opera-Figlio, che con la nascita dell’Anno-Atto-ur ha ricevuto in Me la sua propria forma. Con la forza del Mio santo Spirito-ur i figli sono già generati e saranno partoriti tutti quando la terza camera del Mio cuore entrerà nella pienissima attività. A questa Opera-Figlio dedico Me stesso. Io sfrutterò ogni Notte altamente benedetta per la Mia più sublime Opera, allorquando la preparerò per il Mio piacere di Creatore, per la beatitudine creativa dei figli!

147. La parola che intendo è questa: ‘Sia fatto!’. Una piccola parola dalla Mia bocca, …e cela comunque tutto il potere, la forza, l’autorità e il vigore, l’ultrapienezza della Mia magnificenza e perfezione! Sì, in essa si manifesta la Mia grandezza. Io l’affido al Mio Anno-Atto cosicché dal più piccolo divenga anche il più grande. Voi non riuscite ancora certamente a riconoscere il collegamento, e dapprima devono passare un paio di Giorni finché avrete familiarizzato con la Mia parola di Creatore ‘Sia fatto’. Ciò diventerà pienamente riconoscibile quando la Legge della libera volontà avrà la sua più sublime affermazione tramite i Miei figli. Questa è la Mia alta Meta nella prima Settimana-Atto-Anno. Per quanto l’evoluzione di ogni Giorno richieda in voi una comprensione, lo capirete anche nella Parola e nell’Opera.

148. Se un giorno verrà l’Ora della condizionale (libertà vigilata), allora in voi dev’essere radicata la Mia Forza, affinché il vostro proprio ‘Sia fatto’ sia in grado d’intervenire nell’andamento dell’Opera secondo la disposizione della Mia Provvidenza creativa, con la quale ogni Meta finale è assicurata. Tutto deve divenire: la Mia luce, da essa la vita, da questa i Miei figli e, da loro, poi, la Meta! Questi sono i quattro principali ‘divenire’! Tutto il resto risulterà poi gradualmente da sé. La forza della Parola dev’essere in voi ‘la vita’, che nel senso delle mete di tutti i Giorni adempiono questo vostro più sublime compito. In ciò riposa il perfezionamento e una perfezione fatta a Mia immagine. Chi raggiunge il ‘devi’, Mi riconosce secondo il Mio Essere-UR, l’IO-sono, così come anche gli ‘abiti rivelatori’ (la Mia incarnazione) che Io indosserò per la redenzione dei figli. Ma senza l’umile aspirazione, a nessun figlio riuscirà di pronunciare nella realtà creativa il ‘Sia fatto’. Anzi, ogni simile tentativo porterebbe con sé gravissimi pesi.

149. Io vi guido a questo traguardo della luce in modo meraviglioso e leggero, poiché il vostro lavoro, soprattutto le Opere fondamentali, sono la Scuola di vita migliore e più sicura che ho stabilito. Anche se in ogni Giorno – perché così è previsto salvificamente secondo le Mie caratteristiche – esteriormente solo uno dei loro portatori compie l’Opera fondamentale, ne partecipate comunque tutti, ognuno secondo il suo genere, la Mia Sadhana come Punto focale speculare di Tutto, ed Io stesso come il vostro Punto-Centrale-UR eletto da voi liberamente.

150. Sono Io il Proprietario fondamentale di tutte le Opere, ma in quelle Opere voglio essere il Compartecipe che voi stessi create grazie ai raggi di luce e di vita dati. Uraniel è in tal modo il primo co-proprietario fondamentale delle case, Michael dei pozzi e Zuriel di tutti i campi paradisiaci. Tuttavia ogni figlio si conquista subito la sua parte nel Diritto di co-proprietà fondamentale non appena si sceglie del tutto consapevolmente la via pre-menzionata. Infatti, ascoltate Miei primi: tutti coloro che si attengono a questo, un giorno saranno co-proprietari, perché sono i Miei figli ed Io il loro vero Padre!

151. Per adesso, null’altro su questo; i tempi vi porteranno vicino al meglio il mistero del ‘Sia fatto’. – Prima devo togliere dal cuore ad Uraniel il Sole-ur, perché grava ancora un poco su di lui, cioè il lato sbagliato”.

- Ah, con quanta dedizione il primo principe guarda negli Occhi fondamentalmente buoni, e quanta forza ritorna nello stesso modo. Allora tira un profondo sospiro liberatorio.

152. UR continua nel Suo discorso: “Figli Miei, quello che ricevete, lo prendo ogni volta da un pezzetto: dal Giorno, dall’Ora, anche dal Minuto o da un solo Secondo; dato che solo Io so che cosa porta il procedere di ogni singolo, cioè quello che manca ancora al perfezionamento, ciò che Mi è lontano o vicino, e questo con particolare riguardo ai figli nati liberi, perché se dessi troppo poco di quello che potete portare oppure anche una minima misura di troppo, ambedue sarebbero senza utilità. Nella fatica del lavoro la gioia ed il peso sono da pesare con molta precisione, se devono essere di benedizione dell’intera Opera.

153. Voi eravate dell’opinione che il Sole-ur risplendesse con troppa veemenza, quasi come insopportabile. Tuttavia voi vivete, il Sole non vi ha incorporato in sé. Questo è successo perché guardavate costantemente il Sole, anche se con vera gioia, ed avete trascurato un poco Me che dimoro tra di voi. Cosicché, dato che il motivo di quest’azione Mi doveva procurare una vera grande gioia, era comunque nell’Ordine e non impediva per nulla la Mia Opera. Nello stesso senso abbiamo da considerare la richiesta di Uraniel, cioè di distogliere un poco il Sole-ur.

154. Ma vedete, come dovrei girare il Mio donatore di luce, dato che Io – come descritto – peso precisissimamente ciò che serve per il vostro meglio? Zuriel ha portato la conferma che il Sole stava nel modo giusto e che la sua misura era secondo l’Ordine, poiché lui sopportava persino i raggi più forti. Nondimeno, se comunque era possibile la rotazione desiderata da Uraniel, allora spettava al ‘lato della perfezione’, poiché in Me non esiste nessuna diminuzione nel senso di questa parola, bensì sempre soltanto un accrescimento. Per questo motivo l’irradiazione è aumentata. Inoltre, la richiesta di Uraniel era colma talmente di umiltà e amore, che il Mio Cuore di Padre non ha pensato a nessuna diminuzione di luce proprio per questo primo motivo, bensì ne ha aggiunta una forte porzione per la vostra benedizione. A questo, accludo il Mio ammonimento, a cui ci si deve aspirare diligentemente adesso e per tutti i tempi:

155. Miei cari figli, ricordatevi che tutti i Miei doni possiedono una giusta misura. Ogni misura, sia per un’opera inconsapevole, con più ragione per i Miei nati liberi, li peso Io stesso sulla Mia bilancia dell’Ordine! Tuttavia Io uso una sola misura e un solo peso secondo la Mia unica Giustizia fondamentale che aspira ad un’unica meta di perfezionamento! Quest’unica Misura si adegua ad ogni grado e ad ogni grandezza di ogni vaso. Io do volentieri una misura stracolma, senza risparmiare, ma …non spreco nemmeno! Tutto ha il valore di un’eternità-ur ed è una preziosa proprietà. Riconoscere nella distribuzione dei Miei doni la magnifica libera Giustizia fondamentale, procura ad ogni figlio la perfezione, soprattutto nella gioia disinteressata, quando un altro riceve di più. Il ‘più’ allora è già da tempo pareggiato, e il figlio perfezionato non penserà diversamente di ringraziare la Mia benignità di come voi avete ringraziato dapprima in silenzio. Riconoscete la Mia Giustizia fondamentale ed insegnate a riconoscerla a coloro che verranno dopo di voi. Chi dunque agisce così, si adegua da sé a Me come ‘Mia immagine’, ed è realmente un compartecipe della Mia Proprietà fondamentale confermata da Me!

156. Vi ho promesso ancora qualcosa in vista del fatto che Zuriel ed Helia Mi aspettavano davanti alla loro casa. Avvicinatevi di più a Me! Vedete: a destra e a sinistra del Mio seggio sono fioriti due begli arbusti, uno per l’umiltà di Uraniel, l’altro per la giusta attesa di Zuriel. Li vogliamo chiamare ‘rose‘, cosicché quella rossa a destra corrisponde all’umiltà, quella bianca a sinistra l’aspettare-Me. Zuriel si è rivelato come il miglior maestro giardiniere, cosicché tutto deve portare con se stesso la sua semenza, perché la prima rosa piena porta già in ogni cespuglio molti germogli. Gioite di cuore di questa bella opera. Anche una tal gioia vi procurerà forza.

157. In futuro ogni buona parola e ogni vera azione dovranno somigliare come ora a una rosa. E chi tiene in conto ambedue, lui stesso somiglierà presto ad un tale nobile arboscello di rose. Il suo profumo di fiore deve corrispondere a una preghiera; e così deve fluire incontro a Me la meditazione o l’adorazione. Perciò fra i suoi simili la chiamo ‘regina’. E vi dico: ‘Davanti alla Mia Santità rimanete così amabili come questa deliziosa pianta, ed Io voglio piantarvi come la rosa nel più interiore del Mio paradiso, affinché ivi facciate le vostre radici’. Più spingerete le radici nel Mio santo terreno, cioè nel Mio Cuore, più saldamente sarete uniti con Me, se la vostra radice primaria penetrerà fino a quella profondità dove la fonte della Mia Mezzanotte ha il suo rumoreggiare. Allora rimarrete per ogni eternità, inseparabilmente i Miei cari figli.

158. Ora abbiamo dato un grande onore alla collina della Sapienza con la nostra lunga permanenza; il Giorno procede, e anche noi vogliamo procedere. Facendo questo, portiamo la nuova Opera fuori, nello Spazio e nel Tempo. Questo avviene dapprima certamente più nell’interiore, com’è sempre la cosa più fondamentale. Solo il Giorno successivo porterà il palesamento esteriore, nel quale la Mia piena elevatezza si abbasserà sui Miei figli. Durante i primi due Giorni vi ho guidato sensatamente nella Mia profondità, poiché l’Ordine e la Volontà sono i fiumi del Mio Fondamento. Ora dobbiamo arrampicarci sull’altura, perché solamente da lì si potrà afferrare con lo sguardo tutta l’ampiezza. Ma questo ce lo riserviamo per la quinta e la sesta Creazione, ed oggi ne approfittiamo solamente per quanto è necessario. Invece il ritorno a Casa, indietro alla Mia vicinanza, al Mio Cuore, …vedete, questo rimane la cosa più sublimemente importante di tutto, dalla profondità, elevatezza e ampiezza. Quindi camminiamo!”

*

159. UR precede. Nonostante ciò, ai primi è sconosciuta la via verso l’alto. La magnificenza del Giorno della Sapienza, irradiato dall’immensa luce, si apre sempre di più ai figli. Sovente camminano dietro a UR, il Quale dona loro queste preziosità. Dall’elevatezza del Suo sacerdozio, per quanto sia a loro possibile una strapiena misura giornaliera , Egli lascia intravedere loro uno sguardo nella seconda santa Ora della mezzanotte, dove la Sapienza, e in grande misura anche la Serietà, si espande benedicendo come seconda caratteristica della (seconda) camera del Cuore sacerdotale, e come luce e vita il veniente discende di nuovo sul sorgente.

160. Viene osservato molto, ancor più potrà aiutare il Giorno per il fatto che il veniente sarà nella santa preparazione interiore. Il tempo passa come qualcosa di minimo, ma colmo di benedizione e gioia con incommensurabile ricchezza. Anzi, i Giorni precedenti sarebbero quasi da chiamare ‘poveri’? I figli percepiscono che, anche se non pienamente consapevoli, arriverebbero come a quel lato, giusto o sbagliato del Sole, se interrogassero UR. Allora tacciono. Invece Lui gioisce del loro amore e spiega che in Lui non esistono dei Giorni ricchi o poveri, bensì che il primo Giorno era pregno di tutta la misura dell’Anno, ma che si rivelerà poco a poco, e perciò sarà percepito come accrescimento, perché ogni palesamento di un Giorno si mostra in quello successivo, come p.e. le (due) case nel secondo Giorno, queste e i pozzi nel terzo, e tutto ciò con l’Opera del Paradiso nel quarto Giorno.

*

161. Dice UR: “La forma originaria procede infatti da Me, lascio ai figli l’abbellimento, soprattutto quando sono affidabili. Più un figlio sviluppa l’efficacia, più bella diventa la sua opera. Quanto alto è il vostro credito da Me, tanto siete ricchi. Più alto un credito, meglio è, poiché da questo potete diventare dei rimborsabili più puntuali. Ed anch’Io ne divento sempre più ricco. Voi siete proprio i Miei migliori amministratori come un giorno lo sarà ognuno che avrà agito così. L’alta prestazione da giardiniere di Zuriel conferma la verità di ciò”.

[indice]

3/8 – Una piccola prova fa guadagnare le ali

162. A questo, segue ancora qualche visione della Creazione. Presto arriva la Sera. UR conduce i Suoi figli sulla via del ritorno in una parte dello Spazio molto lontano. Da lì Egli ordina loro di ritornare a Casa da soli. Una Parola di benedizione, e presto è scomparso alla loro vista. Chi precede ora?

- “Il nostro UR deve sempre precederci anche quando non Lo vediamo”, dice Sadhana. “Lui non ci lascia soli su una difficile via sconosciuta. Ma voi, Zuriel e Uraniel, assumete la guida, Michael ed io andiamo in coda. Quindi, alla fine anche noi giungeremo interamente dal Padre”.

163. Questa è una parola! Gli angeli circondano Sadhana; sembra come se UR avesse affidato loro il Suo più prezioso gioiello.

- Perciò il settimo principe dice: “Solo tu, Sadhana, chiamata dal Padre come l’Amabile’, potevi parlare così. Il Padre ne gioirà! Il mio sesto fratello ed io ti prendiamo in mezzo a noi e seguiamo Uraniel e Zuriel, altrimenti rimanga come tu hai detto”.

- Allora vanno a Casa, trovano ancora molte magnificenze strada facendo, finché si vede il tappeto giallo. Allora sanno che hanno camminato nel modo giusto. Tuttavia, presto una deviazione porta alla collina di Zuriel. – ‘Dove devono rivolgersi? Subito a Casa?’

164.   “Andiamo per ora verso la mia collina”, decide Zuriel. “Anche nei Giorni precedenti la via verso casa passava da questa collina. Forse il Padre ci aspetta proprio là”.

- Corrono avanti e ad un tratto si accorgono che corrono sempre più velocemente. Presso la collina si trova la santa maestosa Figura. Fanno ombra ai loro occhi. E’ Lui, UR! Allora nulla li ferma; i loro piedi sfiorano appena ancora il suolo. Ma… volano? Più veloci che il soave vento che passa attraverso le palme? Loro non lo sanno, ma percepiscono la nostalgia, e che il tempo senza UR era per loro infinitamente più lungo che le Ore del Giorno, in cui Lui era con loro.

165. Un Sacerdote maestoso, inesprimibilmente pieno di nobiltà, è pronto a riceverli; ma…: le Sue buone braccia di Padre sono spalancate! Ogni figlio si poggia al Suo petto e ad ognuno sembra come se godessero contemporaneamente della beatitudine. Il ringraziamento ed il giubilo non vogliono finire. O Creatore, come Padre Ti sei indicibilmente reso ricco con i Tuoi figli! Qui è la mente per la Sapienza. UR li lascia sfogare la loro gioia, perché con ciò sono benedetti migliaia di volte.

166. Ma poi Egli dice che devono conservare il loro ultimo ringraziamento fino a quando saranno poi a casa. Ordina a Zuriel e ad Helia di precedere. Essi lo fanno; ed ecco, gli altri vedono che i due hanno delle ‘ali’; così sentono in sé questo termine. Ebbene, che cosa c’è ora (di nuovo)? E tutti hanno tali ‘ali’, con cui possono muoversi in avanti senza piedi. Guardano UR interrogandoLo, ed Egli spiega sorridendo:

167. “Figli Miei, le ali sono la ricompensa per la vostra nostalgia. Sulla via del ritorno, soli per un’Ora della Creazione, eravate continuamente dominati da una grande nostalgia. Il pensiero, la parola e l’azione – com’era ordinato e lo richiedeva l’Opera del Giorno – erano rivolti all’Uno. Questo ero Io! E così avete conosciuto una sola Meta: ‘E questa ero ancora Io!’. Esteriormente di certo lontani, ma non eravate separati da Me. Eppure vi siete spinti ancora verso di Me e la vostra nostalgia è cresciuta molto oltre di voi.

168. Per quanto vi ho elevati alla Mia elevatezza, tanto alto saliva anche il vostro desiderio, il sentimento ardente. Alla fine, il desiderio di ritornare a Casa, a Me, era talmente forte, che i vostri cuori erano già arrivati da tempo a Me, prima che questo fosse avvenuto esteriormente. Allora la Mia gioia salì alla vostra elevata nostalgia, e quello che proveniva di buono dai vostri cuori a Me, fluì mille volte benedetto su di voi. Le ali, in un certo senso, vi hanno resi capaci di raggiungerMi di nuovo più rapidamente.

169. Certamente le ali sono un simbolo; in pratica le lasciamo più tardi ad altri esseri viventi ancora da creare. Però il bel Dono deve rimanere figurativamente, in cui altri figli riconoscano quale grande forza dimora in un ‘angelo’, con quale leggerezza può superare gli spazi della Creazione alla velocità della luce. Ora, camminando con Me, le ali sono scomparse. Solo a Zuriel e ad Helia che ci pre-corrono, sono lasciate per la vostra gioia sulla via della collina.

170. Nel Mio Regno di luce non avete bisogno di ali; ve le ha mostrate la Mia gioia. Nel Giorno successivo avrete ancora da percorrere grandi spazi. Allora ricordatevi del dono, e vi muoverete come con le ali, veloci come l’acqua, rapidi come un pensiero, anzi, più veloci che il raggio della luce! Rimanete capaci di mostrare anche le vostre ali non appena lo richiederà un’Opera. Siamo arrivati. Zuriel ci attende come il più amorevole oste. Dunque, …sbrighiamoci”.

171. Zuriel saluta il sommo Sacerdote Melchisedec con la massima riverenza ed invita ad entrare Lui e i suoi fratelli di luce. Helia attende davanti all’altare. Oh, quanto magnificamente bello è adornato insieme alla stanza. Molti fiori scintillano nello splendore della Sera del Sole-ur, e presso il seggio due alberelli di rose, rosse e bianche. Accanto alle coppe si trovano dei piatti d’argento, colmi dei più meravigliosi frutti.

172. Il piatto di UR è il più colmo e decorato con una corona di fiori. I primi sono dominati da una grande gioia, e nel successivo Mattino della Creazione vogliono preparare l’Onisantissimo con questi doni, per il loro UR! Il Sacerdote loda molto Zuriel ed Helia, e spiega il senso dell’impiego dei fiori per la gioia.

173. Lui dice: “Vedete, ogni fiore è l’allegoria[12] di una Caratteristica secondaria che proviene dai Miei sette raggi di vita-ur, ma per nulla è secondaria, perché aiuta maggiormente al perfezionamento. Proprio la gioia è una bella facoltà, quindi da valutare come Caratteristica secondaria. Il ringraziamento può far sviluppare prevalentemente una Caratteristica principale nel figlio. Inoltre, ancora la Giustizia, poi la Gentilezza, la Bontà, la Bonarietà, la Mitezza e molto altro sono delle Caratteristiche secondarie utili, senza le quali nessun figlio procede. Infatti, più sono i Giorni, più ricca è l’irradiazione. Come un’Opera principale si suddivide in molte piccole opere secondarie, così anche le Mie Caratteristiche principali nelle relative caratteristiche secondarie, poiché con ciò i Miei Giorni della Creazione raggiungono il più sublime stato di benedizione.

174. Ora assaggiamo i Doni del nostro maestro giardiniere, e questi non sono dei simboli, bensì ordinaria realtà. Certo, anche qui è da considerare come una rispondenza, dato che le vostre facoltà conquistate, il vostro servizio nel Mio Onnisantissimo, somigliano ai buoni frutti, il vostro amore come tutti i fiori. Sottopongo anche questo alla consapevolezza di forza interiore ed esteriore, poiché la costruzione dei due Fondamenti di base vi ha dato, appunto un interiore e un esteriore, ad ogni principe due figure, la positiva e la negativa, come Io sono sempre il positivo verso ogni Opera, e la Mia Sadhana invece ne risulta come il negativo.

175. Ogni magnificenza che creerete nel Mio Regno di luce sarà visibile nella forma, indipendentemente dal fatto che certe cose sono solamente un paragone. Tuttavia anche un’Opera di paragone sorge per via del futuro, quasi sempre per l’osservanza della Legge della libertà. Infatti, se dovessero rimanere come simboli, Mi sarebbe bastata la creazione dei pensieri. L’intera Opera riposerebbe appunto in Me come un maestoso simbolo! In gran parte anche la Mia parola porta la stessa impronta. L’Anno-Pensiero-Atto-UR erano comunque dei Simboli pre-ombreggiati per l’Anno-Atto-UR”.

176. I frutti sono stati consumati. Ora Zuriel s’inginocchia al centro dei primi davanti all’altare. Stende le sue mani incontro a UR e dice: “O Onnisanto, sommo Sacerdote Melchisedec, ci hai colmato questo Giorno con grande gioia. Quello che abbiamo potuto creare in opere dalla Tua perfezione, dal Potere, Ti sia l’espressione della nostra gratitudine e adorazione. O Eterno-Santo-UR, eterno-unico e veritiero, lascia che attingiamo alla forza dalla Tua alta Sapienza, per autentico ringraziamento, per giungere alla verità. Tu, Santo, Santo, sei la verità, e la Tua Opera è verità! La luce raggiante del Tuo bel Sole, il mistero della fonte della Tua Mezzanotte, il Tuo Santuario è verità, e lo è tutto ciò che fluisce dalle Tue cose. I Tuoi santi impulsi di vita sono verità, poiché sono le irradiazioni fondamentali del Tuo Essere-UR.

177. Ci hai spiegato il fatto e il simbolo. Entrambi sono la verità, perché Tu hai fatto sorgere tutto. Se riconosciamo questo, allora abbiamo riconosciuto TE come Verità-ur! Da essa lasciaci cogliere alla Sera l’ultimo dono del Giorno della Tua Sapienza, affinché, perfezionati, arriviamo al riposo previsto in Te, con la perfezione della Tua Creazione del Giorno. Tu sei la Verità, sei la nostra vita e noi siamo la Tua vita; quindi, siamo la Tua verità. Infatti Tu ci hai generati e fatti nascere dalla pienezza della Tua veridicità fondamentale!

178. Ottenere questo riconoscimento era il compito principale del terzo meraviglioso Giorno della Creazione. Nessuno entra nella Tua grande verità, chi non cerca di conquistare la Sapienza! Ti ringraziamo veramente, poiché TU sei il Veritiero! Ti ringraziamo nella Sapienza, perché Tu sei la Pienezza di ogni Sapienza! Oh…”, esclama Zuriel mentre sporge agli altri dei rami dall’altare, “…venite, gioiamo, cantiamo il canto della Verità, il canto della Sapienza!

179. A Te, Signore, sia il ringraziamento, la lode, la gloria e l’onore, Ti adoriamo! Altamente lodato sei Tu, Creatore, Sacerdote, Dio e Padre in eterno! Alleluia! Tu Re della santa-luce! Davanti ai Tuoi santi piedi stendiamo le palme; camminaci sopra, guarda: questa è la nostra adorazione. Nelle Tue sante mani posiamo il ramo verde; sono i nostri cuori, offerti a Te nella Sera della Creazione. E noi stessi rimaniamo eternamente la Tua proprietà fondamentale! Santo, Santo, Santo, Santo, sei Tu, o Signore, l’Onnipotente e l’Onnimaestoso! Ti lodiamo, Ti glorifichiamo, Ti adoriamo, Ti ringraziamo nell’eternità! Amen!”.

180. Il ‘giubilateee’ scroscia attraverso lo spazio. UR si reca in mezzo ai Suoi primi. Davanti a Lui si stende un tappeto verde di palme e le Sue mani sollevano in alto otto meravigliosi rami verdi. Li tiene al di sopra del fuoco. Allora da essi germogliano innumerevoli piccoli rami, e da questi, nuovamente altri, continuamente.

181. Egli dice: “Cari figli, ognuno di voi Mi ha dato il suo cuore, e in ognuno giacciono così tante forze motrici più belle, più vigorose, che da un ramo ne crescono innumerevoli nuovi. Quello che fate in vista del vostro ‘giubilate’ in ogni futuro, avrà anche con sé la semenza benedetta che perfeziona il vostro lavoro. Qui vi restituisco i rami. Metteteli nel posto dove possono rimanere come se li tenessi sempre nella Mia mano. Ora vi siete immersi in tutta verità nel Mio cuore, e questo è in eterno la vostra Casa del Padre! Ora venite, presto la campana annuncerà l’ultima Ora”.

[indice]

3/9 – Ad un’importante domanda decisiva, risponde la Sapienza

182. Con commovente cura i figli portano a casa i loro rami. Si soffermano brevemente nelle case di Michael e di Uraniel, dove UR dà ancora qualche indicazione su come ogni Caratteristica è da conquistare con sicurezza tramite l’altra, e come Egli stesso è riunito attraverso tutti i raggi della Vita fondamentale.

183. Anche qui si trovano dei bei boschetti nei quali regna una grande gioia. Solo dietro l’Ephata[13] si trova un’immagine ancor più meravigliosa di paesaggi paradisiaci, il cui centro mostra la sua forma di base con percorsi orlati da palme snelle. Ma poi, …l’Onnisantissimo! Egli è piazzato lì con un ultraricco adornamento, in modo che i primi non riescono nemmeno più a giubilare, essendo del tutto stanchi di gioire. In silenzio posano i loro rami intorno al libro della Creazione, e i loro occhi interrogano se questo fosse giusto e chi fosse ad aver dato al Santuario quel fasto regale. UR attizza la fiamma sul piatto (il braciere) per la Sera, mette l’ultimo incenso del Giorno nella coppa del sacrificio e si siede sul Suo seggio regale, poi comincia a parlare:

184. “Mia amabile Sadhana, voi forti principi, avete scelto il posto giusto dove i rami verdi possono giacere. I vostri cuori sono diventati la Mia Opera del Giorno più bella e sono stati scritti nel Mio libro. A questo posso ben aggiungere il Mio ‘amen’ della Creazione, ma c’è ancora da chiarire la questione della ‘coscienza’ che avete posto al Mio Io-ur: ‘Esiste in Me un limite, oppure no?’. A questa, sarebbe da annettere una seconda domanda: ‘Mi sono forse dato un limite?’

185. Occupiamoci per prima cosa della seconda domanda, perché così la prima si risolve come da sé. Oltre a questo, avete attinto molta sapienza, non di meno nell’ordine e nella volontà, dato che le Caratteristiche che erano dominanti andavano mano nella mano con il relativo raggio fondamentale del governo del Giorno, con cui è da raggiungere il perfezionamento e la perfezione da mettere pari alla Mia.

186. L’opera singola ha i suoi limiti, i Giorni della Creazione hanno il loro Mattino e la Sera, e voi stessi, Miei figli dalle facoltà più sublimi, avete un fattivo inizio vitale e una fine vitale. Soltanto, …non sapete ancora come un tale limite sia veramente costituito e formato da Me. Voglio chiarirvi la cosa più importante con l’esempio dell’immagine del cerchio. Vedete, il cerchio non ha né inizio né fine, comunque lo si voglia girare e voltare. Ora presumiamo che inizi un nuovo Mattino, che Io lo tenga con due dita e così il posto dove lo tengo sarebbe da considerare come un inizio.

187. Le Mie mani, esse stesse una parte dell’eternità-ur, ne prendono il cerchio, ed Io lo dono all’Opera. Ora noterete già che un tale limite posto non è altro che un punto, il quale termina una fase dal quale ne inizia subito una nuova. La struttura del limite – soprattutto nell’Anno-Atto-ur – è compatta, realmente adeguata del tutto alla giurisdizione dello Spazio e del Tempo. Io mantengo questi limiti perché li ho santificati, come ogni Pensiero, formato nell’Azione e nella Parola, mantiene pure la sua santificazione, perché Io sono Santo.

188. Tutto il limitato è sottoposto ai Miei figli come la Mia Opera del Cuore più bella; poiché Io ho creato per amor loro. In ciò giace il ‘come’ dei confini (i limiti). Tuttavia tutto ciò che è ‘finito’ dipende dal progresso dei Miei figli, più giusto: Io la dirigo da loro stessi. Questo avviene naturalmente nelle Notti, per cui voi stessi lo potete solo presagire pur nella migliore rappresentazione.

189. Come alla fine di un Giorno della Creazione si mostra ciò che i Miei figli hanno raggiunto grazie alla Legge della libera volontà, proprio così si forma il ‘come’ della limitazione. In nessuna delle Mie Creazioni un limite resta rigido ed immobile nonostante la compattezza. Io sono la Vita-ur eterna, Io sono la ‘mobilità’; così tutto il Mio intraprendere è mobile, mutabile nel momento in cui vi aspira l’ulteriore sviluppo dei Miei figli. Nondimeno, c’è un mistero: anche le Mie Notti hanno dei limiti, benché nessuna Opera sia formata con evidenza, così anche i Miei figli vivono in Me solo come inspirati Pensieri-ur consapevoli. Proprio per i figli che di notte sonnecchiano ho delimitato le Notti, e cioè in modo molto più immobile dei Giorni delimitati compatti. Questo perché – e qui arriviamo alla prima domanda – perché Io, l’Illimitato, non posso, già dall’origine, costruire nessun limite per Me. Tutte le limitazioni hanno il loro grande motivo unicamente nel Pensiero dell’Opera.

190. Ma Io non ho tracciato nessun limite, sia compatto, sia essenziale, provvisto con maggiore o minore estensibilità, senza aver rispettato già in origine della costruzione del Pensiero i limiti esteriori che diventano necessari per via del progresso futuro!

Con ciò è confermata l’illimitatezza della Mia Entità!

191. Diversamente, Io dovrei – come già accennato – essere stato un Embrione. Le domande sulla provenienza del Pensiero-Embrione-UR e cosa esisteva prima di questo, sarebbero inevitabili. Invece sono inutili, poiché non coglierebbero nessuna sostanza-ur. Di conseguenza, sono senza diritto di Creazione[14]!

192. E’ importante riconoscere che Io, per via dell’Opera-Figlio, percorrerò da Me stesso un limite! Lo chiamo il ‘limite-ur’, per cui vale l’esempio con i cerchi incalcolabili nel cerchio-ur e con l’anello nelle Mie dita. E’ anche fondamentale che tutti i limiti, anche i compatti, diventino liberamente mobili non appena è stata compiuta l’Opera che si svolge in loro e si è raggiunta la finalità dello scopo. Ve lo voglio spiegare, per quanto ora possa essere ancora rivelato.

193. Notate questo esempio: fino alla terza Ora del Giorno doveva essere stata conquistata una determinata parte della Sapienza, con cui era da compiere l’Opera del Giorno, cioè la creazione e la formazione della benedizione del suolo. Questa è una finalità limitata. Invece voi non avete raggiunto solamente il debito dell’Ora, bensì avete attinto una piccola misura in più di Sapienza. Con ciò il limite tracciato è diventato già mobile, poiché Mi siete venuti incontro superandolo (il limite). Sì, allora ho dovuto estendere i limiti da Me, altrimenti avreste avuto una beatitudine in meno. – Se però questo porterà la giusta utilità, dipenderà meno da Me che piuttosto da voi stessi.

194. In buona parte dipenderà dai Miei figli se si lasceranno smuovere dai limiti fondati secondo il santo Ordine. Più progredite, più profondamente si rivela il Mio illimitato Essere-UR, in e al di fuori di voi! Sulla via verso casa la mobilità si è mostrata nell’esteriore, e mentre ‘sorvolavate’ lo spazio siete volati nel Mio cuore-ur sospendendo l’interiore. Soprattutto l’ultima Ora vi ha dato una misura quasi immensa di beatitudine, perché Mi avete portato un’ultramisura di gioia, del Giorno.

195. Con ciò sia detto quanto segue: – Se aspirate raggiungere il Punto-centrale-ur e sorvolate ciò che vi separa senza ignorare ciò che avete sorvolato, allora annullate ogni limitazione, allora siete il cerchio nel Cerchio-ur, l’essere nell’Essere-ur, vita nella Vita-ur e perfetti nella Perfezione-ur! – Come in Me esiste lo Spazio senza spazio e il Tempo senza tempo, così anche il Limite senza limite. Come è UR, illimitato, così l’Opera-ur è il limite auto imposto! Questo adesso lo avete compreso. Più l’Anno-Atto porta i suoi Giorni, maggiore conoscenza attingerete dall’Altura della Sapienza, finché anche in questa sarete compartecipi della Mia alta-santa Proprietà fondamentale.

196. Ora c’è ancora da applicare il risultato pratico della conquista sul Mio santo focolare. Il segno esteriore sono i rami verdi, l’interiore è ancora mancante; questo lo porterà la risposta alla terza domanda sulla Creazione. Vi faccio notare le pre-domande e le risposte sulla Legge della libera volontà, così come sulla riparazione e sulle conseguenze legate alla riparazione. La terza questione, che con la seconda si appoggia sulla prima, è questa:

197. ‘Dei singoli sacrifici che oltremodo aggraverebbero il tempo dell’Opera di un Giorno, possono procurare una riparazione, oppure vi sarebbe da portare un unico Sacrificio-ur che giustifichi sia le condizioni come anche la Legge della libera volontà?’. – Valutatela, affinché la risposta a questa difficile domanda possa benedire ogni futuro. Vi lascio il tempo (per riflettere); il Mio Sole-ur ha ancora bisogno di sette svolte, sette Secondi fino alla Notte. Vi benedico per la vostra decisione”. UR si alza. La Sua veste di Sacerdote risplende come oro nella luce della Sera. Officia al santo focolare e scompare.

- Ora i primi devono percorrere la strada interiore da soli, come prima quella esteriore. Una pesantezza creativa ricade su di loro nel silenzio: la co-responsabilità nella grande Opera di UR!

*

198. Quanto dura un Secondo? E’ mobile? È limitato saldamente? Dipende dalla rapidità o dall’affidabilità di una risposta? – Solennità! Sacro silenzio intorno a loro. Tutti sopportano entrambi: il silenzio e la solennità. Tuttavia essa li solleva entrambi su quell’elevatezza che in questo Giorno hanno visto due volte. Da questa elevatezza ottengono la risposta attraverso l’affidarsi al sommo Sacerdote Melchisedec. Ecco che l’incenso si divide, e UR diventa visibile.

- Senza giubilo, serissimo come pre-sintomo del quarto Giorno della Creazione, Zuriel viene al santo focolare, tiene la sua falce sopra il fuoco sul piatto d’argento e dice:

199. “Santo UR! Inafferrabile è il Tuo maestoso Essere! Incomprensibile è l’eternità-ur a noi primi, il miracolo della Tua verità, fino a quando la Tua alta Onnipotenza ce la farà percepire e sperimentare. Eterno-Santo, Eterno-Unico e Veritiero, Tu hai edificato innumerevoli magnificenze! Se unisci ciò che è stato inviato fuori e ciò che è ritorna di nuovo a Te, guarda, allora ecco che c’è una novità: che Tu la fonderai in una continua maggior Perfezione di forza. Nessun figlio imparerà mai nella sua vera pienezza la Tua illimitata profondità, elevatezza, ampiezza e la più intima vicinanza.

200. Maestoso è il Tuo piano: creare accanto a Te dal Tuo stesso patrimonio di pensieri, dei figli con il proprio perfezionamento finché siano adeguati a Te nel grado della perfezione! Per questo ci vuole la messa alla prova interiore di questo Piano fino all’ultima, sottile fase. Chi lo afferra, che Tu, Veritiero, al Pensiero-figlio, insieme all’Opera sorretta dal Potere, hai anche prestato la sostanza-ur auto consapevole, affinché i figli non trovino da soli l’alta Meta nella ri-unificazione con Te, bensì, affinché nello svolgimento dei singoli Giorni della Creazione possano rendere fattive le ricevute sostanze della Vita-ur come proprio patrimonio di forza e veridicità?

201. Questo, Tu lo hai pensato attraverso degli eoni. Innanzitutto nella tua Entità interiore; secondariamente lo hai pronunciato attraverso la Tua santa Parola; terzo, lo hai prodotto sulla base del perfezionamento nella perfezione della forza del clemente Anno-Atto-ur. Così siamo divenuti creature, spiriti parziali, anime, …poi ‘figli della Creazione’ che devono creare con Te! – Comunque, non sarebbe degno di Te se i figli della Creazione compissero la loro collaborazione attraverso la Guida voluta da Te, dipendenti dalla perfezione della forza. Allora, nonostante la figura esteriore, saremmo in Te. Infinite volte hai ragione! Se fosse così, avresti potuto fermarTi alle Opere del Pensiero, e tutto ciò che sarebbe seguito nella Parola e nell’Azione non avrebbe avuto nessuno scopo, sarebbe rimasto senza una degna Meta-ur!

202. Invece, affinché i figli della Creazione giungano alla perfezione della Tua immagine e (diventino) duali, perciò hai creato l’Anno-Atto-ur con i suoi fondamenti: le condizioni riservate a Te, giustamente poste come la Tua Immagine essenziale, e la Legge della libera volontà come simbolo dell’immagine posta accanto a Te. Ogni decisione deve avere entrambi i Fondamenti di base per giustificare la compensazione.

203. Tu sai che non desideriamo nessuna separazione da Te, ciononostante hai previsto in segreto questa possibilità. Non la decidi Tu, è nel campo della libera volontà e del suo utilizzo definitivo o illegittimo. Sì, ora capisco: poiché Tu vuoi formare dei figli della Creazione dai Pensieri divenuti figli, i quali diventerebbero attivi non soltanto nella dipendenza causale dal Tuo potente aiuto, bensì siano capaci di creare liberamente consapevoli, pur se la libera volontà deve anche avere un limite-ur che in se stesso può essere illimitato.

204. Se lambiamo l‘ultimo limite della nostra propria volontà, allora in noi nasce il più perfetto sublime. Naturalmente, il procedere può essere difficile, e sulla corda ad alta tensione della libera volontà si mostrerà se un figlio cade, se poi diventa più dipendente da se stesso che dal Tuo Potere-ur, oppure se allargherà le sue ‘ali’ per salire da questo alto punto di vista della libertà, attraverso la definitiva accettazione della Tua Volontà e sotto la rinuncia alla propria volontà nella Tua luce-ur!

205. La risposta alle prime domande e la loro osservanza hanno procurato il collegamento tra Creatore e creatura, come anche tra Sacerdote e spirito-parziale, perciò la risposta alla terza domanda (cap.7,197) e la sua ottemperanza sarà il più giusto collegamento tra Dio e l’anima, perché hai preso la loro esistenza dai raggi della Vita fondamentale della Pazienza e dell’Amore dalla Tua parte dell’Essere-Dio. Sì, la Pazienza genererà e l’Amore partorirà! – Sii glorificato, perché abbiamo potuto spargere a Te delle palme e dei rami verdi come simbolo della decisione finale alla Tua quarta domanda sulla Creazione che non è ancora stata portata.

206. La mia risposta è questa: – Se Tu, Onnisanto-UR, hai posto la Tua Opera complessiva su entrambi i Fondamenti di base, allora entrambi sono i garanti dell’adempimento dell’Opera. Pertanto, se un figlio dovesse mai cadere volontariamente nel suo abisso, in modo da non potersi né alzarsi né trovare la via verso Casa, allora i figli rimasti sulla via del Tuo Ordine devono aiutare il caduto nel libero servizio e attraverso il sacrificio, perché il caduto, in seguito al collegamento segreto tra il Nucleo-ur e la cellula-ur non si può mai staccare da Te e dalla Tua Opera.

207. Dove dovrebbe essere scaraventato? Lo spazio, il tempo e il confine sono unicamente una Tua faccenda-ur, originati in Te; ma se un tale figlio caduto potesse rimanere da qualche parte, allora anche lo spazio datogli dovrebbe essere incluso nel Tuo Spazio-ur, il suo tempo nel Tuo Tempo-ur e il suo limite nel Tuo limite-ur, poiché non vi è nulla al di fuori di Te!

208. Tutti i sacrifici dei figli, anche in continua successione, non potrebbero purificare del tutto nessuna deviazione dalla Creazione. Potrebbero però aiutare a conquistare delle singole parti nella lotta amara per portarle nel Tuo Santuario, dove dovrebbero essere raccolte fino al ritorno del caduto.

209. O Santo, …Santo, …allora dovrebbero avvenire grandi cose! Tali sacrifici dovrebbero svolgersi sotto il massimo rispetto delle condizioni da Te poste giustamente, finché Tu stesso li coroneresti tramite un Proprio sacrificio per la Legge della libera volontà. Infatti, solo un tale più sommo Sacrificio – a Te riservato – vincerebbe il cuore di un figlio (caduto)! I sacrifici parziali dei fedeli potrebbero però ben risolvere tutta la dimensione e il seguito di una caduta.

210. Le altre Tue caratteristiche si chiedono il perché la Sapienza (Zuriel stesso) pretende che la Tua maestosa Entità-Dio debba portare un Sacrificio per la Creazione. Potresti Tu, rinunciare alla Santità, mentre sei giustificato a reclamarla? Chi può imporre un percorso alla tua Onnipotenza, se Tu volessi aspettare degli eoni di Tempi finché una caduta si debba obbligatoriamente rivolgere a Te dopo un totale esaurimento? La Sapienza ha la sua sede nella sublime elevatezza. Essa prevede che poi, senza un Sacrificio, il Maestro-capo dell’Opera e l’opera sarebbero solo da mettere alla pari, con cui l’Opera diventerebbe diversamente perfetta. Tu puoi aspettare; nell’eternità-ur, dei Secondi sono eoni!

211. La Tua Giustizia fondamentale si ricorderebbe di coloro che resterebbero davanti al Tuo trono e nel Tuo cuore. Allora imporresti alla caduta dei limiti molto duri. Il Sacrificio portato un’unica volta non potrebbe infatti prendere su di Sé nessun figlio perfezionato se il figlio della caduta fosse più grande. Veramente, Tu santificheresti il suo sacrificio, ma rimarrebbe sempre la cornice di una riparazione che compirebbe il rimpatrio di una parte del bene d’Eredità sperperato. Non si riuscirebbe mai a prevedere per quanto tempo i figli fedeli dovrebbero aspettare fino al rimpatrio del caduto, per vivere nella più somma beatitudine di nuovo uniti nell’Onnisantissimo una Serata di Festa, perché un figlio non può rimanere lontano da Te oltre una Notte, in quanto Tu sei puramente UR nelle Tue sante Notti, e unicamente su questa base ogni nuovo Giorno guida al progresso del Tuo Anno-Atto-ur. Nondimeno, il Giorno in cui accadrebbe la caduta, esso dovrebbe vedere anche compiuta la via del Sacrificio, la magnificenza della Tua Meta!

212. Nondimeno noi, sommo Sacerdote Melchisedec, chiediamo la benedizione che ci renda capaci di posare sul santo focolare uno o più sacrifici, grazie alla libera volontà. Dopo, potrai unire i singoli sacrifici con una parte del co-sacrificio con il Tuo unico Sacrificio-ur per la più eccelsa incoronazione del Tuo Anno-Atto-ur. – Allora incoroneresti Te stesso, poiché il Tuo Sacrificio-ur incoronerebbe noi, e il nostro sacrificio incoronerebbe Te, dato che così si affermerebbe ciò che hai preparato alla Tua Opera-Azione! Quindi, ‘sia fatto!’

213. Tu sii ringraziato per il Giorno benedetto, onniamato UR! Dal Tuo Essere altamente sacerdotale ci hai donato con così tanta magnificenza una misura stracolma, cosicché i nostri cuori questa Sera non riescono ad afferrare più nulla. Sì, Tu ci hai dato di più che la ricchezza di un Giorno! Ora guarda, o Signore e Maestro dello Spazio e del Tempo, toglici tutto ciò che ci è possibile di dare a Te, e questi, …siamo noi stessi! Fa che restiamo custoditi in Te nel santo riposo della Tua Notte e che possiamo dormire verso un Giorno di Vita ancora più bello. Ti abbiamo chiuso nel nostro cuore, così anche Tu tienici nel Tuo Cuore dell’eternità-ur! Amen!”

214. Un silenzio solenne. – Ciò che è stato detto, la ‘Parola’ forma già la decisione richiesta non appena dovesse entrare in vigore:

«Un Sacrificio per la Creazione

sta di fronte a al destino della Creazione!»

215. UR aspetta dai figli il loro pieno impegno, quindi Lui stesso deve osare il Suo pieno impegno-ur, e… Egli lo farà!

*

216. UR prende in mano il libro della Creazione. Scrive il giorno sulla pagina aperta. Qual prezioso risultato! UR può dire: “Guardai: tutto è diventato buono!” (Gen. 1,12). Egli benedice i Suoi con la benedizione della Sera da Sacerdote, e dice che il tesoro del Santuario di cui si erano stupiti, sarebbe stata la loro azione tramite la loro totale dedizione. Perciò Egli vorrebbe adornare il Giorno successivo con le Sue luci. Soffia tre volte sul piatto d’argento e allora il Suo fuoco diminuisce, finché arde pacificamente come una piccola luce fidata nella camera più interiore di una casa. Il Sole-ur copre i suoi raggi, la coppa del sacrificio cessa di ondeggiare. Su ali leggere, non viste, giunge la santa maestosa Notte.

217. L’ultimo incenso, salito all’immane cupola del tetto del duomo, discende su tutti i santi strumenti; avvolge i figli in un sicuro recinto. Essi chiudono già inconsapevolmente gli occhi. Ora riposano in UR, …ed hanno comunque la loro vita misteriosa. Chi lo può afferrare? Oh, le meravigliose dolci segretezze in Te, Eterno-Santo-UR, eterno-unico e veritiero! Così adagi i Tuoi figli nel grembo-ur della Tua Notte, e ciononostante non sciogli la forza della vita. Così facendo li nutri piuttosto del tutto in segreto, affinché il Mattino successivo si risveglino fortificati, per poter aumentare il bene conquistato finora tante volte quante un Giorno ne ha di Secondi. Qui sta la mente per la Sapienza! O Giovanni, …hai visto, e …riconosciuto così tanto.

218. “Santo! Santo!”, così cantavano gli angeli, così giubilava Sadhana. “Santo, santo sei Tu, o Signore!!”. E santa è la nuova Notte. Santa è l’Opera misteriosa alla fonte della Mezzanotte.

 

 

[indice]

 

 

IL QUARTO GIORNO DELLA CREAZIONE

 

Cap. 4

 

 [Gen. 1,14-19]: «Poi Dio disse: ‘Vi siano dei luminari nel firmamento dei Cieli per separare il giorno dalla notte, e siano dei segni e per le stagioni e per gli anni; e servano da luminari nel firmamento dei Cieli per dar luce alla Terra’. E così fu. E Dio fece i due grandi luminari: il luminare maggiore per presiedere al giorno, e il luminare minore per presiedere alla notte; e fece pure le stelle. E Dio li mise nella distesa dei Cieli per dar luce alla Terra per presiedere al giorno e alla notte e separare la luce dalle tenebre. E Dio vide che questo era buono. Così fu sera, poi fu mattino: e fu il quarto giorno».

 

«Ed egli calcherà il vino dell’ardente

Ira dell’Onnipotente Iddio»

[Ap. 19,15]

4/1 - Le sei Ore della Notte: UR si prepara

1. Buio! Originaria santa Notte! Nessuna oscurità nella quale gli uomini temono, nemmeno una notte della Terra senza le comuni stelle; ancor meno la notte dell’anima senza fede, senza la luce dal Regno di Dio. Qualcosa di sconosciuto, in cui UR svolge tutte le Sue Opere secondo il Suo Essere: il passato come una Meta raggiunta, e una nuova Azione.

2. Nella prima Ora (della notte) dopo il terzo Giorno pieno di benedizione, Egli controlla ancora una volta la via della libera volontà, poiché il nuovo Giorno porterà la quarta decisione. Se risulterà secondo la Sua alta Meta, allora la via dei figli si chiamerà ‘perfezione’; necessariamente, attraverso un Sacrificio del Creatore!

3. La seconda Ora richiede la compensazione tra la riparazione e le sue conseguenze; la terza tra l’unico Sacrificio-ur e i figli, i quali sono pronti persino sotto la rinuncia del loro Cielo, ad aiutare a santificare il Suo personale Sacrificio! Ed è proprio questo che pretende il pareggio, che UR prende dalla Misericordia.

4. Chi afferra che i sacrifici dei figli, nell’umiltà, possano aiutare a santificare il Sacrificio-ur? Oh, la Notte vi stende ancora il velo. Sì, …ci vogliono ancora certe Notti, qualche lavoro di un Giorno della Creazione, finché possa essere sollevato un lembo del mistero, …simile ad un Secondo dell’Anno-Atto-ur. Allora tutti i figli sprofonderanno nella più sublime beatitudine nell’Essere-UR come parte della onnimaestosa parte di UR, finché un nuovo Ciclo, del tutto ignoto, tracci i suoi percorsi. Questo lo causa la terza Ora. – Nella quarta, UR compone i Pensieri sulla redenzione, nel caso che la libera volontà senza il riconoscimento e senza l’osservanza delle condizioni poste giustamente, lo richiedesse. Il ponderare, l’esaminare serio è così gravoso da creare, che la santa Mezzanotte discende sulla fonte-ur prima che quest’ultima cosa sia soppesata.

5. Egli vede ciò che il suo Ordine dovrebbe bilanciare; sì: Egli lo porta già! E in verità, solo perché Lui ora è già Portatore, un giorno sarà Colui che lo compirà, poiché Egli è UR, l’Eterno-Santo, l’eterno-unico e veritiero. – Cosa potrebbe ostacolare LUI di intervenire nello strano gioco a scacchi della Creazione, e di piazzare un singolo pezzo in modo tale da conquistare (il caduto) anche senza Sacrificio? Non sarebbe già questo un Sacrificio, se Egli guidasse consciamente l’andamento di un’Opera secondo la misura di un unico Secondo di otto anni di un ciclo-ur? Quindi, se Egli nello stesso rapporto del suo Potere, spostasse un figura di figlio secondo il Suo senso, il figlio lo sentirebbe? No! – Ma in tal modo, ai figli della luce potrebbe essere tolto qualcosa?

6. L’esame pronuncia un grave “Sì”! – Egli prenderebbe qualcosa da Se stesso e, in tal modo, dai Suoi figli che sono parte della Sua parte-ur. Si interromperebbe il ponte per la creatura e per il figlio, come tra quelle camere del Cuore delle parti dell’essere Creatore e Padre. Questi Pensieri riempiono completamente la prima Ora dopo l’alta santa Mezzanotte in un’inimmaginabile perfezione di Potere. E quest’Ora vede come dovrebbe avvenire un riequilibrio con la redenzione. – Allora UR immerge le Sue mani profondamente nella Sua fonte della vita e tira su l’acqua; vi soffia dentro tante volte, finché diventa rossa come il sangue: il Sangue del Suo Cuore! Ne beve, il resto lo lascia scorrere nella fonte. Il sangue si raccoglie al centro della superficie e diventa un Cuore rosso nelle chiare acque bianche splendenti. Anche questo mistero si risolverà solamente quando si risolverà il ‘co-aiuto del santificare’! Non prima, poiché questa è la Faccenda più intima e sacra del Cuore di UR!

7. Nella seconda Ora dopo la Mezzanotte Egli riflette sul Giorno della Pazienza, nella terza a quello dell’Amore, nella quarta a quello della Misericordia, secondo il senso della prima alta santa Ora della decisione. – Presto la Notte è passata: UR ha compiuto la Sua Opera, in Sé!

[indice]

4/2 – Muriel e Pargoa eletti a principi della Serieta’

8. Quattro solenni rintocchi di campana. Un segno, un primo suono-ur del nuovo Giorno scorre attraverso lo Spazio e il Tempo. Salgono dalla fonte e vi risuonano profondamente. – Da dove provengono? Dalla profondissima contemplazione dello stesso UR! – I quattro colori della Creazione risplendono, e risuonano quattro Parole: ‘Abbi inizio il Giorno!’. I quattro raggi di luce fluiscono insieme formando una CROCE, stando simbolicamente sulla fonte. – La prima Ora del Giorno si riempie con quello che hanno portato finora visibilmente i Giorni di lavoro. Sadhana e i sette principi-angeli si svegliano nell’Onnisantissimo, ricevono gli insegnamenti per la necessaria retrospezione, finché riescono a riconoscere ciò che richiede il palesamento della vita.

9. La seconda Ora porta loro la vocazione e la consacrazione, poiché l’Opera della Notte spinge verso il Giorno, con ciò nel vero creare: l’elezione del quarto angelo. UR siede sul Suo seggio. Egli soffia quattro volte sul fuoco del piatto d’argento; la fiamma divampa finché la coppa del sacrificio ondeggia, e il Sole-ur diffonde la sua luce più bella. Dei rami verdi che i primi di UR hanno portato l’ultima Sera come simbolo del loro cuore e, …per tutto, …sono di nuovo visibili. UR prende il quarto dai sette e lo posa sul Libro aperto. Con ciò Egli onora il loro dono.

10. Egli dice: “Mia amabile Sadhana, Miei principi-angeli! Il Giorno ha già mostrato molto di magnifico, e nonostante ciò i Miei nuovi Doni sono ancora velati. Per ciò che deve venire ho posato il quarto ramo sul libro. Fin da ora deve giacere su questo un ramo sempre verde durante ogni Giorno, come simbolo di tutti i cuori che i figli Mi danno dalla loro libera volontà, anzi, che restituiscono. Adesso unisco il ramo della Serietà con quello dell’Ordine, questo del Giorno della Pazienza con quello della Sapienza, aggiungerò il ramo dell’Amore con quello della Volontà, e il settimo Giorno porterà il ramo verde della Misericordia”.

11. Se UR parla dei sette rami, quando si vedrà il bel ramo di Sadhana sul Suo libro? E perché Egli non ne parla? Sadhana si esamina coscienziosamente se nelle due Ore del Mattino che devono ancora finire, ha fatto qualcosa, …del perché UR non ha pensato a lei. Ma per quanto indaghi, non vi è nulla che fosse un’ombra sotto il Sole di Dio. Allora rimane modesta. UR saprà il perché è così e non diversamente! E il suo ramo, non giace sopra il libro? Non è già questo, il più alto onore che le può capitare? – Sì, sì, ora il suo animo e del tutto lieto; UR non ha per nulla dimenticato il suo ramo del cuore.

12. Oh, tu, prima figlia più bella, un giorno penserai a questa santa Ora e comprenderai quest’Atto nella profondità. Allora giungerà un Giorno di Festa della Creazione, anzi, un Giorno della Resurrezione colmo di giubilo, nel quale il tuo ‘ramo diventato di nuovo verde’ giacerà su entrambe le pagine del libro, quel ramo dalla cui Caratteristica (la Misericordia) sorgerà il Giorno del Giubilo della Creazione. Fino ad allora, figlia della più grande benedizione della Grazia, devi portare in te la libera volontà all’arresto, affinché l’impulso della vita preso dalla Legge, non conosca più nessun proprio io, bensì quel grande, unico ‘IO’, dell’eternità-ur! – Tuttavia questo Pensiero riposa segretamente in UR, segretamente come il procedere di una mezzanotte in Lui.

13. Viene eletto il portatore della quarta Caratteristica. I due figli si inchinano fino al tappeto giallo e poi guardano con la più somma solennità al divino volto di UR.

- Lui dice: “Tu, angelo-principe, quarta fiaccola davanti al trono e al santo focolare, Io ti chiamo! E’ una maestosa chiamata, una santa elezione. Con il tuo impegno si rivela pienamente la seconda camera del Mio Cuore, ed Io, come sommo Sacerdote Melchisedec, sto ora come Punto focale del Centro-ur nello Spazio e nel Tempo dell’eternità-ur.

14. Io metto la santa Serietà nelle tue mani, nel tuo cuore, nel capo, nella volontà-azione della tua vita personale. Voi non sapete ancora che cosa significhi quando per il Creatore, il Sacerdote diventerà visibile ed inizierà la piena forza del Potere del Creatore, che porterà la santità della Serietà. La Mia Santità rimarrà intoccata! Il Mio Essere può, vuole e consacrerà all’Opera-Figlio (nota 5) dal coercitivo obbligo del compito posto alla Creazione, a ME stesso, all’occorrenza denudato, ma mai la Mia Santità! Ciò lo comprenderete solo più tardi.

15. Ma tu, elevato portatore della Mia Serietà, la devi già ora portare in te, anche se ancora inconsapevole. La Mia parola ti accende la fiaccola che corrisponde alla santità nel settuplo Raggio. Da te deve passare agli altri portatori della Luce”. UR toglie la campana d’argento dal quarto candelabro. Come ardente sostanza del Sole, essa fluisce nel quarto angelo e provoca – per quanto la seconda Ora del Giorno trasmetta la conoscenza – un’enorme eruzione. Proteggere la Santità di UR dal pur minimo scoprimento, fa divampare in lui un faro infuocato che all’improvviso diventa sette volte visibile.

16. Dietro e intorno al trono dell’Altissimo si alzano sette colonne granitiche provviste in alto di profondi bacini, da cui bruciano delle potenti fiaccole. Chi potrebbe mai passare attraverso questo fuoco senza perdere subito l’esistenza? I primi guardano il santo monumento, scossi. Come vi è arrivato all’improvviso? E’ soltanto l’Opera di un portatore di luce? E se fosse, che cosa succederebbe se tutti i sette fossero richiamati all’azione – uniti in un unico pensiero – dalle Parole dell’Eterno-Santo-UR? – Essi non lo sanno.

17. Egli dice: “Le Mie parole sono vere, e quello che Io prometto, ciò accade! Non c’è tempo che la Mia parola non riveli; non c’è spazio in cui il palesamento non diventi visibile! Io, il sommo Sacerdote Melchisedec, ho riposto per questo, per la protezione della Santità, le sette fiaccole. Esse sono contemporaneamente un muro di separazione ad ogni opposizione che può formarsi nella libertà della vita; inoltre, sono i testimoni della Mia Essenzialità-UR, e infine, gli araldi ed esecutori di ciò che la Santità pretende come protezione dell’Opera. Devono splendere eternamente, e l’Anno-Atto-ur non deve avere nessun Giorno in cui sarebbero da riaccendere nuovamente. Esse rimangono nel Mio Santuario, come Io rimango in esso. – Ma tu, imponente principe-angelo della Luce, le hai accese tu stesso.

18. Perciò, stendi le tue mani sul Mio focolare! Tu, cherubino, ti chiami Muriel; e tu, serafino, ti chiami Pargoa. Voi siete i sovrani portatori della Serietà del Mio sacerdozio interiore ed esteriore. Come principi nella forza-unita vi invio nello Spazio e nel Tempo per servire l’Opera. Nell’elemento del Sacerdote, dell’Acqua, giace la vostra grande forza e l’adempimento del vostro lavoro. Prendete il segno della vocazione, della dignità, della consacrazione e dell’elezione. Lo metto nella vostra mano”.

- Il segno risplende nella piena luce del Sole-ur, e in esso si riflettono le fiamme del focolare, le torce e le fiaccole, un torchio, un segno profondamente segreto! E’ più difficile da comprendere che la bilancia, la spada e la falce; dato che in esso regna la Santità di UR.

19. La Sua voce fluisce attraverso lo Spazio: “Io immetto i Giorni della Mia Creazione nel torchio. Da questo scorre l’Opera inconsapeole, una gioia per Me e per voi, ma in esso il figlio viene torchiato insieme al suo operare. Ciò che corrisponde alla Santità, tu, principe della Serietà, lo devi torchiare per il Mio giubilo di Creatore, ai figli per le beatitudini della Creazione come nobile vino che mai si esaurisce, che si rinnova continuamente da se stesso. Ciò che però resiste al Mio ‘SANTO’, gettalo dentro e spremi il tuo torchio finché trabocca, come sangue quando la Terra santificata dovrà bere il sangue del torchio! Allora dalla seconda torchiata deve essere benedetto ancora una volta il primo. – E questa, portatore della Serietà, questa è la tua opera della Creazione!

20. Sii il co-custode alla seconda porta, attraverso la quale Io, come sommo Sacerdote Melchisedec, porterò il Mattino nell’Onnisantissimo, e dopo aver compiuto l’Opera del Giorno, porterai i Miei spiriti-parziali alla fonte-ur, dove poi riposeranno nel Mio Essere dell’infinità e riceveranno la preparazione per il Giorno successivo. Anche tu bada ai portatori delle leggi mutabili[15] che attraverso la porta sacerdotale verranno portati fuori a favore di tutti i figli, e rifletti sul loro ritorno con le condizioni-ur liberamente riconosciute. La Sapienza sarà l’esaminatore di tutto ciò e la Serietà un protettore della Mia Santità.

21. Dovrai riconoscere che dei figli della luce particolarmente guidati, diventeranno i portatori delle Leggi, e per questa funzione riceveranno una parte della Santità. Infatti, anche le leggi-mutabili saranno santificate, altrimenti non diventerebbero la benedizione di nessun figlio. Le Mie condizioni sono invece sacre da sé! – Ogni parte della Santità ha bisogno di protezione, perché un figlio può benissimo approfittare della Legge della libertà come formazione arbitraria della vita, ed vi ho detto a sufficienza quali conseguenze ne deriverebbero.

22. Già il primo Giorno ho chiamato voi sette, le Mie fiaccole. – Ora sono anche accese tramite il portatore della Mia somma Serietà sacerdotale e rimangono un’eterna custodia assunta dalla Mia Serietà. Se un giorno dovesse essere necessario, allora prendi la tua fiaccola, santificato portatore della Serietà, ma bada: ne basta una per portarla attraverso lo Spazio e il Tempo di un Giorno come incendio consumatore, come un faro verso tutti gli angoli della Mia magnificenza divenuta visibile nelle profondità, nell’elevatezza, nell’ampiezza e nella vicinanza del Mio Io-ur! Possono esserci due tipi di incendio: benedizione o maledizione; dare nostalgia, pace, gioia e adempimento, oppure spingere alla sofferenza, all’inquietudine, all’assenza di pace e all’amara morte. Il primo l’ottiene chi, in virtù delle leggi-mutabili della libera volontà, deriva (desume-deduce) dalle Mie condizioni; il secondo, colui che vive contrariamente ad esse. Non si potrà mai sfondare il muro di fuoco della Serietà! Parimenti, molto meno ancora, tutte le sette fiaccole, poiché la Mia Santità rimane intoccabile!

23.    Ora ricevi la benedizione, principe Muriel-Pargoa. Accendi le luci che ho posto nel governo di questo Giorno sul e nel f­irmamento come segni risplendenti di benedizione, dato che non nascondo nulla all’Opera-Figlio, dalla Sua parte della Santità”.

- I portatori della Serietà, circondati da Sadhana e dagli altri angeli di luce, accolgono in ginocchio la benedizione. Il loro grande ringraziamento è una lingua santa-seria. La loro forza riecheggia nel Santuario. Allora divampano tutte le fiaccole, arde il fuoco nel focolare. L’incenso cade dalla magnifica cupola a forma di ventaglio in sette raggi con la luce del Sole giù sui figli.

[indice]

4/3 – Il ringraziamento di Uraniel e la domanda di Sadhana

24. Misteriosa è la Parola non pronunciata dall’Eterno-Santo-UR, ma è chiaramente percettibile nei cuori dei figli nella Sua solenne facoltà d’espressione. Questa è realmente una Parola della Divinità-UR, il cui pieno potere, forza, autorità e vigore del portatore, del tutto immutabili ed assolute, non hanno bisogno di nessun accrescimento. Anche i figli rispondono in un linguaggio segreto della Creazione.

- Dopo il maestoso silenzio, tutto si muove di nuovo, dato che è un Giorno della Creazione in cui domina anche il percettibile, e dal dialogo segreto del cuore è Uraniel che rivolge ad UR una prima richiesta, anche una domanda al Giorno:

25. “Onni-Benignità, sommo Sacerdote Melchisedec, eternamente secondo il santo Ordine! Già al Mattino del Tuo quarto Giorno miracoloso ci copri con indicibile grazia, in modo che domandiamo semplicemente: ‘In che cosa raccoglieremo quei tesori che il Giorno porterà ancora?’. Dacci, o Padre, un grande cuore, affinché non vada perduto nemmeno la più minuscola parte di tutte queste preziosità! Sì, …prezioso è il patrimonio dell’eternità, e noi lo vogliamo custodire e conservare coscienziosamente, affinché lo si possa portare a tempo debito, di nuovo nel Tuo Essere-ur. Per eseguire questo, abbiamo particolarmente bisogno della Tua Serietà. E così chiedo, o nostro Santo-Amorevolissimo-UR, mostraci l’essenza della Tua maestosa Serietà.

26. Ora che sappiamo che lui è il primo custode della Tua Santità, benché gli altri raggi della Vita fondamentale ne sono possessori in ugual misura perché dei sette nessuno è maggiore dell’altro, dacci la rivelazione per raccogliere tutti i Tuoi buoni doni!”

- Sul volto di UR risplende un chiaro bagliore.

27. Egli risponde benignamente: “Figli Miei, dalle vostre fiaccole ho colto per Me la giusta gioia. E tu, Uraniel, hai presentato la migliore richiesta che in genere si può porre. Degli eoni di Creazioni possono sperimentare in sé il loro accrescimento, che a voi non è possibile afferrare. Solamente, …non esisterà mai un impulso più sublime che la richiesta per un grande cuore nel quale sono da mietere tutti i Miei buoni Doni, il Mio prezioso patrimonio.

28. In verità vi dico: ‘In un tempo futuro verranno portati davanti al Mio santo focolare delle richieste e delle preghiere, giuste ed ingiuste, che nel loro numero sommergeranno quasi lo Spazio e il Tempo di un Giorno, ma nulla, per quanto possa essere giustificato, sarà pari alla richiesta che Uraniel ha posto dal senso riconosciuto dell’Ordine. Questa rimarrà in eterno la prima richiesta, la preghiera più sublime, poiché, chi ci tiene, affinché nemmeno una minimissima parte del dono vada perduta per ospitare in sé il prezioso patrimonio come benedizione dell’eternità-ur, costui è del tutto uno con Me, e sa che Io lo porterò sempre nel Mio Cuore’.

29. Perciò sii benedetto, portatore del Mio Ordine, e tramite la tua richiesta, siano benedetti tutti i figli che faranno lo stesso. Questa benedizione opera immutabilmente, …anche per quei figli che non percepiscono ancora il santo-profondo senso, non potendolo formare così fattivamente come voi ora, Miei primi. Pertanto, ora voi siete i benedetti dell’Eternità, poiché tramite voi voglio dare questa benedizione a tutti coloro che hanno nostalgia della Mia preziosa ricchezza. La Mia parola rimane veramente sussistente, finché gli Anni scorreranno attraverso la Mia Opera-ur.

30. Ma ora vediamo la domanda per l’essenza della Mia Serietà. – Vedete, il Giorno è ancora davanti a noi, potete imparare ancora molto. Avete riconosciuto il perché metto un grande valore sulle Opere formate visivamente che danno il nome all’Anno-Atto-ur. L’esteriore non è per nulla superiore all’interiore, all’invisibile, ma tutto l’interiore deve essere manifestato, rappresentato, …essere l’andamento e la conseguenza, la direzione della struttura dell’Anno-Atto-ur. L’interiore esisteva prima e rimarrà il principale dominante.

31. Accanto a questo principale dominante è determinante la struttura esteriore per l’Atto-Creazione. Pertanto, per via dello scopo dell’Opera, l’interiore viene quindi mostrato come il valore dell’eternità-ur, se rimane fondato interiormente durante un’Opera temporale e, oltre a questo, sperimenta nella conseguenza esteriore il suo precipitare nella corrispondente personificazione. Quando inizia il vero e proprio lavoro della Creazione – non appena deve essere dimostrata la Legge della libera volontà – non serve a nulla esprimere un’Opera solamente come Pensiero e dire: ‘Voglio aiutare!’. In tal modo non si porta nessun aiuto. Il pensiero deve creare anche azioni esteriori, se la volontà interiore dev’essere di utilità e di benedizione all’Anno-Atto-ur.

32. Perciò lasciate che il Giorno prenda il suo corso; formate ciò che portate in voi consapevolmente e, in parte inconsapevolmente, in belle, benedette Opere della Creazione che sono da contemplare come il Mio Santuario, allora l’essenza della Serietà si manifesterà da sé e con quello che manca ancora oltre a questa. – Vedete, Io sono pronto con i Miei doni, e la Sera in arrivo raccoglierà le vostre ricchezze! Perciò mettiamoci al lavoro. La terza ora mostrerà dai Tempi preceduti ciò che è già sorto di meraviglioso”.

- Uraniel pronuncia il ringraziamento per tutti e, felici, seguono il loro UR in ogni cosa.

33. Per la quarta volta si apre la porta Ephata. Un percorso di luce conduce i figli in una lontananza impossibile per vedere tutto. Il tappeto blu della Creazione è coperto da quello giallo del Sacerdote. I primi si consultano.

- Sadhana si rivolge a Muriel: “Dimmi, o principe di questo Giorno: com’è possibile che attraverso la tua parola che testimonia di te grandi forze, le sette fiaccole sono potute diventare visibili? Oltre a questo, quelle sette colonne oltremodo magnifiche come le fondamenta di tutti i Tempi? Ma perché – e questo mi commuove molto – per me non è sorto nessun incendio? Non mi sono preparata a sufficienza? Sono così lontana dietro a voi principi? Non ha generato, UR, dapprima me, e mi ha fatto nascere come la figlia dell’intera Creazione-ur? Dimmi: in che cosa manco, che io non abbia un uoco come voi sette, da proteggere la Santità dell’Onnipotente? – Guarda: questo mi preme, e non so come mai è così!”.

[indice]

4/4 – La risposta di Muriel confermata poi dall’insegnamento di UR

34. Di queste domande gli angeli sono profondissimamente preoccupati, soprattutto Muriel. Che cosa pensa l’amabile figlia di UR che si umilia così davanti a loro? Come deve aiutare lui, che lui stesso non dev’essere aiutato? – UR precede pochi passi con il primo e con il settimo portatore di luce. Non si volterà aiutando? No, UR non lo fa, e non è riconoscibile qual Tratto porta ora il suo volto da Sacerdote. – Pargoa getta il suo braccio intorno alle spalle di Sadhana. Questa è una consolazione interiore che dev’essere data e a cui può seguire una esteriore.

35. Dopo una breve riflessione, Muriel dice: “Sadhana, UR ti chiama ‘l’amabile’. Egli ha posato dapprima i Suoi santi beni nel tuo grembo ed ha anche eletto il tuo cuore per primo. Tu fai il primo passo di ogni Giorno e sei posta come inizio e fine di ogni Opera. Non dovresti somigliare a nessuna fiaccola! Le tue domande sono giustificate, sì, sono condizionate sotto l’aspetto creativo perché il tuo essere si deve manifestare in grande chiarezza. Ma guarda: se noi siamo simbolicamente le sette fiaccole, così tu sei simbolicamente il fuoco sul piatto d’argento. Noi non possiamo recarci nella fiaccola senza essere consumati. Invece, solo per servirci del fuoco per eseguire la santa Volontà di UR, vedi, questo lo possiamo fare.

36. Tuttavia, il fuoco del focolare, Sadhana, il Suo simbolo originario, sei tu, e questo lo devi portare in te, non è nessuna protezione per la Santità come le nostre fiaccole, bensì – anche simbolicamente – (sei) la Santità stessa! Perciò per te non c’è bisogno di nessuna fiaccola che sia visibile accanto, davanti o dietro il trono e il focolare dell’Altissimo, bensì la tua destinazione, la quale determina fondamentalmente la Creazione, è il fuoco del focolare. Se un giorno le nostre fiaccole dovessero spegnersi, allora anche il fuoco del focolare dovrebbe morire per i Giorni. E se UR, l’Eterno-Unico e Veritiero, per un motivo della Creazione a noi ignoto, dovesse spegnerlo, di che cosa le nostre sette fiaccole avrebbero la loro Luce?

37. Non ti preoccupare, figlia del Cuore dell’Altissimo. Riconosci nella fiamma eternamente ardente, che riflette l’alto Santuario, la tua fiaccola, e tu, come nessun altro figlio, avrai l’immagine di UR in te. Ora prega Lui per tutti noi, che la Sua Grazia voglia dare ciò che ci manca in conoscenza”.

- Sadhana lo fa. Oh, come splendono i suoi occhi nel puro splendore incontro ad UR, a Lui, al Quale lei non ha preparato meno il suo cuore di come lo hanno fatto i Suoi principi. E lei riceve la risposta più bella:

38. “Mia Sadhana! Quello che ti ha detto Muriel è eterna-maestosa Serietà. Sì, tu, figlia della Creazione, sei anche la sua luce e la sua fiamma! Di certo, viene prima pure il Giorno in cui tu, insieme ai Miei principi, dovete rispondere alle domande a voi già poste e viverle fino in fondo in modo creativo, in particolare, metterle anche in atto per il più sublime Dominio.

39. Esamina quindi, sempre, se il tuo cuore è contenuto nella fiamma del santo focolare, devi persino impiegare l’azione in grado, dalla tua stessa forza, di scambiarMi, per questo, definitivamente, e sacrificare la libera volontà alle Mie giustificate condizioni! Se raggiungi questo – Sadhana – allora, solo allora comincerà per te l’effettiva Opera della Vita!

40. Ti sembra di essere stata retrocessa. Ma guarda, se voglio raggiungere la Meta posta in te, allora c’è bisogno di una guida che devi da ogni altra dei figli, persino dai Miei principi. Nonostante ciò, questo è l’aspetto esteriore, ma interiormente esiste sempre, soltanto un’unica scuola, e cioè: la scuola fondamentale della vita. Per cui viene anche insegnata una sola materia, e questa è: il perfezionamento più alto possibile, mettendolo alla pari alla Mia propria alta, …santa perfezione! Vi ho fatti a Mia immagine, e certamente non soltanto nella figura. No, anche qui l’interiore è il primo elemento fondamentale. Vi ho fatti simili a Me, come Io stesso sono interiormente contemplabile e reale!

41. Starebbe solo al posto sbagliato l’immagine esteriore, se il Mio Essere interiore rimanesse estraneo. Allora la Mia Opera starebbe lontana da Me, come ieri siete stati per un tempo lontani dal Mio centro. Ma sarebbe un onore se volessi osservare la Mia Opera da lontano, un Giorno della Creazione dopo l’altro? – Oppure, non ho riservato a Me la gioia nelle Opere? Voglio soddisfare il Mio umore di Creatore, oppure giocare con Me stesso, solo per mettere alla prova il Mio Potere?

42. In verità, per fare questo non ci sarebbe stato bisogno di nessun Ciclo-Atto, nemmeno della quadruplice Creazione! Prima ho vissuto per Me stesso, allora c’era in Me, gioco su gioco, finché l’Azione si è cristallizzata nella costruzione di due imponenti Poli. Nel primo Polo c’era già la Mia gioia di Creatore che culminava nella riuscita delle grandiose Opere, pre-pensate; nell’altro Polo riposava la beatitudine della Creazione promessa a voi, che ho preparato per i Miei figli da allevare dapprima come dono per gli spiriti-parziali da allevare, e dopo, anche come ben meritata ricompensa.

43. Se dal dono non sorgesse nessuna ricompensa, allora sarebbe un inganno verso di Me. Ma questo è impossibile! Per trasformare un dono in ricompensa senza l’arbitrio, ho dato ai due Poli più posizioni. Rimaneva lasciata all’Opera l’impiego dell’una o dell’altra posizione. Sotto di queste cadono anche le Leggi immutabili e mutabili a voi già note da tempo, come anche le giuste condizioni e la volontà creativamente libera. C’è ancora un gioco contrario che voi potrete sperimentare solamente nel procedimento dell’Opera. Vi do un’indicazione: ‘Questo riguarderà la santificazione procedente da Me e l’aiuto nel co-santificare procedente da voi figli!’

44. Ora basta con questo, poiché altre cose sono più vicine per essere elaborate. In una tale indicazione dovete notare che voi siete da considerare come vere immagini della Mia Personalità-ur. Con ciò, Mia Sadhana, hai la completa conferma di ciò che ti ha detto ora Muriel.

45. Nel frattempo siamo arrivati sulla collina dell’Ordine. In questo Giorno, Miei principi-angeli, non potete correre in avanti per prepararMi il luogo, ma fatelo interiormente, perché il Giorno è santo-serio e richiede essenzialmente da voi di più di come è avvenuto finora. Giungerò nelle vostre case come il sommo Sacerdote Melchisedec. Il perché lo potrete riconoscere in parte solo alla Sera, del tutto alla fine di quel Giorno in cui la Legge della libera volontà giungerà all’affermazione. Siate diligenti! Ma non solamente Uraniel-Urea, bensì ognuno deve aiutare nella sua Opera del cuore”. UR precede, e i figli seguono le Sue orme. Del tutto colmi, essi agiscono secondo il santo Comandamento.

[indice]

4/5 – Presso la prima casa di Uraniel, l’essenza originaria del Creatore

46.    Presso la casa di Uraniel si fermano davanti alle porte dopo una chiamata interiore. Che cosa sta facendo UR da solo nella casa dell’Ordine? I figli non vedono, sentono solamente l’Onniautorità di un nuovo divenire. Presto Egli esce dalla porta a destra, le Sue mani invitano ad entrare in casa. Presso l’altare Egli tiene una santa ‘alta funzione’. La Parola risuona dal fuoco dell’altare. Che cosa significa? E UR, ha mai agito così solennemente come ora? Sono profondissimamente impressionati, non soltanto per il contemplare che li colma, bensì per un co-sperimentare interiore, un co-agire. UR benedice tutti gli strumenti. Dopo prende dalle ampie pieghe della Sua veste Sacerdotale un libro. Ha la settima parte del volume del libro della Creazione e vi sta scritto sopra a lettere d’orate: ‘Le Opere del Mio Ordine!’ Lo apre, fa cenno ai principi della casa di venire davanti all’altare, consegna loro il Libro e dice:

47. “Ogni Opera viene derivata dal Mio Essere; non ve ne è nessuna che non sia avvenuta originariamente e condizionata in Me. Sul santo focolare giace quel libro in cui è registrato il Mio procedere dall’inizio del Ciclo. Quello che c’era prima non lo rivela nessun libro visibile, bensì Io stesso sono la Scrittura dei Miei eoni-ur! Ora porto una veste esteriore che copre il Mio santo Essere-UR senza renderLo irriconoscibile. Al contrario, con questo Mi mostro come sono fatto.

48. Così è anche con la Scritta del Mio Essere. Riguarda il Mio IO a fianco di UR! Solamente, che anche questo deve essere avvolto. Per questo serve per primo il libro della Creazione sul santo focolare. Tuttavia un figlio non prenderà mai nelle sue mani il santo libro per potervi leggere dentro oppure mettervi una scritta, a meno che Io non lasci il santo libro per una frazione di Attimo ad un primo che ricevesse il potere di conservarlo per Me! (Golgota)

49. Ma questo, solamente nel caso che Io abbandonassi il Mio Santuario per il Percorso sacrificale diventato necessario, e questo pretende molto anticipatamente un ammaestramento più sublime dei Miei primi. Chi di voi si affermerà nella difficilissima richiesta, potrà un giorno – se fosse necessario – essere il conservatore del Mio Onnisantissimo, e in tal modo anche del Mio libro della Creazione!

50. Perciò voi sette aiutanti dovete ricevere rispettivamente una parte del Mio libro dell’Opera in certo qual modo come duplicato. Quando poi alla Sera, ritornati dal campo d’azione, allora passate ogni volta sulla vostra collina e registrate nei vostri Libri il risultato di un Giorno secondo la vostra rispettiva Caratteristica. Per ogni raggio di Vita fondamentale ne è destinato uno. Sulla parte destra scrivete quello che ho consegnato al Giorno e ciò che avete potuto crearne nella giusta sequenza; sulla parte sinistra ciò che era avverso all’Opera. Dopo l’ultima registrazione determinate le Pagine e comunicate a Me il risultato finale! Questo Io lo scriverò poi nel Mio grande libro contabile, nel libro del dare e avere dell’Anno-Atto-ur.

51. Ogni figlio avrà una volta il suo libretto nel quale viene registrato il suo fare e non fare. Tutto sarà registrato coscienziosamente, poiché vedete: l’Ordine è il Fondamento di base su cui appoggio le Mie Opere, e ancora, l’Ordine è tre volte per la direzione, l’andamento e la meta! Senza il Mio Ordine e il Mio benestare, nulla si svolge! Su altri raggi della Vita fondamentale dovrei edificare secondo la pura Volontà; ma senza la struttura di base dell’Ordine non avrebbero nessun valore permanente dell’eternità. Nonostante ciò, ogni Caratteristica vale come ogni altra.

52. Osservate il Mio Santuario attraverso la prima finestra. Si trova esso semplicemente sul suolo ed è unicamente questo, un fondamento della superficie? Oppure ne procedono dei muri, pilastri, colonne e forti angoli al di sotto del livello della base visibile, saldamente strutturati per delle eternità, che non potranno mai essere scossi? Quale rispondenza ne è alla base?

53. Figli Miei, questo rizoma[16] sorse dal Mio Essere-UR e continuerà a crescere eternamente, intoccabile e, perciò, anche irrevocabile! – Certo, nessun figlio può vedere questa struttura di base di queste mura, perché questa è la profondità del Mio nascondimento, la santa fonte della Mezzanotte. Inoltre, i meravigliosi pilastri e colonne tendono molto in alto, i quali portano l’imponente tetto del duomo insieme alla cupola. Sopra di tutto vedete come firmamento l’infinito duomo del Mio Potere di Creatore, adornato con il colore blu del Creatore. Voi percepite l’elevatezza del firmamento, senza riconoscerla nel sua completezza. La cima del Santuario visibile giunge in questa onnipotente elevatezza, mentre il firmamento è pure la custodia e il culmine sul tetto del Mio Santuario visibile.

54. L’alto duomo somiglia al Mio Essere interiore, benché includa tutto l’esteriore. L’altro, il visibile, corrisponde al Potere creativo, alla Volontà creativa del Mio Essere personale. Nel duomo cristallino Mi manifesto per amor vostro; da lì vado nei Giorni, e là dentro porto la fine di ogni Lavoro dell’Opera. Tuttavia, il duomo dell’infinito poggiato sulla base della Mia maestosa fonte-ur lo vedete bene, e in esso risplenderanno presto i segni più stupefacenti. Eppure, nemmeno voi primi avete mai sondato completamente questa casa del Creatore, poiché la casa del Creatore sono Io stesso!

55. Anche voi potete essere un buono specchio. Questo avviene quando portate il Mio Essere in voi e cercate di adempiere ciò che Io vi ho assegnato come collaborazione. Ogni Opera somiglia al Santuario visibile, saldamente strutturata sull’Origine più interiore, segreto, il Quale sono pure Io! Le vostre case sulle colline sono la grande corte antistante che un giorno raccoglierà dapprima tutti i figli, prima che entrino nella santa-luce”.

- UR lascia ai primi il tempo di assimilare ciò che hanno sentito, affinché per loro ne possa accrescere una proprietà benedetta.

56. Dopo un lungo silenzio, Uraniel prega ad alta voce: “Onnisanto, Sacerdote Melchisedec nell’eterno Ordine ed immutabilità! Ti chiamiamo ‘Padre dei nostri cuori’ poiché Tu ora devi vedere in noi un duomo nel Quale, come Proprietario fondamentale del nostro essere, devi operare. Ti ringraziamo! Sì, …come era salito il Tuo Santuario dalla Tua base-ur, così anche il ringraziamento dal fondo del nostro cuore che – certamente la nostra proprietà – è una grande parte del Tuo magnifico-maestoso Essere. E su questo poggiamo il nostro ringraziamento; salga fino all’essenzialità del Tuo Regno come la cima del Tuo Santuario sale nell’incommensurabile blu del duomo del Cielo.

57. Dapprima mi hai dato una parte del Tuo santo libro. Sulla prima pagina voglio scrivere il Tuo Nome: ‘Eterno-Santo-UR, eterno-unico e veritiero!’. E non deve esserci scritto null’altro che il tuo alto lodato Nome! Infatti, in Lui è fondato tutto il Cosmo, l’eternità-ur, lo Spazio e il Tempo, il Tuo Cuore dell’infinità con le Sue quattro camere, tutti i Tuoi santi-nomi ed Entità! E incido il Tuo Ordine come un Fondamento di base irremovibile, e nulla, nulla potrà scrollarlo!

58. Se una volta la Legge della libera volontà dovesse essere richiesta completamente, questa scritta non potrebbe comunque essere cancellata, perché io, Uraniel-Urea, portatore del santo Ordine, getterei figlio e Opera sulla Mia bilancia, così che perdano la loro esistenza e la vita fino al momento che dei figli, magari caduti, giungano essi stessi al riconoscimento della loro colpa. Tu ce lo hai mostrato adesso da questo lato, affinché lo dobbiamo riconoscere. E guarda, lo abbiamo riconosciuto! Ancora di più: lo riconosciamo nell’osservanza di ciò che Tu ci incarichi!

59. Hai detto che una volta durante un Giorno della Creazione dovremo essere sovente lontani da Te, attivi nell’Opera, e solamente alla Sera essere di nuovo con Te. O UR, abbiamo paura! Nonostante ciò la Tua Volontà verrà eseguita da noi. Allora ricorda la nostra nostalgia, Maestro di ogni eternità! Ci hai dato delle ali che ci portano a Te alla velocità della luce. Lontani da Te vorremmo continuamente muoverle per svolgere il servizio davanti al Tuo santo focolare ed adorarTi. Ti preghiamo: facci sentire sovente il cenno, affinché possiamo accorrere a Te dal campo della Creazione. Bada alla nostra richiesta, amorevolissimo Padre, onnigiustissimo Dio ed alto-santo Sacerdote, maestoso Creatore di tutte le cose!”

60. Quanto bene Uraniel ha chiesto per tutti. Sì, che cosa potrebbe significare per loro l’Opera senza il Santuario? Una buia Notte getta già avanti le sue ombre molto tempo prima che giunga al regime? Una Notte che può colpire anche malamente i primi? Ma non si trova UR fra queste ombre, e il Suo popolo in una maestosità senza pari che li fa rabbrividire? – Un Potere santo, maestoso, pienamente concentrato, dominando lo Spazio, UR si è alzato. Allarga, come se volesse abbracciare tutto il Suo proprio Tutto, così stende le Sue braccia per benedire, per proteggere e per preservare dalle ombre nel senso della condizione e della libertà.

61. Egli dice: “Mio Uraniel, amabile Sadhana, voi tutti primi figli del Mio Essere. Avete ben soppesato l’ammaestramento e ne avete attinto un patrimonio nobile. Sì, a questo riguardo siete già diventati figli del Creatore, ed attivi da voi stessi. Attenetevi saldamente a questo motivo, allora non vi mancherà il potere, la forza, l’autorità e il vigore secondo la misura filiale, finché – interiormente ed esteriormente perfetti nel vostro perfezionamento – non sperimenterete più nessuna separazione da Me.

62. Unicamente fino ad allora la Legge della libertà è decisamente da mettere alla prova, e così dovete orientare tutto, l’interiore come l’esteriore, la vita e l’opera, secondo le regole dell’Ordine dei relativi Giorni della Creazione, altrimenti mancherete la meta. Il vostro ringraziamento, che avete veramente fondato su Me stesso, ha ampliato il collegamento interiore con il vostro UR. Perciò vi dico: – Questo collegamento è tanto meno da distruggere, quanto poco il Mio Santuario sarebbe da spostare dal suo posto di una minimissima misura!”

63. UR solleva in alto la Sua destra e dice: “Nessun figlio potrà mai opporsi, diventerebbe subito manifesta la sua impotenza! – In questo Giorno vi siete coniugati con Me nello splendore della magnificenza, e così il Giorno passa dal maestoso Potere del Creatore e dal maestoso Sacerdozio, ad una posizione ancora più sublime! In verità, i beni della salvezza manifestati nei Miei sette raggi di Vita fondamentale, …vengono custoditi e conservati per l’Opera attraverso di voi. Ben per voi rimanere sempre memori di questo collegamento, anche se per ora è ancora irriconoscibile! Esso vi mostra il percorso dell’Anno-Atto-ur.

64. Davanti a Me sta esposta la vostra struggente richiesta. Oh, cosa non preferirei prima, se non concedervela subito secondo le due Leggi fondamentali! Ora potete già riceverne una parte, non appena sarete in grado di dare una risposta relativa all’Opera, a una domanda che affronta l’Opera pareggiando la vostra richiesta. Così ascoltate:

65. «Il perfezionamento delle Opere, è da perfezionare dal Mio Santuario, oppure dal mezzo dei loro spazi adattati? In ciò considerando due cose: le forze che portano ogni Opera alla sua piena maturità del Giorno sono da prendere unicamente dal Mio Santuario, oppure la forza dovrebbe giungere all’impiego là dove serve?» – Se la nostalgia vi spinge verso Casa, vi trovate certamente nella Mia vicinanza che vi rende felici, ma non là dove il vostro intervento deve avvenire per la benedizione. Ma se vi trovate là, vi trovate però lontani dalla Fonte da cui potete attingere le forze per il vostro lavoro.

66. Che cosa sarebbe magari meglio, non solo per un Giorno della Creazione, bensì forse per tutto l’Anno-Atto-ur? Esaminate precisamente la questione; forse questa volta anche la Serietà vi aiuterà a conquistare chiarezza. – Perciò continuiamo sulla nostra strada, perché la terza Ora del Giorno richiede ancora molto da Me, in parte anche da voi. – Accogliete ancora la benedizione dell’Ordine, la quale può offrirvi un grande aiuto”.

[indice]

4/6 – Nella casa della Volonta’ vengono spiegate le quattro essenzialita’ originarie

67. UR consacra anche la collina della Volontà per il Giorno della Serietà. Dopo l’alta funzione Egli dice: “Come già accennato, la terza Ora vi pone grandi pretese, poiché il lavoro del Giorno precedente ha bisogno di una certa ripetizione. Questo non sta nell’effettivo, ma è piuttosto condizionato dall’essenziale, ed attraverso questo si arriverà alla decisione finale secondo l’andamento della grande Opera che la circonda. Un tempo futuro, l’ultimo Giorno porterà le Opere di tutti i Giorni dell’Anno-Atto-ur all’alta maturità come in un autunno greve di frutti. Sì, in esso arriveranno alla più gloriosa resurrezione che a nessun figlio è possibile immaginarla in anticipo.

68. Certamente giungerà già prima un pensiero luminoso quando la libera volontà sarà messa alla prova e si affermerà. Questo, in tali figli che dopo Mi rimarranno a servizio, attizzerà un grande ardore. E ‘il servizio per Me’ diventerà il sigillo di quel Giorno e alla fine di esso sarà inconcepibilmente santo.

69. Solamente, che la conseguenza allacciata ad ogni azione, in seguito non sarà mai pareggiata da nessuna breve Sera, né dalle leggi mutabili, meno ancora da quelle immutabili, bensì è fin dall’origine da disputarsi nelle Creazioni che si allineano, finché le quattro settimane preparate in aggiunta all’Anno-UR – Simbolo della quadruplice Creazione – riveleranno il più maestoso scopo della Creazione. Fino a questa fine pienissima di grazia, della più alta benedizione dell’Anno-Atto-ur, deve essere e sarà saldato un immane conto[17], presentato a Me, all’Eterno-Santo-UR, dalla Legge della libertà. La presentazione del conto si basa sulle conseguenze giuste, come magari anche su quelle ingiuste, dell’utilizzo della libera volontà.

70. Nondimeno, Io ho impostato nell’Ordine ogni Mia Opera fondamentalmente secondo le disposizioni dei Giorni delle Caratteristiche e degli elementi. Non vorreste sapere qual è l’elemento e il perché ho preso l’Ordine e la Volontà dall’elemento ‘fuoco’, benché alla Volontà spetti innegabilmente il segno dell’acqua? Dunque, allora ascoltate qualcosa sui quattro elementi.

71. La Mia creatività rappresenta il ‘Fuoco’. Il fuoco è il Potere diventato visibile, che forma interiormente ed esteriormente per mezzo di più posizioni. Non credete che la Mia fonte-ur nella sua essenza-ur sia acqua. È nel fuoco che si trova il primissimo principio-ur. Infinitamente molto tempo prima che si svolgessero dei cicli-ur, si infrangeva in Me il fuoco del Mio Potere. E’ impossibile rivelarvi solamente con un accenno com’era formato il fuoco dell’Essenzialità-ur. Dovrei annunciarlo con una Mia espressione-ur che però non avrebbe nessun suono verbale per le creature, bensì avrebbe degli imponenti eventi di cui un minuscolo atomo rivelato trasformerebbe una struttura creativa, di nuovo nella (sua) forma primordiale!

72. Questo fuoco-Essenza-ur non tollerava nessuna singola plasmazione. Tuttavia, il Mio Potere e il Potere nella lotta dinamica primordiale in esso, era però differente! Da un ‘anelarsi’ (struggersi-consumarsi) si formò il reciproco completamento per una creatività. Ci vollero degli eoni, prima che i due opposti, il Mio e quel Potere, giungessero ad una unità eruttiva, al primo fine, e questo suonò poi così: «Il Mio Potere!»

73. Fino ad allora il fuoco era stato il Reggente-ur! Io lo chiamavo ‘il Creatore’, dato che la prima volta quando creai qualcosa per Me stesso, attinto da quel fuoco, questo fu ‘il Mio stesso Potere’ che si riversò in una nuova concentrazione, maggiore, nel Mio Essere-ur. Del tutto diverso che la precedente Essenzialità-ur dominante, ‘il Fuoco’ si mostrò nel riversarsi. Arrendevole e, per così dire, con un’inaudita fermezza, fornendo la Forza-ur, scosse l’UR in modo tale che la sollevai dalle basi più dure, in modo che Mi contemplai in questa ‘alta posizione’ dall’apice.

74. Questo fu il secondo elemento ‘Acqua’. Essa salì in alto e scorse verso l’abisso. Nel tipo di elemento previdi la benevola compensazione di tutte le eruzioni-ur. Dapprima, anche in questa dominarono separatamente, il Mio e la Forza. Entrambi però, dopo l’unificazione, formarono dei loro tipi fondamentali di acque, contrastanti la Mia Forza! Se dapprima l’unificarsi dei fuochi basilari aveva prodotto il ‘Creatore’, allora, dal tipo di acqua basilare sorse il ‘Sacerdote’.

75. Come Tale, dalla seconda unità ne ho preso una futura per condurre le Opere generate dalla parte del Creatore, o in modo libero e consapevole, oppure in modo non-libero, inconscio e determinato. Nondimeno, questo poté avvenire solamente ‘conducendo’. L’essenza del Sacerdote ha assunto l’equilibrio fra ogni contrasto: retroattivo per l’elemento-fuoco, come anticipatore delle due Essenze fondamentali che fermentavano ancora in Me. In tal modo Mi sono creato nella parte del Sacerdote la reggenza benedetta, e persino delle previste Opere ancora embrionali furono assunte già per la Guida (tratte) dalla partecipazione del Sacerdote, dell’alto-maestoso-UR.

76. Ora vi diverrà chiaro del perché nei Giorni della Creazione del Sacerdote (il terzo e il quarto) c’è particolarmente molto da creare, e adesso avrà luogo anche l’equilibrio nel Ciclo-Atto del passato e del futuro. Lo può fare la Serietà che – stabile – avvicina tutti gli opposti. Quando il suo Giorno sarà trascorso, esisterà un’unica ultima voluta decisione. Su questo, di più, poi presso Muriel.

77. Il secondo elemento trasferirà anche una creatura ad uno spirito-parziale. Quando il Mio fuoco divampava ancora nell’Essenzialità-ur, esisteva in esso, nonostante il contrasto, un unico sviluppo del Potere. Dunque, poiché a seconda del potere, una creatura diventa dipendente dal Creatore, diventa legata, inconsapevole e governata con determinazione, questo significa che il Creatore rimarrebbe sempre Lo stesso, come quei cicli della Mia unica Entità-interiore. Se l’Anno-Atto-ur venisse dominato (solo) dal fuoco del Creatore – in verità – eccetto delle eventualità, non esisterebbero degli spiriti-parziali, né esseri animici, nemmeno persino dei figli.

78. Io ho confrontato la ‘Guida divenuta’ dell’originario principio del Sacerdote, con dei Pensieri dell’Opera da formare, e così ho creato l’equilibrio dei loro opposti come ancor più giustamente la loro migliore unione. Io ho fuso la loro dipendenza nel servizio, ho fatto in modo che fuoco e acqua fossero una comune guida, prima che gli altri elementi agissero operativamente. Infatti, nonostante l’equilibrio altamente concentrato delle forze dell’acqua, il fuoco non poteva affatto essere respinto o da escludere. Al contrario, ho operato dapprima nell’elemento-fuoco del Creatore, e questo rimarrà così eternamente, a prescindere dal fatto se per il risultato finale di un’opera-parziale il più alto possibile, dominerà ogni volta un’altra Entità, e pertanto, anche un altro elemento e le sue caratteristiche.

79. Potrebbero esistere delle creature, se Io, il Creatore-UR non formassi inizialmente, dai Pensieri, delle creature libere coscientemente viventi? Pertanto, voi figli dovete anche, sempre, onorare in Me dapprima il ‘Creatore’, perché così come prima cosa Io lasciai che tutte le Opere ‘divenissero’. Da ciò non vi sarà difficile adorarMi come ‘Sacerdote’. Inoltre, sarete anche capaci di adempiere i comandi dati a causa dei motivi originari dalla Mia parte di ‘Dio’, con cui la strada conduce facilissimamente nella Mia essenza di ‘Padre’, ed imparerete ad amarMi come amo voi come creature, come spiriti, come anime e, come figli! E’ in questo ‘amore Padre-figlio’ che la ‘Misericordia’ (la settima caratteristica) otterrà la sua rivelazione più superba.

80. Ora sono ancora da esaminare gli altri elementi. – Nell’interazione del fuoco e dell’acqua seguirono ulteriori formazioni simili ad eruzioni. Come successivo entrò in primo piano l’elemento ‘Terra’. Miei primi, non scambiate questo elemento-ur – come nemmeno gli altri – con una massa esteriore compatta. ‘Terra’ possiede delle forze di formazione che si manifestano in potenze ambivalenti. Mia era la facoltà e la potente formazione! L’equilibrio tra le due parti non fu creato subito all’origine, bensì qui si svolse anche come una ‘santa Guerra! In Me giaceva naturalmente dapprima il pretenzioso primordiale ‘Mio’!

81. Io sono il SIGNORE, l’UR! A Me solamente appartengono il Potere, la Forza, l’Autorità e il Vigore; tutto questo è Mio! Anche il Mio ‘Io’ è Mio! Le parti dell’Autorità conquistarono il loro predominio nella loro unione. Dopo la Lotta-ur, la Mia Autorità restò sull’elemento Terra! In tal modo ogni elemento ottenne – innanzitutto di certo interiormente – ciascuno acquisendolo da sé dalle lotte dei tre elementi, una formazione con l’arresto della personalità. Io creai, tuttavia dal principio di dipendenza, il principio operante dell’indipendenza.

82. Qui ho posto il primo originario Punto di svolta, dando a Me stesso una plasmazione indipendente che potesse stare di fronte al Mio Io-ur originario e, secondo l’Opera, lo Spazio e il Tempo, potesse manifestare questa o quella essenzialità nel principio d’indipendenza messo alla prova per primo. Io poggiai su questo ‘il Divenire’. Quindi, anche l’elemento ‘terra’ è una formazione divenuta originariamente in Me.

83. ‘Terra’ aveva originariamente due peculiarità, come il Fuoco e l’Acqua, poteva liberare e legare. Da questa è dipeso se un’Opera creata dal Creatore, governata dal Sacerdote, era da legare all’Essere-UR oppure da sciogliere da Lui. Il distacco era la prima possibilità, perché il principio della dipendenza è il fondamento della regressione nella sostanza-ur.

84. Il legame – per voi imperscrutabile – era nel principio dell’indipendenza! Giungere all’unificazione ostinata, alla sostanza-ur, indipendentemente da come si è stati creati, porta al legame. In esso domina la seconda caratteristica di Dio ‘l’AMORE’, in cui si rivela l’elemento Terra: la realtà effettiva, l’esistente, il ri-unito per l’eternità, il principio duraturo!

85. Ora voglio prima, dire ancora qualcosa sulle caratteristiche dei tre elementi: – Nel Fuoco dominano l’Ordine e la Volontà. Io diedi all’Ordine il ‘Mio’ (il fuoco) come prima essenzialità-ur fondamentale. In esso è radicato anche il Mio nome ‘UR’! La Volontà come ‘Potere’ chiama-fuori dall’ordinato Essere-UR la lotta della prima parte del Mio Essere. L’Ordine è il permanente, la Volontà il formante. Entrambi, uniti, generano la ‘Creazione permanente’. Tuttavia, qui la Volontà è già posta dopo l’Ordine nell’alta previsione della creazione-figlio oramai già eseguita.

86. Il ‘Mio’ dell’acqua è il portatore della Sapienza, mentre alla Serietà appartiene la ‘Forza’. La Sapienza è malleabile, arrendevole, cedevole. Lei leviga l’Opera, la raffina attraverso un’immensa facoltà di adattamento. Nondimeno, come il fuoco ha conquistato il suo sviluppo del potere attraverso l’Ordine e la Volontà, così l’elemento acqua la sua forza attraverso la Sapienza e la Serietà, poiché la Serietà come parte ‘determinante e inesorabile’, stabilisce la forza!

87. Adesso vedrete per quale ragione, proprio le contrapposizioni furono impiegate nel lavoro equilibrante in una parte dell’essenzialità-ur. Dalla Sapienza e dalla Serietà unite risulta un’elevata abbondanza dello sviluppo, che sarà riconoscibile nella sua stesura non prima della fine dell’Anno-Azione. La formazione elementare dell’implacabile potente Serietà desume la sua sostanza dalla Mia Santità. Questa spiegazione non vi lascerà più estraneo il motivo per cui ho eletto specialmente la Serietà come custode della Mia Santità.

88. Da tutto ciò è riconoscibile che il principio del Creatore nell’elemento fuoco rimase in primo piano necessariamente sovrano. Di conseguenza, qualunque risultato, benedetto dalla Creazione, porta ai figli l’onore del Creatore. Le parti degli elementi ‘Miei’ (fuoco, acqua, terra) erano originariamente pre-determinanti nella loro unione delle lotte equilibratrici, mentre i generatori del Potere, Forza, Autorità e Vigore giunsero uniformemente alla meta innanzitutto attraverso la lotta. Perciò ho unito le caratteristiche dominanti: dapprima la Volontà con la Serietà.

89. Ho assegnato perciò alla Volontà la formazione dell’acqua, invece alla Serietà quella del fuoco. Da ciò vedete bene che le Mie quattro essenzialità, nella loro realtà-ur, non possedevano nessuna formazione particolare e si mostrano differenti solo nell’attuale ‘epoca-azione’ per via dei figli generati liberi, affinché sia riconoscibile il Mio santo Io-ur. Solo così si offre la possibilità di portare Me in sé, grazie alle disposizioni di pareggio al ‘Mio’ di UR.

90. L’accoppiamento delle prime quattro caratteristiche nei loro elementi si concluse senza essere d’ostacolo all’unione di base con gli altri elementi e caratteristiche. Tuttavia queste unioni non avvennero subito sotto l’influenza-ur, pertanto è sufficiente dire che innanzitutto ha avuto luogo il pareggio.

91. All’elemento terra fu data la possibile soluzione della Pazienza, la quale possiede infatti delle sostanze di base dell’Ordine, della Sapienza, della Volontà e della Serietà. Questo ha a che fare con il compito di lentezza ad essa affidato. Se si fosse pensato di perfezionare un’Opera prevista dall’Ordine, dalla Volontà e dalla Sapienza, ma che non avrebbe potuto proseguire tramite la Serietà, allora le caratteristiche che non erano state ancora dominanti avrebbero dovuto comunque consegnare dapprima la loro parte-ur. La successiva sarebbe stata la Pazienza. Dunque: secondo la vostra misura, essa avrebbe dovuto intervenire continuando l’Opera nell’aspettativa che la portasse là dove l’andamento di una Settimana-ur l’avrebbe condotta inizialmente?

92. Di molto mancato, figli Miei! La Pazienza avrebbe sciolto quell’Opera dal percorso sul quale, nel segno della Serietà, sarebbe forse capitolata, ma giammai l’avrebbe distaccata con violenza, come farebbero la Serietà o la Volontà nella loro santità altamente concentrata, rovesciando al’improvviso qualcosa nel fondo della Mia primordialità, bensì essa la formerebbe lentamente a ritroso all’interno di un tratto di Tempo ancora rimasto, e dopo, lascerebbe svolgere il suo gran talento dal ritratto-ur dai suoi due elementi, fuoco e acqua, cioè quelli ottenuti originariamente dalla Volontà e dalla Serietà.

93. Dopo, essa avrebbe richiesto una riedificazione con il fermo comando, sostenuto dall’Amore e dalla Misericordia, al quale le prime caratteristiche non avrebbero mai resistito. Un ‘non-resistere’ risulta prevalentemente dall’equilibrio delle sette caratteristiche, e solo nella seconda successione dal ‘Mio’, dall’unitario Io-ur! La menzionata ri-trasformazione sarebbe stata anche corrispondente al Mio Essere, una conclusione compiuta dell’Opera, e non un immediata dissoluzione.

94. L’Amore, assieme al contrario del suo elemento sovrano, terra, possiede anche quello del fuoco e dell’acqua. Esso tenterà sempre di provocare dei legami con pronunciate consequenzialità che raggiungerà anche, sorretto dalla Pazienza e con il pre-raggio della Misericordia, soprattutto dalle cose-ur della Mia essenzialità, e quindi colmerà continuamente delle Opere viventi nel giusto. Perciò l’elemento terra, benché non accoppiato fondamentalmente con questi due, il fuoco e l’acqua, offre un maggior luogo di rilassamento, lo ‘scenario degli avvenimenti della Creazione’! Infatti, innanzitutto sulla base della plasmazione personale, godano realmente fino in fondo la loro vittoria. Così dalla creatività non venne solamente il ‘sia fatto’, bensì in ugual misura dal fuoco e dall’acqua, la personificazione dimorante nell’elemento terra.

95. Includiamo nel Cerchio-ur anche l’elemento ‘Aria’ cioè la ‘Misericordia’ che domina singolarmente. Il quarto elemento non possiede dei contrari, perciò non avvenivano nemmeno delle lotte. In esso erano pareggiati ‘Mio’ e ‘Forza’. Di conseguenza, solo un’uniforme caratteristica essenziale tramite la Misericordia giunse alla manifestazione e, di conseguenza, all’intera unificazione di tutti gli elementi e delle loro qualità.

96. Che cos’è l’aria, quell’inspirazione come un respiro essenziale della vita, adeguato al Regno della luce? Essa è sottilmente spirituale. Benché voi avete costantemente bisogno di quest’aria come eterno nutrimento della vita, non la potete né vedere, come il fuoco come simbolo-ur del primo elemento fondamentale, né gustare come l’acqua come simbolo-ur del secondo elemento fondamentale.

97. Inoltre, voi sentite sotto i vostri piedi un suolo come qualcosa del tutto confidenziale. Anche questo è sostanza spirituale, altrimenti non potreste camminarci sopra come il simbolo-ur del terzo elemento. Queste tre cose-ur sono completamente diverse dalla quarta cosa-ur, l’aria, la quale ha comunque la stessa solidità come il fuoco, l’acqua e la terra, perché c’è una formazione di tutte le Mie sostanze fondamentali, come Io stesso sono una Formazione e la rivelo come il più sacro-santo IO-UR!

98. Voi Mi vedete davanti a voi, Mi potete davvero toccare, sentire le Mie parole, e perciò Io sono una Sostanza personificata. Ciononostante, Io somiglio maggiormente ai Miei quattro elementi: inconcepibile come UR, come l’Eterno-Santo, l’Eterno-Unico e veritiero, cosa che vi ho menzionato particolarmente dai tempi delle iniziali lotte equilibratrici. Sì, il puro UR Lo potete tenere nelle mani tanto meno, quanto lo potete con l’aria, mediante la quale però vivete e dalla quale siete circondati; in particolare, quest’ultimo lo fa la sostanza nobile di questo strano elemento. Perciò l’ho posto come in un auto-adempimento, come il tratto della Vita fondamentale che tutto abbraccia, nella quale tutte le lotte equilibratrici dei tre elementi hanno ricevuto la loro culminante ultima volontà.

99. Questo significa che le parole di contrasto degli elementi che tendevano al potere, di fatto, giammai demoliscono i tratti caratteristici dimoranti nel Mio Essere, bensì li sollevano dalla loro ‘posizione di riposo’, per voi inspiegabile, e li vogliono chiudere cingendoli assieme. Io ho chiamato questo sommo attacco, ‘MISERICORDIA’, come caratteristica conclusiva di tutte le lotte-ur, e di conseguenza sarà sempre l’ultima a giungere all’attività. Essa, come costante completamento simbolico del Creatore, è anche la portatrice del perfezionamento delle creature e domina come corona su tutte le caratteristiche. Il suo potere di corona dà alla creatura perfino la possibilità di inspirare ed espirare in modo primordiale-spirituale l’elemento aria, così come:

‘ricevere e dare Misericordia senza misura’

con la quale viene ottenuta la più sublime facoltà di vivere.

100. Allora incoronerò tutte le Mie Opere come finora le ho incoronate nella più potente Magnificenza e Maestosità primordiale! Pertanto, l’AZIONE, nonostante la primaria messa alla prova della Legge della libertà della volontà affidata alle creature, giungerà ad una perfezione la cui rivelazione finale apparirà per voi primi, e certamente per i figli abbondantemente provvisti dal Mio Essere-ur, così inafferrabile, che all’ultima Sera di questo glorioso Ciclo-Atto le Potenze delle Mie caratteristiche affidate a voi s’infiammeranno come una volta in Me il fuoco della prima eruzione-ur!

101. Questo vi unirà a Me con un personale-consapevole ‘sorgere’ (elevarvi) come una volta vivevate in Me come Miei propri Pensieri primordiali. Rivelarvi ancora di più su questo, non serve a nessuno dei Miei figli. Solo questo sia ancora detto: ‘Che nessuno perderà mai più la sua Vita auto consapevole!’

102. Quanto ampiamente avviene il completo avvolgersi della Mia Opera-Figlio tramite la Misericordia potrà dimostrarsi, se una volta si dovesse rivendicare la Legge della libera volontà. Allora vi accorgereste che la Misericordia, impiegata come principale dominante, guiderebbe prima tutte le caratteristiche, fondamentalmente, alle loro più straordinarie attività. – Di questo vi verrà dato pienissimo chiarimento in un altro Giorno.

103. In questo insegnamento includo la domanda del secondo Giorno. – «Quale caratteristica è da portare prevalentemente alle Opere, in particolare ai figli? L’Ordine come punto-base-ur di tutte le Creazioni, la Serietà come essenza-base-ur del Mio alto santo Essere, oppure la Misericordia come adempimento-base-ur interiore ed esteriore dell’Opera-Figlio?». Avete tempo, forse arriverete alla miglior conoscenza nella casa della Serietà. Io vi do la benedizione della Volontà. Con essa penetrerete fino alla Chiarezza. Ora venite e seguiteMi”.

[indice]

4/7 – Nella casa della Sapienza, sul portatore del sacrificio e sulla resurrezione

104. Sulla via verso la terza collina i primi si avvicinano amorevolmente al loro UR.

- Circondati da loro, l’Onnisanto cammina benedicendo altamente il Suo percorso creativo. Egli stesso prepara anche la Casa della Sapienza.

- Zuriel-Helia nel ricevere il ‘libro della Sapienza’ ringraziano nel modo più bello; Zuriel solleva la falce sul fuoco divampante dell’altare.

- Segue il terzo grande insegnamento in questo serio-santo Giorno.

105. UR dice: “Mia Sadhana e voi principi-angeli! Con Michael (cap.4,67) ho parlato della gloriosa Resurrezione che procurerà la chiave di volta del maestoso Anno-Atto-ur. Voi avete riflettuto su questo, di che cosa si tratta di quella resurrezione. La Mia indicazione vi ha guidato ad una grande previsione, di cui fanno parte anche tutti gli insegnamenti avuti finora. Infatti, se in effetti volete essere i Miei primi aiutanti dell’Opera, allora ci vuole un ammaestramento che si riferisce a voi personalmente, all’Opera, in particolare al menzionato pareggio della libera volontà con le condizioni poste giustamente riservate a Me. Non si può evitare di porre i due originari Fondamenti di base dell’attuale ciclo-ur in continuo primo piano delle nostre considerazioni e, in seguito, allineare sopra l’Opera. Un ciclo-ur comprende otto Anni, quattro dei quali risultano per la costruzione, quattro per la disattivazione. Nei primi quattro Anni-ur espiro una volta come UR, e nella seconda successione inspiro una volta.

106. Voi credete che ogni prima parte del ciclo-ur procuri magari delle ripetizioni come presunta resurrezione. Figli Miei, la vostra opinione non è del tutto sbagliata, ma non è la verità. Delle ripetizioni dell‘Opera sarebbero in questo modo un misero panorama riflesso in Me, che dopo una successione di tempo porterebbe le stesse immagini. In questo modo il Mio elemento-Fuoco non avrebbe bisogno di uscire dalla sua ‘posizione di riposo’, che richiederebbe il massimo impiego di tutte le parti dell’Essere-UR. Potrei dilettare di Me stesso? Chi pensa questo di Me?

107. Inoltre, direste che nei Giorni della Creazione vissuti c’era qualche ripetizione, come il sorgere di tutte le formazioni esteriori, il cammino verso le colline, persino gli insegnamenti. Lo potete pensare perché non conoscete ancora l’andamento dei sette Giorni della Creazione. Solo allora (alla fine) noterete l’enorme differenza che domina fondamentalmente i singoli Giorni. Non si può parlare di vere ripetizioni, anche se il Mio Onnisantissimo risorge sempre, anche le vostre colline, alle quali viene sempre aggiunto realmente qualcosa di nuovo. Qui non potete essere aiutati con poche o con molte parole; uno sguardo vi indicherà come tutto si forma veramente. Allora rivedrete precisamente la vostra opinione sulle ripetizioni. – Ma ora ancora un insegnamento sulla resurrezione.

108. ‘Resurrezione’ significa: rinnovamento di una forma passata. Questo non riguarda solamente l’esteriore, ma comprende tutte le sostanze-ur, per quanto siano sottoposte alle Leggi vigenti che predominano nel Giorno di una resurrezione. Non si tratterà di una singola-opera-forma, bensì dell’intero Giorno della Creazione non appena lo esigerà il predominio di un seguito della resurrezione. Non lo comprendete perché non conoscete ancora l’effetto di tali Leggi. In ogni caso possono avere il predominio solo le condizioni riservate a Me oppure (quelle della) la Legge della libera volontà. Se una volta, allorché si trovassero di fronte i due bronzei Portatori delle fondamenta nell’ultimo più volenteroso pareggiamento, giungerebbero al predominio le Mie condizioni, e la resurrezione sarebbe un’altra rispetto al predominio della libera volontà.

109. Voi domandate in modo non ingiustificato: ‘Come mai sarebbe necessaria una resurrezione, se ogni condizione dell’Opera giunge del tutto giustamente all’effetto, oppure dovrebbe risorgere un ulteriore Anno-ur?’. – Dunque, figli Miei, una Resurrezione-Anno-ur sarebbe davvero inutile, oppure dovrei addirittura risorgere dalle Mie Opere, con cui si determinerebbe che Io stesso dovrei sottoporMi ad un rinnovamento (*).

(*) dato a posteriori = (Tenetelo a mente: “C’è sempre differenza tra le Opere sorte da Me e quelle esternate da Me! Se dunque tali condizioni giungessero al predominio, allora, nonostante ciò, non sussisterebbe nessuna resurrezione, né in Me, né perfino per Me, bensì essa sarebbe radicata nel fatto che ciò che è sottoposto alla Legge della libera volontà, dovrebbe sperimentare un rinnovamento visibile”.)[18]

110. Con ciò sarebbe collegato un Pensiero-ur, che Io – in quanto Ricchezza investita (messa a disposizione), che (però) non deve mai essere attaccatala porterei in Me come Reservatio mentalis (riserva mentale) del Mio Potere, Forza, Autorità e Vigore. Questa riserva-ur, che (invece) conserva interrottamente la sua Forma straordinaria, avrebbe poi bisogno di palesarsi, nel senso quindi di una resurrezione ovvero di una formazione esteriore per i figli, non appena loro si fossero formati al Mio Io-ur attraverso il definitivo riconoscimento delle condizioni riservate a Me nel Pareggio più alto possibile!

111. In un tempo futuro verrà anche questo Giorno della Resurrezione in cui il Mio Pensiero-ur investito otterrà un rinnovamento visibile. Questo vi basti. – Invece sull’altra resurrezione causata dai figli, si può dare ancora una breve indicazione. Allora ascoltate:

112. Se giungesse al predominio la Legge della libertà, allora l’Opera apprenderebbe un fondamentale cambiamento, che comunque non necessariamente mostrerebbe neanche dappertutto delle variabilità esteriori. Questi si trovano ben nella direzione e nell’andamento dell’Opera, mentre ogni struttura appartiene esclusivamente alle Mie condizioni e possiede una piccola parte di eoni della riserva-ur espressa precedentemente. Le variazioni che si formerebbero, richiederebbero un rinnovamento, che tuttavia sarebbe collegato ad un Sacrificio. Il sacrificio porterebbe la resurrezione dell’Opera che sarebbe sottoposta al cambiamento, ma il Portatore del Sacrificio sarebbe ‘la Resurrezione’!

113. Per svelare una tale Opera in modo benedicente, persino l’esteriore del Portatore del sacrificio dovrebbe manifestare la resurrezione. In tal modo sarebbe contemporaneamente portato a tutti i figli, anche ai non ancora perfezionati, il visibile rinnovamento della loro forma sottoposta alla caducità; essi risorgerebbero, inclusa la Legge della libera volontà con l’adattamento alle condizioni, ma nondimeno, tutto dalla riserva-ur, da cui la sacra Essenza è diventata sostanza benedetta.

114. Tuttavia, entrambe le resurrezioni porterebbero unicamente ad una condizionata Meta originaria, la quale venne già al primo palesamento con le lotte degli elementi. Nel tempo futuro le multiformità delle Mete saranno immense, cosicché nemmeno un ciclo-ur potrà minimamente esaurirle! – Con questo ho rivelato una parte della Mia grandezza, che a voi serve per il buon progresso. Pensate a questa rivelazione e vi accorgerete quanto immenso, quanto unico è il Mio santo Io-ur! Attraverso il vostro amore, che diventa autentico tramite tutte le Caratteristiche, Mi offrirete un’adorazione giusta rispetto all’Opera. Infatti, con una tale adorazione è collegata una co-protezione della ricchezza di base che non conservo assolutamente per Me solo, bensì pure per i Miei figli.

115. Io distribuisco qualcosa della Mia ricchezza. Anche la Legge della libertà affidata a voi è un dono regale del Mattino, che in sé è insuperabile. Nondimeno, il Re stesso deve conservare il tesoro della corona e della casa, altrimenti sarebbe un cattivo capace per la reggenza. Se invece il ‘FIGLIO’ s’incarica del co-dominio dopo la prova, allora il Re mette nelle Sue mani anche il tesoro della corona, e la ricchezza rimane conservata in eterno all’alta Casa.

116. Io custodisco il Mio tesoro regale della Creazione, finché ‘il Figlio’ – la Mia ‘Opera-Figlio’ – non ha dimostrato la co-reggenza guidato da Me. Allora il Pensiero-ur festeggerà la sua resurrezione, cioè: Io stesso eleverò questo tesoro come risplendente magnificenza del Giorno della prova dal fondo del Mio Essere-UR e lo consegnerò al Figlio, al Mio popolo-filiale, per l’amministrazione e la crescita. E questa sia poi l’altra resurrezione!

117. Ora voglio concedervi il promesso sguardo che, per il vostro ammaestramento, vi mostrerà due Giorni dalla quadruplice Creazione in una sequenza interiore. In seguito potrete mantenere oppure rivedere in modo approfondito la vostra opinione su un ripetitivo andamento dell’Opera dell’Anno-Atto-ur,; questo dipenderà da voi. Su questo non do ordini. Tuttavia, per raggiungere la meta accennata, dovete ovviamente decidervi per l’una o per l’altra cosa. Dunque: guardate!”

118. UR mette molto incenso nella piccola coppa oscillante del sacrificio, soffia tre volte sul fuoco dell’altare e i figli sono presto rimossi dalla loro realtà. I misteri-ur contemplati non si possono descrivere con parole terrene, ma i futuri Giorni della Creazione insegneranno a riconoscerli. La sequenza delle immagini ha un duraturo effetto sui primi. Lo dimostra il ringraziamento di Zuriel, che lui pronuncia al sommo Sacerdote Melchisedec per tutti.

*

119. Dopo un comune canto di lode, Zuriel dice: “Solo ora noi, che da ‘creature’ siamo diventati ‘figli’, possiamo afferrare il Tuo Nome: Eterno-Santo-UR, eterno-unico e veritiero! Esso cela la pienezza indicibile della Tua ricchezza, che è il Tuo Essere, …UR stesso! Noi siamo soltanto come una goccia d’acqua dalla Tua fonte-ur. Ora comprendiamo anche la Tua rivelazione sulla resurrezione, sommo Sacerdote Melchisedec. Sì, ogni Giorno che Tu doni ad un Anno-ur è in sé già risorto, poiché allora ogni forma da Te pensata diventa davvero una figura benedetta.

120. In questo non c’è tuttavia mai da pensare a nessuna ripetizione del grande o del piccolo; tutto porta un germoglio-ur di una molteplicità. Noi porteremo ininterrottamente solo parti; ma già una porzione ci rende similmente divini, ci porta l’autentica immagine del Tuo maestoso Essere. Tutti i Tuoi figli diventeranno ‘FIGLI’, a cui verrà consegnato il tesoro della corona. Ma Tu, santo Signore, troneggerai eoni di eoni di volte sull’Opera delle Tue mani!

121. Nondimeno, dobbiamo adoperarci per riconoscere il Tuo alto regno, la ricchezza, rispetto ad una parte del Giorno. Prevediamo che noi diventeremo co-portatori in vista di una resurrezione, affinché Tu possa raccogliere un giubilo-ur sulla Tua ‘Opera-Figlio’ nell’incommensurabile pienezza! La Sapienza (Zuriel, egli stesso) vede: – Questo giubilo-ur è il portatore fondamentale di un nuovo grande creare! Accogli, Ti prego, come adorazione, la nostra disponibilità al sacrificio, che aiuti a sostenere il pareggio dei due portatori fondamentali che decideranno l’Anno-Atto-ur. Questo sia d’ora in poi il nostro ringraziamento, la preghiera e la lode, e l’onore per il Tuo Nome ‘UR’ pieno di Grazia”.

122. Gli Occhi di UR irradiano un chiaro fuoco. Oh, questo succede sovente, e si dovrebbe ritenere che sia sempre uguale. Sì, rimane sempre lo stesso, nutrito dal Suo Essere immutabile, ma diventa sempre più ardente, assumendo in Sé tutto ciò che è, accendendosi le scintille nel fuoco delle creature che unicamente da UR trovano il loro nutrimento. Anche questo è un mistero-ur! – Lui invece alza le Sue mani benedicendo, così che i primi cadono in ginocchio per via della potente corrente che ricade su di loro, per adorare COLUI che dà questa Benedizione. Ed Egli dice:

123. “C’è una terza decisione da sottoporvi. Vedete, ho parlato del portatore del sacrificio e di una resurrezione, e che quest’ultima non esisterebbe se non seguisse ‘il’ oppure ‘un’ sacrificio. Dovrebbe venire UNO, al cui sacrificio segua la resurrezione, mentre è Egli la resurrezione. Con una buona comprensione di ciò, vi siete dichiarati liberamente come co-portatori del sacrificio e volete essere una parte della resurrezione. Questo può avvenire! Mi servirò della libera offerta, altrettanto, come pure voi potete richiedere il legittimo da Me.

124. Sono da considerare entrambi i generi di resurrezione a seconda di quale Fondamento otterrà il predominio. Il portatore del sacrificio prenderebbe su di sé in entrambi i casi lo stesso onere del sacrificio, sebbene essi e i loro effetti sarebbero anche fondamentalmente differenti come lo sono il giorno e la notte. Tuttavia, l’adempimento del sacrificio sarebbe in sé anche uguale come onere.

125. Diversamente (da) voi figli, stanno le cose con i co-portatori del sacrificio. Per loro è differente: sacrificio, peso, sostenibilità e influenza. L’adempimento sarebbe ancorato in quello del portatore del sacrificio. Inoltre, tutto, dal predominio del secondo Fondamento sarebbe anche più difficile per i figli in confronto al primo. Tuttavia Io non lego la vostra offerta a nessuna possibilità di sacrificio, poiché con la crescente conoscenza, spetta a voi mantenere in seguito il voto, se necessario. In entrambi i casi riceverete la più alta benedizione da un tale co-sacrificio, e in verità, per mezzo di quell’Anno-ur, sarete benedetti! Ora esaminatevi: «Quale Legge predominante deve avere il vostro dono della Creazione?». La luce della Sapienza vi illumini.

126. Ora possiamo lasciare alla Serietà il vero andamento del Giorno. SeguiteMi! Presto inizierà la quarta Ora. Con il suo rintocco dobbiamo essere sulla collina della Serietà”.

- Su questa via, UR lascia i primi dietro di Sé; hanno bisogno di tempo per affrontare tutte le richieste poste loro. Ma poi, quando a metà altezza vedono la casa-Serietà nella meravigliosa luce del Sole-ur, il principe di quel Giorno sente in sé la chiamata interiore, e Murel-Pargoa percorrono l’ultima parte della via ai due lati del loro UR.

[indice]

4/8 – Davanti alla casa della Serieta’, UR-Sacerdote pone un’importante domanda

127. Quando essi vedono tutta la magnificenza sulla loro collina, Muriel dice a UR: “Ti ringrazio”.

- Una parola semplice. Essa attinge nella profondità dell’Essere, dell’Onnisanto, di conseguenza Egli crea una nuova misura di pienezza della Grazia. Egli, senza parlare, benedice la semplicità di questo ringraziamento e, ancora non notato dai figli, accoppia la parola focosa-impulsiva di Zuriel con la semplicità della profonda conoscenza di Muriel. Ambedue, la fiamma rivelata e la luce calma, Egli le vuol considerare come giusto ringraziamento.

128. UR ordina al quarto portatore della luce di aprire le porte. Per la prima volta, nell’Anno-Atto-ur, viene aperta la casa della Serietà per la Creazione. Ma UR entra da solo nel luogo del più sublime significato: la decisione della Serietà in tutte le sette Caratteristiche! Poi conduce i Suoi figli con indescrivibile cura nella sala. Oh, indicibile Benignità! O UR! Tu dai davvero una preziosità dopo l’altra! Adorni i Tuoi cari con dei piccoli gioielli della Tua ricchezza, ed è il Tuo proprio gioiello, il Tuo tesoro regale della corona: la Tua Paternità, della Tua Sovranità senza fine! – UR inizia la Sua solenne funzione:

129. “Mia Sadhana, Miei principi della luce! Ora comincia l’Ora decisiva in cui come sommo Sacerdote Melchisedec assegno a voi la Mia Santità per quella giusta parte della Creazione con cui dovete conservarvi in anticipo. Ambedue hanno da andare mano nella mano, se devono avere un’eterna sussistenza. La vostra consacrazione all’Opera rimane nell’alta funzione del maestoso Sacerdozio, e nulla, nulla rende invano questo possesso primordiale! Se però, oltre a ciò, lasciate la vostra consacrazione a Me, cosicché attraverso tutti i Tempi coprite il Mio santo focolare scoperto, sì, questo dipenderà dalla vostra preservazione, e in questo: a come manterrete la Mia Santità all’antagonista e adornerete con questa i vostri altari scoperti.

130. Chi non supererà la preservazione derivata dal predominio del secondo Fondamento, dimenticherà presto la propria consacrazione e la Mia Santità, così che questa dovrà essere nascosta sull’altare del figlio, quella sul Mio focolare. Questo provocherebbe un destino della Creazione, il Portatore del sacrificio e la seconda resurrezione.

131. La vostra domanda se i figli possono co-proteggere la Mia Santità era giustificata, dato che unicamente Io sono l’Onnimaestoso, il Sublime, la cui Onnipotenza è la forza della stessa protezione, mentre una creatura ha bisogno esclusivamente della protezione. Nel senso della grande umiltà e secondo la formazione esteriore delle Caratteristiche, in ciò avete perfettamente ragione. Oh, Io ovviamente sono la protezione di Me stesso; e sarebbe triste per la Mia Onni-Divinità, se le Parti dell’Opera provviste con insufficiente protezione fossero sottoposte alle parti da proteggere. Qui però non si tratta di una protezione nel senso del termine, bensì di preservare ciò che è stato dato all’Opera.

132. La Mia Santità non ha bisogno di nessuna protezione in Sé! Dal momento che ho dato al Ciclo-Atto delle forze esternate dai Pensieri perché volevo contemplare anche esteriormente la formazione degli elementi, in certo qual modo ho fatto con Me stesso un compromesso: ‘Tanto Io do all’Opera-Azione, tanto di questa a ME!’. Lo conferma ogni reciprocità: la Mia ‘Opera-Figlio’ in seguito al contratto concluso dall’Essere-UR, porta in sé un pezzo come proprietà, ma con ciò è anche la Mia proprietà per sé!

133. La preservazione mostrerà se il contratto sarà stato buono e se può essere mantenuto dalle due parti, o non lo sarà! Da parte Mia è radicata l’eredità regale nell’osservanza; da parte vostra la protezione concessa alla Santità. Con la messa a disposizione della Legge della libera volontà ho approvato il contratto; con il riconoscimento delle condizioni riservate a Me, giustamente poste, voi rendete la vostra firma.

134. Muriel Mi chiede in segreto com’è possibile che la Mia Santità possa essere toccata nonostante la protezione personale primordiale e l’intoccabilità. Oh, ascoltate! La Mia Santità-ur non cade mai vittima di un denudamento, poiché, nel momento in cui qualcuno vi tende illegittimamente le sue mani – come ne ho parlato prima – l’Anno iniziato, corrispondente all’effetto Pazienza, verrebbe ripreso nel Mio Essere-UR.

135. Al contrario, la parte della Santità che serve all’Opera è violata non appena la libera volontà giungesse al predominio e si cercasse di respingere le condizioni. Quindi, affinché rimanga a favore dell’Opera-Figlio un avvio flebile, ho concluso con l’Opera una clausola della Creazione: Io conservo la vostra consacrazione nelle Mie mani, e voi la parte della Santità nelle vostre, e nel contempo lasciamo giungere alla piena sovranità entrambi i Portatori delle fondamenta! Io saprò mantenere le clausole a Mio carico, e nessuno deve preoccuparsi se e come Io sia un buon Commerciante.

136. Riconoscere nella piena verità questa parte della Creazione, è certamente difficile e richiede una Serietà altamente concentrata. Chi non esplora con tutta la Serietà nella profondità dell’avvenimento, non lo comprenderà quasi. Chi invece ha compreso la Parola del diritto del Proprietario e del partecipante e vi vede la più sublime garanzia della Mia Opera, dovrebbe sottoporsi con gioia a questa fatica, ed imparare a comprendere ciò che è stato detto prima sulla Mia Santità. La comprensione è un gioiello prezioso dal Mio Tesoro! Chi la possiede, è nel ‘Figlio’ un ‘erede della corona’ del Mio Regno regale!

137. Voi primi siete gli aspiranti all’eredità della corona. Solamente, per questo ho dato la facoltà ad ogni Pensiero-Figlio! Nella Notte che precede questo Giorno della Creazione ho sigillato l’Opera prodigiosa, l’ho immersa nella Mia santa fonte primordiale della Mezzanotte e ne ho attinto ciò che diverrà! Ora il Giorno porterà la libera decisione dei figli, e la conseguenza potrà essere che si manifesti un avanti oppure un indietro.

138. E’ giustificata la domanda se ho agito come Creatore, nonostante nel Giorno della Serietà fosse stata aperta la camera del Sacerdote del Mio Cuore. Molto giusto, cari figli; il Giorno stesso con la decisione è sottoposto al sommo Sacerdote Melchisedec, ma è proprio per via della decisione che il Creatore ha la Sua parte-ur in essa. Se si dimostra, cioè già nella ‘previsione’, che il secondo Portatore delle fondamenta spinge alla posizione di Dominante, allora l’Anno-Azione, senza sconvolgere le sue solide fondamenta, sarebbe da immergere di nuovo nell’onnipotenza dell’Essere-UR.

139. Sul genere di un’ulteriore continuità deciderà un’unica Notte! Se invece giunge al predominio il primo Portatore delle fondamenta, mentre la libera volontà può essere trattenuta nei limiti della sostenibilità, allora l’Opera del Giorno rimane ulteriormente affidata al Sacerdote, e il flusso scorrerà nella terza camera del Cuore, nella parte di Dio. Con ciò verrebbe il tempo dell’affermazione per tutti i figli nati liberi.

140. In questa successione starebbero il sacrificio, il co-portare, la redenzione e la resurrezione verso la giustificazione interiore ed esteriore dell’Opera. Persino dopo un altro seguente ulteriore utilizzo della libera volontà, in nessun caso influenzerebbe minimamente la Mia meta! Infatti, il tempo, magari rimesso a una caduta, sta incluso preparato nel Tempo di ogni Giorno. Ciononostante, un atto ingiusto della Creazione non la dovrebbe espiare solo un Figlio del sacrificio, come non sarebbe nemmeno male se con ciò il tempo sprecato venisse compensato, mentre non potrebbe valere come aggiunto.

141. Oh, no, così non deve avvenire! Il riscattatore dal peso dovrebbe riparare sia l’azione, come anche il tempo a Me sottratto, su una giusta via d’espiazione. Di questo, nessuno sarebbe esentato! Che un tale tempo non significhi come uno aggiunto per l’eternità-ur, ovviamente, vi è chiaro. Per il figlio stesso, anche per gli altri figli, nel suo decorso sarebbe tuttavia un’eternità non prevedibile.

142. Ma ora qualcosa sulla serietà del nostro lavoro. – Se dovete dimostrarvi capaci al massimo, allora in anticipo ci vuole anche una parte della più sublime rivelazione. Ascoltate dunque: – L’Ordine è il fattore decisivo, come lo rivela già il suo segno, la bilancia, e tuttavia ho chiamato decisiva la Serietà! La primordialità presso quest’ultima, si fonda unicamente sulla continuazione, oppure sulla regressione dell’Opera-Azione. Tutti i figli soccomberebbero assolutamente alla regressione! Nella stessa misura, un proseguimento dell’Opera includerebbe anche tutto in sé, persino quel figlio che si fosse allontanato al massimo da Me, insieme alla sua parte di spazio e tempo, perché ambedue dovrebbero sperimentare una certa trasformazione.

143. Una tale continuazione non si baserebbe unicamente sul pensiero-portatore-sacrificio, bensì similmente, sul pensiero-accettazione-sacrificio. Solo la non accettazione di un Sacrificio-ur porterebbe con sé la definitiva dissoluzione dell’Opera-Azione, come in tal modo il ‘definitivo’ e un ‘senza diritto’ rimarrebbero squilibrati. Non si potrebbe quindi parlare di una regressione, …come detto prima. Una regressione non esclude una nuova formazione dalla stessa sostanza della Creazione.

144. Una dissoluzione deve invece rappresentare una completa ripresa dell’intero patrimonio del (Mio) Pensiero affidato al ciclo-ur. Questo non riguarda l’essenza-opera del Mio Essere-UR, che non subisce nessuna dissoluzione, poiché una tale dissoluzione sarebbe uguale ad una distruzione. Io sono eterno, ma non un distruttore, bensì in ogni tempo il Conservatore! Tuttavia, sottoporrei un’altra volta il Ciclo-Atto alle lotte uguagliatrici degli elementi-ur e ne creerei uno nuovo. La Serietà deciderebbe tra regressione e continuazione, il tempo della conservazione – nel Giorno dell’Amore – ma, tra la continuazione e la dissoluzione.

145. La seconda decisione ha tuttavia il suo Polo nel primo, per cui la Serietà come ‘ago della bilancia’ viene impiegata tra le caratteristiche determinanti: Ordine, Volontà e Sapienza da un lato, e tra quelle portanti di Pazienza, Amore e Misericordia dall’altro lato. Pertanto, prima di questo Tempo della decisione, non verranno impiegate le funzioni portanti, bensì solo quelle determinanti.

146. Chi crede che con ciò il carico sui due piatti della bilancia gravi da un solo lato, si sbaglia di grosso! L’unificazione segreta offre loro un illimitato sviluppo di Potere. Ogni frammentazione porta alla dissoluzione! La Serietà ha entrambi i generi proporzionati: essa è determinante e portante, sebbene col carattere puramente determinante dalle lotte degli elementi-ur. L’adattamento che l’Anno-Atto-ur deve compiere, si esprime secondo i due generi di qualità. La determinante deve sostenere proporzionalmente, quella portante; all’opposto, deve essere determinante. Con questo adattamento nessuno di entrambi i tratti fondamentali vengono sfiorati in nessun modo.

147. Pertanto: o tornare alla Divinità-UR, oppure avanti alla perfezione di figlio! La regressione è meglio della dissoluzione diventata necessaria. Infatti, dal ritorno è da formare subito del nuovo, al quale tutto il popolo dei figli avrebbe il suo diritto. Anche se con una dissoluzione, rimane il Mio segreto! Una diminuzione è sempre da inserire pure nella prima metà di un ciclo-ur, che anzi è il tempo della Mia espirazione.

148. «Che cosa è meglio adesso: la regressione, soprattutto dato che la Legge della libera volontà deve conservare il suo predominio, oppure una continuazione di sé, persino con il mettere in conto una dissoluzione?» – Questa è la vostra domanda del quarto Giorno. Ogni risposta sulle domande condurrà alla decisione. Ma prima che la riportiate, il portatore della Serietà deve arrivare al suo diritto dell’Opera. Andiamo all’aperto”.

- Il ringraziamento dei figli a questa rivelazione è silenzioso, santificato da UR.

[indice]

4/9 – La preghiera di Muriel ottiene luce su luce

149. Dal pozzo Egli attinge di propria mano dell’acqua nelle coppe, così come Egli stesso raccoglie anche i frutti più belli, ma anche i primi non sono pigri nel servirLo. Durante il pasto, UR indica ancora molto su ciò che è stato detto prima. I Suoi figli devono perfino essere i frutti più belli, da cui Egli vuol raccoglie dal Proprio albero-ur il frutto: il ‘COMPIMENTO dell’OPERA’!

150. Muriel si rivolge a Lui e dice: “O UR, miglior Donatore della vita, ci hai portato all’aperto perché devo ancora avere il mio diritto all’Opera, ma guarda, tutto è preparato nel migliore dei modi di ciò che era divenuto finora. Ho una domanda: ‘Come mai che Tu non irradi nessuna luce, Tu, la Fonte-ur di ogni luce, almeno, non come il Sole-ur, l’Opera più sublime delle Tue mani?’. Inoltre, il Tuo Sole indica due forze di luce a seconda dove ci troviamo. Quando Tu, Onnisanto, sei seduto sul Tuo maestoso seggio, allora percepiamo procedere dal Sole un’immensa vibrazione che muove tutto, anche il nostro cuore. Quando Uraniel Ti ha chiesto una volta di distoglierlo un poco, credevamo che non potesse dare mai una più vigorosa forza di luce di quanto era successo fino allora, ma adesso la luce e il raggio del Sole sono notevolmente aumentati. Non afferriamo questo miracolo.

151. Vorrei ancora rivolgerTi umilmente una domanda; ascolta benevolmente il Tuo angelo: – Ci hai chiamati i Tuoi portatori di luce. Io so che Tu, santissimo, sei il Tuo stesso primo Portatore della Tua luce! Tu dall’originaria eternità non hai bisogno né di una forma, né di un luogo o una posizione con cui, o attraverso cui, la Tua luce venga tenuta. Tuttavia, dato che ora hai creato il Ciclo-Atto, per noi ancor sempre inafferrabile, è per la Tua Legge eternamente fondata che i Tuoi figli abbiano la loro parte dell’Opera, corretta in tutte le cose.

152. In quale modo possiamo portare adesso la Tua luce, fuori nello Spazio e nel Tempo? Certamente non intendevi quelle forze interiori di formazione che – secondo l’Opera – si devono manifestare lentamente. Allacciato a questo, dovrebbe essere il portare fuori della sostanza visibile della Tua luce, come lo dimostra infatti il Tuo Sole-ur. Ogni Tua Opera, basata sulla consapevolezza di forza interiore ed esteriore, mostra così il progresso del Tuo creare.

153. Se dunque noi siamo come portatori della luce, le fiaccole del Tuo maestoso seggio, allora, fa che noi possiamo portare nella giusta attività di lavoro la Luce, come Tuo risplendente simbolo-ur, nella magnifica pienezza del Tuo Giorno. Mostraci come possiamo personificare la Tua luce. Io vorrei che il mio Giorno venisse benedetto tramite questa luce”.

154. “Hai parlato molto bene, Muriel”. Un sorriso sfugge sul santo Volto. “La tua conoscenza ci renderà gioiosi di lavorare. Sul raggio di Vita fondamentale, la Serietà riposa grazie al suo carattere determinante e portante, soprattutto il pareggio tra il genere interiore-eterico e l’esteriore-sostanziale, come fra il positivo e il negativo. Vi servirebbe poco riconoscere le Mie parole come le uniche giuste; con ciò non servirebbe a nessuno e a niente. Solo il loro riconoscimento, il loro senso nell’ottemperanza e nell’esecuzione, porterà all’Anno-ur il perfezionamento più alto possibile alla Mia perfezione-ur.

155. Questo adeguamento vale per ogni forma sorta interiormente ed esteriormente. Quindi non si può evitare di condurre la Mia luce secondo la Legislazione interiore ed esteriore nel futuro, al Giorno della Serietà, sotto cui cade anche il divenire visibile della luce del Mio Sole.

156. Con questo, vi ho indicato quello che il Giorno deve aspettarsi da Me, ma anche ciò che Io da te, dal portatore della Serietà. Inserisciti tra i maestri del Mio Cielo, e la tua Opera rimarrà una dei più sublimi Atti benefici nel ciclo-ur. Più avanti avrete bisogno di un ulteriore insegnamento”.

- Con un atteggiamento nobile e umile, Muriel-Pargoa vengono dinanzi a UR, e Muriel chiede: “Onnisanto-UR, lasciaci andare all’altare della nostra casa per andarvi a prendere la luce di questo Giorno. Dalla Tua maestosa potente Santità deve nascere ciò che la Tua Maestà rivela nel suo splendore, e nel quale Tu, eterno UR, operi nella Tua funzione di Sacerdote! Così la Tua Opera riceva la santificazione tramite la quale fluisca una volta ad una nuova, insospettata magnifica resurrezione nel Tuo Essere-UR”.

157. “Fa questo, Mio principe!”, dice UR.

- Che cosa e come avviene il divenire? Nell’imponente flusso, si riversa luce su luce, arde eoni di volte attraverso lo Spazio e il Tempo. I suoi confini rimangono del tutto smisurati. I cuori dei figli restano come fermi sotto questo peso di grazia.

- Il principe del Giorno, nuovamente venendo dinanzi a UR e chinandosi nell’adorazione, dice:

158. “Eterno-Santo-UR, eterno-unico e veritiero! Nel fuoco dell’altare ho visto il fasto della Tua alta Casa e – oh, miracolo su miracolo – il Tuo inspirare ed espirare, e come il Tuo cuore-ur dà questo ATMA alla sua unità e alle quattro camere del Cuore! Il Tuo flusso di vita, per noi eternamente inafferrabile, pulsava attraverso il Tuo Essere. O UR, …il Tuo mistero! Tutto era un respiro del Tuo illimitato Potere vitale! Tu, meraviglioso Regnante regale! La preziosità della Tua ricchezza mi sconvolge! Ora comprendo l’indicazione del Tempo: un nulla! E ciononostante, …un eone del Tuo eone-ur! Nella magnificenza della Tua rivelazione ho già visto là dove l’Ordine crea pianificando, il ‘compiuto’ della Misericordia: la Meta! In questa spanna incommensurabile hai circondato i Tuoi figli, o UR!”. – Il principe fa una pausa nel serio silenzio.

159. “Ho visto di più! Tu conduci l’Opera inconsapevole attraverso le Caratteristiche determinanti; hai radunato intorno a Te noi primi nel loro tempo, mentre per i figli sono tenuti pronti da prima i raggi portanti della Vita fondamentale, per cui verranno all’esistenza della vita solo nell’alta metà di questa irradiazione fondamentale (nel 6° Giorno/Amore). Quale pareggio! E Tu vuoi donare questa magnificenza, sebbene nell’attingere non è esauribile da nessun figlio, su una via che a Te sembra quella giusta, almeno da ciò, il flusso di benedizione. Se posso aiutare anch’io cooperando, allora, o UR, dà per questo la Tua santa riuscita! Questa sia ora la mia Opera!

160. OnniSanto, Tu sei il Punto-ur di tutto il Creato, e come Figura originaria Ti sei anche rivelato a noi come Creatore, come Sacerdote, come Dio e come Padre, l’Unico più sommo Rappresentante. Nel segno di ciò, hai posto come punto-centrale il Sole-ur, il quale dà alla Opere, luce e vita. Come hai però posto Sadhana come il Tuo più bel raggio riflettente, hai posto intorno a Te, noi angeli come fiaccole, così anche Spazio e Tempo devono avere il loro raggio corrispondente del Tuo Sole-ur: luci senza numero!

161. Intorno al Tuo Santuario costruisco la Città prevista; poi sette anelli di luce, rappresentati e guidati dai portatori delle Tue caratteristiche. Questi anelli si devono riempire con dei Soli come il riflesso dei Tuoi pensieri in un insospettata molteplicità, dando la Tua vita a coloro che ancora verranno: schiere di eoni di figli più che beati!

162. Nel primo anello i sette Soli-centrali-primordiali devono accogliere la luce del Sole-ur e nutrire ciò che ne segue. Il secondo anello si riempia con ventiquattro Soli-centrali, rispettivamente tre da noi otto primi (i sette più Sadhana), poiché vedi, o UR, noi possiamo portare molto della Tua pienezza, ma non potremmo mai essere creatori. Pertanto, questi soli devono raccogliere per noi i doni del Tuo Sacerdozio, della Tua Divinità e della Tua Paternità e continuare ad irradiare per noi dall’Ordine e dalla Volontà.

163. Rispettivamente tre Unità[19] di questi Doni secondo entrambe le fondamenta diano il numero dei Soli di questo terzo anello, la Sapienza. I portatori della Legge procedano dai 144.000 Soli-cerchio, che hanno da nutrire il successivo, l’anello-centrale (il 4°) della Serietà. A questo sia assegnato il settuplo (144.000x7) del numero dei Soli-centrali, e il loro settuplo (1.008.000x7) di stelle[20]. Infatti, questi luoghi sono preparati per le moltitudini dei Tuoi figli, o UR. Il concentrato di luce deve ancora – in modo previsto – generare tre altre Sfere.

164. La Pazienza popoli il quinto anello con Soli di luce di sette volte il numero dei Soli-centrali e di stelle del primo e del secondo ordine, tutto modulato sempre per sette volte. L’amore deve adornare nel modo più splendido il suo anello con soli di raggio che, elevati alla grande rivelazione dell’Opera-Figlio, abbiano ha da irradiare ovunque. Infatti, dall’eterna Fonte salgono tutti i pensieri dei figli, capaci di una libera vita consapevole. Nel sesto cerchio, agli ordini (del numero) delle stelle se ne aggiunga un ulteriore terzo.

165. In questo stesso Giorno c’è anche da pensare al settimo anello, della Misericordia, con la sua ‘pienezza della corona’. Io ho previsto questo: – La Misericordia ombreggerà sull’Amore, perché nel segno ‘AMORE’ possa esserci il Portatore del sacrificio! Dai soli-raggio devono sorgere sette volte dei Soli-cellula con i loro quattro ordini di stelle, in più, dei gruppi di mondi di stelle che, se necessario, possano servire ai figli nel tempo di una lotta di pareggio di entrambe le fondamenta della Creazione, se non ci fosse nessun adempimento nell’Anno-ur senza un Portatore del sacrificio.

166. Irradia! Irradia, o Sole della salvezza! Colma le prime quattro sfere del Giorno! Lascia risplendere la tua santa Luce di vita dalla tua eterna Fonte inesauribile! Sia fatto!”. Con le ultime parole, Muriel-Pargoa hanno elevato in alto le loro mani verso UR e verso il Suo Sole. Sono avvolti dallo splendore, loro stessi sono da vedere come raggi.

167. Uno spettacolo della Creazione senza eguali! Il Tempo in cui avviene l’AZIONE della SERIETA’ non ha nessun limite per le creature. Il Sole-ur lancia in modo eruttivo dei Nuclei ardenti, divampanti; si spingono simili a palle di fuoco nelle sette direzioni verso la prima sfera. Dopo una rotazione sfrecciante, i più magnifici Soli-centrali-ur vorticano intorno al polo del Sole-ur. Tuttavia, anche se questi immani corpi celesti costituiscono il Sole-ur nella sua forma e dimensione del raggio, dopo l’eruzione-nascita, questo non diviene né più piccolo né più povero nella sua luce. Come prima, esso sta nel santo apice dell’Onnipotenza-ur.

168. Le potenze dell’eternità-ur passano fragorosamente attraverso lo Spazio e il Tempo di questo Giorno della Creazione. Durante questo Atto sinfonico né UR né i primi assistono inattivi! No! Loro sono immersi nella più sublime attività concentrata. C’è da condurre la luce, c’è da annodare insieme i raggi. Prima che queste formazioni di luce sferiche, inimmaginabilmente grandi, possano incominciare la loro ordinata orbita come ‘Soli’, ciò che sta diventando deve essere governato ed assemblato dalla forza dell’Onnipotenza di UR, dev’essere consegnato alla sua destinazione creativamente benedetto.

169. Che cos’è per UR un Giorno della Creazione, di cui un Ora somiglia a milioni di anni di questa Terra? Una luce procede dall’altra. I soli partorienti diventano tanto meno più piccoli come non lo diventa una madre dopo la nascita del suo figlio. E come cresce il bambinello, così anche i soli e le stelle, finché la magnifica maestosa Volontà di governo di UR guida tutte le nascite di luce nelle orbite dei corpi celesti.

170. Si avvicina il Tempo in cui i primi quattro anelli si calmano ed appaiono disseminati di soli e di formazioni di stelle. UR si trova di nuovo con i figli sulla quarta collina. Loro, gioendo dello spettacolo di luce, osservano il panorama del cielo. UR vede davanti a Sé nello splendore di milioni di soli, un’Opera, una solamente tra la molteplicità delle sue Opere. Ecco che divampa attraverso di Lui un immane giubilo titanico, quando la piena misura del Suo Anno-Atto-ur si riflette nell’onnipotente splendore dei soli.

171. UR scioglie Sadhana e i principi-angeli dall’immersione dell’imponente avvenimento. Loro stanno accanto a Lui presso il pozzo e vedono l’Opera del Giorno con i cuori che battono forti. Ne hanno davvero fatto parte? Soprattutto Muriel-Pargoa si chiedono se questo regno di sfere di soli si è formato attraverso la loro parola. L’umiltà domina la loro conoscenza: unicamente da UR è derivata quest’Opera! Sì, …la loro umiltà risplende come la luce del loro Sole. Con sempre nuovo stupore contemplano i particolari, specialmente i Soli-centrali-originari. Ecco che vedono l’intero anello che gira intorno al polo-ur, ma, dei soli, ne vedono solamente sei. Dov’è rimasto il settimo?

172. UR sorride e dice: “Sì, cari figli, domandate a Muriel; è lui che ha fatto i soli e deve sapere dov’è capitato questo settimo”. e posa la Sua mano sul capo del principe.

- Costui, sopraffatto della suprema inaudita bontà dell’Altissimo, si accascia all’improvviso sulle sue ginocchia. Il suo capo è appoggiato al fianco di UR e, …lacrime, lacrime scorrono.

- Perché piange il principe della Serietà? Oh, se il sentimento di beatitudine non avesse delle lacrime, mai ne verrebbero piante! Nella casa insieme a Pargoa ha visto un’immagine del futuro, quello che un giorno futuro dovrà essere soppesato tra Creatore e creatura!

173. Ora vedono l’Opera prodigiosa in cui riposa già quella Grazia per quei figli che in un tempo futuro daranno l’ultima spinta! E inoltre, ciò che è più grande: UR, il Creatore di questa magnificenza, l’Eterno-Santo-UR, l’eterno-unico e veritiero, starà come loro pari, tra loro! Egli parla in modo così reale, dona il Suo cuore! Tutto questo fa piangere Muriel. Le lacrime sono santificate, poiché – miracolo su miracolo – UR raccoglie con le Sue mani tutte le lacrime, e le beve. Questo scuote tutti nel più profondo del cuore. Ed anche loro piangono.

174. Ancora in ginocchio, Muriel dice: “O UR, quanto è colmo il mio cuore! Tu sai ciò che mi commuove. Hai detto che avrei fatto io i soli? Con questo vuoi rendermi felice, ma essi sono sorti unicamente da Te, altamente lodato Creatore-UR! Lasciami essere, o Padre, fin dove percepisco il Tuo Potere miracoloso nello splendore di questi soli, unicamente un Tuo figlio! Guarda: sono Tuo figlio nell’umiltà!”

- Allora anche dagli occhi soavemente scuri di UR cade una lacrima e, …cade sul capo di Sadhana, che è in ginocchio accanto a Muriel.

175. Lui dice: “Angelo Mio, tu sei Mio figlio! Hai testimoniato per te e per tutti la più vera umiltà. Il miracolo ti ha reso piccolo; ma guarda, in questa piccolezza sei diventato grande, e così puoi assumere (la paternità di) quest’Opera, giustificata come fosse la tua, benché originariamente sia una questione Mia. Dalle Mie mani l’ho condotta attraverso le vostre. Come l’ha partorita il Mio cuore-ur, così anche i vostri cuori ne hanno partecipato pienamente giustificati. L’umiltà e le lacrime sono state il premio che voi avete pagato a Me per la parte della proprietà.

176. Ogni figlio potrà in un tempo futuro conquistarsi in modo facile la sua parte, e non dipenderà necessariamente dalla Grazia aggiunta! – Ma ora…”, UR deve sgravare i Suoi primi, “…Muriel, cerchiamo quel sole. Dì tu: dove lo hai inserito?”

177. Allora passa su tutti i figli come una liberazione. L’avvenimento-ur si allontana un poco, per la loro salvezza, e solo ora possono gioire del tutto.

- Muriel si siede sul bordo del pozzo, indica il primo cerchio di soli e dice: “All’inizio del ciclo-ur, le sette colline, simbolo dei raggi di Vita fondamentale, giacciono intorno all’Onnisantissimo, il polo-ur. Queste colline sono il primo flusso della luce del Sole-ur che ha creato da sé queste sette sfere di luce.

178. Vedete, se noi guardiamo a destra e a sinistra, i sei Soli girano alla stessa distanza l’uno dall’altro. Di conseguenza stiamo sul mio quarto Sole ed orbitiamo con lui e con gli altri intorno al Santuario. Le colline sono dei punti polari per i soli. Ora è dato l’esteriore; molto di più il nostro interiore deve orbitare intorno al Nucleo-ur, intorno ad UR stesso! Egli è pari alla vita primordiale, noi siamo le Sue forme di vita, quindi siamo presso e in Lui, ma Egli è con noi, e il raggio del Sole-ur rimane il simbolo del collegamento personale; quanto (al percorso fino alle) le dimore di luce e ritorno, così è fra noi e il nostro eterno-Padre! Dunque, diventiamo capaci di portarGli una volta un sacrificio di ringraziamento, un co-sacrificio come una parte della corona, di cui UR ha già annunciato qualcosa.

179. RingraziamoLo per il firmamento del cielo. Vogliamo adorarLo nello splendore sfolgorante di innumerevoli soli, come Gli è dovuto”.

- Allora riecheggia un canto di lode sia di Sadhana che dei cherubini e dei serafini, la cui forza smuove il cosmo. Poi regna un silenzio solenne. È tramite questo che UR risponde ai Suoi figli il Quale poi li invita e dice:

180. “Ora vogliamo esaminare l’Opera del nostro maestro della luce del Cielo (4° giorno), se magari risulta un errore del Regista. L’immenso numero che il nostro Muriel ha preso così semplicemente dal Sole-ur, richiede una Guida, ed è necessario che Zuriel con la sua sapienza, ma anche voi altri, siate d’aiuto”.

- Muriel chiede umilmente: “Signore, onnipotente Creatore: ho creato troppo?”

- E’ sorta una preoccupazione, per il fatto che ai primi manca ancora un lavoro del tutto proprio e la necessaria conoscenza?

- Di nuovo sfugge quel buon sorriso come un soave bagliore sul volto di UR. Con ogni simile sorriso, i figli di Dio rabbrividiscono. Sì, in questo si rivela il Potere fondamentale del Suo Essere.

181. Egli risponde: “Muriel, vedremo che cosa c’è ancora da salvare. Hai attinto ben profondamente nella Mia riserva, hai attinto a piene mani ed hai sparso il seme della luce nelle profondità, nelle altezze e nelle ampiezze. Ora esaminiamo se il Giorno ha del terreno a sufficienza. Anche i Giorni futuri hanno bisogno di spazio ed ampiezza per conservare le luci. Accogliete questo insegnamento: – Per ogni cosa, per ogni parola o per ogni opera, per quello che volete dare al vostro Giorno, dovete misurarne lo Spazio e il Tempo in cui avviene la vostra Opera!

182. Spargere abbondantemente una buona semenza assicura un ricco raccolto; tuttavia un ‘troppo’ del seme andrebbe perduto se il terreno coltivato non lo può utilizzare o portare, e inoltre verrebbe fatta violenza al campo, e con ciò nulla sarebbe fatto bene, la ricchezza andrebbe sprecata! Perciò osservate dapprima il suolo, poi il seme, entrambi sono qualità e quantità, se entrambi hanno le stesse condizioni. Il Mio Anno-Atto-ur porta del tìerreno coltivabile formato in modo molteplice, soprattutto tra il Mio popolo di figli, e si tratta di esaminare quale semenza è valida per quale terreno. Ma sta tranquillo, Mio principe-angelo, vedrai se sei stato un buon agricoltore”.

183. Ed è così. – UR conduce i Suoi primi attraverso il campo di luce, affinché ancor prima dell’andamento del Giorno possano condurre questa bella Opera della Vita come incaricati ed amministratori di UR. Il suolo dell’infinito – come anche un Giorno della Creazione – si dimostra come abbastanza capace a sostenere tutta l’incorporazione di luce.

184. UR spiega le costellazioni e le figure visibili, riconoscibili nell’immagine della loro forma rispetto alla posizione; inoltre le forme immense, costituite dalle differenti piccole forme, per il significato da dare a questi segni e quale effetto avrà più tardi con il gran numero di tutti i figli. Allora seguono miracoli su miracoli! Passano così delle Ore eterne fino a quando hanno attraversato l’intera Opera. Finalmente ritornano a casa sulla collina del quarto Sole-centrale-primordiale, nella casa della Serietà.

185. UR dice: Mia Sadhana e voi principi-angeli, questo Giorno è colmo con un lavoro significativo. Avete raggiunto molto, in e al di fuori di voi. Vi ho insegnato ad esaminare il campo del terreno e la sua capacità di portata. Sì, ora il Mio portatore della Serietà dice nel suo cuore: – ‘O UR, se Tu non avessi tenuto l’Opera e messo le briglie, chissà, che cosa ne sarebbe stato! Perciò sei unicamente Tu il Creatore di questa magnificenza di sfere!’. – Sì, figli, questo linguaggio, nella sua profondità è perfettamente giusto. Umiltà e conoscenza, completandosi, promuovono un buon frutto! Ve lo voglio anche mostrare subito.

186. Vedete, ogni Giorno era un Pensiero-Parola-Azione e conseguenza del pre-pensato nella quadruplice Creazione. Perciò l’esercito di luce sarebbe comunque sorto se solo l’avessi fatto sorgere Io, e voi, figli Miei, l’avreste fatto valere come spettatori, eventualmente come ‘ricevitori della Grazia’. Ma che cosa sarebbe il Mio guadagno, se tutto – dipendente dalla Mia mansione-ur – sorgesse nella forma rigida, consolidata, dove non verrebbero concessi nemmeno le pur minime variazioni? No, …allora l’Anno-Atto-ur sarebbe il purissimo modello di immagini pre-contemplate, e non vi sarebbe eternamente da parlare della Mia gioia e della vostra beatitudine.

187. Dunque, qui, in particolare il Mio principe di luce, prima che cominciasse la sua Opera mentre era inginocchiato presso il suo focolare dell’altare, ha equilibrato in sé la conoscenza con l’umiltà, ed ha ricevuto dalla mano della Mia Onnipotenza ciò che era da creare. Perciò ha potuto pronunciare nel senso creativo il ‘SIA FATTO’, nella costruzione di tutti i sette santi raggi di Vita fondamentale.

188. Voi altri avete assistito beati senza chiedere il perché il principe del Giorno ha potuto creare tali cose, mentre voi nell’ugual rapporto avete fatto sorgere poco, e in parte ancora niente. Bene! Sentirete quanto buono era il vostro ‘non-domandare’. Vedete, voi avete accoppiato con cuore puro, l’umiltà con la conoscenza, proprio come Muriel e Pargoa.

189. Così al lavoro del Giorno avete messo a disposizione delle forze vigorose, vitali. E credetelo certamente: ‘Questa era una parte della giusta Forza originaria, con cui il Mio quarto principe-angelo ha operato questa formazione di luce’. Voi tutti avete quindi collaborato com’è stato anche nel lavoro dei giorni passati. Il rapporto fra ciò che è stato finora, vi sembra impari. Sì, figli Miei, una casa è certamente piccola di fronte ad un sole, quasi scompare, ma è proprio in questo che si rivelerà il rapporto dell’interiore verso l’esteriore.

190. Va detto solamente, che se non esistesse dapprima il Mio Santuario nel Quale vi vivifico ed ammaestro, dal quale vi conduco nei Giorni della Creazione, nulla sarebbe sorto di ciò che si riversa su di voi nello sviluppo del fasto! L’opera-casa tramite Uraniel-Urea somiglia alla rappresentazione del Mio Santuario per tutti i Tempi dei relativi Giorni; attraverso questo penetrano anche le forze nell’Opera. Non vi è nessun ‘divenire’ che non provenisse dapprima dal Mio Santuario e poi attraverso le vostre case come giusta rappresentazione del Potere dei Miei sette raggi di Vita fondamentale! Anche il quarto angelo ha attinto dalla casa della Serietà tutta la forza per il creare, e da ciò, dal Mio originario Santuario.

191. Non è diverso con il lavoro del nostro maestro del pozzo e giardiniere (Michael), con il quale si è mostrato che voi sette avete reciprocamente parte in ogni creare. Notate ancora: la grandezza delle forme esteriori, non sempre corrisponde alle forme interiori! Un sole e un singolo frutto di un albero possono celare in sé le stesse potenti sostanze, dato che procedono dallo stesso autentico Amore! Invece tu, Mia amabile Sadhana, devi chiedere per ultima, perché tu stessa non devi creare questo o quello, perché vedi, in ogni opera è adagiato il tuo cuore!

192. Il Mio Spirito ha generato te per prima, con te intendo qualcosa di particolare. Sarebbe facile assegnare già ora a te una tua opera. Soltanto, per questo dovrei far fluire da ME una grande parte del Potere, e per te non sarebbe un’Opera co-propria come con i Miei principi. Vuoi prestare solamente dei servizi di manovalanza? Devo allora metterti su un piano inferiore, te, la Mia primogenita? Attendi con pazienza fino al tempo debito! Se sosterrai questa prova, allora non ti verranno affidate solamente dei singoli Giorni della Creazione, no, allora le tue mani devono operare ed essere del tutto racchiuse dalle Mie mani.

In te devono divenire tutti i figli:

la Mia perfetta Opera-figlio!

Per questo ti ho eletta.

193. A ogni figlio senza distinzione resta riservato di riportare il proprio io al Mio Io-ur. Tutti sono figli, con il più elevato attaccamento. I più piccoli, che affido ai grandi per la reciproca gioia, non mancano nulla in beatitudine e amore, anche se non creano soli e non possono guidare nessuna Opera del Cielo.

La completa unione con ME

pone tutti i figli nel Mio Cuore su un solo gradino,

sul gradino di ‘figlio’!

194. La Giustizia esige che i bambinelli piccoli non devono percepire nessuna piccolezza, gli aiutanti dell’Opera non devono sollevarsi. Nel futuro vi verrà perfettamente rivelato del perché ho creato l’esteriore grande e piccolo, ma nell’interiore unicamente due misure fondamentali: la Mia misura e quella del figlio.

195. Ora le questioni del Giorno sono da considerare più da vicino. Sadhana deve dare risposta alla prima domanda (v.65), Uraniel alla seconda (v.103), Muriel alla terza (v.123), e il settimo principe alla quarta (v.148). Poi ritorneremo a casa nel Santuario per l’ultima Ora della Sera, dove c’è ancora molto da fare come nucleo per la quinta Creazione. Magnifici sono nel loro splendore le luci che vanno attraverso il Cosmo; maestosi devono essere l’amore e la conoscenza dei Miei figli! Quindi parlate!”

[indice]

4/10 – Le risposte dei figli alle quattro domande di UR

- Sadhana va all’altare e guarda pensierosa nel chiaro fuoco. Al posto dell’incenso lei pone un ramo d’olivo nella fiamma, poi nella coppa del sacrificio e dice:

196. “Eterno-Santo-UR, eterno-unico e veritiero! Meravigliosa è l’Opera di luce e di vita delle Tue mani. Noi siamo una parte dell’Opera e possiamo comunque essere co-proprietari della stessa. Ci hai chiesto che cosa sarebbe più giusto: dare delle ali al desiderio che potrebbe portarci in ogni tempo nel Tuo Onnisantissimo, oppure rimanere nello Spazio che dev’essere condotto da noi? – Oh, guarda, altamente amato Padre della Misericordia, immergi la mia risposta nel Tuo onnimaestoso Essere-UR, e giustificala davanti al Tuo volto.

197. Tu sai quanto siamo eternamente spinti verso di Te. Anche nella lontananza abbiamo fatto ciò che Tu potevi aspettarTi da noi semplicemente, e noi sapevamo che Tu dimoravi con noi, benché non Ti vedevamo sempre. Non è una domanda facile, poiché entrambe (le risposte) sarebbero ben giuste, oppure – per noi ancora velato – ingiuste. Allora può decidere il nostro cuore; la spinta, il ramo del desiderio farà fiorire la verità.

198. Guardando TE, il nostro desiderio sarebbe giusto, attendere adorando nel servizio e nell’umiltà, ma giusta è anche la gioia di adempiere autonomamente le richieste di lavoro nell’Opera. Perciò dico: ‘Rimani con noi, o UR, e noi con Te, per quante volte sussiste la possibilità, nella Tua buona Legge fondamentale dell’Ordine, di poter contemplare il Tuo volto, ricevere la benedizione e servire Te nel raccoglimento’.

199. Se però ci mandi sul campo, allora incontreremo Te ‘OVUNQUE’ e saremo uniti con Te – nella Tua altrettanto eterna e piacevole vicinanza – come nel Santuario, poiché in TE siamo custoditi! Il Tuo orecchio sente le nostre voci; una preghiera Ti raggiungerà. Con il meraviglioso dono di poter essere co-aiutanti, anche nella lontananza, vogliamo essere ininterrottamente al servizio con gioia.

200. Con il Tuo aiuto, buon UR, il nostro desiderio diventi una forza per ogni lavoro che compiamo per mezzo Tuo, con Te e per Te. Nella lontananza, che dà nutrimento alla nostalgia, conservaci la fonte della Misericordia e dona sempre un lieto, benedetto ritorno. Il Tuo Santuario è la nostra patria! Solo dove si prega Te, nello spirito e nella verità, Tu edifichi un ‘Tempio negli oranti’! È con questa forza della preghiera che è da annunciare l’alto Onore della Tua casa.

201. Fallo Tu nella Tua inafferrabile Bontà, la più sublime Luce della Creazione, fino alla fine dell’alto maestoso Anno-Atto-ur. A Te sia il mio ringraziamento, o Santo, santo che Tu mi hai considerato degna di portare la prima risposta. Purificala nel Tuo carbonchio, prima che sia da stendere sul Tuo santo focolare”.

- Sadhana ha detto il vero. L’Amore di UR divampa nell’amore dei principi per la figlia più bella della Creazione. Piena di pura umiltà, lei si siede sul suo seggio da trono, affinché la ‘santa risposta’ giunga su tutti come benedizione.

202. UR dice: “Figlia del Mio cuore, le tue parole devono mostrarsi per il nostro Anno come benedizione comprendente tutti! Là dove Io vengo adorato nello spirito e nella verità, si deve mostrare il giusto ulteriore raggio del Santuario da dove sono da governare molto bene le Opere, e ogni Azione che ne deriva è una rivelazione della Mia luce! In verità, la benedizione che Io ora unisco con la risposta della Mia Sadhana, creerà delle Opere ancora più magnifiche di come lo è già un sole! Per la Mia gioia nella risposta, aggiungo alla benedizione pure una parte di Bontà per ogni Giorno in cui la Legge della libera volontà fosse rivendicata senza alcun diritto, perché attraverso le conseguenze di tali effetti, molti figli, che si allontanassero da Me e pure quelli che si trovassero nell’incarico oppure nel libero servizio, vivrebbero come ‘in un paese straniero’.

203. In entrambi i casi la benedizione deve poi diventare una grande guarigione. Il Mio Spirito e la Mia Verità si riveleranno come ‘consolatori’! Chi riconoscerà questo consolatore in un paese straniero, vivendovi ingiustamente oppure giustamente, a costui lo spirito e la verità costruiranno un tempio nel cuore, il quale rimarrà eternamente esistente nel Mio Santuario.

204. Figlia Mia Sadhana, attieniti saldamente a questa benedizione, poiché le prove caricate su di te sono particolarmente difficili. Tuttavia ti sei assicurata un tesoro della cui forza hai bisogno. Anche voi principi ne avete la stessa parte, e un giorno, tramite voi, tutti i figli. Se una volta si troveranno di fronte, ‘l’essere’ e il ‘non-essere’, allora ricordate il promesso ‘Consolatore’. Egli sarà con voi! – Ora il portatore dell’Ordine deve dare la sua risposta alla seconda domanda del Giorno. Sappiate anche che è già un pre-raggio della decisione di ciò che può condurre l’Opera indietro oppure alla sua fine magnificamente pensata”.

*

205. Uraniel-Urea si fanno avanti. Calmi e con grande forza prendono dall’altare un ramo di palma e ne fanno ciò che ha fatto Sadhana con il ramo d’ulivo.

- Uraniel dice: “Eterno-Santo-UR, eterno-unico e veritiero! Quando il Tuo Nome altamente lodato sale nei nostri cuori, allora è come la Tua fonte che fa salire dei misteri-ur. In ciò percepiamo la Tua Onnipotenza. Dalle Tue sette caratteristiche, dalle quattro parti rivelate del Tuo Essere, sorgerà ancora qualche Nome della Tua potente magnificenza e maestosità. Tuttavia sono racchiusi tutti nell’unico Nome-ur che regge delle infinità!

206. Sommo Sacerdote Melchisedec, nella casa della Volontà ci hai chiesto quale Caratteristica-ur dev’essere la dominante, affinché giungesse anche questa alla maturità nel caso in cui la libera volontà venisse elevata ad oppositrice delle condizioni. Sarebbe davvero da spostare nell’Atto-culmine solo uno dei Tuoi raggi di Vita fondamentale?

207. L’Opera sta sull’Ordine, la Serietà esige il suo procedere, la Misericordia il suo incoronamento! Queste tre sono di più che la Volontà, la Sapienza, la Pazienza e l’Amore? Oppure, non sono tutte un ponte che conduce dal figlio al Padre? Ma a cosa serve un ponte, se non esistessero i pilastri? A cosa i pilastri, senza la passerella? Io vedo che l’Ordine, la Serietà e la Misericordia sono i tre pilastri tra il Creatore e la creatura, tra il Sacerdote e lo spirito, tra Dio e l’anima; mentre la Volontà, la Sapienza, la Pazienza e l’Amore sono la passerella per il Padre e per il figlio!

208. L’intero ponte – pilastri e passerella – non si può costruire se non viene eretto dapprima il giusto pilastro, il ‘Diritto del motivo-ur’ dall’Ordine! Quindi questo sarebbe il primo dominante fondamentale. Sulla Serietà, come pilastro centrale, riposa l’intera distribuzione uniforme. Il suo telaio offre al ponte il sostegno e deve poter portare anche il pesantissimo carico dell’Opera. Quindi la Serietà sarebbe dunque come ‘l’Essenza-ur di base’, il secondo dominante fondamentale di pari rango.

209. Tu, Eterno-Buono-UR, hai detto della Misericordia che è da considerare – soprattutto per mezzo dell’esatto utilizzo della Legge della libera volontà – come dominante fondamentale. In essa giacerebbe il ‘collegamento dell’ultima volontà’! Un figlio, potrebbe mai giungere a Te, se la Misericordia non fosse il terzo pilastro, il sinistro, del ponte, il ‘Punto d’appoggio’ presso la riva della beatitudine a cui ogni anima deve guidare la sua navicella? Sì, il Giorno della Serietà deve lasciare un particolare predominio alla Misericordia. Dunque: tre Caratteristiche si evidenziano, quelle che Tu hai suddiviso come i punti-base-ur di ogni meta.

210. Osservate nello stesso rapporto le quattro Caratteristiche per la parte della passerella. Il loro diritto di causa-base non è meno importante, perché esse offrono un’immagine sulla Tua quadruplice-Entità posta in alto. Nondimeno, la Misericordia è la signora (padrona di casa) più nobile, non perché sia la maggiore, bensì perché porta alla conclusione l’Opera e conserva per Te il VIVAIO. Invece, nel senso dell’Entità-UR, tutto è da trasmettere ad ogni Giorno della Creazione, non vi deve mancare nessuna parte, nessuna dev’essere rilevata, perché altrimenti non esisterebbe nessun ‘Ponte intero’. Il perfezionamento dipende perciò dalla propria conoscenza e dall’equilibrata accoglienza del Tuo Essere-UR.

211. Ogni Caratteristica offre la propria beatitudine, ma se per un figlio diventano importanti anche le altre parti del Cielo, allora noterà come in precedenza ha tracciato da se stesso uno stretto confine. Infatti, chi vede e riconosce Te, o UR, nei maestosi quattro tratti dell’Essere e nelle sette Caratteristiche, chi adora la Tua totalità nello spirito e nella verità, raccoglierà la grande beatitudine come ricompensa e dono! Perciò vogliamo portare alle Opere la più sublime benedizione preparata da TE rivelando l’unità del Tuo Essere e scrivendo noi stessi saldamente quest’unità nei nostri cuori.

212. Se la Serietà porta a un punto di svolta, allora sia anche la dominante fondamentale nel suo Giorno, soprattutto come caratteristica determinante e portante, ma nessuna deve possedere il predominio esclusivo nell’Opera-ur! Il punto-base-ur del Tuo Ordine, l’essenza-base-ur della Serietà e il compimento-base-ur della Misericordia sono da considerare come pilastri soltanto per via dei figli, come sostegno di quella passerella che conduce a Te!

213.  Come Tu riveli pienamente il Tuo Essere, come il Tuo Sole invia tutti i suoi raggi, così noi vogliamo portare avanti in modo perfetto ciò che Tu ci hai dato perfetto in anticipo! Nel servizio, onnisanto Melchisedec, i nostri cuori, le nostre mani, lo devono restituire a Te. Questa è la nostra meta!”

- Uraniel, che con Urea ritorna al loro seggio da trono, ha parlato in modo giusto? – L’interezza di UR si lascia dividere? Le parti dell’Essere, si lasciano unire completamente?

214. UR dà la risposta: “Mio principe-angelo, il tuo paragone del ponte deve valere fino alla fine del Ciclo-Atto-ur, così come la parola della Mia cara Sadhana, del tempio della vera adorazione! Questi sono delle prime pietre dell’Opera nelle quali chiudo tutte le Caratteristiche. La Misericordia copre quando dei figli credono di sperimentare piene beatitudini secondo la maturità, anche se difficilmente riconoscono quella Caratteristica. Tuttavia devono partecipare a tutte e sette, se a tali figli si devono aprire gli occhi. Solo allora un figlio ammetterà stupito che il suo Cielo di beatitudine era un frammento di ciò che spetta ad perfezionato.

215. Nella tua risposta pongo la benedizione del desiderio, che da ogni parte del Cielo-benedetto ci si conduca al Cielo-perfetto nel quale si comprenderà il Mio Essere-UR. Subito dopo si avvicinerà il perfezionamento dalla benedizione dell’Ordine, accordata alla tua risposta. Ora vieni tu, principe di luce della Serietà, e porta anche la necessaria parte della benedizione attraverso la giusta risposta operativa, affinché il tempio e il ponte diventino l’eterno segno della promessa!”

- Muriel-Pargoa si recano all’Altare e, seguendo l’esempio di Sadhana, prendono un frutto, lo tengono nel fuoco per la consacrazione e poi lo pongono nella coppa del sacrificio.

*

216. Muriel dice: “Sommo Sacerdote Melchisedec! Maestosa è la Parola dell’onnipotenza che le Tue Opere richiamano da Te; meraviglioso è il punto di svolta come terza domanda del Giorno per Spazio e Tempo, il cui nocciolo è radicato nella Tua Opera-Figlio! L’Ordine ha giustamente riconosciuto la Serietà come pilastro centrale d’equilibrio del ponte del perfezionamento, poiché come dominante del Giorno decide lui quale Portatore delle fondamenta può ricevere il predominio secondo la Legge. La terza domanda è fondata nella Tua terza Entità, quella parte del Tuo Cuore divino da cui è da attingere la risposta come ferma polarità del Potere e in cui fluisce l’Atto-benedizione.

217. Prima di affidare la nostra offerta del co-sacrificio ad uno delle due fondamenta, è da esaminare se il Portatore del sacrificio risorge esclusivamente dalla parte del Tuo Cuore divino. Rimane aperta la domanda tra: se lo debba partorire la Pazienza oppure l’Amore. Avanti oppure indietro, …lo esige il Tuo Spirito creativo. L’avanti prende in considerazione un Portatore del sacrificio, benché non nella più assoluta conseguenza. Se venisse nel punto centrale della Creazione, dei figli, allora solo lui avrebbe il diritto di dissolvere l’Opera oppure di adempierla. Un indietro potrebbe allora mettere un’altra conseguenza al compimento, se sia quella della figliolanza, non è ancora prevedibile! Alla Serietà, come Spirito di protezione, spetta la protezione della Santità in entrambi i casi!

218. Tu, o Sublime, hai trasformato la nostra disponibilità al co-sacrificio in una benedizione permanente. Qual benignità della Tua sovranità per i figli! E ora io, un figlio, devo decidere il corso che è da intraprendere? – O UR, hai caricato dei gravi pesi sul Tuo portatore della Serietà; unicamente per questo, …Tu lo hai anche benedetto!

219. Valutare se la Legge della libera volontà si affermerà, nonostante l’utilizzo del predominio, indica la grandiosità della Tua azione!

La vittoria poggia nella libertà della Legge,

la Tua Meta, …nella vittoria!

220. Chi Ti impedisce di riprendere l’esistente nel Tuo grembo d’onnipotenza? Nessuno esige da Te di renderne conto, poiché, …Tu sei UR!

221. Non esiste nessun giusto equilibrio tra il procedere e la ripresa, perché sull’essenziale condizione dell’adattamento della libertà alla Tua propria Volontà-ur, l’Opera-Figlio giunge all’alta meta. Nella Tua magnificenza, nella Tua luce, nella contemplazione delle Opere interiori ed esteriori attraverso di Te, arde il giubilo dell’Onnipotenza! Non ne hai portato in Te nessuno maggiore! Il precedente era solamente un riflesso di quel giubilo che suggellerà l’alta maturità dell’Anno-Atto-ur. Sì, il Tuo giubilo della luce s’imprimerà poi sul Cielo delle sette sfere. In verità, nonostante i fardelli della Creazione, il Tuo Sole pieno di Grazia illumina il nostro cammino.

222. Hai considerato due volte la Tua Opera, o Santo! Santo nel Pensiero e nella Parola. Entrambi erano perfetti! Nuovamente si trovano di fronte due ancoraggi: la quadruplice Entità e le sette forze dei Sensi. Nella conseguenza immediata l’Opera-Figlio ha una ‘Fondazione doppia’, e questa Scrittura della verità rimane un’eterna incisione! Pertanto, ogni Portatore delle fondamenta deve arrivare allo stesso ‘diritto di sovranità’ e procurare la sua ‘sovranità della conservazione’ attraverso il Portatore del sacrificio per le prime fondamenta, e attraverso il Portatore del co-sacrificio per le seconde fondamenta, se una volta venisse pretesa la libera volontà in modo illegittimo.

223. Con ciò sarebbero garantite la base, la meta, come anche l’equilibrio del diritto delle fondamenta della Creazione. Il Portatore del sacrificio dovrebbe formare in Sé, quale ‘Figlio‘, la Volontà, la Sapienza, la Pazienza e l’Amore, e i suoi sostegni sarebbero l’Ordine, la Serietà e la Misericordia. Infatti, Uraniel su queste quattro ha indicato la passerella per i figli.

224. Guardando al futuro, l’Ordine ha dato l’anello di chiusura a tutto il divenire della Misericordia, attraverso la quale il perfezionamento riceverà la più sublime cristallizzazione. E noi, i portatori delle Tue caratteristiche, ci inseriremo come un anello intorno alla Tua Santità, finché la Legge della libera volontà data a favore dei figli, formi l’armonia della Creazione per le Condizioni esistenti per il Tuo Diritto.

225. Posa la risposta proporzionalmente distribuita su tutte le Caratteristiche nella santa fonte della Mezzanotte, e finché passeranno dei Giorni attraverso l’Anno-Atto riccamente benedetto, fino ad allora non verrà inventato nulla di più delizioso che lo splendore della luce di questo glorioso finale! Senza interruzione sia a Te, eterno Sacerdote delle Tue Opere, il nostro ringraziamento!”

- Come in segno di una conferma tenuta segreta, il principe della luce va verso il suo seggio del trono con le mani aperte. Muriel-Pargoa portano il dono della corona palesemente incontro all’Opera-Figlio.

226. Dice UR: “Principe della Serietà, hai pronunciato la decisione più difficile, ma la migliore, poiché ora il sacrificio della Creazione riposa unicamente su di Me! Non lo dovevate sapere prima, finché non fosse avvenuto liberamente per i figli attraverso la Serietà. Voi, generati dall’Ordine, dalla Volontà, dalla Sapienza e dalla Serietà, nati dalla Pazienza, dall’Amore e dalla Misericordia, potevate giungere alla conoscenza di questa irrevocabile conseguenza pur senza esserne guidati.

227. Al ‘tempio della preghiera’ e al ‘ponte di collegamento’ aggiungo la ‘benedizione del Sacrificio’ conquistata ora. Chi volesse un sacrificio immutabile sotto il cui Raggio diventa un co-aiutante, diventerà da ricevente della benedizione in un portatore della benedizione. Perciò anche qui due tendenze di base: il Portatore del Sacrificio e i portatori della benedizione! Come il primo, attraverso il Sacrificio donerà la redenzione, così i secondi daranno la benedizione a coloro che non vorrebbero essere co-portatori nell’alto senso del termine. Sull’essere co-portatore saprete tutto il necessario più tardi.

228. Manca ancora la risposta alla quarta domanda che si è richiesta nella casa della Serietà e la cui soluzione è affidata alla Misericordia. – Vieni, settimo, dalla sublime corona delle Mie fiaccole! Metti la tua risposta nel fuoco, la Serietà la saprà apprezzare”.

- L’angelo il cui nome è ancora in UR, si fa avanti, uniti in cherubino e serafino. Lui afferra il calice di UR, la cui acqua risplende limpida dal pozzo della Serietà nel fuoco dell’altare, lo mette nello stesso, ed ecco, …l’acqua diventa rossa nella coppa del sacrificio, dal quale salgono in alto in un chiaro incenso tre segni (ancora) sconosciuti ai figli. Il principe della luce (della Misericordia) dice:

229. “Come quarto portatore della risposta sto davanti all’altissimo Signore del Potere, della Forza, dell’Autorità e del Vigore. Io ho posto il calice della vita, di UR, nella fiamma della Serietà, davanti al cui altare può diventare valido in seguito a un Sacrificio. Ecco, era sangue! Sangue, che scorre dal cuore attraverso il corpo e si riversa di nuovo nel cuore. O maestoso Simbolo-ur!

230. Come rappresentante della Misericordia, l’ho versato nella coppa del sacrificio. I segni a noi sconosciuti sono quelli dell’Onni-Forza che uniscono la decisione e il suo adeguamento, di cui Tu, Eterno-Unico e Veritiero, ne hai rivelato i raggi fondamentali. Era la Tua Serietà, sommo Sacerdote Melchisedec, di impiegare le due fondamenta per la continuazione dell’indescrivibile, magnifica Opera-Figlio, perché in ciò riposa ogni adeguamento della polarità, il suo consolidato tutto.

231. L’organizzazione delle fondamenta esige un tutto secondo l’Opera: piena accettazione, oppure pieno rifiuto! Questo aveva già la sua immagine, quando in Te, maestosa Onnipotenza, lottava la Tua Maestà fra ‘Mio’ e ‘Potere, Forza, Autorità e Vigore’. Il rifiuto dell’Opera della libera volontà non porterebbe a TE nessun su né un giù, poiché il Tuo Nome significa ‘Eterno-Eterno’! Nell’originario imponente flusso del Tuo Potere, crei per Te del nuovo, dell’insospettato.

232. Nel terzo Anno del Ciclo-Atto un rifiuto toglierebbe inevitabilmente la beatitudine ai figli, la cui radice nutre la Misericordia. La Tua parte di Padre, o UR, può gettare un ultimo nella bilancia della Creazione. Unicamente la Misericordia starebbe al centro della sua essenzialità Paterna. Deve, la Magnificenza della sua Grazia, rifluire nell’Essere-UR senza giungere affatto alla manifestazione?

233. Davanti a me sta l’immagine, gravata dall’onere: ‘il SACRIFICIO’! Quando il secondo delle due fondamenta vorrà innalzarsi in modo cattivo contro le Tue condizioni dal Diritto. Una possibile inevitabile dissoluzione non toglierebbe poi solamente a noi l’esistenza e la Vita, bensì toglierebbe a Te, o UR, un’Opera dalle Tue mani! Comunque, il rifiuto starebbe da solo; invece la continuazione dell’Opera-Figlio, fondata sul dono del Padre adagiato sulla Misericordia, avrebbe un sommo Aiutante. L’Aiutante è quello stesso aiuto che può porre un’immutabile simile-adempimento!

234. Davanti alla perfezione-Figlio! Questo suona così: il Tuo dono-di-Padre, un tratto fondamentale della quadruplice Entità, uno ‘vero’ per i figli, nel simbolo dei tre segni dalla coppa del sacrificio! Anche un Sacrificio-ur soppesa tutte le lotte, considerando un perfezionamento del figlio. Quello che adesso ritornerebbe di nuovo a Te, o UR, non sarebbe certamente nessun errore, ma nemmeno un guadagno, a meno che Tu non prendessi un nuovo Seme del guadagno dalla Tua Onnipotenza. Se la Serietà ha determinato che entrambe le fondamenta sono continuative e nella Maestà sovrana un Sacrificio possiederebbe il diritto di un intervento, allora il dono della Misericordia non sarebbe preparato invano in modo così ricco!

235. Per questo, il Padre guarda al perfezionamento visibile come corona nello Spazio e Tempo, il lavoro delle Sue mani: il più alto possibile adeguamento dei figli al Suo santo Io-UR! E’ questo che la Destra del Padre tiene saldamente come continuazione dell’Opera e la Sua Sinistra, proprio, il perfezionamento. Con entrambe le mani Egli apre e chiude il Suo libro dell’Opera all’inizio e alla fine di ogni singola opera. La Sua Parola è veritiera; Egli mantiene certamente la promessa della Misericordia! A Lui, al Padre-UR, siano la lode, la gloria, il ringraziamento, la fama, l’onore, la fedeltà e la nostra adorazione. Eterno! Eterno! Amen!”

236. Raggiante, lui stesso un simbolo della fedeltà, il principe del Regno si trova tra UR e i primi, tra il Maestro dell’Opera e l’Opera. La solennità del maestoso silenzio grava altamente benedicente su Sadhana e sugli angeli, riposa in modo sacrificale su UR. Quanti Secondi di eternità beve il silenzioso sigillamento di ciò che è stato presentato? – Dopo che il portatore della settima fiaccola ha preso possesso del suo seggio da trono, UR si alza. Un’infinita maestosità arde sul Suo volto. Dalle rose bianche e rosse che i figli hanno messo a destra e a sinistra del Suo trono la Sera precedente, Egli ne spezza rispettivamente un fiore, e fa come hanno fatto i Suoi primi.

237. Dal Suo sacrificio sale un fumo d’incenso diritto, formando prima un tetto poi una cellula, la quale circonda Padre e i figli nell’eterno simbolo di unità. I primi sentono il dinamismo che il mistero fosse ancora da risolvere, perché l’Azione-ur pretende la soluzione da ogni figlio personalmente, non importa come e dove viva, come e dove incontrerà l’Eterno-Santo. Il mistero si rivela ad ognuno nel suo co-portatore. Chi ne attingerà le forze consolatrici, otterrà il timbro della preghiera, il ponte di collegamento e la benedizione dal Portatore!

238. UR rivela: “Dalla Mia fonte un’alta luce inonda la fine di questo Giorno, la trasporta attraverso la Mia Notte; e la fonte e la notte continuano a formare il delizioso Anno-Atto-ur. Anche la vostra perfezione finale, voi, portatori del Mio Regno, giace del tutto nelle Mie onnipotenti mani, lasciata del tutto a Me. Eternamente ha la sua sede della corona nella sobrietà del Potere di UR! La magnifica Legge della libertà assegnata ai figli può giungere definitivamente al predominio, in opposizione al primo dei due Fondamenti; una tale ‘caduta’ potrebbe mettere il Regno in subbuglio, potrebbe voler distruggere un Giorno della Creazione, poiché, …vedete, nel gioco finale sarebbe inutile, poiché nulla può svincolarsi dalle Mie mani!

239. Io rivelo uno dei tre segni come una Scrittura dichiarata, offerta indelebilmente dal settimo angelo. Quanto certamente lo riconoscerete, così certamente si adempiranno la Parola e la Scrittura, promessi da ME nell’Ora decisiva di questo Giorno.

240. Una Corona! Il suo puro oro è il garante di questa Parola: prima che l’Anno-Atto-ur sperimenti una dissoluzione attraverso la completa rivendicazione del libero arbitrio, IO stesso voglio diventare il sublime e primo Portatore del Sacrificio! Il Mio Sacrificio deve redimere una caduta ancora più profonda! Come ‘benedizione della Corona’ la Misericordia otterrà il dono di scambio dal Potere della Mia perfezione: il beato perfezionamento dei Miei figli!

241. Come sommo Sacerdote Melchisedec do questo santo Pegno dalla Mia parte di Creatore e di Dio, alla parte del Padre. La do anche a te, Sadhana, per l’Opera, a voi primi per i figli. Nel fuoco del Mio santo focolare e nelle sette fiaccole del Mio trono, in un tempo futuro l’incoronamento sarà la base per il successivo ciclo. Fate attenzione a ciò che succederà adesso”

242. Si sente un soave fruscio, i figli si sentono sollevati e presto stanno davanti al santo focolare, e l’Onnipotente siede sul Trono. Egli dice: “Solo in questo luogo è da imprimere il sigillo alle Mie parole. Tengo le Mie mani nel Mio stesso fuoco”.

243. E i figli vedono – profondamente sconvolti – che le Sue mani diventano una Corona, e queste cingono Calice e Croce. I due ultimi Nomi e il maestoso simbolismo sono ancora coperti, ma che in ciò sono compresi il sacrificio e il sigillo, lo sentono quasi in modo opprimente. Allora s’inginocchiano, posano la loro fronte pulita sul tappeto bianco ed attendono, rabbrividendo continuamente per ciò che succederà.

244. “Immergo le Mie mani nella coppa del sacrificio”, continua l’Onnisanto. (la coppa era stata fatta scendere sul fuoco del focolare da una mano invisibile) “Dispongo i vostri rami della vita offerti, nella Mia creatività, che adesso nella Scrittura e una volta nell’Atto, sigillerà la vera promessa della Mia Parola!”

- UR tiene i rami fioriti sul fuoco e nella coppa del sacrificio e li posa immutati intorno al libro della Creazione. Dopo chiama Sadhana e il portatore della settima Caratteristica, fa loro tenere il Libro aperto e vi scrive con una penna d’oro la Sua Parola data nella Casa della Serietà. E così sta scritto:

245. Io, l’Eterno-Santo-UR, l’eterno-unico e veritiero, nella Mia Volontà, affinché il Mio Anno-Atto-ur non sia più dissolvibile, Io voglio, se la Legge della libera volontà venisse ingiustamente rivendicata e fosse possibile la dissoluzione della Mia Opera-ur iniziata nel modo più magnifico, con cui verrebbe provocata anche una dissoluzione di figli rimasti giusti, voglio Io stesso essere il più sublime e primo Portatore del Sacrificio! Io lo voglio! E poi, inclusi in questo Sacrificio, voglio redimere l’intera Creazione, tutti i figli, del tutto particolarmente anche quel figlio caduto più o meno profondissimamente, attraverso il quale una dissoluzione potrebbe diventare la conseguenza di un atto illegale! La Mia Parola deve portare come sigillo un segno della corona. La corona è il garante per la Mia Parola pronunciata, scritta, sigillata e, con ciò, eternamente vera! Questa è la Mia benedizione della corona, che Io do affermativamente ad ogni figlio, in eredità come magnifico Testamento!

246. UR tiene la corona nel fuoco del focolare e l’imprime come sigillo al centro sotto il testamento scritto. Dopo di che consegna a Sadhana la penna d’oro; lei scrive il suo nome a destra del santo sigillo, il settimo principe della luce a sinistra il suo nome finora sconosciuto. Gli altri principi scrivono i loro nomi liberamente. Così risulta la seguente immagine:

 

U R  -  ‘CORONA’

Gabriel - Pura

Sadhana

Uraniel - Urea

Michael - Elya

Zuriel - Helia

Alaniel - Madenia

Muriel - Pargoa

Raffael - Agralea

 

247. Al centro della corona risplende – firmato – l’alto-sacro nome ‘UR’. E’ stato sigillato da Se stesso. Al di sotto, come condizione inevitabile, si trova la Serietà, e sotto questi, l’Amore che porterà il Sacrificio. Per la forza del diritto del Testamento, la Misericordia richiede l’Ordine e la Sapienza. Del perché sotto il nome di Sahdana stanno scritti i nomi della Volontà e della Pazienza, lo rivelerà quel Giorno in cui il Testamento di UR esigerà l’Atto del Sacrificio. Quindi, sta magnificamente sigillato, un Documento nel libro della Creazione! L’eterna incisione di UR! – Non si deve dunque adempiere?

248. Un divino silenzio ardente pulsa attraverso Spazio e Tempo, del divenuto e del divenire, dell’educazione e del compimento. – Ora i primi possono camminare da soli attraverso l’Opera del Giorno fino al quarto anello del Sole. Per il loro procedere autonomo richiedono umilmente la benedizione nella casa di Muriel; ma dall’Opera ritornano direttamente nell’Onnisantissimo. Quando entrano, UR non c’è. Sadhana predispone di portare dal boschetto dei differenti rami verdi per abbellire la Casa del Padre, per il loro Dio, il loro Sacerdote e Creatore, per il loro UR, che amano, soprattutto con onore.

[indice]

4/11 – Le considerazioni finali alla sera del quarto Giorno

249. Quando hanno terminato, gli angeli-sacerdoti sentono la chiamata interiore: ‘UR ritorna dalla Sua ricca Opera del Giorno; vuole donare ai primi la Sua Sera di festa!’. Lo incontrano presso la porta Ephata. Non si può quasi determinare il peso della gioia del Padre e dei figli. Quando Egli vede l’abbondante decorazione d’amore tra le quattro potenti colonne, sorride. Un ‘grazie’ ai Suoi aiutanti, i quali sono ancora colmi della gioiosa attesa. Egli ha previsto anche questo, ma ora gusta la loro gioia. Si reca sul Suo trono e dice:

250. “Figli Miei, Io conservo in Me il vostro amore, ma c’è ancora qualcosa da mietere. Presso Zuriel eravate convinti che i Giorni fino ad allora si sarebbero mostrati quasi uniformi, perciò vi ho nuovamente inviati al lavoro. Avete agito bene ed ottenuto una visuale più ampia. Ora vi domando se vi è piaciuto questo Giorno e – a parte delle cose fondamentali – se i Giorni si somigliano.

251. Guardatevi adesso una volta indietro fino al primo Mattino, allora non sarà difficile constatare i fatti. Vi accorgete che non vi ho eletti per nulla solo come spettatori e riceventi delle Mie Opere, bensì, più sono proceduti i Giorni, maggiore era la vostra collaborazione in tutto ciò che è sorto. Questo rende già differenti i Giorni della Creazione. Inoltre, ciò che sorge, forma ogni Giorno per sé. Sì, ora siete colmi di lode e ringraziamento, tuttavia, ascoltate ancora di più:

252. Su voi stessi potete misurare le più grandi differenze di ciò che giace nell’ambito dello sforzo educativo. Ogni Mattino vi ha riportato la vita, il crescere insito nel nuovo Giorno. Ciononostante, non avete mai percepito una monotonia. La pienezza sempre nuova ha risvegliato in Uraniel la preghiera per un cuore grande per la raccolta di tutte le preziosità. Questo viene operato dalla Legge della vivacità, perché Io continuo a rinnovare sempre ciò che una volta è fluito attraverso la Mia fonte primordiale della Mezzanotte. Ogni Giorno che è pronto vi viene immerso, e ogni Mattino lo faccio risalire. Proprio questa costanza, fondata su ciò che è preceduto, rivela l’innumerevole molteplicità dell’ETERNO-UR!

253. Vogliamo aiutare anche il quarto Giorno della Creazione, che è provvisto con molta magnifica Luce, all’edificazione, alla direzione e all’andamento fino alla sua meta, poiché quando suoneranno le campane della Sera, l’Opera di noi tutti dev’essere compiuta. Voi, cari figli, avrete inoltre contribuito con il vostro, fedelmente e da bravi, e ora per la prima volta dico: ‘Avete agito bene!’. Nel Testamento della Creazione ho investito in un elevato valore la ricompensa per la vostra fatica! La sua rivelazione è la ricompensa di base, la vostra firma gli interessi. Così siete diventati dei co-portatori della Creazione, dalla cui posizione di base si conquista a diventare co-portatori del Sacrificio. Una ricchezza unica! Sì, figli Miei, Io sono molto ricco!

254. La domanda del Giorno-Anno è ancora aperta e, rispetto allo stesso, ha la parola il Mio Muriel. Ricordatevi di questa domanda: ‘Ad un più supremo Sacrificio, può seguire una piena redenzione nel giro di sette Giorni della Creazione; oppure dovrebbe un figlio – certamente aggraziato secondo la conoscenza – vivere per quattro Settimane della Creazione lontano dal Mio Cuore, affinché percepisca a lungo che cosa ha fatto a Me e alla Mia Opera?’

255. Le quattro domande del Giorno e le risposte indicano quanto può diventare difficile il procedere. Dipende seriamente dal risultato dell’esame. Il Giorno ha ancora quattro Secondi, abbastanza tempo per posare l’ultimo dono sul santo focolare”.

- UR funge da sommo Sacerdote Melchisedec. I primi hanno bisogno di raccoglimento, e la solennità di UR alita come ATMA attraverso la sala delle quattro colonne.

256. Chi misura un Secondo che l’Onnipotenza dona? Tutte le misure umane, allineate, non colmerebbero né la sua profondità, né l’altezza, né l’ampiezza né l’interiorità. Sono da misurare nel Regno. Il principe cammina verso il focolare con forza raccolta, portando la giusta parte della Maestà di UR. EGLI sta davanti al Suo trono, nelle due mani il Testamento aperto, l’Occhio nell’occhio del portatore della Sua Serietà, di Muriel-Pargoa.

257. Muriel dice: “Signore, Onnipotente, Fondamento originario della vita, Essere primordiale del divenire, noi Ti adoriamo! Ricevi nell’onore il premio e la lode senza inizio e senza fine! Nella Gloria sia il Tuo Potere e Forza; gratitudine all’Autorità e al Vigore! Dalla Sorgente-ur Tu hai creato i Tuoi miracoli, hai posto in noi una Semenza-ur. Il Frutto di questo sia Tuo! Anche adesso Ti sia portato un frutto. Possa esso rimanere benedetto nell’eternità!

258. Noi abbiamo conosciuto e riconosciuto: la Legge della libera volontà per i figli, le condizioni poste giustamente per Te, le Leggi immutabili e mutabili, la riparazione e le sue conseguenze, l’eccezionale santissimo Sacrificio e il co-sacrificio. Tutto questo sta nell’andamento del Tuo magnifico Anno-Atto-ur. Tu stesso, UR eternamente veritiero, hai sigillato saldamente il nostro riconoscimento con la Tua corona. L’incoronamento del sigillo rimane eternamente riservato a TE! Sì, la mia risposta deve unire la corona, il sigillo della corona e l’incoronamento alla sinfonia del Creatore colma di meravigliosa regalità, splendore e maestosità. In essa un nuovo ciclo deve trovare la sua Pietra fondamentale!

259. Ponderare la conseguenza di un tale Sacrificio, come redenzione completa, già adesso, quando essa non c’è ancora, significherebbe privare in anticipo il successo al Portatore del sacrificio. Non sarebbe nemmeno stato necessario il sublime Testamento, perché può (ancora) regnare la Volontà di UR. Nonostante ciò, alla Sera di questa Creazione, della Serietà, non è da mettere in dubbio un probabile verdetto di una completa assoluzione, né è da sanzionare senza eccezione. Un bilanciamento, così come UR alimenta nell’elevato Tempo i Giorni sorgenti e li riconvoca là nella Mezzanotte, è la cosa più difficile della collaborazione.

260. Il Sacrificio che forse si potrà portare, non può aspettare un impiego dipendente; raggiungerà l’adempimento – perché messo a disposizione in anticipo – indipendentemente dal singolo evento. Se attraverso un Sacrificio è prevista la redenzione, allora attraverso questa deve essere possibile una piena assoluzione. La conseguenza del Sacrificio non è da legare a nessun Tempo, perché appare come puro Atto di grazia della Misericordia che incoronerà il Portatore del sacrificio, ma non deve ricompensare nessuna opera di merito di un figlio.

261. Inoltre, per il fatto che un tale Atto di grazia esige la più sublime dedizione, la redenzione assolutoria deve cominciare quando dalla corona e dal sigillo della corona, si effettuerà l’incoronamento del Portatore del sacrificio. E questo avverrà non appena risuonerà un ‘E’ compiuto!’. Con l’esclamazione di giubilo del Sacrificio, il Portatore starà da solo nel potere e nella posizione di avvolgere subito la redenzione intorno a una caduta, oppure di allacciarla sapientemente al tempo delle condizioni, che porterà con sé la successiva conquista della grazia di un Sacrificio.

262. Infatti, nemmeno la GRAZIA è un Atto del solo Potere creativo, neanche nell’ingiusto predominio del secondo Fondamento. Ad ogni figlio spetta di guadagnare una Grazia oppure di conquistare successivamente un Atto di Grazia, con il quale una colpa potrà ancora essere estinta. Solo così dei figli sono liberi. Una giusta immagine di UR.

263. Se il Sacrificante attraverso il Suo stato d’incoronamento terrà nella Mano la svolta dei tempi della redenzione, allora successivamente non potrà essere modificata arbitrariamente. Il Tempo è da adattare alla colpa e al Sacrificio. Se nei Giorni di lavoro si cade in una cattiva strada, il primo Giorno di Festa deve vedere la redenzione e il rimpatrio! In seguito alla vista più sublime, la colpa è da pagare nel Giorno della colpa in un unico Atto di grazia, perché quello stesso Giorno deve portare il sacrificio, l’assoluzione, la redenzione e il rimpatrio!

264. Solo il senso della colpa non dovrebbe spegnersi fino a quando non sarà stato estinto il grado della colpa e sarà iniziata la via del ritorno a Casa. L’OMBRA del Sacrificio deve colpire il colpevole, poiché, semmai dovesse cadere su di lui la santità del Sacrificio, non lo potrebbe redimere nell’eternità nemmeno la Pietà, a meno che fosse con un Potere puramente creativo!

265. Soltanto, il Sacrificio deve essere espiato e pareggiato! Noi primi non abbiamo dato inutilmente la disponibilità del co-sacrificio al secondo Fondamento; quindi il Sacrificio può e deve essere distribuito su tutte le creature figli, su Spazio e Tempo del Giorno della colpa e del Sacrificio. I volontari co-portatori devono averne la prima parte, affinché su di loro venga la GRAZIA, in seguito al loro ‘dono della libertà’, che può esigere bensì un diretto riconoscimento e pagamento della colpa. – Perciò ai figli della Luce spetta la Grazia, ai caduti l’Atto di Grazia!

266. La grazia può mettere un figlio nello stato di immediata riparazione, invece l’Atto di Grazia pretende il tempo per l’espiazione. Un tale tempo d’espiazione può dare l’idea di eternità, e questo è bene! Così l’Atto di grazia porta alla confessione della colpa. Il terzo pilastro del ponte rivelerà per tempo quando terminerà un periodo gravato dalla colpa. Ma se qui la Misericordia che tutto abbraccia, tiene aperte le Sue mani di grazia, allora con più ragione nel co-sacrificio dei Suoi figli.

267. Anche se questi divenissero inoltre dei co-colpevoli, non li potrebbe aggravare fondamentalmente nessuna colpa. Attraverso il volontario co-sacrificio cadrebbe su di loro quella parte del sacrificio fondamentale come benedizione salvifica. Infatti, l’alto Portatore del sacrificio sarebbe eternamente l’Estintore principale della colpa! Nemmeno sui figli della luce, sotto l’influenza di uno stato inconscio, persino nel divenire colpevoli, potrebbe riposare il peso delle colpe, ma certamente il peso del sacrificio. Nell’auto riconoscenza la Grazia avrebbe già raggiunto la sua meta su di loro, con cui avverrebbero per loro le quattro grandi benedizioni miracolose, che Tu, sommo Sacerdote Melchisedec, hai dato a questo Giorno.

268. Se ogni debitore della Creazione dovesse ripagare ogni tempo e ogni peso che per causa sua comprendesse tutti i sacrifici, chi vorrebbe pretendere da Te la giustificazione di questa espiazione? Tu sei eternamente giusto, o UR, ma trasformi una giustizia regnante in un Atto del Giudizio, nel quale ogni debitore della Creazione sperimenta il Tuo Atto di grazia. Il maggior deflusso della Tua Giustizia, che magari conosce un pagamento di debito oppure utilizza la Misericordia come base, porta in Te già da tempo il santo riflesso più bello! Non è necessario designarlo a parole! La rivelazione della Gloria-ur si appoggia di pari passo sulle Caratteristiche determinanti con la tendenza di base della Giustizia e sui raggi di Vita fondamentale portanti, i quali elevano la corona nel suo glorioso splendore.

269. Tuttavia la Giustizia può spiegare le ali sull’ampia Creazione, soprattutto il Sacrificio dovrebbe sorgere dalle Caratteristiche portanti della Pazienza e dell’Amore e la Misericordia guiderebbe su questo percorso del Sacrificio. Infatti, la Giustizia protegge la Priorità-ur delle fondamenta del primo, per conservare comunque le fondamenta del secondo, all’Opera-Figlio nell’illegittimo utilizzo, e guidare nel percorso dell’Ordine-Volontà.

270. Come si pareggia la Giustizia, nella Volontà e nell’Ordine, con la redenzione attraverso la Misericordia? Infatti la Santità sta sovrana tra ambedue! La sua prima protezione nominata deve riscattare la Tua Parola per tutte le Caratteristiche. Io vedo che la santità dell’Opera ha già bisogno di un anello di protezione, perché colpa e il sacrificio possono diventare possibili. Ma chi avrebbe così il primo diritto alla Giustizia? Il debitore insieme con tutti i co-debitori, oppure il Portatore del sacrificio insieme ai portatori del co-sacrificio? Qui parla la SERIETA’! Io, Muriel-Pargoa, come principe-angelo della stessa e come figlio, decido: la Giustizia di base spetta al Portatore del sacrificio e ai Suoi!

271. Se il Portatore del sacrificio mediante un santo «È compiuto!» diventasse Lui stesso ‘Giustizia’, allora Egli la condividerebbe attraverso il Suo incoronamento. Chi Gli starebbe più vicino: il Suo debitore, oppure coloro che Lo seguirebbero nel libero ‘dare’? Certamente questi ultimi! Ma sull’incoronamento, dovrebbe decadere la Giustizia che spinge per il pagamento? Ai figli del sacrificio, non dovrebbe capitare la Giustizia per GRAZIA?

272. Sì, a costoro si penserebbe per primi, coloro che riconoscono le condizioni fondamentali e percorrono la co-via nel magnifico libero servizio. Il Sacrificio li libererebbe da ogni colpa assunta! In questo, nemmeno il debitore della Creazione potrebbe cambiare nulla, anche se attirasse i fedeli di UR nell’interdizione della colpa. Questo non deve avere nessuna influenza sulla giusta Misericordia e le sue conseguenze.

273. Io domando, amorevolissimo Padre: ‘Perché si vorrebbe, nella cambiale di debito, anche tali, che nella misura della Giustizia non sarebbero dei debitori?’. Se la Giustizia si occupasse dapprima con il debitore, cosa che avrebbe per conseguenza che si basasse su un accomodamento, quanto sarebbe possibile liberare i fedeli dalla co-colpa sorta solamente attraverso il co-sacrificio, affinché non stessero troppo dentro nell’Anno-ur sotto l’onnisanto Sacrificio del Creatore? Questo sarebbe giusto?

274. Oh, la Santità non può misurare la Sua Giustizia fondamentale solamente nel debitore della Creazione, altrimenti tutti gli aiutanti diventerebbero dei co-prigionieri della colpa fondamentale e sottoposti alle stesse condizioni che colpirebbero l’autore della colpa. Ci sarebbe da esigere non un severissimo Giudizio, no, ma uno fondamentalmente giusto in cui sarebbero da ascoltare dapprima i portatori del co-sacrificio. (solo) Dopo la loro resa dei conti il Signore del Giudizio potrebbe passare ai debitori della Creazione. Al contrario, la redenzione spetterebbe primariamente al principale colpevole, perché da una redenzione principale potrebbero svolgersi le redenzioni di tutti i membri. In questo opererà la bilancia con la sua alta maestosa funzione, e in ognuna dei suoi piatti giacerà un sovrano Pareggio-ur.

275. Spostare una piena redenzione solo alla fine di una Settimana della Creazione, questo, o UR – lo chiediamo tutti noi – non farlo accadere! Vedi, ad ognuno dei Tuoi Giorni miracolosi mancherebbe la cosa più deliziosa, se alla Sera non tutti i figli tornassero nella Patria. Noi primi stiamo davanti alla grande forza della Tua bontà; ci appelliamo al Sacrificio, grazie alla nostra disponibilità. Noi sappiamo: la Tua più somma magnificenza è il Tuo procedere nella santità della Notte!

276. Se in una Notte Ti mancasse un unico figlio – o sommamente amato UR – dì: non starebbe il cordoglio presso la fonte della Tua Mezzanotte? Lasciami riconoscere: fuori di Te non c’è né Spazio né Tempo, dove dei figli, in particolare nella Notte, potrebbero rimanere. Figlio oppure Opera dovrebbero sperimentare la loro dissoluzione, se nottetempo non fossero avvolti amorevolmente da TE! Dalla dissoluzione tornerebbero a Te solamente le sostanze-ur.

277. O sommo Sacerdote Melchisedec, hai immerso le Tue mani sante nel fuoco dell’onnipotenza sul piatto d’argento, prima di scrivere il Tuo Testamento nel libro-ur delle Tue Opere. Pure Io tengo le mie mani nel fuoco dell’Opera e del Sacrificio come simbolo, affinché io sia una protezione della Santità secondo la disposizione della Tua Serietà. Nondimeno, Tu rimani per sempre il nostro Patrocinatore! O Creazione, guarda le mie mani, la loro forma, il tino d’oro! La mia risposta è santificata ed è diventata giusta nell’Opera.

278. Nella redenzione procedente dal Sacrificio pre-pensato, dev’essere incluso il debitore della Creazione e, tramite lui, tutti i co-debitori. Prima però devono sperimentare la giustizia i portatori del co-sacrificio, e poi, attraverso di loro, il debitore della Creazione! Non vi dev’essere nessuna Notte in cui tutti i figli, nemmeno il più perduto, non abbiano il loro posto di riposo nel Tuo Cuore di Padre! Avvenga così, se – salendo dalla Camera del Tuo Cuore-Dio – sarà necessario un unico immane Sacrifcio per pareggiare una colpa della Creazione!

279. La via è ordinata. Possono pur giungere, colpa e Sacrificio, …UR, la Tua Opera è pronta! Ora puoi conservare sublimemente benedetto il Giorno della Serietà; per via del suo compimento, nell’alta Mezzanotte il Tuo Sole-ur splenderà illimitatamente! Anche questo si riveli come salvezza dalla Grazia, se una volta l’oscurità dovesse colpire il Regno-Terra (non il nostro, ma ‘Terra’, come simbolo rispondente). Sì, in nessuna delle Tue alte Notti il Tuo Sole-ur verrà più coperto, nel segno dell’eseguibilità del Tuo Testamento! Redenzione e Giustizia, Grazia e Atto di Grazia conducono tutti i figli a Casa prima che una Notte copra il Giorno della colpa e del Sacrificio. Questo si compia nel Nome della Tua Misericordia di base! Amen! O UR, Ti adoriamo, Tu che sei Tutto per noi!”

280. Il principe-angelo s’inginocchia, subito circondato dagli altri.

- Pregano insieme: “Ti ringraziamo! Fa che riposiamo nel Tuo Cuore di Grazia, dove il Tuo santo battito di Vita pulsa attraverso il Tuo Essere ed anche attraverso di noi. Ora esclamiamo questa Sera, che Tu ci hai fatto vivere in inimmaginabile delizia:

Santo, Santo, Santo, Santo sei Tu,

UR-IMANUEL!”

281. L’alta Casa trema nelle sue fondamenta; così risuona l’esclamazione attraverso le sue sale e porta a casa la magnifica Creazione dalla profondità, dall’elevatezza e dall’ampiezza. Il fuoco del focolare divampa in alto fin sopra la coppa del sacrificio che oscilla come avesse delle braccia e diffonde il più delicato fumo d’incenso. Giù dalla cupola del duomo si distende come un panno lindo sui figli di Dio. Il Sole-ur indora la Sera con la sua piena luce benedicente, ed attraverso l’eternità-ur in Spazio e Tempo risuona enoni di volte ‘IMANUEL’, ritornando su scintillanti ali nel Centro-ur. Con il suo ritorno vengono riportati l’Opera e la via, …in un pietoso simbolo anticipato! UR pronuncia la Sua ultima Parola della Sera ai Suoi primi:

282. “Amen! Miei forti principi-angeli, ora siete co-portatori della Mia santità! È stato fondato con voi il regno dei figli, con voi sussisterà. E tu, Sadhana, amabile del Mio cuore, il tuo mantello sia questa santità! Come il più caro gioiello, voglio conservarti in esso. Tu sei Mia! Quando in un tempo futuro sarà compiuta la prova della libertà della Creazione, e dopo comprenderai il suo profondo senso, allora tu sarai poi come sommo segno su tutte le Mie Opere. Io regnerò, e tu creerai insieme, sotto la Mia mano!

283. Ora attingo dal Mio mare di fuoco il grande potente nome ‘IMANUEL’, che la quarta fiaccola ha acceso nel suo fuoco e che per voi deve significare: UR con noi! Ovunque e ogni volta questo Nome risuonerà sempre nei vostri cuori, sia che lo invochiate nelle lotte per la santa luce, sia che da esso cogliate tutta la forza della fede, la somma adorazione e ringraziamento e piena, libera dedizione a Me, vi aiuterà a ogni vittoria, …UR-IMANUEL!

284. Il ricco Giorno della Creazione è compiuto. Io lo immergo nella Mia camera di Sacerdote, nella fonte della Mezzanotte, e quando il prossimo Mattino opererò nuovamente, la tua parola, Mio principe-angelo, deve valere per il nuovo come primo raggio del Sole-ur. Vi do la benedizione come UR-IMANUEL!”.

- Le sante Mani si estendono ampiamente. I primi si sentono abbracciati come se delle forti braccia li sollevassero in alto al grande petto di UR. E presto il fumo d’incenso li avvolge proteggendoli.

*

285. Da una fantastica lontananza percepiscono il bacio dell’AMORE, sentono nell’alito il nome UR-IMANUEL. La Notte li copre con vellutate ali. Il Giorno ha portato i suoi doni non soltanto ai figli, no, anche UR è stato abbondantemente ricompensato, soprattutto nel Nome ‘IMANUEL’! Nessun discorso lo ha sentito; lo ha affidato alla sua fonte nel segreto notturno. I Suoi primi lo hanno esclamato al Giorno rivelato. Da questo Nome verrà una volta la Corona del Portatore del sacrificio!

286. Regna un’inesprimibile pace! La Notte è pacifica; pacifica riposa l’Opera nella fonte della nuova Vita. Prima che suoni la campana della Mezzanotte, UR mette dietro al Suo quarto Giorno della Creazione non soltanto l’abituale ‘Riuscito!’ come dono di Grazia per i figli, bensì con un raggio fondamentale scrive a lettere risplendenti ‘IMANUEL’! Il Nome giace nel puro oro sullo specchio dell’acqua, e dal mezzo di questa scritta l’Onnisanto attinge la Sua Opera per il nuovo Giorno.

287. Ed è un suono-ur che la campana annuncia chiaramente, che eleva liberamente a LUI già il divenire nel santo-maestosissimo ‘Giubilate’!

 

IMANUEL, UR-IMANUEL

 

[indice]

 

 

IL QUINTO GIORNO DELLA CREAZIONE

 

Cap. 5

 [Gen. 1,20-23]: «[20]Dio disse: «Le acque brulichino di esseri viventi e uccelli volino sopra la terra, davanti al firmamento del cielo». [21]Dio creò i grandi mostri marini e tutti gli esseri viventi che guizzano e brulicano nelle acque, secondo la loro specie, e tutti gli uccelli alati secondo la loro specie. E Dio vide che era cosa buona. [22]Dio li benedisse: «Siate fecondi e moltiplicatevi e riempite le acque dei mari; gli uccelli si moltiplichino sulla terra». [23]E fu sera e fu mattina: quinto giorno.

 

«Qui è la costanza dei santi

che osservano i comandamenti di Dio

e la fede in GESU’!»

[Ap. 14, 12]

5/1 – Nella Notte del quarto Giorno, UR lavora all’Opera

1. Santi, infiniti, maestosi, sono i periodi delle Notti delle Ore piene di eternità, nelle quali non vi è altro che UR e la Sua santità, laddove, Opera dopo Opera Lo attira in alto, l’esistente e il divenuto, e formano l’essere, riempito da Lui stesso. Dov’è da intendere il senso del perché UR produce le Notti nel Suo Essere-Io e fa la differenza tra la maestosa Notte e il santo Giorno? La Notte più santa sarà quella in cui UR formerà il Portatore del sacrificio. Egli darà simbolicamente questa Notte ad un mondo, quando nascerà il Figliuol d’Uomo. Non era ‘alta Mezzanotte’, quando il raggio del cielo colpì la Terra? Colpì Maria, Giuseppe, i pastori, i tre saggi, …ed offrì la redenzione alla materia?

2. Essa non è ancora quella Notte da Spazio e Tempo, dell’eternità-ur! Ora la fonte sta ancora formando il suo benedetto quinto Giorno della Creazione. – Essa è, unicamente, quella Notte nell’Anno-Atto-ur che precede la ‘Nascita del Figlio’, ed essa – solennemente – la farà ombreggiare attraverso la prima caratteristica della camera del cuore di Dio. Infatti, la Pazienza è il fondamento del sacrificio, ma l‘Amore è il fondamento del Suo Portatore del sacrificio.

3. Nella prima Ora dopo Mezzanotte, l’Onnisanto tiene le Sue mani nell’acqua. Rumoreggiando, questa gronda sull’Opera attraverso quelle Mani creative, Opera che si cristallizza dal Pensiero e dalla Parola. Sull’acqua scintillano innumerevoli raggi di luce; s’incrociano e si uniscono, diventano forma ed essenza. Un raggio fortemente incrociato fluisce sul cosmo, volteggia indietro, scivola nelle mani del Creatore, e UR lo preme al petto, là dove il battito del Suo cuore si riversa in un quadruplice fiume. – Quando nella seconda Ora Egli coglie dalla fonte un gioiello, Egli porta un'altra veste; è un altro Volto che si china giù, guarda in alto, abbraccia l’infinito e riflette Se stesso nelle sante acque.

4. Chi è che origlia alla Fonte, che ora passa attraverso il Suo interiore come se ci fosse una seconda Vita? UR può essere interiormente ed esteriormente differente? – No, Egli è e rimane Lo stesso nello Spazio senza spazio, nel Tempo senza tempo, donando alle Sue Opere miracolose, l’edificazione, la direzione, il decorso e la meta, affinché siano santificate e compiute in se stesse. Ora però Egli rivela la terza parte del Suo Essere.

5. O UR, sommo, santo Portatore del sacrificio, chi comprende ciò che avviene qui? Tutte le Tue Notti, non erano colme della più maestosa Santità, cosicché una superava quasi l’altra? Chi percepisce l’eco dell’Onnipotestà? UR, come stai ed ascolti dentro di Te? Come Tieni nelle Tue mani il divenire? Come irradia nel riflesso il Tuo maestoso volto e, …ah UR, non si può proprio afferrare ciò che Tu fai! Eternamente, nell’eternità santamente-santa, splende già una luce della redenzione. Il più santo procede da Te per i Tuoi figli, ciò che Tu porti nel Tuo grembo-ur, nel potere e nella forza del Sacrificio dell’avvenimento in arrivo.

6. La campana suona la terza Ora dopo Mezzanotte, si riempie con tutto ciò che il quinto Giorno della Creazione deve dare all’Anno-Atto-ur per l’accresciuto perfezionamento. E la quarta Ora fiancheggia il segreto operare di UR prima ancora che la nuova Aurora rischiari il firmamento. In quest’Ora Egli lascia che si elevi il Nome ‘IMANUEL’ dalla Sua fonte in ‘sette luci’. Lo scrive sul Suo ‘santo Regno-Terra’, su cui Egli si trova, che non è la Terra degli uomini, …non ancora! – In ciascuna punta della Sua corona egli incide una lettera, e nel mentre, la Notte è trascorsa.

7. UR ha inciso quattro volte ‘Imanuel’, in tal modo è diventato per i figli, un Potere e una Forza, un’Autorità e un Vigore, per proteggere ancor più il nuovo Giorno. – Sorge il Mattino. Quattro volte echeggiano i rintocchi della campana al di sopra della fonte e su UR, …e comunque provengono dalla Sua stessa profondità, perché Egli circonda il cosmo, Egli riempie tutto!

8. Magnificenza dell’eternità, luce dalla luce, nata da DIO! Finissime sinfonie di colori, luci e suoni, così sale il Giorno virgineo dall’Aurora, e si svela nell’incredibile bellezza e molteplicità! Dallo splendore che inonda il cosmo sorgono dapprima l’Onnisantissimo e i contorni della ‘città dell’Iddio vivente’. UR cammina sul tappeto rosso attraverso la terza porta del Santuario, attraverso il grande padiglione nella Sua regale, imponente Maestà e Si reca nel quadrato delle quattro colonne dominanti. Prende in mano il libro della Creazione; la Sua Parola di Creatore al Mattino della Pazienza echeggia attraverso il santo Spazio e si posa come il suo ATMA su tutte le cose della Vita che attendono di essere destate.

9. “Sia fatto! Tu, quinto Giorno dell’Anno-Atto-ur: destati alla Vita, divieni ciò che Io ho previsto per te fin da eoni, porta ciò che puoi dare ai figli, perfezionalo attraverso l’autorità della Pazienza! Ora sto al centro della terza camera del Mio cuore-ur. Come Dio, santo, voglio governare il Giorno ed aiutare i Miei figli nella divina Pazienza paterna, finché avranno la loro maturità.

10. Solo nella prova dalla Pazienza potrano riconoscere il Giorno più decisivo e il suo Amore, portarlo in sé e formarsi alla vera vita. Poi comparirà la Misericordia, la Caratteristica incoronante ed incoronata, nella quale Io domino come ‘PADRE’. Senza la Pazienza non possono afferrare del tutto né l’Amore né il Padre, non possono arrivare all’unione con Me. Prevedendo per il Giorno in cui potrà diventare necessaria una via d’umiltà di un Portatore del sacrificio, per un’Opera particolare, Io libero da Me delle potenze ancora legate, affinché i figli giungano alla loro prova di forza, d’umiltà e di pazienza.

11. La separazione delle potenze vitali è pronta; una parte è conservata per i figli, affinché da loro provengano ulteriori figli. Ma tu, Giorno della Pazienza, devi lasciarli riposare ulteriormente, perché in Me devono imparare la benedizione dell’obbedienza. L’altra parte è prevista per la prova, contemporaneamente per l’intervento del Sacrificio, quando la via della libera volontà sarà sollevata all’avversità. Allora, grazie alle ‘Potenze legate’, redimerò anche la forza di un caduto come una creatura dipendente unicamente da Me. Tuttavia, ora devono avere una vita per la gioia e per l’utilità spirituale, per i Miei figli.

12. Come DIO, voglio benedire ciò che la Pazienza creerà per l’azione dal pensiero e dalla parola, perché Io sono un Dio fervente, compio tutte le Mie Opere!”.

- UR posa il libro sul Suo focolare, ordina i rami verdi dei Suoi primi, li tiene nel fuoco del piatto d’argento e li immerge nella coppa del sacrificio da cui sgorga un forte fumo d’incenso. Poi accende le candele dei cinque candelabri; gli altri due si trovano al di sopra del libro della Creazione, tra di loro il calice della Creazione. UR lo riempie dal terzo fiume della fonte davanti al Santuario; questo scorre fuori nella lontananza dello Spazio e del suo Tempo.

13. Ritornato, UR continua a parlare all’Opera: “Sono passati quattro Giorni nei quali come Creatore e come Sacerdote ho agito con ciò che in Me era pre-pensato e l’ho anche pronunciato. Dalle Mie lotte-ur si sono mostrati uniti ‘il Mio Potere’ e la ‘Mia Forza’! Ora c’è ‘l’Azione’! La Serietà, come custode della Mia Santità, ha introdotto validamente la decisione nel senso di tutti i raggi della Vita fondamentale, ma sulla voce della Serietà nell’incarnazione di un Mio primogenito, Io, UR, come Creatore e come Sacerdote, elevo la possibile misura della libera volontà, poiché ora sul piano sto Io come Divinità, e la Mia parte di Dio deve portare il peso della libera volontà.

14. Dovrei lasciare oltraggiare la Santità dell’Opera, non appena quel figlio al quale ho riservato una piena forza di volontà, riconoscerà la meta del Potere e, da ciò, pretenderà la piena libertà della Legge senza un pareggio delle Mie condizioni? Non sarebbe meglio mettere il secondo fondamento nell’operare della Pazienza sotto la misura ponderata? Nessuno dei figli percepirebbe la restrizione. L’impulso del Creatore pensa all’azione, poiché il Mio Amore e la Mia Misericordia anche in questo avrebbero la piena formazione dell’azione!”

- UR vede la misura dalla Sua quadruplice Creazione, ma vede anche il più bel frutto della libertà che maturerà al limite della Grazia.

15. Allora il Sacerdote dice all’Opera: “Sarebbe piena Sapienza, se rimanesse la misura quadruplicata, che si completerà certamente, perché i figli non possono vivere in sé fino in fondo, più di quello che è assegnato ad ogni Giorno. La meta dei Giorni del creare starebbe per loro aperta senza ostacolo e, con questa, la loro beatitudine. – Allora non avrei bisogno di portare il Sacrificio della Creazione, e i Miei buoni figli nessun peso (il co-aiuto) non voluto. Quello che la Serietà Mi ha lasciato come giogo[21], è comunque da inserire nella misura stabilita, ed anche così i Miei figli possono godere della pura beatitudine”.

16. UR soppesa ancora una volta nella Serietà quello che il Suo Pensiero e la Sua Parola nella Volontà dominante hanno previsto per sé nell’Azione. Ambedue sono buoni: limitazione ed elevazione della misura; e UR vuol fare entrambe le cose per via dei figli. Perciò adesso sta come DIO presso il santo focolare, posa le due mani sul libro dell’Opera, aperto, e dice: “Il Creatore ha dato ai pensieri creativi la vita consapevole; il Sacerdote ha immesso in loro, benedicendo, il Suo Spirito; Dio ha insufflato in loro l’anima vitale della vita ed ha costruito quel ponte che conduce alla vera figliolanza, all’unione con Me, il PADRE. Io, Dio, assumo perciò la decisione che la Serietà ha dato nella quarta Sera della Creazione.

17. Se verrà limitata la misura secondo le determinate caratteristiche, nondimeno tutti i figli avranno la loro beatitudine! Solamente, …che loro stessi non la raccoglieranno! Ed Io, UR, non raccolgo i Miei figli così! Poi li riprenderò solamente, appena più capaci di com’erano nel principio dei Pensieri. Questo soppesa l’impiego del Mio Anno-Atto-ur? Ebbene, sarà una prova difficilissima, e non voglio prevedere (far previsioni), anche se per la prima volta, Mio figlio riconoscerà la via (originariamente Sadhana, in genere tutti i figli). Unicamente quello che magari farà da se stesso, lo farà dalla libera spinta della sua forza, come Io, UR, creo dalle Mie potenti polarità, permanenti e dominanti.

Io voglio che i Miei figli Mi somiglino in massa nell‘immagine!

18. In questo adeguamento il più alto possibile, voglio vedere Me stesso nella Mia potente perfezione, nel riflesso di tutte le Mie Opere!”

19. UR come Sacerdote dice: “L’adeguamento si potrà raggiungere, se fino all’ultima conseguenza creativa succederà ciò che pretendono le Parti di Dio e del Padre, dall’Opera-Azione. Allora nessun figlio dev’essere guidato secondo le Caratteristiche né portanti né determinanti, bensì secondo le leggi-mutabili, affinché così impari a percorrere la via della libera obbedienza. Pertanto, non è decisivo se e come il primo figlio viene provvisto con la libera volontà. Pesa di più, se Io come UR voglio prendere su di Me, dopo una caduta, un’immensa Umiltà e il Sacrificio, non volendo distruggere la Creazione, e volendo mantenere Me stesso legato alla Mia Parola!

Ma Io, DIO, sono il libero Garante dell‘imponente Pareggio-dell‘Atto!

20. La parte del Mio Cuore di Padre, in una tale battaglia della Creazione, deve porre la Misericordia sulla bilancia del Mio Ordine, e come PADRE voglio attendere finché sia possibile il Pareggio. Non l’ho perfino pensato nella Mia santità? – Perciò è da ponderare se la Meta soppesa oppure no il Mio Sacrificio d’umiltà per tutti i figli!”

21. Da UR fluisce: “La meta del Ciclo-Atto soppesa il Sacrificio dell’umiltà. Le essenzialità Creatore-Sacerdote non lo possono prendere su di Sé; invece la Pazienza e l’Amore lo condurranno oltre, alla perfezione che lo irradierà! Allora la corona del Padre incoronerà quei figli che poseranno il loro co-sacrificio sull’altare e saranno i più veri pacificatori della Santità, finché il Sacrificio-UR rivelerà nella magnificenza il Mio santo Essere-Tutto!

22. Lo sviluppo della Mia sovranità, dopo il Sacrificio d’espiazione, deve conservare la parte della Mia essenzialità di Padre, e questa, poi, lo riversi nel sacerdozio e nella creatività. Mi si vedrà come UR nella continuazione dell’attività, come l’Eterno-Santo, l’Eterno-Unico e Veritiero. In UR ognuno contemplerà la sua propria perfezione di volontà nel modo il più sublime possibile. Allora tutti i figli Mi riconosceranno per Colui che sono:

Il PADRE-UR!

23. Voglio ottenere che i Miei figli nati liberi Mi riconoscano come ‘UR’, Mi contemplino, Mi comprendano come Colui che sono sempre stato e che sarò eternamente, Mi portino vivo nei loro cuori, senza cadere nella possibilità di essere dissolti. La ‘Mia immagine’ deve essere scavata nel loro interiore! Ora a loro Mi rivelo ‘una parte per volta’ poiché non sono ancora stati messi alla prova, sono ancora senza quella forza di volontà che è la sola a renderli capaci di frequentare con Me come figli-ur. E tuttavia è questa la Mia meta più sublime! Per questo motivo è da accogliere il Sacrificio dell’espiazione e da incoronare con il ‘È compiuto!’. La camera del cuore del Padre saprà adeguare tutti i sacrifici dei figli fedeli al Mio Sacrificio, affinché anche loro ricevano ‘l’eterna corona’, che spetterà alla Mia Misericordia.

24. Questo, per il Portatore del sacrificio e di tutti i co-portatori del sacrificio, sarà anche una protezione e uno scudo della Pazienza e dell’Amore. Così come accoglierò il Mio sangue, così pure accoglierò il sangue dei figli sacrificanti. Poi verrà il Giorno in cui Io regnerò come UR-Padre con il bastone bianco, riconosciuto ed amato come mai prima! Infatti, tutto l’amore portatoMi fin lì, sarà un amore-parziale, perché anch’Io ora Mi rivelo in parte, mentre in seguito, Io e i Miei figli terremo un raccolto lieto, riccamente benedetto! Io li raccoglierò interamente, e loro la Mia ricchezza. Quanto pienamente scorrerà dal Mio Essere-UR in Potere, Forza, Autorità e Vigore, e potranno portare ciò che è stato dato loro.

25. Per ottenere questo, difficilmente sarà possibile senza la via del sacrificio. Perciò come Padre la do alla parte del cuore di Dio, per compensare il sacrificio con l’equiparazione dei figli al Mio Io, nella Pazienza e nell’Amore”.

- UR guarda in alto e misura la via, dall’Ora del sacrificio fino al tempo in cui Egli come Padre-UR starà di fronte ai Suoi figli-UR. Chi può misurare questa visione spaziale, quell’espressione del Suo santo volto? Oh, che cosa vi vive nell’inaudita consacrazione e in…, sì, in un cordoglio che a Lui conferisce quello strano soave splendore? Oscuro, maestoso e santo, così sale la propria questine-ur, inafferrabile per un figlio, meno ancora da portare. – Non riposa quello sguardo, con una sconvolgente forza, sull’anima di Sua figlia?

26. Eterno-Santo, quanto dovrebbe divampare il cuore, se seguisse quello sguardo che all’inizio del quinto Giorno della Creazione ha compenetrato con forza il TUTTO? Invece la figura è controllata, poiché l’eterno volto brilla, …ancora velato dalla lontananza di Dio. Può un cuore descrivere ciò che esso teme, tremando, e tuttavia si sente beato? In questo silenzio, che UR dà a Se stesso, Egli assume anche il sacro segreto. Ah, potesse ogni cuore seguire quegli occhi che vedono l’amarezza della via, prima che maturi la decisione.

27. UR agisce! La mano destra sfiora il sigillo del Suo libro e la sinistra lo apre. Egli apre quella pagina dove sta scritto il Suo testamento. Con gesto delicato posa solennemente il ramo verdeggiante di Sadhana sulla scritta del Testamento. Oh, guarda, una parte del ramo si secca! Egli osserva a lungo il povero ramo. – O UR, UR, come puoi guardare così, che fa male a un figlio?

28. Nondimeno, si vede pure che Egli immerge il ramo nel Suo Calice; ecco: l’acqua diventa rossa come sangue! E ora, …ora UR beve l’acqua rossa e posa il ramo nella Sua coppa del sacrificio. – Giubilo! Oh, Giubilo di luce, …diventerà di nuovo verde! Rifiorirà più grande e più bello, così da raggiungere quasi la lunghezza del santo focolare. Allora gli occhi fondamentalmente buoni di UR hanno un chiaro bagliore. Egli tiene il calice vuoto nel fuoco, e presto, questo si riempie con acqua pura, limpida, dalla fonte. Egli sfiora ancora una volta il ramo di Sadhana, affinché lo stesso rimanga conforme al Giorno. – La potente ouverture[22] del quinto Giorno della Creazione è terminata.

29. Quello che era divenuto finora, assume forma e vita; anche la quinta, sesta e settima sfera dell’anello ricevono i loro soli e le stelle. Nel riempire il settimo anello, UR alza la mano destra contro il Suo Sole e un’ombra cade su una parte della sfera come una figura creata. Lo spazio così ombreggiato rimane temporaneamente vuoto. UR sa quando là (sulla nostra Terra), in un tempo futuro, luce e raggio dovrà essere incarnato. Di sicuro, è che delle forze segrete operano già benedicendo.

 

5/2 – Alaniel e Madenia eletti a principi della Pazienza

30. Con la fine della prima Ora del Mattino, Sadhana e gli angeli, ricchi di conoscenza, stanno già davanti al santo focolare. Essi sono in grado di abbracciare con lo sguardo lo spazio, …fin dove è formato oltre il Santuario, soprattutto i loro Soli-centrali-primordiali. Ma perché diventa tutto nuovamente nuovo con ogni Giorno? Oppure rimane costante in UR, senza dissoluzione? Lui vede la domanda dei suoi figli, i quali non sanno che cosa succede nelle sante Notti. Egli parla loro benevolmente:

31. “Mia amabile Sadhana, Miei principi, voi portatori delle fiaccole della Mia luce! La Mia essenzialità fluisce sempre di più in voi, e dalla conoscenza cresce la forza per l’azione creativa. Tuttavia, certe cose non vi sono ancora chiare. Certamente nell’ultima Sera avete ben riconosciuto la costruzione dello Spazio durante i Giorni. Le sfere ad anello e le sfere a raggi ora inserite in esse, indicano chiaramente quanto diverso sia ogni Giorno dall’altro, a parte il fatto che le Oper